La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Riti della nascita e della pubertà. Indigitamenta per il concepimento S. Agostino, La città di Dio, VI 9, 3 Il dio Giugatino presiede all'unione dell'uomo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Riti della nascita e della pubertà. Indigitamenta per il concepimento S. Agostino, La città di Dio, VI 9, 3 Il dio Giugatino presiede all'unione dell'uomo."— Transcript della presentazione:

1 Riti della nascita e della pubertà

2 Indigitamenta per il concepimento S. Agostino, La città di Dio, VI 9, 3 Il dio Giugatino presiede all'unione dell'uomo e della donna, e questo può ancora passare. Ma bisogna condurre la sposa a casa, ed ecco il dio Domiduco; per insediarla in essa occorre il dio Domizio; perché se ne stia con il marito si aggiunge le dea Manturna…se vi è il dio Subigo per sottomettere la moglie al marito; se vi è la dea Prema, perché, una volta obbedito, non si penta e si ritragga, la dea Pertunda che ci sta a fare? Arrossisca e se ne vada: lasci qualche cosa da fare anche al marito!

3 Dee della gestazione Alemona: fa crescere il feto Tria fata: fanno giungere a compimento il feto Parca Nona Decima Varrone in Gellio, Notti attiche, III 16, 9-11 Dice Varrone che gli antichi Romani... hanno giudicato che le donne partoriscono secondo natura il nono o il decimo mese e nessun altro mese fuori di questi; perciò ai tre Fati essi hanno dato nomi derivanti dal verbo partorire, pario, e dai numeri, nove e dieci, dei mesi. «'Parca' - egli dice - si chiama così da 'parto', col cambio di una sola lettera; e 'Nona' e 'Decima' dal tempo del parto regolare». Cesellio Vindice nelle sue Letture antiche: «Tre sono i nomi delle Parche: Nona, Decima e Morta»... Ma quel brav'uomo di Cesellio ha scambiato «Morta» per un nome proprio mentre doveva intenderlo nel senso di «moira» (il fato).

4 Il Parto

5 Riti del puerperio S. Agostino, La città di Dio, VI 9, 3 Varrone... afferma che vengono assegnati tre dèi come custodi alla donna che ha partorito, affinché il dio Silvano non entri di notte e le usi violenza. E per simboleggiare i tre custodi, tre uomini debbono girare attorno alla casa di notte, colpirne il limitare prima con la scure, poi con il mortaio e infine ripulirlo con la scopa: con questi segni di culto il dio Silvano non potrà entrare... Da queste tre azioni ebbero origine i tre dei menzionati: lntercidona da «tagliare nel mezzo» con la scure; Pilunno da «pestello» e Deverra da «scopa».

6 Allevamento Dionisio di Alicarnasso II 15, 1-2: (Leggi di Romolo) Romolo... fece (Roma)... grande e popolosa con codeste misure: innanzitutto fissò l'obbligo agli abitanti di allevare tutti i figli maschi e le primogenite delle femmine, inoltre di non sopprimere nessun nato al di sotto dei tre anni, a meno che non fosse storpio oppure anormale già alla nascita. Non impedì che questi ultimi venissero esposti purché, avendoli prima presentati a cinque persone che risiedevano vicino, anch'essi dessero parere conforme. Per coloro che trasgredivano la legge applicò varie punizioni, fra cui la confisca della metà dei beni.

