La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Indice generale corso di formazione lavoratori Introduzione generale Definizioni e campo di applicazione Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Indice generale corso di formazione lavoratori Introduzione generale Definizioni e campo di applicazione Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro."— Transcript della presentazione:

1 Indice generale corso di formazione lavoratori Introduzione generale Definizioni e campo di applicazione Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro La valutazione generale dei rischi Il servizio di prevenzione e protezione Informazione e formazione Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza La sorveglianza sanitaria Primo soccorso Prevenzione incendi I luoghi di lavoro Uso delle attrezzature di lavoro Uso dei dispositivi di protezione individuale Movimentazione manuale dei carichi Videoterminali Stress Lavoro Correlato Rischio Elettrico Rischio Scale Microclima Fotocopiatrici e stampanti Disfunzioni vocali nei docenti Rischio Chimico Rischio Biologico TEST DI USCITA

2 Introduzione Sulla Gazzetta Ufficiale del 30/4/08 è stato pubblicato il D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 che riscrive tutta la (pre)vigente normativa sulla salute e sicurezza sul lavoro. Oltre alla disciplina prevenzionale di carattere generale (procedure di gestione della prevenzione, valutazione dei rischi, formazione, informazione ed addestramento dei lavoratori, sorveglianza sanitaria, gestione delle emergenze), vengono riviste anche alcune disposizioni di tipo tecnico (lavoratori a distanza con VDT e movimentazione manuale dei carichi).

3 La formazione dei lavoratori Il D.Lgs. 81/08 riserva una particolare attenzione alla formazione dei soggetti responsabili della sicurezza, prefigurando diverse tipologie di percorsi formativi in relazione alla peculiarità ed alla natura del ruolo ricoperto nel luogo di lavoro. Quanto ai singoli lavoratori, lart. 36 del D.Lgs. 81/08 prevede che il datore di lavoro debba provvedere affinché ciascun lavoratore riceva adeguata informazione:36 del D.Lgs. 81/08 a) sui rischi specifici cui è esposto in relazione all'attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni in materia; b) sui pericoli connessi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica; c) sulle misure e le attività di protezione e prevenzione adottate

4 Definizioni e campo di applicazione Definizioni e campo di applicazione

5 Definizioni - Lavoratore (art. 2 ) lavoratore Il lavoratore è una persona che svolge unattività lavorativa nellambito dellorganizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al sol fine di apprendere un mestiere, unarte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari. Vengono equiparati alla figura del lavoratore: i lavoratori di cooperative o di società, anche di fatto; lassociato in partecipazione di cui allart e seguenti del c.cart e seguenti del c.c soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi; lallievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici (con riferimento alla sola valutazione dei rischi indicati nel Documento di Valutazione dei Rischi)

6 Definizioni - Datore di lavoro (art. 2 ) Nel caso degli Istituti Scolastici la figura del Datore di Lavoro coincide con quella del Dirigente Scolastico anche se questultimo non ha potere di spesa in riferimento alle esigenze strutturali ed impiantistiche del luogo di lavoro stesso Il Dirigente Scolastico ha altresì l'obbligo di fare richiesta all'amministrazione competente per gli interventi strutturali e di manutenzione necessari per la sicurezza dei locali e degli edifici (D. Lgs. 81/08, Art. 18, comma 3).

7 Definizioni - Azienda e unità produttiva (art. 2 ) azienda Lazienda è il complesso della struttura organizzata dal Datore di Lavoro pubblico o privato. Lazienda si differenzia dallunità produttiva. Lunità produttiva Lunità produttiva è lo stabilimento o la struttura finalizzati alla produzione di beni o allerogazione di servizi, dotati di autonomia finanziaria e tecnico funzionale.

8 Definizioni - Dirigente (art. 2 ) dirigente Il dirigente è la persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando lattività lavorativa e vigilando su di essa. introdotta È stata introdotta la definizione di dirigente

9 Definizioni - Preposto (art. 2 ) preposto Il preposto è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce lattuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa. Allinterno delle Istituzioni Scolastiche la definizione di preposto può essere riferita alle seguenti figure professionali: il DSGA (direttore amministrativo) il responsabile di plesso i responsabili dai laboratori, i docenti (qualora utilizzano qualsiasi tipo di laboratorio) gli insegnanti di educazione fisica (nell'utilizzo delle palestre). introdotta È stata introdotta la definizione di preposto

10 Definizioni - Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (art. 2 ) Responsabile del servizio di prevenzione e protezione Il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione è la persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali indicati dallart. 32 del D.Lgs. 81/08 designata dal Datore di Lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi.art. 32 del D.Lgs. 81/08

11 Definizioni - Addetto al servizio di prevenzione e protezione (art. 2 ) addetto al servizio di prevenzione e protezione Laddetto al servizio di prevenzione e protezione è la persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali indicati dallart. 32 del D.Lgs. 81/08, facente parte del servizio di prevenzione e protezione dai rischi.

12 Definizioni - Medico competente (art. 2 ) medico competente Il medico competente è il medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali indicati nellart. 38 del D.Lgs. 81/08, che collabora, secondo quanto previsto dallart. 29, c. 1, del D.Lgs. 81/08 con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al D.Lgs. 81/08.art. 38 del D.Lgs. 81/08art. 29, c. 1, del D.Lgs. 81/08

13 Definizioni - Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (art. 2 ) rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è la persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro.

14 Definizioni - Servizio di prevenzione e protezione dai rischi (art. 2 ) servizio di prevenzione e protezione dai rischi Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi è linsieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni allazienda finalizzati allattività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori.

15 Definizioni - Valutazione dei rischi (art. 2 ) valutazione dei rischi La valutazione dei rischi è una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nellambito dellorganizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza. introdotta definizione di È stata introdotta la definizione di valutazione dei rischi valutazione dei rischi

16 Campo di applicazione (art. 3) Il Testo Unico si applica, infatti, a tutti i lavoratori e lavoratrici subordinati e autonomi Il Testo Unico si applica, infatti, a tutti i lavoratori e lavoratrici subordinati e autonomi nonché ai soggetti ad essi equiparati Rispetto al D.Lgs. 626/94 è stato allargato il campo di applicazione prestatori di lavoronellambito di un contratto di somministrazione di lavoro Per i prestatori di lavoro nellambito di un contratto di somministrazione di lavoro tutti gli obblighi di prevenzione e protezione sono a carico dellutilizzatore. distacco del lavoratore Nei casi di distacco del lavoratore tutti gli obblighi di prevenzione e protezione sono a carico del distaccatario, fatto salvo l'obbligo a carico del distaccante di informare e formare il lavoratore sui rischi tipici, generalmente, connessi allo svolgimento delle mansioni per le quali egli viene distaccato.

17 Campo di applicazione (art. 3) lavoratori a progetto I lavoratori a progetto collaboratori coordinati e continuativi e i collaboratori coordinati e continuativi, di cui allart. 409, n. 3, c.c., beneficiano delle stesse tutele di ogni altro lavoratore ove inseriti nei luoghi di lavoro del committenteart. 409, n. 3, c.c. lavoratori che effettuano prestazioni occasionali di tipo accessorio Nei confronti dei lavoratori che effettuano prestazioni occasionali di tipo accessorio, si applicano le norme del D.Lgs. 81/08 e tutte le altre norme speciali vigenti in materia di sicurezza e tutela della salute, con esclusione: piccoli lavori domestici a carattere straordinario; linsegnamento privato supplementare; lassistenza domiciliare ai bambini, agli anziani, agli ammalati e ai disabili.

18 Campo di applicazione (art. 3) lavoratori subordinati che effettuano una prestazione continuativa di lavoro a distanza A tutti i lavoratori subordinati che effettuano una prestazione continuativa di lavoro a distanza, mediante collegamento informatico e telematico, si applicano le disposizioni relative alle attrezzature munite di videoterminali (Titolo VII, D.Lgs. 81/08), indipendentemente dallambito in cui si svolge la prestazione stessa.Titolo VII, D.Lgs. 81/08 Nell'ipotesi in cui il datore di lavoro fornisca attrezzature proprie, o per il tramite di terzi, tali attrezzature devono essere conformi alle disposizioni di cui al Titolo III. I lavoratori a distanza sono informati dal datore di lavoro circa le politiche aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, in particolare in ordine alle esigenze relative ai videoterminali ed applicano correttamente le direttive aziendali di sicurezza.

