La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli organismi sanitari internazionali C.Quercioli Siena, 14 maggio 2014 C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli organismi sanitari internazionali C.Quercioli Siena, 14 maggio 2014 C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria."— Transcript della presentazione:

1 Gli organismi sanitari internazionali C.Quercioli Siena, 14 maggio 2014 C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14

2 ORGANI: Assemblea Generale: Si riunisce per esaminare i problemi mondiali più pressanti, rappresenta una specie di Parlamento dove ogni Stato membro dispone di un voto. Le decisioni sugli “argomenti importanti” sono prese con una maggioranza di due terzi. Consiglio di sicurezza: E’ responsabile del mantenimento della pace e della sicurezza internazionali. Consiglio economico e sociale: Coordina l’attività economica e sociale dell’ONU e delle sue agenzie ed istituzioni specializzate. Segretariato: Svolge l’attività amministrativa secondo le direttive dell’Assemblea Generale, del Consiglio di Sicurezza e degli altri organi. E’ guidato dal Segretario Generale Corte di Giustizia:E’ il principale organo giudiziario delle Nazioni Unite Il mantenimento della pace e della sicurezza, la promozione di migliori standard di vita, il progresso economico e sociale MISSION: L’ONU: E’ stata istituita il 24 Ottobre 1945 da 51 nazioni, i membri sono attualmente 193

3 Le principali agenzie e iniziative delle Nazioni Unite ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro): Formula politiche e programmi per migliorare le condizioni lavorative e le opportunità d’impiego e stabilisce gli standard di lavoro adottati dai paesi di tutto il mondo. FAO (Organizzazione delle NU per l’Alimentazione e l’Agricoltura) Lavora per incrementare la produttività agricola e la sicurezza alimentare, e per migliorare le condizioni di vita delle popolazioni rurali. UNESCO (Organizzazione delle NU per l’Istruzione, la Scienza e la Cultura) Promuove lo sviluppo culturale, la protezione del patrimonio naturale e culturale del pianeta, la cooperazione internazionale delle scienze, la libertà di stampa e la comunicazione. OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità) Coordina programmi volti a risolvere problemi sanitari e il raggiungimento del livello di salute più elevato possibile. Opera in settore quali: l’educazione sanitaria e la fornitura di medicinali essenziali. IFAD (Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo) Mobilita risorse finanziarie per aumentare la produzione alimentare e i livelli nutrizionali delle popolazioni nei PVS. UNDP (Progamma di Sviluppo delle Nazioni Unite) E’ la più importante fonte di sovvenzione per l’assistenza tecnica nel mondo. Persegue l’obiettivo di fornire ai PVS (in particolare quelli più poveri) corsi di formazione e consulenza.

4 L’OMS è il più completo modello di collaborazione sanitaria internazionale E’ una delle agenzie dell’ONU 193 Paesi sono membri L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’ - OMS (WORLD HEALTH ORGANIZATION – WHO)

5 L’OMS è stata istituita il 7 Aprile 1948, ha sede a Ginevra e si articola in 6 Uffici Regionali: 1)per l’Africa 2)per le Americhe 3)per l’Europa per il Mediterraneo per il Pacifico Occidentale per il Sud-Est Asiatico

6 1)La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consista solo nell’assenza di malattia o d’infermità; 2)Il possesso del miglior stato di salute conseguibile costituisce uno dei diritti fondamentali di ogni essere umano, qualunque siano la razza, la religione, le opinioni politiche e le condizioni economiche e sociali; 3)La salute dei popoli è una condizione fondamentale per la pace e la sicurezza del mondo e dipende dalla collaborazione più stretta degli individui e degli Stati; 4)I risultati ottenuti da ciascuno Stato, per migliorare e tutelare la salute, sono preziosi per tutti; 5)L’ineguaglianza dei diversi Paesi nei riguardi del miglioramento della salute e della lotta contro le malattie, in particolare quelle contagiose, rappresenta un pericolo per tutti; 6)Lo sviluppo sano del bambino ha un’importanza fondamentale;l’attitudine a vivere in armonia con un ambiente in piena trasformazione è essenziale a questo sviluppo; 7)L’ammissione di tutti i popoli ai benefici delle conoscenze acquisite dalle scienze mediche, psicologiche e correlate, è essenziale per raggiungere il più alto livello di salute; 8)I governi hanno la responsabilità della salute dei loro popoli e debbono prendere le misure sanitarie e sociali appropriate. O.M.S 1948