7 Tollere liberos Roma, Musei Capitolini (da Nepi)

8 Allattamento Parigi, Louvre

9 Gellio, Notti Attiche, XII, 1 Fu annunciato al filosofo Favorino, un giorno che c'eravamo anche noi, che la moglie d'un suo discepolo e seguace aveva appena partorito facendo al coniuge il regalo d'un neonato. [2] «Andiamo - disse allora Favorino - a visitare il bambino e a congratularci col papà». [3] Questo papà era una persona di rango senatorio e di famiglia assai nobile. Tutti noi presenti ci avviammo in sua compagnia, scortandolo verso la casa a cui era diretto, e vi entrammo insieme con lui. [4] Nell'ingresso egli lo abbracciò, gli fece le sue congratulazioni, poi si mise seduto; e dopo essersi informato sulla durata del parto e la laboriosità del travaglio, saputo che la giovane, sfinita dalla fatica e dalla veglia, stava prendendo sonno, avviò un lungo discorso dicendo: «Non ho il minimo dubbio che intenda nutrire il figlio col suo latte». [5] Senonché la madre della ragazza obiettò che bisognava usarle riguardo e trovare delle nutrici per il bimbo per non aggiungere ai dolori sopportati nel partorire anche il compito faticoso e difficile dell' allattamento. Egli replicò: «Per carità, donna, lascia che essa sia totalmente e interamente madre di suo figlio! [6]

10 Che tipo di madre è mai questo, innaturale, incompiuto, dimidiato: partorire e subito dopo allontanare da sé? avere nutrito nell'utero col proprio sangue qualcosa che nemmeno vedeva, e ora non alimentare col proprio latte ciò che può vedere, un essere ormai vivente, una persona ormai, uno che già implora le cure della madre? [7] O credi anche tu che la natura abbia dato le mammelle alle donne come dei graziosi néi, non già per allattare i figli ma per adornare il petto? [8] E in effetti ci sono parecchie di queste donne snaturate (non è, ovviamente, il caso vostro) che s'industriano a seccare, a estinguere questa sacrosanta fontana del corpo, nutrice del genere umano, anche a rischio di deviare e guastare il latte, per paura che tolga fascino ai distintivi della loro bellezza. E lo fanno con la medesima insensatezza con la quale si sforzano, ricorrendo a pratiche criminose e contro natura, di far abortire perfino le creature concepite nel proprio corpo, perché il loro bel ventre liscio non si corrughi, perché il peso del fardello e il travaglio del parto non lo deformi.

11 Abbandono (Paolo) Festo p. 105 L Lactaria columna in foro olitorio dicta, quod ibi infantes lacte alendos deferebant. La colonna lattaria nel Foro Olitorio è detta così perché vi si portavano i neonati per fali allattare

12 Foro Olitorio e colonna lattaria nella ricostruzione di Giuseppe Gatteschi (Alessandria d' Egitto Roma 1935)

13 Casi di abbandono Romolo e Remo Cassio Dione 61, 16, 1-2 Quando Nerone entrò in Roma dopo l'assassinio della madre, la gente pubblicamente lo venerava, ma in privato, cioè quando ci si poteva esprimere liberamente senza rischiare nulla, lo bersagliava di critiche feroci. Dapprima appesero, nottetempo, un sacco di cuoio ad una delle statue dell’imperatore, alludendo, con questo gesto, al fatto che bisognava gettarvi dentro proprio lui. Poi abbandonarono un bambino nel Foro a cui avevano attaccato una tavoletta su cui c'era scritto: «Non ti riconoscerò come figlio, per evitare che tu ammazzi tua madre».

14 La dea Carna e la protezione di neonati Ovidio, Fasti, VI Vi sono ingordi uccelli... grossa testa, occhi sbarrati, rostri adatti alla rapina, penne grigiastre, unghie munite di uncino; volano di notte e cercano infanti che non hanno accanto la nutrice, li rapiscono dalle loro culle e ne straziano i corpi; si dice che coi rostri strappino le viscere dei lattanti, e bevano il loro sangue sino a riempirsi il gozzo. Hanno il nome di Strigi: origine di questo appellativo è il fatto che di notte sogliano stridere orrendamente. Sia che nascano dunque uccelli, sia che lo diventino per sia che lo diventino per incantesimo, e null'altro siano che vecchie tramutate in volatili da una nenia della Marsica, vennero al letto di Proca: Proca, nato da cinque giorni, sarebbe stato una tenera preda per codesti uccelli; con avide lingue succhiano il petto dell' infante, ma il povero bambino vagisce e chiede aiuto.