19 Computo dei lavoratori (art. 4) Ai fini della determinazione del numero di lavoratori dal quale il D.Lgs. 81/08 fa non sono computati discendere particolari obblighi non sono computati: a)i collaboratori familiari di cui allart. 230-bis del c.c.;art. 230-bis del c.c. b)i soggetti beneficiari delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento c) gli allievi degli istituti di istruzione e universitari e i partecipanti ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le attrezzature munite di videoterminali; d) i lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo determinato; e)i lavoratori che svolgono prestazioni occasionali di tipo accessorio; f) i lavoratori di cui alla l. 18 dicembre 1973, n. 877 ove la loro attività non sia svolta in forma esclusiva a favore del Datore di Lavoro committente;

20 Computo dei lavoratori (art. 4) g) i volontari, come definiti dalla l. 11 agosto 1991, n. 266, i volontari dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico, della difesa civile e della protezione civile e i volontari che effettuano il servizio civile; h) i lavoratori utilizzati nei lavori socialmente utili di cui al D.Lgs. 1°dicembre 1997, n. 468, e successive modificazioni e integrazioni; i)i lavoratori autonomi di cui allart del c.c., fatto salvo quanto previsto dalla successiva lettera l);art del c.c. l)i collaboratori coordinati e continuativi di cui allart. 409, n. 3, del c.c., nonché i lavoratori a progetto, ove la loro attività non sia svolta in forma esclusiva a favore del committente.art. 409, n. 3, del c.c., m)I lavoratori in prova

21 Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro

22 Le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro sono: la valutazione di tutti i rischi per la salute e sicurezza; la programmazione della prevenzione; leliminazione dei rischi e la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico; il rispetto dei principi ergonomici; la riduzione dei rischi alla fonte; la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso; la limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio; Misure generali di tutela (art. 15) state introdotte,modifiche di dettaglio Sono state introdotte, rispetto al D.Lgs. 626/94, modifiche di dettaglio in tema di misure generali di tutela.

23 lutilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro; la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; il controllo sanitario dei lavoratori (laddove risulti dalla Valutazione dei Rischi); lallontanamento del lavoratore dallesposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e lassegnazione di unaltra mansione; informazione e formazione adeguate per i lavoratori, dirigenti, preposti, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; istruzioni adeguate ai lavoratori; Misure generali di tutela (art. 15)

24 la partecipazione e consultazione dei lavoratori e dei RLS; la programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo della sicurezza, anche attraverso ladozione di codici di condotta e di buone prassi; misure di emergenza per il primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato; uso di segnali di avvertimento e di sicurezza; regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti. Misure generali di tutela (art. 15) Tutte le misure relative alla sicurezza, alligiene ed alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori

25 Delega di funzioni (art. 16) – Obblighi del datore di lavoro non delegabili (art. 17) La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, e' ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a) che essa risulti da atto scritto munito di data certa con accettazione; b) che il delegato possegga tutti i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; La delega di funzioni non esclude l'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. Il datore di lavoro non può comunque delegare le seguenti attività: -La valutazione dei rischi con la seguente elaborazione del Documento di Valutazione ei Rischi -La designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

26 Il datore di lavoro deve: nominare il medico competente, laddove la valutazione dei rischi lo renda necessario; designare preventivamente i lavoratori incaricati dellattuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dellemergenza; nellaffidare i compiti ai lavoratori, tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente; Obblighi del datore di lavoro (art. 18)

27 informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni materia di protezione; adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento; astenersi, salvo eccezioni espressamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di pericolo grave e immediato; consentire ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, lapplicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; consegnare tempestivamente al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, copia dei documenti connessi ai contratti dappalto o dopera o di somministrazione; elaborare il documento unico di valutazione dei rischi e consegnarne tempestivamente copia ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; nei casi di sorveglianza sanitaria, comunicare tempestivamente al medico competente la cessazione del rapporto di lavoro; consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dellevacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave e immediato; Obblighi del datore di lavoro (art. 18)

28 Nei luoghi di lavoro con più di 15 lavoratori, convocare la riunione periodica; aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro; comunicare in via telematica allInail e allIpsema nonché, per loro tramite al sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro, in caso di nuova elezione o designazione, i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; vigilare affinché i lavoratori per i quali vige lobbligo di sorveglianza sanitaria non svolgano la loro funzione specifica senza il prescritto giudizio di idoneità. Obblighi del datore di lavoro (art. 18)

29 Il datore di lavoro fornisce al Servizio di Prevenzione e Protezione : Obblighi del datore di lavoro (art. 18) la natura dei rischi; lorganizzazione del lavoro, la programmazione e lattuazione delle misure preventive e protettive; provvedimenti su misure tecniche che possono causare rischi per persone ed ambiente e quelli relativi alle malattie professionali; i provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza.

30 . In tal caso gli obblighi previsti dal D.Lgs. 81/08, relativamente ai predetti interventi, si intendono assolti, da parte dei dirigenti o funzionari preposti agli uffici interessati, con la richiesta del loro adempimento allamministrazione competente o al soggetto che ne ha lobbligo giuridico. Obblighi del datore di lavoro (art. 18) Gli obblighi relativi agli interventi strutturali e di manutenzione, comprese fornitura e manutenzione per rendere sicuri locali ed edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici, ivi comprese le istituzioni scolastiche ed educative, restano a carico dellamministrazione.

31 Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, che possono subire gli effetti delle sue azioni o omissioni, in linea con la sua formazione, le istruzioni e i mezzi forniti dal Datore di Lavoro. Obblighi dei lavoratori (art. 20)

32 In particolare, i compiti del lavoratore sono quelli di: contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, alladempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal Datore di Lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, nonché i dispositivi di sicurezza; utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione; segnalare immediatamente al Datore di Lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi nonchè qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle proprie competenze e possibilità e per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia allRLS;

33 non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza; partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal Datore di Lavoro; sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal D.Lgs. 81/08 o comunque disposti dal medico competente (dove previsto). Obblighi dei lavoratori (art. 20)

34 La valutazione dei rischi La valutazione dei rischi

35 Oggetto della valutazione dei rischi (art. 28 ) VALUTAZIONE La VALUTAZIONE, nella scelta delle attrezzature di lavoro, nella scelta delle sostanze o dei preparati chimici impiegati e nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui quelli collegati allo stress lavoro- correlato, i rischi riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, nonché quelli connessi alle differenze di genere, alletà, alla provenienza da altri paesi.

36 Oggetto della valutazione dei rischi (art. 28 ) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante lattività lavorativa, dove sono specificati i criteri adottati per la valutazione; lindicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati a seguito della valutazione; il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare e dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; DOCUMENTO Il DOCUMENTO (art. 17, c.1, lett. a, D.Lgs. 81/08 )art. 17, c.1, lett. a, D.Lgs. 81/08 redatto a conclusione della valutazione, deve avere data certa e contenere:

37 Oggetto della valutazione dei rischi (art. 28 ) lindicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio (dove previsto); lindividuazione delle mansioni che, eventualmente, espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

38 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi (art. 29 ) Il datore di lavoro effettua la valutazione ed elabora il documento di valutazione dei rischi (art. 17, c.1, lett. a) in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) e il medico competente, nei casi previsti.art. 17, c.1, lett. a Le attività di valutazione sono realizzate previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS).

39 I contenuti del documenti di valutazione Il documento relativo alla valutazione dei rischi è elaborato con il contributo delle diverse componenti presenti nella scuola e riporta quanto è stato intrapreso o viene programmato in tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Dovrà pertanto essere leggibile, sia per linguaggio che per esplicitazione delle tappe del percorso fatto. La scelta dei criteri di redazione del documento è rimessa al datore di lavoro, che vi deve provvedere con criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantire la completezza e lidoneità quale strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione. Il documento di valutazione dei rischi dovrà quindi contenere: A) I criteri adottati: In questa voce possono essere comprese indicazioni circa lindividuazione delle aree/posizioni di lavoro, dei compiti/mansioni dei lavoratori, di macchine/impianti/lavorazioni etc. oggetto della valutazione; standard di riferimento adottati; modalità con le quali è stata ottenuta la collaborazione degli esperti e la consultazione del rappresentante per la sicurezza; criteri seguiti per lassunzione delle decisioni, etc.

40 I contenuti del documenti di valutazione B) Le conclusioni della valutazione: E opportuno elencare i fattori di rischio presi in considerazione, per i quali la valutazione concluda circa lassenza di rischio o comunque per la non necessità di prevedere ulteriori misure di prevenzione; per gli altri rischi, invece, saranno riportati gli elementi utili a stimare gravità e probabilità delle possibili conseguenze, nonchè lidentificazione dei lavoratori esposti e, se disponibili, i relativi livelli di esposizione; C) Lindividuazione delle misure di prevenzione e di protezione definite in conseguenza della valutazione, nonchè delle attrezzature di protezione utilizzate; D) Il programma di attuazione di ulteriori misure previste per migliorare nel tempo i livelli di sicurezza.

