La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presenza di eccesso di liquido nel compartimento interstiziale Edema infiammatorio o essudato Edema non infiammatorio o trasudato Vedi infiammazione Tumefazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presenza di eccesso di liquido nel compartimento interstiziale Edema infiammatorio o essudato Edema non infiammatorio o trasudato Vedi infiammazione Tumefazione."— Transcript della presentazione:

1 presenza di eccesso di liquido nel compartimento interstiziale Edema infiammatorio o essudato Edema non infiammatorio o trasudato Vedi infiammazione Tumefazione

2 L’acqua rappresenta circa il 60% del peso corporeo di un adulto ed è così distribuita : Intracellulare 25 litri Plasma 3 litri solo 5% Interstizio 15 litri Il 99% è trattenuto dai proteoglicani (acqua non mobile) 1% è liquido libero

3 Aumento del liquido interstiziale prende il nome di trasudato e causa un aumento del volume del tessuto Il trasudato è isotonico con il plasma ma, diversamente dall’essudato, ha scarso contenuto proteico (1-2.5 g/100 ml) ed è privo di cellule e di fibrina

4 L’accumulo di liquido può essere interstiziale, E’ necessaria un’espansione di diversi litri (oltre i 2-3 litri) affinchè l’edema divenga clinicamente evidente. Un aumento di diversi Kg. di peso precede in genere la manifestazione clinica. eccetto edema cerebrale, Se si accumula nelle cavità naturali prende il nome: Idrocefalo: ventricoli cerebrali Idrotorace: cavo pleurico Idropricardio:accumulo nel pericardio Ascite;: cavo peritoneale Idrarto: cavità articolari Anasarca: è diffuso in tutto il corpo

5 parametritrasudatoessudato aspettolimpidotorbido reazionealcalinaacida proteine<2.5 g/100 ml3-4 g/100 ml Mucopolisaccaridi acidiassentipresenti

6 Reticolo di circa 400mq Gradiente di concentrazione Gradiente di pressione Trasporto attivo

7

8 L’omeostasi è mantenuta dagli effetti opposti della PI vasale e dalla PO del plasma La PI tende a spingere il liquido fuori dal microcircolo nell’interstizio La PI del lato arterioso del capillare non dipende dalla pressione sistemica, ma è regolata dallo sfintere precapillare dell’arteriola La PI diminuisce mentre il sangue passa dall’estremità arteriosa a quella venosa del capillare L’endotelio rappresenta una membrana semipermeabile e non consente la fuoriuscita di proteine Le proteine richiamano acqua esercitando una PO La PO resta costante (purché l’endotelio sia integro) mentre il sangue scorre nel capillare, è inferiore alla PI al lato arterioso e superiore alla PI al lato venoso

9

10 La PI tende a spingere il liquido fuori dal microcircolo nell’interstizio La PI del lato arterioso del capillare non dipende dalla pressione sistemica, ma è regolata dallo sfintere precapillare dell’arteriola La PI diminuisce mentre il sangue passa dall’estremità arteriosa a quella venosa del capillare

11 L’endotelio rappresenta una membrana semipermeabile, che non consente la fuoriuscita delle proteine, che richiamano acqua esercitando una PO La PO resta costante (purché l’endotelio sia integro) mentre il sangue scorre nel capillare, ed è inferiore alla PI al lato arterioso e superiore alla PI al lato venoso

12

13 Edema foveale Spostamento di liquido interstiziale, depressione

14 Classificazione eziopatogenetica I.aumentata pressione idrostatica Scompenso cardiaco congestizio Ipertensione portale Trombosi venosa II.Ridotta pressione oncotica plasmatica Aumentata perdita proteica Ridotta sintesi

15

16 Edemi localizzati Ridotto drenaggio linfatico Aumentata PI venosa Edemi sistemici Aumentata pressione Ipoproteinemia Alterata ritenzione idrica Insufficienza cardiaca dx Pericardite costrittiva Insufficienza epatica Insufficiente apporto alimentare Sindrome nefrosica glomerulonefriti

17 Ostacolo del ritorno venoso Trombosi venose Vene varicose Compressioni da fasciature Ingessature Asportazione linfonodi Metastasi linfonodo Linfomi Filariasi Ridotto drenaggio linfatico Edemi localizzati

18 K mammella

19 Filiarosi Agente eziologico: Wuchereria bancrofti

20 Aumento della pressione intraoculare ( contro 15-20mmHg) Danno della papilla Riduzione del campo visivo e dell’acuità della vista Cecità Aumentata resistenza al deflusso di umor acqueo Aumento pres intraoculare Pupilla color verde-bluastro Eziologia: Anomalie congenite del drenaggio Patologie oculari Alterazioni dell’idrodinamica oculare Terapia prolungata di corticosteroidi

21 Segni e sintomi Dispnea improvvisa Cute pallida, fredda, sudata, con cianosi alle estremità Ansia, agitazione, irrequietezza a causa della “fame d’aria” Tosse, in seguito accompagnata a sputo schiumoso Tachipnea (frequenza respiratoria > 30) Tachicardia (frequenza cardiaca > 100) Fattori scatenanti: Infarto del miocardio, Ipertensione, Cardiomiopatie Valvulopatie (Aortiche e mitraliche), Aritmie, Gravi squilibri idro-elettrolitici Ipossia Shock settico Ab ingestis (materiale gastrico, acqua dolce o salata) Coagulazione Intravasale Disseminata (CID) Intossicazione da gas tossici (ammoniaca, cloro) Overdose di eroina Aumento pressione sangue capillare Aumento permeabilità parete capillare Polmone da shock

22 Edemi sistemici da alterate PI e PO PatogenesiEziologia Aumentata PIInsufficienza cardiaca dx Pericardite costrittiva Diminuita sintesi di albumina Insufficienza epatica Kwashiorkor Aumentata perdita renale di albumina Glomerulonefriti Nefriti tubulointerstiziali croniche

23 Scompenso cardiaco La pompa cardiaca non funziona. Il sangue entra ma non riesce ad uscire Il sangue infarcisce i polmoni, ed entra nel circolo venoso, aumentando la pressione venosa centrale. Aumenta la pressione capillare

24 Nello scompenso cardiaco, inoltre, si riduce la perfusione renale EDEMA Ridotta perfusione renale renina aldosterone Aumenta riass. Na Aumenta riass. H2O Aumenta il volume plasmatico


Scaricare ppt "Presenza di eccesso di liquido nel compartimento interstiziale Edema infiammatorio o essudato Edema non infiammatorio o trasudato Vedi infiammazione Tumefazione."

Presentazioni simili


Annunci Google