15 Accorre la nutrice allarmata dalle grida del suo lattante, e vede le sue gote graffiate dai duri artigli. Che fare? il colore del viso del bambino era quale suole essere quello delle foglie tardive che il nuovo inverno rovina. Si reca da Crane, e la informa dell' accaduto. E quella: «Scaccia il timore», le dice, «il piccolo a te affidato sarà salvo». Venne alla culla; la madre e il padre piangevano: «Trattenete le vostre lagrime», disse, «lo curerò io stessa». Subito con una fronda di corbezzolo tocca tre volte - una dopo l'altra- la porta, e tre volte con la fronda di corbezzolo fa segni sulla soglia, cosparge di acqua l'ingresso - e l'acqua conteneva un magico filtro - e prende viscere crude d’una porcella di due mesi, dicendo: «Uccelli notturni, risparmiate le viscere infantili: in cambio di un piccolo fanciullo cade una piccola vittima. Cuore per cuore, vi prego, e fibre per fibre prendete: codesta vita vi offriamo in cambio di una vita migliore». Compiuto il sacrificio, dispose le viscere tagliate all'aria aperta, e proibì di guardarle a coloro che assistevano al rito: e dove una piccola finestra illuminava la camera, dispose il ramo di Giano, che era di biancospino. È fama che dopo quel momento gli uccelli non violarono più la culla, e sulle gote del bambino tornò il colore di prima.

16 Ulteriori precauzioni Persio II Ecco che la nonna o la zia materna, piena di superstizione, sollevato dalla culla il bambino, gli purifica dapprima la fronte e le umide labbruzze col dito medio bagnato di saliva lustrale, abile com'è a stornare il malocchio; poi lo palleggia fra le mani e nel voto fervido osa spingere quella sua fragile speranza ai latifondi di Licino e ai palazzi di Crasso: «Lo bramino come genero il re e la regina, le ragazze se lo strappino a vicenda, nascano le rose sotto ai suoi piedi».

17 Amuleti Crepundia Bulla

18 Plutarco, Questioni Romane, 101 Perché (i Romani) appendono ai colli dei loro figli amuleti che chiamano bullae? Forse perché, come in molte altre (occasioni), per onorare le spose che avevano rapito, avevano decretato di destinare le bullae ai (figli) nati da esse. Oppure per rendere onore al coraggio di Tarquinio? Si narra infatti che mentre era ancora un ragazzo, nella battaglia tra Latini ed Etruschi, si gettò fra i nemici, e, disarcionato da cavallo, resistendo coraggiosamente a quelli che si lanciavano contro di lui, dette rinnovato vIgore ai Romani; dopo una splendida vittoria sul nemico e l'uccisione di sedicimila uomini, egli ricevette questa "insegna" al valore dal re suo padre. Oppure perché in antico essi non consideravano né disonorevole né scandaloso amare gli schiavetti di casa nel fiore della gioventù, come ancor oggi testimoniano le commedie, mentre si astenevano rigorosamente (dall'aver rapporti) con giovani liberi e, quindi, per non avere alcuna incertezza (sul loro status) nemmeno quando erano nudi, facevano indossare ai ragazzi questa insegna?

19 Oppure questa era una salvaguardia a sostegno di una condotta regolata, una sorta di briglia della smoderatezza, per farli vergognare di atteggiarsi ad uomini prima di aver dismesso il simbolo dell'infanzia? Quello che Varrone e la sua scuola dicono non è credibile, che i ragazzi si mettevano questo simbolo di "saggezza" (eubulìa) perché gli Eoli chiamano il raziocinio (boulé) bollai. Ma considera anche questo che essi la portino a causa della luna. Infatti la forma visibile della luna quando è nel plenilunio non è sferoidale ma lenticolare e a forma di disco, come, del resto, ritiene anche Empedocle.