41 Le sanzioni per i lavoratori I lavoratori sono puniti, a norma dellart. 59 del D.Lgs 81/08: a)con larresto fino a un mese o con lammenda da 200 a 600 euro non osservino le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale (cfr. art. 20, comma 2, let. b)); non utilizzino correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, nonche' i dispositivi di sicurezza (cfr. art. 20, comma 2, let. c)); non utilizzino in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione (cfr. art. 20, comma 2, let. d)); non segnalino immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi nonche' qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle proprie competenze e possibilita' per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (cfr. art. 20, comma 2, let. e)); nel caso rimuovano senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo (cfr. art. 20, comma 2, let. f));

42 Le sanzioni per i lavoratori Segue da let. a) nel caso compiano di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possano compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori (cfr. art. 20, comma 2, let. g)); nel caso non partecipino ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro (cfr. art. 20, comma 2, let. h)); nel caso non si sottopongano ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente (cfr. art. 20, comma 2, let. i)); nel caso rifiutino, senza giustificato motivo la designazione come incaricati di primo soccorso, prevenzione incendi o gestione delle emergenze (cfr. art. 43, comma 3). b)con la sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro nel caso in cui i lavoratori di aziende che svolgono attivita' in regime di appalto o subappalto, non espongano apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalita' del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro (cfr. art. 20, comma 3).

43 Il servizio di prevenzione e protezione Il servizio di prevenzione e protezione

44 Servizio di prevenzione e protezione (art. 31) Il ricorso a persone o servizi esterni è obbligatorio in assenza di dipendenti che, allinterno della struttura, siano in possesso dei requisiti idonei di cui allart. 32 del D.Lgs. 81/08.art. 32 del D.Lgs. 81/08 Anche se il datore di lavoro ricorre a persone o servizi esterni non è per questo esonerato dalla propria responsabilità in materia.

45 Gli addetti e responsabili dei servizi di prevenzione e protezione, devono possedere un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore e un attestato di frequenza, con verifica dellapprendimento, a specifici corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. Addetti e responsabili dei servizi di prevenzione e protezione (art. 32)

46 LRSPP deve inoltre possedere un attestato di frequenza, con verifica dellapprendimento, a specifici corsi di formazione in materia di: prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e psicologica da stress lavoro-correlato di cui allart. 28 del D.Lgs. 81/08;art. 28 del D.Lgs. 81/08 organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative; tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanenteG. U. del 14 febbraio 2006, n. 37 I corsi devono rispettare quanto previsto dall Accordo sancito il 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente Stato-regioni, pubblicato sulla G. U. del 14 febbraio 2006, n. 37, e successive modificazioni e integrazioni.26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente Addetti e responsabili dei servizi di prevenzione e protezione (art. 32)

47 Pur non essendo in possesso del titolo di studio di istruzione secondaria superiore e di un attestato di frequenza, dimostrino di aver svolto funzioni di RSPP O ASPP, professionalmente o alle dipendenze di un Datore di Lavoro, almeno da sei mesi alla data del 13 agosto 2003 previo svolgimento dei corsi secondo quanto previsto dallAccordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006.dallAccordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006 Possono inoltre svolgere le funzioni di RSPP o ASPP coloro che:

48 urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale; ingegneria civile e ambientale; ingegneria dellinformazione; scienze delleconomia e della gestione aziendale; scienze e tecnologie delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda; ingegneria industriale; scienze dellarchitettura e dellingegneria edile; professioni sanitarie della prevenzione; o di altre lauree o di lauree magistrali riconosciute corrispondenti ai sensi della normativa vigente Addetti e responsabili dei servizi di prevenzione e protezione (art. 32) sono esonerati dalla frequenza di corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. Coloro che sono in possesso di laurea in:

49 Compiti del servizio di prevenzione e protezione (art. 33) Il Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi professionali provvede: allindividuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e allindividuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro; ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui allart. 28 c. 2 del D.Lgs. 81/08 e i sistemi di controllo di tali misure;art. 28 c. 2 del D.Lgs. 81/08 ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori; a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica indetta una volta lanno dal Datore di Lavoro; a fornire ai lavoratori le informazioni sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro e sulle misure di primo soccorso, lotta antincendio.

50 Riunione periodica (art. 35) Nei luoghi di lavoro che hanno al loro interno più di 15 lavoratori, il datore di lavoro, direttamente o tramite il SPP, indice almeno una volta allanno una riunione cui partecipano: il datore di lavoro o un suo rappresentante; il RSPP; il medico competente, ove nominato; il RLS.

51 Nel corso della riunione, il datore di lavoro sottopone allesame dei partecipanti: il documento di valutazione dei rischi; landamento degli infortuni e delle malattie professionali e della sorveglianza sanitaria; i criteri di scelta, le caratteristiche tecniche e lefficacia dei dispositivi di protezione individuale; i programmi di informazione e formazione dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori ai fini della sicurezza e della protezione della loro salute. Riunione periodica (art. 35)

52 Codici di comportamento e buone prassi per prevenire rischi di infortuni e malattie professionali Obiettivi di miglioramento della sicurezza sulla base delle linee guida per un sistema di gestione di salute e sicurezza

53 Informazione e formazione Informazione e formazione

54 Informazione ai lavoratori (art. 36) sui rischi connessi alla attività in generale; sulle procedure che riguardano il primo soccorso, la lotta antincendio, levacuazione dei luoghi di lavoro; sui nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di primo soccorso e prevenzione degli incendi; sui nominativi del responsabile e degli addetti del servizio di prevenzione e protezione e del Medico Competente. Il datore di lavoro deve provvedere affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione:

55 Informazione ai lavoratori (art. 36) Il Datore di lavoro provvede allinformazione del lavoratore su: Rischi specifici cui è esposto in relazione allattività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni in materia Pericoli connessi alluso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica Misure e le attività di protezione e prevenzione adottate Fornisce inoltre le informazioni anche ai lavoratori a domicilio e ai lavoratori che rientrano nel campo di applicazione del contratto collettivo dei proprietari dei fabbricati.

56 Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata, con particolare riferimento a: concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti, organi di vigilanza, controllo, assistenza; rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici della scuola Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti (art. 37)

57 In occasione della costituzione del rapporto di lavoro o di somministrazione di lavoro Del trasferimento o cambiamento di mansioni Dellintroduzione di nuove attrezzature di lavoro o nuove tecnologie o sostanze pericolose

58 Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti (art. 37) I lavoratori incaricati dellattività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dellemergenza devono ricevere unadeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico. Nella Fattispecie: Addetti al Primo Soccorso devono frequentare un corso della durata di almeno 12 ore; Addetti Antincendio a Rischio ALTO un corso di formazione della durata non inferiore a 16 ore

59 Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti (art. 37) Il RLS ha diritto ad una formazione particolare in materia di salute e sicurezza sui rischi specifici presso gli ambiti in cui esercita la propria rappresentanza, in modo da possedere competenze adeguate sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi stessi. La durata minima dei corsi è di 32 ore

60 Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

61 Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (art. 47 ) Nei luoghi di lavoro con più di 15 lavoratori Il RLS è eletto o designato dai lavoratori nellambito delle rappresentanze sindacali. In assenza di tali rappresentanze, il rappresentante è eletto dai lavoratori al loro interno.

62 Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (art. 47 ) un rappresentante sino a 200 lavoratori; tre rappresentanti da 201 a lavoratori; sei rappresentanti oltre i lavoratori. In tali aziende il numero dei rappresentanti è aumentato nella misura individuata dagli accordi interconfederali o dalla contrattazione collettiva. Il numero minimo dei Rappresentanti è il seguente:

63 Attribuzioni del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (art. 50) Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il RLS: a)accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni; b)è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nella azienda o unità produttiva; c)è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del Medico Competente; d)è consultato in merito allorganizzazione della formazione (art. 37, c. 9, D.Lgs. 81/08);art. 37, c. 9, D.Lgs. 81/08 e)riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, alla organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali;

64 Attribuzioni del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (art. 50) f)riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza; g)riceve una formazione adeguata e, comunque, non inferiore a quella prevista dallart. 37 del D.lgs. 81/08;art. 37 del D.lgs. 81/08 h)promuove lelaborazione, lindividuazione e lattuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e lintegrità fisica dei lavoratori; i)formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti, dalle quali è, di norma, sentito; l)partecipa alla riunione periodica (art. 35, D.Lgs. 81/08);art. 35, D.Lgs. 81/08 m)fa proposte in merito alla attività di prevenzione; n)avverte il responsabile della azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività; o)può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal Datore di Lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.