7 OBIETTIVI GENERALI DELL’OMS  Stimolare e favorire la eradicazione delle malattie epidemiche ed endemiche e la soppressione delle altre malattie;  Incoraggiare la cooperazione fra i gruppi di studiosi e di lavoratori che contribuiscono al processo della salute;  Proporre la stipulazione di accordi e convenzioni internazionali in materia sanitaria;  Stabilire norme internazionali sugli alimenti, sui prodotti biologici e sui farmaci;  Formare tra i popoli un’opinione pubblica informata sulla salute.

8 ATTIVITA’ PRINCIPALI DELL’OMS Profilassi internazionale delle malattie epidemiche ed aiuti tecnici ai Paesi membri; Rilevazione di statistiche internazionali epidemiologiche e demografiche; Preparazione di una nomenclatura internazionale delle malattie e delle cause di morte; Formazione di personale tecnico sanitario qualificato e propaganda igienica; Standardizzazione dei prodotti biologici e farmaceutici e dei metodi di accertamento diagnostico; Igiene mentale; Miglioramento della nutrizione, in collaborazione con l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), delle condizioni di lavoro, e di tutti i fattori riguardanti l’igiene delle abitudini e dell’ambiente; Organizzazione di ricerche scientifiche e pubblicazioni scientifiche sanitarie

9

10

11 I Millenium Development Goals (MDG) Cosa sono Gli MDG dell’ONU sono otto obiettivi che tutti i 191 stati membri si sono impegnati a raggiungere per l'anno La Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite firmata nel settembre del 2000 impegna gli stati a: 1.Sradicare la povertà estrema e la fame 2. Ottenere l'educazione primaria universale 3. Promuovere la parità dei sessi e l'autonomia delle donne 4. Ridurre la mortalità infantile 5. Migliorare la salute materna 6. Combattere l'HIV/AIDS, la malaria ed altre malattie 7. Garantire la sostenibilità ambientale 8. Sviluppare una partecipazione mondiale per lo sviluppo

12

13

14

15

16

17 Il World Health Report E’ stato pubblicato per la prima volta nel 1995 ed è la pubblicazione più importante dell’OMS. Il report riporta un insieme di valutazioni della salute globale, comprese statistiche relative ai singoli paesi, con un focus su uno specifico argomento. Lo scopo principale del report è di fornire ai Paesi ed alle altre agenzie internazionali informazioni che possono aiutare nelle scelte di politiche sanitarie e sistemi di finanziamento. Il report, inoltre, è rivolto anche ad un più ampio pubblico, come università, ospedali universitari e scuole, ai giornalisti fino all’intera opinione pubblica, chiunque abbia interesse in argomenti di salute internazionale.

18

19 A che punto siamo?

20

21

22

23

24

25

26

27 Food and Agriculture Organization of the United Nations (FAO) L’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite nasce nel 1945 per sconfiggere la fame. Servendo sia i Paesi sviluppati che quelli in via di sviluppo, la FAO ha il ruolo di far incontrare tutte le nazioni per negoziare gli accordi. La FAO è inoltre una fonte di conoscenza e di informazioni. Aiuta i Paesi in via di sviluppo e quelli in fase di transizione a migliorare l’agricoltura, la caccia e la pesca e ad assicurare una corretta alimentazione a tutti. Sin dal momento della sua fondazione, la FAO ha focalizzato la sua attenzione nel favorire lo sviluppo delle zone rurali, dove risiede il 70% della gente povera ed affamata nel mondo.

