La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scelta e preparazione della gita sci alpinistica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scelta e preparazione della gita sci alpinistica."— Transcript della presentazione:

1 Scelta e preparazione della gita sci alpinistica

2 Scelta e preparazione della gita sci alpinistica introduzione - 1 L’obiettivo è di adottare tutte le misure precauzionali, affinché l’attività alpinistica e sci alpinistica, comporti un rischio residuo accettabile. La prudenza è un margine di sicurezza che dipende dalle capacità e conoscenze dell'individuo, e dal tipo di situazione. Ciò che conta è essere coscienti della propria capacità di valutazione; bisogna assumere un atteggiamento critico nei confronti delle proprie conoscenze e abilità.

3 Scelta e preparazione della gita sci alpinistica introduzione - 2 Per essere uno sciatore alpinista completo e autonomo, non basta leggere manuali, frequentare corsi, compiere centinaia di gite sempre però al seguito di qualcuno. Bisogna diventarlo. Vi sono sciatori alpinisti con anni di "esperienza" alle spalle che continuano a non avere alcuna sensibilità sci alpinistica, oppure che riescono a goderne solo pochi aspetti; altri invece, che in un certo tempo assimilano quanto è necessario e diventano autonomi.

4 Scelta e preparazione della gita sci alpinistica introduzione - 2 Chiunque abbia discrete capacità sciistiche e un fisico in buone condizioni, è in grado di apprendere rapidamente, e percorrere con soddisfazione la maggioranza degli itinerari sci alpinistici. Questa caratteristica è uno dei pericoli principali dello scialpinismo: poiché le difficoltà tecniche sono disgiunte dai rischi principali (cattivo tempo, valanghe, crepacci), è molto facile imparare a fare dello scialpinismo, prima di imparare a farlo in sicurezza.

5 Scelta e preparazione della gita sci alpinistica introduzione - 3 Diventa difficile praticare bene l’attività sci alpinistica, quando si presentano situazioni di ridotta visibilità, di peggioramento del tempo, o in caso di incidente, e a maggior ragione quando si tratta di stimare il pericolo di valanghe. Le incognite poi si moltiplicano, quando ci si muove in forma autonoma e si possiede poca esperienza.

6 Scelta e preparazione della gita sci alpinistica introduzione - 4 Per conoscersi c’è un unico sistema: analizzare e non giustificare i propri errori, ascoltare e valutare le critiche, i consigli, e le osservazioni dei compagni di gita. Bisogna ricercare con umiltà e tenacia, i segni che la natura spesso ci offre, ascoltare se stessi e conservare il senso di rispetto verso la montagna. Lo sci alpinista deve inoltre dimostrare forza d’animo, e sufficiente distacco dalle situazioni per prendere decisioni obiettive.

7 Scelta e preparazione della gita sci alpinistica introduzione - 5 A volte, pur a malincuore è necessario procrastinare la realizzazione di una salita, perché vengono a mancare le condizioni di sicurezza: cattive condizioni del tempo, o nevicate recenti, possono costringere a disdire il rifugio prenotato da mesi, o a rinunciare ad una ascensione da tempo agognata.

8 Scelta e preparazione della gita Metodo di riduzione del rischio di valanghe in tre fasi: 1.A casa pianificazione accurata dell’escursione 2.Sul luogo durante tutta la gita osservazione dell’ambiente e regole di sicurezza in salita e in discesa 3.sul singolo pendio ripido valutazione della stabilità del manto nevoso e comportamenti adeguati dei partecipanti Per ogni fase vengono considerati tre criteri di valutazione : a.Le condizioni del tempo e della neve b.Il terreno c.Le caratteristiche e il comportamento dei partecipanti

9 condizioni nivo-meteo BOLLETTINO METEOROLOGICO precipitazioni previste e visibilità temperatura: quota dello zero termico; limite delle nevicate venti: direzione ed intensità previsioni a breve e medio termine BOLLETTINO VALANGHE grado di pericolo caratteristiche del manto nevoso tendenza prevista INFORMAZIONI COMPLEMENTARI gestori di rifugi, guide locali, responsabili piste da sci, persone esperte e fidate

10 Criteri generali per la scelta della gita Per una corretta scelta della gita sarebbe opportuno: valutare con attenzione se l’escursione programmata è sicura; se l’area inizialmente scelta presenta una situazione meteo- nivologica non favorevole, orientarsi ad un’altra regione, e quindi, assumendo le adeguate informazioni, individuare la zona che presenta le migliori condizioni di fattibilità; una volta certi della sicurezza della zona, tra i vari itinerari si può preferire il percorso che offre la neve migliore.

11 Descrizione della scala di pericolo valanghe Dimensione della valanga: Scivolamento o scaricamento:, con lunghezza minore di 50 m. Valanga piccola: minore di 100 m. Valanga media: e presenta una lunghezza minore di 1000 m. Valanga grande: "scala del consolidamento" del manto nevosoi:  ben consolidato  moderatamente consolidato  da moderatamente a debolmente consolidato  debolmente consolidato Tipo di distacco distacco spontaneo: distacco che avviene senza l'intervento dell'uomo (da cui si originano le valanghe spontanee); distacco provocato: distacco che avviene a causa di un intervento dell'uomo che aumenta Inclinazione dei pendii: Poco ripido < 30° Ripido da 30° a 35° Molto ripido da 35° a 40° Estrem. Ripido >40°

12 Bollettino : aree di debolezza 2 dicembre : grado 3 16 dicembre : grado 2 La presenza più o meno grande di pendii ripidi pericolosi, viene indicata con gli aggettivi: “ pochissimi" (meno del 5%), "alcuni" (5%-25%), “molti" (25%-50%), "maggior parte"(più del 50%);

13 Sovraccarico esercitato sul manto nevoso

14 Bollettino valanghe : scala del pericolo

15 Stagioni per la pratica sci alpinistica

16 Esposizione dei versanti va sottolineato che la maggior parte degli incidenti provocati da sciatori, avviene su pendii ripidi nel settore orientato da NE a NO, passando per nord.

17 DeboleMarcatoForteModerato Distribuzione degli incidenti Pendioaperto Sottocresta– misto a rocce Canale, concavitá L’esposizione del pendio

18 Scala delle difficoltà

19 Dove e quando trovare nevi buone

20 Tracciato di rotta

21 Scelta e preparazione della gita : il regolo per misurare l’inclinazione Con grado di pericolo 3 (marcato) ai poco esperti si suggerisce di evitare tutti i pendii ripidi; nel dubbio è preferibile rinunciare all’uscita

22 Strumenti di controllo Metodo di riduzione elementare. Marcato> 40° Settore Nord La terna mortale

23 Set individuale di sicurezza per sci alpinisti. ARVA, pala, sonda

24 Tempi per disseppellire il travolto

25 Scelta e preparazione della gita : i partecipanti  Comportamenti all’interno del gruppo  Requisiti dell’istruttore e del capogita  Responsabilità dell’accompagnatore  Gite sezionali organizzate con diligenza


Scaricare ppt "Scelta e preparazione della gita sci alpinistica."

Presentazioni simili


Annunci Google