65 La sorveglianza sanitaria La sorveglianza sanitaria

66 Titoli e requisiti del medico competente (art. 38) Per svolgere le funzioni di medico competente è necessario possedere uno dei seguenti titoli o requisiti: specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica; docenza o libera docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro; autorizzazione di cui allart. 55 del D.Lgs. 277/91;art. 55 del D.Lgs. 277/91; specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale e delle assicurazioni. con esclusivo riferimento al ruolo dei sanitari delle Forze Armate, compresa lArma dei carabinieri, e della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, svolgimento di attività di medico nel settore del lavoro per almeno quattro anni. introdottonel D.Lgs. 81/08, E stato introdotto nel D.Lgs. 81/08, rispetto al D.Lgs 626/94, lalbo dei medici competenti. I medici in possesso dei titoli suddetti sono iscritti nellelenco dei medici competenti istituito presso il Ministero della salute (DM 4/3/2009).

67 La gestione delle emergenze La gestione delle emergenze

68 Disposizioni generali per la gestione delle emergenze (art. 43 ) datore di lavoro, ai fini della prevenzione incendi e dellevacuazione dei luoghi di lavoro Il datore di lavoro, ai fini della prevenzione incendi e dellevacuazione dei luoghi di lavoro (art. 18, c. 1, lett. t, D.Lgs. 81/08), deve:art. 18, c. 1, lett. t, D.Lgs. 81/08 organizzare i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di primo soccorso, salvataggio, lotta antincendio e gestione dellemergenza; designare preventivamente i lavoratori incaricati dellattuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio e di gestione delle emergenze (art. 18, c. 1, let, b, D.Lgs. 81/08);art. 18, c. 1, let, b, D.Lgs. 81/08 informare tutti i lavoratori che possono essere esposti a un pericolo grave e immediato circa le misure predisposte e i comportamenti da adottare;

69 Disposizioni generali per la gestione delle emergenze (art. 43 ) programmare gli interventi, prendere i provvedimenti e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave e immediato che non può essere evitato, possano cessare la loro attività, o mettersi al sicuro, abbandonando immediatamente il luogo di lavoro; adottare i provvedimenti necessari affinché qualsiasi lavoratore, in caso di pericolo grave ed immediato per la propria sicurezza o per quella di altre persone e nellimpossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, possa prendere le misure adeguate per evitare le conseguenze di tale pericolo, tenendo conto delle sue conoscenze e dei mezzi tecnici disponibili; garantire la presenza di mezzi di estinzione idonei alla classe di incendio ed al livello di rischio presenti sul luogo di lavoro, tenendo anche conto delle particolari condizioni in cui possono essere usati. Lobbligo si applica anche agli impianti di estinzione fissi, manuali o automatici, individuati in relazione alla valutazione dei rischi.

70 Disposizioni generali per la gestione delle emergenze (art. 43 ) datore di lavoro, Il datore di lavoro, nella designazione dei lavoratori incaricati dellattuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio e di gestione delle emergenze, deve tener conto delle dimensioni delledificio secondo i criteri previsti nei decreti di cui all'art. 46, D.Lgs. 81/08.art. 46, D.Lgs. 81/08 LAVORATORI I LAVORATORI non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione. Essi devono essere formati, essere in numero sufficiente e disporre di attrezzature adeguate, tenendo conto delle dimensioni e dei rischi specifici dell'azienda o dell'unità produttiva. DATORE DI LAVORO Il DATORE DI LAVORO deve, salvo eccezioni debitamente motivate, astenersi dal chiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato.

71 Diritti dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato (art. 44 ) non può subire pregiudizio per tale azione, a meno che non abbia commesso una grave negligenza. non può subire pregiudizio alcuno e deve essere protetto da qualsiasi conseguenza dannosa. Il lavoratore che, in caso di pericolo grave, immediato e che non può essere evitato, si allontana dal posto di lavoro o da una zona pericolosa Il lavoratore che, in caso di pericolo grave e immediato e nell'impossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, prende misure per evitare le conseguenze di tale pericolo

72 Il primo soccorso Il primo soccorso

73 Primo soccorso (art. 45 ) Il datore di lavoro, tenendo conto della natura della attività e delle dimensioni dellazienda o della unità produttiva, prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza, tenendo conto delle altre eventuali persone presenti sui luoghi di lavoro e stabilendo i necessari rapporti con i servizi esterni, anche per il trasporto dei lavoratori infortunati. Allinterno degli Edifici Scolastici di prassi si stabilisce che vi siano almeno due addetti al Primo Soccorso. La formazione degli addetti andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico

74 Primo soccorso (art. 45 ) Il d.m. 15 luglio 2003, n. 388 prevede che le aziende ovvero le unità produttive sono classificate, tenuto conto della tipologia di attività svolta, del numero dei lavoratori occupati e dei fattori di rischio, in tre gruppi.d.m. 15 luglio 2003, n. 388 I.Aziende o unità produttive con attività industriali soggette all'obbligo di dichiarazione o notifica, di cui all'art. 2, del D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari di cui agli artt. 7, 28 e 33 del D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 230, aziende estrattive ed altre attività minerarie definite dal D.Lgs. 25 novembre 1996, n. 624, lavori in sotterraneo di cui al d.p.r. 20 marzo 1956, n. 320, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni; II.Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, quali desumibili dalle statistiche nazionali INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno. Le predette statistiche nazionali INAIL sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale; III.Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell'agricoltura. Gruppo A:

75 Primo soccorso (art. 45 ) Gruppo B: Aziende o unità produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A. Le Istituzioni scolastiche rientrano in tale Gruppo Gruppo C: Aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

76 Primo soccorso (art. 45 ) NEL CASO IN CUI LAZIENDA SIA CLASSIFICATA DI GRUPPO B dota il luogo di lavoro di una cassetta di pronto soccorso, Il datore di lavoro dota il luogo di lavoro di una cassetta di pronto soccorso, e di un mezzo di comunicazione idoneo ad attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale. Allinterno del Servizio di Prevenzione e Protezione è presente lAddetto alle chiamate in caso di Emergenza La cassetta di pronto soccorso deve essere tenuta presso ciascun luogo di lavoro e deve essere adeguatamente custodita in un luogo facilmente accessibile ed individuabile con segnaletica appropriata.

77 Primo soccorso (art. 45 ) CONTENUTO MINIMO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO Guanti sterili monouso (5 paia). Visiera paraschizzi Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1). Flaconi di soluzione fisiologica (sodio cloruro - 0, 9%) da 500 ml (3). Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10). Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2). Teli sterili monouso (2). Pinzette da medicazione sterili monouso (2). Confezione di rete elastica di misura media (1). Confezione di cotone idrofilo (1). Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso (2). Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2). Un paio di forbici. Lacci emostatici (3). Ghiaccio pronto uso (due confezioni). Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2). Termometro. Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa.

78 La prevenzione incendi

79 Prevenzione incendi (art. 46 ) La prevenzione incendi è la funzione di preminente interesse pubblico, di esclusiva competenza statale, nel rispetto delle competenze previste dallart. 117 della Costituzione e dagli statuti delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e di Bolzano in materia di salute e sicurezza del lavoro, diretta a conseguire, secondo criteri applicativi uniformi sul territorio nazionale: Gli obiettivi di sicurezza della vita umana, di incolumità delle persone e di tutela dei beni e dellambiente.

80 Prevenzione incendi (art. 46 ) I Ministri dellinterno, del lavoro e della previdenza sociale, in relazione ai fattori di rischio, adottano uno o più decreti nei quali sono definiti: A) Criteri diretti a individuare A) Criteri diretti a individuare: 1.Misure intese ad evitare linsorgere di un incendio e a limitarne le conseguenze qualora esso si verifichi 2.Misure precauzionali di esercizio 3.Metodi di controllo e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio 4.Criteri per la gestione delle emergenze B) Le caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, compresi i requisiti del personale addetto e la sua formazione. Nei luoghi di lavoro soggetti al D.Lgs. 81/08 devono essere adottate idonee misure per prevenire gli incendi e per tutelare lincolumità dei lavoratori.

81 Misure di prevenzione incendi nellIstituto Scolastico In caso di incendio si possono verificare due situazioni: A) A) Focolaio di modeste dimensioni aggredibile con semplice uso di estintore. In tal caso il personale preposto interviene direttamente sul focolaio.Può scattare o meno il segnale acustico dallarme procedendo allevacuazione delledificio intero. Avvisare comunque i VV.FF.