20 crepundia Plauto, Rudens, vv ss. DE. Che forma hanno? cerca di essere precisa. PA. Anzitutto c'è uno spadino d'oro con un'incisione. DE. E senti un po': che dice l'incisione di questo spadino? FA. Il nome di mio padre. Poi, dall'altra parte c'è una piccola scure a doppio taglio, anch'essa d'oro e con l'incisione: sulla scure c'è scritto il nome della mamma. DE. Un momento. Di un po': il nome di tuo padre scritto sullo spadino qual è? PA. Demone!... DE. (a Palestra). E di' un po': il nome di tua mamma scritto sulla piccola scure com' è? PA. Dedale... PA. (a Demone). Poi c'è un falcettino d'argento e due manine intrecciate ed una porcellina... PA. E c'è pure un ciondolo d'oro. Me lo diede il babbo in occasione del mio compleanno. DE. Non ci sono più dubbi: è lei. Non mi posso frenare dall'abbracciarla. Salve, figlia mia! io sono l'autore dei tuoi giorni, sì, il tuo babbo. Sono Demone; e Dedale, la tua mamma, eccola qua in casa.

21 Londra, British Museum

22 Le manine intrecciate

23 Indigitamenta dell’infanzia S. Agostino, La città di Dio, IV 11 l pagani, basandosi su ragioni di ordine fisico... dicono... che... Libero presieda alla forza generativa degli uomini e... Libera a quella delle donne;...che la dea Mena sia posta a presiedere alle regole delle donne; Lucina, dea invocata dalle partorienti; sia Opis, il dio che soccorre i bambini nascenti ricevendoli dal seno della terra; apra loro la bocca nei vagiti, e si chiami dio Vaticano; e li sollevi dalla terra e sia la dea Levana; si chiami dea Cunina, e vegli sulle culle; sia proprio lui e non altri, che sotto il nome di dea Carmenta predice ai neonati il loro destino e che sotto il nome di dea Fortuna presiede agli avvenimenti fortuiti, che sotto il nome di dea Rumina porge le mammelle ai bambini (poiché gli antichi chiamarono «ruma» la mammella); dia loro da bere, sotto il nome di dea Potina, e il cibo sotto il nome di dea Educa; sia chiamato Pavenza, dalla paura che spaventa i bambini;...Numeria in quanto insegna a contare; Camena in quanto insegna a cantare; sia dio Consolo, nel dare consigli; dea Senzia nell'infondere i pensieri; sia dea Iuventa in quanto, dopo la toga pretesta, dà inizio all'età giovanile…

24 …ma la vita è un viaggio breve… Roma, Museo Nazionale Romano

25

26 Le cinque età della vita Censorino, Il giorno natalizio, 14, 2. [I periodi della vita e gli anni climaterici.) Varrone stima che vi sono cinque distinte fasi dell'esistenza, aventi durata eguale, precisamente quindici anni ciascuna, tranne l'ultima. Così, nella prima fase, che giunge ai quindici anni, gli uomini sono chiamati pueri ('ragazzi') perché sono puri, ossia impuberi; nella seconda, che va fino ai trent'anni, sono chiamati adulescentes ('giovani') da alescere ('crescere'); coloro che sono nella terza fase, la quale arriva ai quarantacinque anni, sono chiamati iuvenes ('uomini fatti') perché sono in condizione di iuvare ('sostenere') lo Stato nel servizio militare; nella quarta fase, che dura fino ai sessant'anni, sono detti seniores ('anziani') perché allora il corpo comincia a senescere ('invecchiare'); poi c'è la quinta fase, che arriva alla fine della vita di ciascun uomo: coloro che vi si trovano sono detti senes ('vecchi') perché in quel periodo dell'esistenza ormai il corpo soffre di senium ('indebolimento della vecchiaia').

