La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento Carlo V d’Asburgo Caccia alle streghe Il massacro di san Bartolomeo Elisabetta I.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento Carlo V d’Asburgo Caccia alle streghe Il massacro di san Bartolomeo Elisabetta I."— Transcript della presentazione:

1 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento Carlo V d’Asburgo Caccia alle streghe Il massacro di san Bartolomeo Elisabetta I

2 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 1.Lo Stato moderno Stato moderno Piena sovranità del re sul territorio Presenza di un sistema fiscale Presenza di assemblee rappresentative Presenza di una burocrazia al servizio del re Presenza di un esercito

3 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento I principali Stati regionali dell’Italia dopo la pace di Lodi (1454): 1.Ducato di Milano 2.Repubblica di Venezia 3.Signoria di Firenze 4.Stato della Chiesa 5.Regno di Napoli 3.L’Italia degli Stati regionali

4 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 3.L’Italia degli Stati regionali Frammentazione politica Debolezza politica Conflittualità tra gli Stati regionali Italia campo di battaglia di potenze straniere PERDITA DELL’INDIPENDENZA DELL’ITALIA

5 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 4.Le guerre di Carlo V Ferdinando II d’Aragona Isabella I di Castiglia Massimiliano I d’Asburgo Maria di Borgogna Giovanna di Castiglia detta «la pazza» Filippo d’Asburgo detto «il bello» Carlo V Albero genealogico di Carlo V

6 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 4.Le guerre di Carlo V

7 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 5.Le guerre di religione 1555: pace di Augusta 1553: condanna di Michele Serveto 1572: notte di san Bartolomeo Esempi di intolleranza Caccia alle streghe

8 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 5.Le guerre di religione

9 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 5.Le guerre di religione Tristemente famoso è il caso del teologo e medico spagnolo Michele Serveto (1511 – 1553): scappato dalla Spagna perché perseguitato dall’inquisizione cattolica a causa delle sue idee in campo religioso, si recò a Ginevra per trovare rifugio; qui però i calvinisti, che governavano la città, nel 1553 lo condannarono a loro volta al rogo, poiché le sue idee non coincidevano neanche con le loroMichele Serveto

10 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 5.Le guerre di religione In Francia il conflitto tra cattolici e ugonotti (così erano chiamati i calvinisti francesi) divenne esplosivo. La Francia si divise in due partiti: uno cattolico, capeggiato dalla famiglia dei Guisa e appoggiato dalla Spagna, e uno protestante, riunito intorno alla famiglia dei Borbone e sostenuto dall’Inghilterra. Per decenni ci fu una furiosa guerra civile tra i due partiti; la strage più sanguinosa avvenne durante la notte di san Bartolomeo, il 24 agosto 1572, quando migliaia di protestanti vennero uccisi da esponenti del partito cattolicougonottinotte di san Bartolomeo

11 Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento 5.Le guerre di religione La caccia alle streghe


Scaricare ppt "Capitolo 5. Lo scenario politico del Cinquecento Carlo V d’Asburgo Caccia alle streghe Il massacro di san Bartolomeo Elisabetta I."

Presentazioni simili


Annunci Google