82 Misure di prevenzione incendi nellIstituto Scolastico Focolaio di rilevanti dimensioni In tal caso è necessario lanciare il segnale di evacuazione, avvisare i VV.FF, ed intervenire sullincendio con gli idranti a manichetta flessibile (vedi personale incaricato). In ogni caso mai mettere in pericolo la propria incolumità per il salvataggio di cose o strutture. Il docente presente in aula condurrà i propri alunni fuori delledificio seguendo la via di fuga prevista raggiungendo il punto di raccolta stabilito. Gli alunni incaricati quali Apri-Fila e Serra-Fila si disporranno uno allinizio della fila e uno in coda e collaborano con il docente affinché nessuno rimanga indietro. Il personale ATA in servizio al piano interviene sul focolaio con gli strumenti del caso presenti nel piano. Il personale incaricato del pronto soccorso sarà pronto ad accogliere allaperto o nei corridoi eventuali infortunati Chiunque dei presenti non abbia diretta responsabilità sulle operazioni connesse allevento assisterà e vigilerà sugli alunni nei luoghi di raccolta ed eviterà di intervenire di propria iniziativa a meno che non intervengano eventi imprevisti da gestire con attenzione ai pericoli e buon senso.

83 Luoghi di lavoro Luoghi di lavoro

84 Definizioni (art. 62) Si intendono per luoghi di lavoro i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all'interno delledificio scolastico, nonché ogni altro luogo di pertinenza della struttura accessibile al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro

85 Requisiti di salute e sicurezza (art. 63) I luoghi di lavoro devono essere conformi ai requisiti indicati nell'Allegato IV del D.Lgs 81/08.Allegato IV I luoghi di lavoro devono essere strutturati tenendo conto, dei lavoratori disabili. L'obbligo di strutturare i luoghi di lavoro tenendo conto della presenza di disabili vige, in particolare, per le porte, le vie di circolazione, gli ascensori e le relative pulsantiere, le scale e li accessi alle medesime, le docce, i gabinetti e i posi di lavoro utilizzati da lavoratori disabili. Ove vincoli urbanistici o architettonici ostino agli adempimenti il datore di lavoro, previa consultazione del RLS e previa autorizzazione dell'organo di vigilanza territorialmente competente, adotta le misure alternative che garantiscono un livello di sicurezza equivalente.

86 Requisiti di salute e sicurezza (art. 63) Spazi lavoro e di studio(Aule, laboratori, uffici, palestre, locali di servizio) Generalità La superficie minima per lavoratore deve essere di almeno 2 metri quadrati e la cubatura di almeno 10 metri cubi. Laltezza minima del soffitto deve essere di almeno 2,70 metri. La distanza minima tra le scrivanie deve essere di almeno 0,90 metri. La superficie di lavoro deve essere libera da ostacoli sia a terra sia in altezza. Il pavimento degli spazi di lavoro deve essere adeguato alle condizioni di utilizzo (per resistenza, caratteristiche tecniche). Il pavimento degli spazi di lavoro deve essere regolare e uniforme. Il pavimento degli spazi di lavoro deve essere pulito e libero di sostanze sdrucciolevoli. I locali adibiti a laboratorio (Tecnico–scientifico) devono essere situati in aree adeguate. Nelle aree adibite ad attività collettive (Aula magna, biblioteca, palestra) si deve verificare le condizioni dei locali di sicurezza, con particolare riferimento alla prevenzione incendi ed evacuazione. Ulteriore attenzione deve essere posta nella funzionalità dei locali di servizio adiacenti (Ripostigli, servizi igienici, eccetera).

87 Requisiti di salute e sicurezza (art. 63) Nei locali adibiti al contatto con il pubblico (Presidenza, direzione, uffici amministrativi) devono essere predisposti opportuni arredi ad agevolare le funzioni operative e ricettive. Barriere architettoniche Tutti i dislivelli vanno opportunamente superati mediante rampe o scivoli. I marciapiedi vanno mantenuti liberi da ostacoli (Auto, moto, biciclette in sosta). La fruibilità dei marciapiedi non deve essere ridotta I dislivelli che possono creare intralcio alla fruizione del disabile, se l'edificio è servito da ascensore o montascale, le caratteristiche e le dimensioni devono rispondere a quanto indicato dal D.M. 14 Giugno 1989, almeno un locale igienico per ogni piano deve essere agibile al disabile in carrozzina e deve essere opportunamente attrezzato, ecc. Spazi per attrezzature Verificare che gli spazi di lavoro e di studio siano ordinati e dotati delle attrezzature necessarie. Devono essere disposte aree specifiche per il posizionamento ottimale di attrezzature (Fotocopiatrici, fax, telex).

88 Requisiti di salute e sicurezza (art. 63) Porte e portoni Generalità Le porte dei locali devono consentire una rapida uscita dei lavoratori verso lesterno. Le porte dei locali devono consentire una rapida uscita dei lavoratori verso lesterno. Le porte dei locali devono essere apribili dallinterno. Le porte dei locali devono essere apribili dallinterno. Le porte dei locali devono essere libere da impedimenti allapertura. Le porte dei locali devono essere libere da impedimenti allapertura. Devono essere identificate le uscite ideali per una efficace evacuazione (Uscite di emergenza). Devono essere identificate le uscite ideali per una efficace evacuazione (Uscite di emergenza). Deve essere fatto divieto di fermata e/o sosta in prossimità delle porte di emergenza. Deve essere fatto divieto di fermata e/o sosta in prossimità delle porte di emergenza. I locali devono essere muniti di porte di larghezza adeguata e in numero sufficiente. I locali devono essere muniti di porte di larghezza adeguata e in numero sufficiente. Nei locali le porte di uscita devono essere larghe in modo adeguato. Nei locali le porte di uscita devono essere larghe in modo adeguato. Le porte trasparenti devono essere realizzate con materiali sicuri e deve essere apposto un segnale indicativo allaltezza degli occhi Le porte trasparenti devono essere realizzate con materiali sicuri e deve essere apposto un segnale indicativo allaltezza degli occhi.

89 Requisiti di salute e sicurezza (art. 63) Uscite di emergenza Devono essere identificate le Uscite per una efficace evacuazione. Devono essere identificate le Uscite per una efficace evacuazione. Le porte di emergenza devono avere altezza e larghezza conformi alle normative vigenti. Le porte di emergenza devono avere altezza e larghezza conformi alle normative vigenti. Le porte di emergenza devono aprirsi nel verso dellesodo con facilità. Le porte di emergenza devono aprirsi nel verso dellesodo con facilità. Le porte di emergenza devono essere chiaramente segnalate, dotate di illuminazione di sicurezza che entra in funzione anche in caso di mancanza di energia elettrica. Le porte di emergenza devono essere chiaramente segnalate, dotate di illuminazione di sicurezza che entra in funzione anche in caso di mancanza di energia elettrica. Le porte e le vie di emergenza devono essere sgombre da qualsiasi ostacolo e consentire luscita rapida nel verso dellesodo e in piena sicurezza dei lavoratori. Le porte e le vie di emergenza devono essere sgombre da qualsiasi ostacolo e consentire luscita rapida nel verso dellesodo e in piena sicurezza dei lavoratori.

90 Locali sotterranei o semisotterranei (art. 65) E' vietato E' vietato destinare al lavoro locali chiusi sotterranei o semisotterranei. Possono essere destinati al lavoro locali chiusi sotterranei o semisotterranei, quando ricorrano particolari esigenze tecniche. In tali casi il datore di lavoro provvede ad assicurare idonee condizioni di aerazione, di illuminazione e di microclima.