27 L’età dei giochi Orazio, Satire, II 3, Se uno già con la barba si divertisse a costruire casette, aggiogare topi a un carrettino, a giocare a “pari e dispari”, a cavalcare una lunga canna, sarebbe considerato uno stupidone…

28 L’amore per gli animali CIL VI, = ILS 8005 Firenze, Uffizi (da Roma) Diis(!) Manibus / Hateriae Superbae quae / vixit anno I me(n)sibus VI dieb(us) XXV / feceru parentes infelicissimi / filiae suae. / Q(uintus) Haterius Ephebus et Iulia Zosime sibi et suis / diis(!) Manibus locus occupatus / in fronte p(edes) VII in agro p(edes) IIII

29 Roma, Musei Capitolini Catullo, Carmi, 2 Passero, tesoro della mia ragazza, col quale è solita giocare, che è solita tenere in grembo, al quale è solita dare la punta del dito quand' egli cerca di afferrarlo e suole provocare le (sue) pungenti beccate, quando lei, la mia accecante passione, ama inventare non so qual piacevole svago … potessi anch' io come lei giocare con te e alleviare i tormenti del triste animo!

30 Giocare a nascondino Napoli, Museo Archeologico Nazionale da Ercolano

31 “piccoli aurighi” Napoli, Museo Archeologico Nazionale da Ercolano

32 nuces castellatae e asse inclinato si formava un triangolo con tre noci ravvicinate, poi se ne poneva una in cima che bisognava far cadere lanciando un’altra noce. Roma, Museo Lateranense

33 Bimbi birichini Vienna, Kunsthistorisches Museum Londra, British Museum (da Ostia)

34 Parigi, Louvre

35 “Partita concitata” Roma, Musei Vaticani

36 tropa o gioco delle "fossette” bisognava far cadere, come in una sorta di gioco del golf, le biglie in piccole cavità del terreno pentaliza o “gioco delle cinque pietre”bisognava lanciare in alto cinque oggettini (noci o astragali o pietruzze) e poi, voltando la palma della mano verso terra, cercare di afferrarli tutti e cinque Piazza Armerina, Villa del Casale Cubiculo della “scena erotica”

37 …altri giochi Roma, Museo Nazionale Romano da Via Portuense

38 …e l’adorata …palla

39 Un’abile giocoliera CIL V, 2688 = AE 2001, 1053 Ateste Regio X (Venetia et Histria) Septumia C(ai) f(ilia) / Spica anno / et mense / tertio Mantova, Palazzo Ducale (da Este)

40 La pubertà Censorino, Il giorno natalizio, 14, 7. …nel secondo settennio o all'inizio del terzo la voce diviene piu forte ma ineguale, fenomeno che Aristotele chiama 'puzzare di caprone' e i nostri antenati chiamavano irquitallire, e si ritiene che essi si chiamino irquitalli dal fatto che allora il loro corpo. comincia a puzzare di caprone. Festo p. 296 L Pubes.... qui generare potest. Is incipit esse a quattuordecim annis: femina a duodecim viri potens, sive patiens, ut quidam putant. (Paolo) Festo p. 90 L Hirquitalli pueri primum ad virilitatem accedentes, a libidine scilicet hircorum dicti. (Paolo) Festo p. 93 L Irquitallus puer, qui primo virilitatem suam experitur. Festo. p. 380 L Sororia e mammae dicuntur puellarum, cum primum tumescunt ut fraterculare puerorum.