28 Organization for Economic Co-operation and Development The mission of the Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD) is to promote policies that will improve the economic and social well-being of people around the world

29

30

31

32 CROCE ROSSA INTERNAZIONALE (1) Istituzione creata con la Convenzione Internazionale di Ginevra nel 1864 su ispirazione dello svizzero Henri Dunant Durante la battaglia di Solferino, nel 1859, Dunant rimane indignato per la morte di molti uomini intorno a lui a causa degli inesistenti Servizi Sanitari. Nel 1863, quattro ginevrini si raggruppano intorno a Dunant e formano il Comitato Internazionale di soccorso ai feriti che successivamente prenderà il nome di Comitato Internazionale della Croce Rossa (CIRC) Invitati dal Comitato Internazionale, gli stati delegano dei rappresentati che, riuniti a Ginevra, nel 1863, fonderanno la CROCE ROSSA

33 CROCE ROSSA INTERNAZIONALE (2) Il Movimento Internazionale della Croce Rossa è un'organizzazione istituzionalizzata nel 1928 dalla XIII Conferenza Internazionale dell'Aja e coordina numerosi membri: il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la Federazione Internazionale delle Società Nazionali di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa e le Società Nazionali. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha sede a Ginevra, è una organizzazione neutrale e indipendente che assicura aiuto umanitario e protezione alle vittime delle guerre e delle violenze armate. La Federazione Internazionale delle Società Nazionali di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa ha sede a Ginevra. Sua attività specifica è quella di agire in qualità di organo permanente di coordinamento tra le Società Nazionali e portare ad esse assistenza, soccorso alle vittime delle catastrofi, organizzando e coordinando l'azione di soccorso a livello internazionale delle Società Nazionali. Alla Federazione aderiscono 186 Società Nazionali. Le Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa create in origine per soccorrere i soldati feriti o malati affiancando i servizi sanitari delle Forze Armate, le Società nazionali svolgono ora numerose attività sia in tempo di pace che in tempo di guerra come ausiliarie dei poteri pubblici.

34 PRINCIPI DELLA CROCE ROSSA 1)Umanità La croce rossa, nata dalla preoccupazione di recar soccorso senza discriminazione ai feriti sui campi di battaglia, si impegna a livello internazionale e nazionale, a prevenire ed alleviare le sofferenze umane, in ogni circostanza. Ha quale scopo la protezione della vita e della salute ed il rispetto della persona umana. Favorisce la comprensione mutua, l’amicizia, la cooperazione e la pace durevole tra i popoli. 2)Imparzialità Non fa distinzione alcuna di nazionalità, razza, religione, condizione sociale ed appartenenza politica. Si impegna soltanto a soccorrere gli individui in misura della loro sofferenza ed ad intervenire, in via prioritaria, per affrontare i bisogni più urgenti. 3)Neutralità Per garantirsi la fiducia di tutti, si astiene dal partecipare alle ostilità e, sempre, ad ogni controversia d’ordine politico, razziale, religioso e filosofico. 4)Indipendenza La Croce Rossa è indipendente. Ausiliaria dei poteri pubblici nelle loro attività umanitarie è sottoposta alle leggi che reggono i rispettivi paesi. Tuttavia le società nazionali devono conservare un’autonomia che permetta loro di agire secondo i principi della Croce Rossa 5)Volontarietà La Croce Rossa è istituzione di soccorso volontario e disinteressato 6)Unità Non vi sarà se non una sola Società nazionale per l’insieme di un paese. Sarà aperta a tutti ed estenderà l’azione umanitaria a tutto il territorio. 7)Universalità La Croce Rossa è istituzione universale, in seno alla quale tutte le società hanno diritti uguali ed il dovere di aiutarsi a vicenda.

35 La C.R.I. si è distinta nel campo dell’Educazione Sanitaria. Diffonde tramite i suoi infermieri nozioni elementari di igiene e pronto soccorso tra la popolazione ed inoltre ha tenuto corsi su argomenti specifici come l’alimentazione, le vaccinazioni, l’igiene mentale, l’assistenza agli anziani, ecc.


Scaricare ppt "Gli organismi sanitari internazionali C.Quercioli Siena, 14 maggio 2014 C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria."

Presentazioni simili


Annunci Google