91 Uso delle attrezzature di lavoro Uso delle attrezzature di lavoro

92 Definizioni (art. 69) Attrezzatura di lavoro Qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto destinato ad essere usato durante il lavoro; Qualsiasi operazione lavorativa connessa ad una attrezzatura di lavoro, come la messa in servizio o fuori servizio, l'impiego, il trasporto, la riparazione, la trasformazione, la manutenzione, la pulizia, il montaggio, lo smontaggio; Uso di attrezzatura di lavoro Qualsiasi zona all'interno ovvero in prossimità di una attrezzatura di lavoro nella quale la presenza di un lavoratore costituisce un rischio per la salute o la sicurezza dello stesso; Zona pericolosa Lavoratore esposto Qualsiasi lavoratore che si trovi interamente o in parte in una zona pericolosa; Il lavoratore incaricato dell'uso di una attrezzatura di lavoro. Operatore

93 Quando sceglie le attrezzature di lavoro, il datore di lavoro prende in considerazione: le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere; i rischi presenti nell'ambiente di lavoro; i rischi derivanti dall'impiego delle attrezzature stesse; i rischi derivanti da interferenze con le altre attrezzature già in uso. Obblighi del datore di lavoro (art. 71) Il datore di lavoro mette a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi ai requisiti di sicurezza previsti dalle disposizioni legislative e regolamentari, adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi, le quali devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle direttive comunitarie

94 Il datore di lavoro si adopera affinchè le attrezzature di lavoro siano: installate ed utilizzate in conformità alle istruzioni d'uso; oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza specifici; corredate, ove necessario, da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione; assoggettate a misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza quando, in presenza di elevati livelli di rischio, le loro adozione ne garantisca una significativa riduzione; siano curati la tenuta e l'aggiornamento del registro di controllo delle attrezzature di lavoro per cui lo stesso è previsto. Obblighi del datore di lavoro (art. 71)

95 Qualora le attrezzature richiedano per il loro impiego conoscenze o responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, il datore di lavoro prende le misure necessarie affinchè: l'uso dell'attrezzatura di lavoro sia riservato ai lavoratori che abbiano ricevuto una informazione, formazione e addestramento adeguati; in caso di riparazione, di trasformazione o manutenzione, i lavoratori interessati siano qualificati in maniera specifica per svolgere detti compiti.

96 Nell'ambito degli obblighi di informazione ai lavoratori e formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti il datore di lavoro provvede affinchè ogni lavoratore abbia una necessaria informazione e istruzione e riceva una formazione e un addestramento adeguati per ogni attrezzatura di lavoro messa a disposizione, relativamente: Informazione, formazione e addestramento (art. 73) alle condizioni di impiego delle attrezzature alle situazioni anormali prevedibili

97 Uso dei dispositivi di protezione individuale Uso dei dispositivi di protezione individuale

98 Definizioni (art. 74) D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale) Per dispositivo di protezione individuale si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi per la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonchè ogni complemento o accessorio

99 Categorie I DPI sono suddivisi in tre categorie (art. 4, D.Lgs. n. 475/1992). Appartengono alla prima categoria, i DPI destinati a salvaguardare la persona da rischi di danni fisici di lieve entità. La persona che usa il DPI deve avere la possibilità di valutarne l'efficacia e di percepire se il DPI rimane efficiente per tutto il periodo in cui viene utilizzato. Prima categoria Rientrano esclusivamente in questa categoria i DPI che hanno la funzione di salvaguardare da: a) azioni lesive con effetti superficiali prodotte da strumenti meccanici; b) azioni lesive di lieve entità e facilmente reversibili causate da prodotti per la pulizia; c) rischi derivanti dal contatto o da urti con oggetti caldi, che non espongano ad una temperatura superiore a 50º C; d) ordinari fenomeni atmosferici nel corso di attività professionali; e) urti lievi e vibrazioni inidonei a raggiungere organi vitali ed a provocare lesioni a carattere permanente; f) azione lesiva dei raggi solari. Rientrano in questa categoria ad esempio i guanti, le tute e gli occhiali.

100 Categorie Terza categoria Appartengono alla terza categoria i DPI destinati a salvaguardare da rischi che possono provocare la morte o lesioni gravi e di carattere permanente. Nel progetto deve presupporsi che la persona che usa il DPI non abbia la possibilità di percepire tempestivamente la verificazione istantanea di effetti lesivi. Rientrano esclusivamente nella terza categoria: a) gli apparecchi di protezione respiratoria filtranti contro gli aerosol solidi, liquidi o contro i gas irritanti, pericolosi, tossici o radiotossici; b) gli apparecchi di protezione isolanti, ivi compresi quelli destinati all'immersione subacquea; c) i DPI che assicurano una protezione limitata nel tempo contro le aggressioni chimiche e contro le radiazioni ionizzanti; d) i DPI per attività in ambienti con condizioni equivalenti ad una temperatura d'aria non inferiore a 100º C, con o senza radiazioni infrarosse, fiamme o materiali in fusione; e) i DPI per attività in ambienti con condizioni equivalenti ad una temperatura d'aria non superiore a _50º C; f) i DPI destinati a salvaguardare dalle cadute dall'alto; g) i DPI destinati a salvaguardare dai rischi connessi ad attività che espongano a tensioni elettriche pericolose o utilizzati come isolanti per alte tensioni elettriche. Seconda categoria Appartengono alla seconda categoria i DPI che non rientrano nelle altre due categorie

101 Obbligo di uso (art. 75) Allinterno dellIstituto Scolastico lutilizzo dei DPI di prima categoria è riferito a lavori di pulizia e piccola manutenzione da parte dei collaboratori scolastici.

102 Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione manuale dei carichi

103 Campo di applicazione (art. 167 ) movimentazione manuale dei carichi Per movimentazione manuale dei carichi si intende linsieme di operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico, che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari. patologie da sovraccarico biomeccanico Per patologie da sovraccarico biomeccanico si intendono le patologie delle strutture osteoarticolari, muscolotendinee e nervovascolari.

104 Movimentazione manuale dei carichi Con riferimento alle misure di prevenzione e protezione da adottare i lavoratori addetti dovranno attenersi alle seguenti istruzioni ed osservare le seguenti misure di prevenzione e protezione: Non prelevare o depositare oggetti a terra o sopra l'altezza della testa Carichi non superiori a 25 kg per uomini adulti e 15 kg per donne adulte Il raggio di azione deve essere compreso, preferibilmente, fra l'altezza delle spalle e l'altezza delle nocche (considerando le braccia tenute lungo i fianchi) Se è inevitabile sollevare il peso da terra, compiere l'azione piegando le ginocchia a busto dritto, tenendo un piede posizionato più avanti dell'altro per conservare un maggiore equilibrio La zona di prelievo e quella di deposito devono essere angolate fra loro al massimo di 90° (in questo modo si evitano torsioni innaturali del busto); se è necessario compiere un arco maggiore, girare il corpo usando le gambe Fare in modo che il piano di prelievo e quello di deposito siano approssimativamente alla stessa altezza (preferibilmente fra i 70 e i 90 cm. da terra) Per posizionare un oggetto in alto è consigliabile utilizzare una base stabile (scaletta, sgabello, ecc.) ed evitare di inarcare la schiena

105 Attrezzature munite di videoterminale Attrezzature munite di videoterminale

106 Campo di applicazione (art. 172) Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano l'uso di attrezzature munite di videoterminali. non si applicano ai lavoratori addetti Le norme del presente titolo non si applicano ai lavoratori addetti: ai posti di guida di veicoli o macchine; ai sistemi informatici montati a bordo di un mezzo di trasporto; ai sistemi informatici destinati, in modo prioritario, all'utilizzazione da parte del pubblico; alle macchine calcolatrici, ai registratori di cassa e a tutte le attrezzature munite di un piccolo dispositivo di visualizzazione dei dati o delle misure, necessario all'uso diretto di tale attrezzatura; alle macchine di videoscrittura senza schermo separato.

107 VIDEOTERMINALE Uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato POSTO DI LAVORO L'insieme che comprende le attrezzature munite di videoterminale, o altro sistema di immissione dati, incluso il mouse, il software per l'interfaccia uomo-macchina, gli accessori opzionali, le apparecchiature connesse, comprendenti l'unità a dischi, il telefono, il modem, la stampante, il supporto per i documenti, la sedia, il piano di lavoro, nonchè l'ambiente di lavoro immediatamente circostante Definizioni (art. 173)

108 LAVORATORE Il lavoratore che utilizza un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per venti ore settimanali, dedotte le interruzioni di cui all'art. 175 del D.Lgs. 81/08. N.B. Le prescrizioni in materia di attrezzature per postazioni di VDT vengono applicate anche a coloro che non rientrano nel limite suddetto. Definizioni (art. 173)

109 Obblighi del datore di lavoro (art. 174) Il datore di lavoro, all'atto della valutazione del rischio di cui all'art. 28 del D.Lgs. 81/08, analizza i posti di lavoro con particolare riguardo:art. 28 del D.Lgs. 81/08 ai rischi per la vista e per gli occhi; ai problemi legati alla postura ed all'affaticamento fisico o mentale; alle condizioni ergonomiche e di igiene ambientale.