41 Riti di passaggio Festo p. 380 L Il tigillum sororium si chiama così per questa ragione: a seguito di un accordo tra il re Tullo Ostilio e il comandante degli Albani, Mettio Fufezio, tre gemelli Orazi e tre gemelli Curiazi vennero alle armi perché i vincitori ottenessero (per la loro patria) il dominio sull'altra. Il nostro Orazio superò gli avversari e tornò a casa vincitore. La sorella, venuta a sapere che il suo promesso sposo era stato ucciso dalla mano di suo fratello, rifiutò il suo bacio. Per questo motivo Orazio la uccise. Sebbene il padre l'avesse assolto, fu, comunque accusato di parricidio presso i duumviri. Condannato, si appellò al popolo. Uscito vincitore da quel giudizio, fu costretto a passare, come sotto ad un giogo, al di sotto di due travi sulle quali era stata posta una terza, che suo padre aveva innalzato. In quel luogo furono consacrati due altari a Giunone Sororia e a Giano Curiazio. Con augurii favorevoli, fu liberato da ogni colpa. Da ciò quel "travicello" fu chiamato sororio.

42 Funzione e ubicazione del Tigillum sororium Dionisio di Alicarnasso III 22, 7-8 7… se ne servivano alla fine delle consuete cerimonie di espiazione quelli che allora purificavano il giovane 8 E’ nel vicolo che conduce giù alle Carine per chi va verso il vicolo Cuprio. Là ci sono ancora i due altari allora edificati e su di essi si stende la trave che è fissata ai muri contrapposti e sta al di sopra della testa di quelli che escono dal vicolo, chiamata nella lingua romana «trave della sorella»

43 Posizionamento del tigillum secondo D. Palombi

44 Toga virile Festo p. 364 L Il giorno prima delle nozze le vergini per buon augurio andavano a dormire vestite di tuniche bianche (tunicis regillis) e reticelle dorate (reticulis luteis) ambedue rectae, cioè tessute in senso verticale da tessitrici in piedi. Lo stesso procedimento viene usato per le toghe virili Festo p. 342 L Si chiamano rectae (sc. togae) i vestiti maschili che i padri fanno confezionare per i loro figli per buon augurio. Si chiamano così perché vengono tessuti in altezza da tessitrici in piedi.

45 Liberalia Varrone, La lingua latina, VI 14 l Liberalia sono detti così perché per tutta la città nel giorno di questa festa (17 marzo) le vecchie, coronate d'edera come sacerdotesse di Libero, stanno sedute per tutta la città con focacce e bracieri sacrificando per i compratori. Nei libri dei Salii soprannominati Agonenses, questa festa forse per questo, è chiamata Agonia (Paolo) Festo p. 103 L citando un verso di Nevio afferma che: Durante i Liberalia usiamo un linguaggio scurrile

46 Licenza giovanile Persio, Saturae, V Non appena la custodia della toga pretesta lasciò libero me ancora timido e il mio ciondolo d'oro fu appeso come offerta ai succinti Lari, appena acquistai amici compiacenti e potei gettare impunemente lo sguardo su ogni angolo della Suburra in grazia della bianca toga pieghettata, nel momento in cui la via da seguire è incerta e l'inesperienza della vita, causa di errori, conduce gli animi inquieti nei crocicchi dalle molte vie, mi affidai a te: sei tu, o Cornuto, che accogi le tenere menti nel tuo seno socratico.

47 Addio al nubilato Cfr. Varrone fr. 463 Buecheler …suspendit Laribus manias mollis, pilas, reticula ac strophia …sospende ai Lari bambole di stoffa, palle, reticelle e fasce mammarie Scoli a Persio II 70 «Veneri donatae a virgine pupae»: solebant enim virgines antequam nuberet quaedam virginitatis suae Veneri consacrare; hoc et Varro scribit. «Le bambole donate a Venere dalla vergine»: infatti le vergini prima di sposarsi erano solite consacrare a Venere qualche oggetto della loro verginità; questo lo scrive anche Varrone


Scaricare ppt "Riti della nascita e della pubertà. Indigitamenta per il concepimento S. Agostino, La città di Dio, VI 9, 3 Il dio Giugatino presiede all'unione dell'uomo."

Presentazioni simili


Annunci Google