110 Il datore di lavoro adotta le misure appropriate per ovviare ai rischi riscontrati in base alle valutazioni, tenendo conto della somma, ovvero della combinazione della incidenza dei rischi riscontrati. Obblighi del datore di lavoro (art. 174) Il lavoratore, ha diritto ad una interruzione della sua attività mediante pause o cambiamento di attività. Pausa di quindici minuti ogni centoventi minuti di applicazione continuativa al videoterminale Pausa di quindici minuti ogni centoventi minuti di applicazione continuativa al videoterminale. Svolgimento quotidiano del lavoro (art. 175)

111 Caratteristiche postazione lavoro VDT

112 Sindrome Burn-out o stress lavoro correlato Sindrome Burn-out o stress lavoro correlato

113 La valutazione dello stress lavoro-correlato è effettuata nel rispetto delle indicazioni elaborate dalla commissione consultiva per la salute e la sicurezza sul lavoro di cui all'art. 6 del d.lgs. n. 81/2008, e il relativo obbligo decorre dalla elaborazione delle predette indicazioni e comunque, anche in difetto di tale elaborazione, a fare data dal 1° agosto Introduzione L'articolo 28 del D.Lgs. n. 81/2008 prevede, tra laltro, che la valutazione deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dellaccordo europeo dell8 ottobre 2004.

114 Introduzione Relativamente a questultimo profilo, la valutazione del rischio richiede ladozione degli stessi principi e processi basilari di altri pericoli presenti sul luogo di lavoro: identificare le fonti di stress, decidere quali azioni è necessario intraprendere, comunicare i risultati della valutazione e revisionarli a intervalli appropriati Se il problema di stress da lavoro è identificato, bisogna agire per prevenirlo, eliminarlo o ridurlo. La responsabilità di stabilire le misure adeguate da adottare spetta al datore di lavoro. Queste misure saranno attuate con la partecipazione e la collaborazione dei lavoratori e del RLS

115 Tra i segnali che denotano la presenza del problema, anche secondo laccordo interconfederale (art. 4, comma 1), rientrano: - alto tasso di assenteismo - elevata rotazione del personale - frequenti conflitti interpersonali - lamentele da parte delle persone - infortuni - disfunzioni o episodi di interruzione/rallentamento dei flussi comunicativi Indicatori oggettivi di potenziale stress

116 Modalità valutazione stress lavoro correlato istituto scolastico Il metodo si basa sullapplicazione periodica dei seguenti tre strumenti : una griglia di raccolta di dati oggettivi, che, raccogliendo informazioni su fatti e situazioni spia(o sentinella), fornisce una fotografia oggettiva della realtà scolastica rispetto al tema trattato una check list, che indaga le possibili sorgenti di stress e alcune problematiche di tipo organizzativo, permettendo nel contempo di individuare le possibili misure di prevenzione e miglioramento cui si aggiunge, solo in caso di rischio alto, un questionario soggettivo sulla percezione della problematica SL-C

117 Modalità valutazione stress lavoro correlato istituto scolastico

118 Nei casi in cui la valutazione si concluda con levidenziazione di un problema di stress lavoro correlato si adottano delle misure di prevenzione o protezione. Nello scegliere le misure ed i provvedimenti di prevenzione adeguati, dato il carattere variabile del fenomeno stress, legato a fattori imprevedibili (es. le diverse reazioni dei gruppi - o del singolo - nei confronti della medesima scelta che sia tecnica, gestionale, organizzativa o un evento che subentra nella vita di una persona), si possono adottare differenti misure. Tra queste: - misure tecniche, organizzative, procedurali - alternanza di mansioni nei limiti di legge e di contratto - riprogrammazione dellattività - particolare formazione e addestramento - forme di comunicazione - forme di coinvolgimento - particolare sorveglianza sanitaria. Misure di prevenzione e protezione

119 Rischio Elettrico Rischio Elettrico

120 Rischio Elettrico Il lavoratore deve utilizzare tutte le precauzioni necessarie per evitare che possano sussistere dei pericoli quando utilizza, pulisce ecc. macchine o altri elementi che per loro natura sono collegati allelettricità. Il lavoratore deve ricordare: Non manomettere o modificare parti di impianti elettrici o di macchine collegate ad esso Assicurarsi che non vi sia tensione in rete durante lesecuzione delle seguenti operazioni: pulizia dei lampadari pulizia dei lampadari sostituzioni di lampadine sostituzioni di lampadine pulizia di prese ecc. pulizia di prese ecc. In tali casi non basta spegnere linterruttore della corrente ma bisogna disattivare lintero impianto elettrico.

121 Rischio Elettrico Ricordarsi di: Sospendere subito luso dellapparecchio che è collegato ad una presa, se nellimmettere o togliere delle prese nelle spine di formano delle fiamme o scintille. Non utilizzare apparecchi che abbiano fili elettrici scoperti anche parzialmente o che abbiano prese non perfettamente funzionanti, ad esempio quando si può notare che la presa ha subito un surriscaldamento.. Non tirare mai il cavo di un apparecchio elettrico quando si disinserisce la sua spina dalla presa al muro, ma procedere alloperazione tirando direttamente la spina e mantenendo accuratamente la presa al muro.

122 Rischio Elettrico Limitare luso delle prese multiple che può essere causa di sovraccarico. Limitare luso delle prese multiple che può essere causa di sovraccarico. Evitare luso di prolunghe e cavi volanti Evitare luso di prolunghe e cavi volanti Non adoperare acqua e altre materie conduttrici in prossimità di conduttori ed apparecchi sotto tensione Non adoperare acqua e altre materie conduttrici in prossimità di conduttori ed apparecchi sotto tensione

123 Rischio Scale Rischio Scale

124 Scale fisse a gradini Se la scala è superiore a 4 gradini deve disporre di relativi pianerottoli al piano, deve disporre di parapetto su di un lato, deve presentare una fascia continua sul piano di calpestio rispondente ad un buon grado di invalicabilità. Entrambi i lati devono essere chiusi. La rampa deve essere delimitata lateralmente con la presenza di un corrimano. Il rapporto tra alzata e pedata deve essere regolato dalla formula 2a+p = cm con pedata minimo 30 cm. Le scale devono essere costruite in modo robusto e conforme alle modalità duso ed essere in grado di resistere ai carichi massimi derivanti dallaffollamento in condizioni di emergenza.

125 Scale portatili Le scale portatili sono attrezzature di largo impiego e negli anni il loro uso è stato oggetto di specifiche disposizioni legislative. Per rispettare i criteri di conformità alla normativa vigente, le scale portatili devono essere: costruite secondo norma UNI EN 131 e accompagnate dal nome del fabbricante, tipo di scala, anno e mese di fabbricazione, carico max. ammissibile, angolo dinclinazione e dichiarazione di conformità alla norma tecnica. accompagnate da breve descrizione con indicazione degli elementi costituenti e le istruzioni per la conservazione e manutenzione.

126 Scale portatili Di seguito si forniscono alcune indicazioni pratiche: Luso delle scale è riservato a personale fisicamente idoneo e non sofferente di disturbi legati allaltezza (vertigini, ecc.). Scegliere le scale a mano di dimensioni appropriate alluso. Non utilizzare le scale non rispondenti alle verifiche ai controlli ed informare il datore delle eventuali anomalie riscontrate.

127 Scale portatili Loperatore prima di impiegare la scala deve verificare lintegrità della scala nel suo insieme e dei dispositivi antisdrucciolevoli sui pioli e alle estremità inferiori. Quando vi è pericolo di sbandamento, la scala deve essere assicurata a parete fissa o trattenuta al piede da altro lavoratore. Salire o scendere dalle scale a mano sempre con il viso rivolto verso la scala stessa, ricorda che lungo il percorso verticale devi avere sempre tre arti appoggiati contemporaneamente sulla scala (regola dei tre appoggi). La scala deve essere utilizzata da una sola persona per volta. Scendere sempre prima dalla scala prima di compiere qualsiasi spostamento laterale..

128 Scale portatili Ricordare che non si sale o scende dalla scala tenendo in mano utensili o altri materiali. Non fare avvicinare persone estranee al lavoro ai luoghi in cui si opera. Non gettare alcun tipo di materiale dallalto anche se non sono presenti persone nella zona sottostante. Per evitare il ribaltamento occorre mantenere il proprio baricentro più allinterno possibile allapertura della scala, senza sbilanciarsi verso lesterno. Prestare la massima attenzione a persone e cose presenti sul percorso durante il trasporto manuale delle scale. Non eseguire riparazioni alla scala.

129 Microclima

130 Microclima La temperatura allinterno di ogni locale deve essere adeguata ( tra i 18-22° dinverno e i 20-24° destate) in modo da garantire una temperatura corporea entro i limiti tra 36,8 e 37,4° C. Allinterno di aule, laboratori, uffici bisogna garantire ladeguato ricambio daria con lapertura periodica delle finestre presenti e ladeguata protezione dalleccessivo soleggiamento nei periodi estivi anche attraverso lutilizzo di sistemi oscuranti (tende, veneziane)

131 Fotocopiatrici e stampanti

132 La fotocopiatura e stampa di documenti sono fra le più comuni e diffuse attività lavorative svolte presso gli uffici. La quotidianità di tali operazioni, non deve far dimenticare che, sia i prodotti per la stampa (toner), sia le macchine (fotocopiatrici, stampanti), producono sostanze alle quali occorre prestare un po dattenzione. In particolare, i toner sono composti da vari tipi di sostanze chimiche, che possono anche rientrare fra gli agenti chimici considerati pericolosi. Le stesse fotocopiatrici e stampanti laser, sono fonte di emissione di varie sostanze (ozono, formaldeide, composti organici volatili), alcune delle quali ad azione irritante. Generalmente, lattività di fotocopiatura e stampa svolta dai singoli lavoratori non è così frequente da ipotizzare significativi rischi per la salute dei lavoratori, pur tuttavia, si possono adottare ulteriori attenzioni volte a limitare ulteriormente i rischi:

133 Fotocopiatrici e stampanti In primo luogo, va privilegiato lacquisto di macchine a bassa emissione di ozono, e va curata la loro manutenzione. Inoltre, occorre preferire la stampa e la fotocopiatura di documenti corposi su macchine dedicate, collocate in locali dotati di adeguato ricambio daria, che non siano luoghi di lavoro permanente. Nei locali di lavoro dotati di fotocopiatrici e stampanti laser occorre garantire la possibilità di ventilazione e in generale si raccomanda di ventilare lambente di lavoro almeno quotidianamente Occorre provvedere all acquisizione di prodotti per la stampa (toner) di cui sia fornita una scheda di sicurezza completa e rispondente alla normativa ed è preferibile che contengano sostanze chimiche non pericolose; Infine si raccomanda di evitare manipolazioni che comportino la dispersione di toner e quindi la possibilità di esposizione anomala allo stesso.

134 Disfunzioni Vocali nei docenti Disfunzioni Vocali nei docenti

135 Disfunzioni vocali Docenti Le principali cause, individuali ed ambientali, che conducono allinsorgere della disfunzione vocale negli insegnanti risultano essere: - Fattori individuali: presenza di patologie associate (disturbi respiratori nasali, rinopatie allergiche, disturbi gastrici ), stili di vita particolari, abitudini vocali dannose (urlare). - Fattori professionali, carico vocale eccessivo senza effettuare pause vocali e senza lutilizzo di alcun sistema di amplificazione del suono. - Fattori ambientali: eccessivo sottofondo rumoroso, ambienti polverosi, ambienti grandi, sbalzi termici, ambienti secchi

136 Disfunzioni vocali Docenti Misure di prevenzione Evitare cattive abitudini dannose per la salute quali: fumo Ridurre rumore di sottofondo nelle classi Evitare ambienti con effetti di riverbero Ridurre lattività a voce alta con pause e incrementando attrezzature tecnologiche

137 Rischio Chimico Rischio Chimico

138 Rischio Chimico Il rischio di natura chimica è un rischio igienico - ambientale legato alla presenza di agenti chimici. E' legato essenzialmente alla mancata cognizione della pericolosità di ciò che si utilizza durante le lavorazioni e/o attività di laboratorio. Ogni sostanza o preparato può essere tossica per l'uomo quando causa danni organici e/o funzionali. La sostanza tossica può presentarsi sotto diverse forme (gas, polveri, vapori, ecc.) e può causare danni all'organismo venendo inalata attraverso le vie respiratorie, per contatto cutaneo, per ingestione, ecc.

139 Rischio Chimico Definizioni Sostanze:elementi chimici e loro composti; Preparati: miscugli o soluzioni composti da due o più sostanze; Polveri: particelle originatesi durante la lavorazione da operazioni meccaniche e trattamenti termici; Fumi: particelle solide disperse in aria, con dimensioni inferiori a 0,1 micron originatesi da fenomeni di sublimazione, condensazione, ossidazione; Nebbie: goccioline disperse in aria originatesi da spruzzatura o ebollizione di liquidi e condensazione di gas e vapori; Gas: sostanze che alle normali condizioni di pressione e temperatura (1 atm e 25 °C) sono in forma gassosa; Vapori: sostanze aeriformi che alle normali condizioni di pressione e temperatura (1 atm e 25 °C) sono in forma liquida; Dose limite (DL 50): quantità di prodotto per unità di peso corporeo (mg/Kg) che, assorbita, provoca la morte del 50% degli animali da esperimento.

140 Rischio Chimico Rischi Le vie attraverso le quali gli agenti chimici si possono introdurre nell'organismo sono tre: o o a. inalazione o o b. penetrazione attraverso la cute o le mucose o o c. ingestione La classificazione delle sostanze e dei preparati pericolosi Per classificare, ai fini della pericolosità, le sostanze (cioè gli elementi chimici o i loro composti) e i preparati ( cioè miscugli o soluzioni contenenti due o più sostanze) si considerano gli effetti fisici (esplosività, potere comburente. Infiammabilità) e gli effetti biologici. Le sostanze pericolose ( e di conseguenza i preparati da queste derivate ) sono suddivise nelle seguenti classi di pericolo in funzione della loro potenzialità:

141 Rischio Chimico

142

143

144

145 Rischio Chimico (laboratori) Nei laboratori chimici, per il particolare tipo di operazioni che vi si eseguono e per la particolarità delle apparecchiature e soprattutto delle sostanze che si utilizzano, è sempre da temere il pericolo di infortuni. Occorrerà quindi curare che la scelta e la disposizione degli ambienti e degli arredi, la organizzazione del lavoro in generale ed i procedimenti operativi adottati, i dispositivi di sicurezza disponibili e quelli in particolare che vengono utilizzati volta per volta, siano sempre rispondenti alla esigenza di minimizzare la possibilità di incidenti e di infortuni.

146 Rischio Chimico (laboratori) Chi opera in un laboratorio chimico deve sempre tenere presente che oltre a salvaguardare la propria salute ed incolumità fisica, deve salvaguardare anche quella degli altri operatori, compagni, colleghi che utilizzano le stesse strutture ed attrezzature; per fare questo deve conoscere nel modo migliore tutto ciò che è oggetto del proprio lavoro, operazioni da eseguire, apparecchiature da usare, caratteristiche di pericolosità delle sostanze che vengono impiegate, i pericoli che possono derivare da certe operazioni e le norme per evitarli o minimizzarli, e per questo gli devono essere messi a disposizione tutti gli strumenti di informazione necessari. In particolare quando si eseguono reazioni non abbastanza conosciute o si trattano prodotti chimici nuovi, occorre abbondare nelle misure di sicurezza, considerando pericolosa qualsiasi sostanza di cui non si conoscono bene le caratteristiche.

147 Rischio Chimico (laboratori) Un altro aspetto che deve essere sempre tenuto presente da chi opera in un laboratorio chimico è un corretto rapporto con le problematiche ambientali (scarichi, smaltimento dei rifiuti ecc.), sempre con l'obbiettivo prioritario di evitare danni alla propria ed alla altrui salute. Tutte le indicazioni in merito devono essere incluse allinterno del Regolamento dei laboratori Regolamento dei laboratori

148 Rischio Chimico (utilizzo detergenti) I detergenti sono sostanze chimiche che, a determinate concentrazioni, rimuovono lo sporco (materiale estraneo indesiderato) dalle superfici. La patologia da detergenti riguarda soprattutto la cute e consiste in dermatiti irritative e allergiche localizzate soprattutto alle mani, ai polsi, agli avambracci; molti detergenti infatti contengono sali di cromo e/o nichel provenienti dal ciclo produttivo.

149 Rischio Chimico (utilizzo detergenti) PRINCIPALI MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI Fondamentale risulta la scelta di detergenti di semplice composizione senza laggiunta di coloranti o profumi, ed il loro corretto utilizzo. Importante, inoltre, labbigliamento del personale addetto alla pulizia che deve essere protetto da eventuali contaminazioni attraverso luso di dispositivi di protezione individuale quali guanti, scarpe impermeabili. Nellutilizzo di detergenti per la pulizia personale sono da evitare quelli a pH non fisiologico ad azione irritante, poiché lirritazione della cute favorisce linsorgenza della sensibilizzazione. Allo stesso modo devono essere evitate le pratiche di eccessiva detersione e strofinio delle mani e degli avambracci che ledono lintegrità del film idrolipidico, il quale svolge unazione protettiva sulla cute (lintegrità del mantello cutaneo è essenziale per minimizzare il passaggio di allergeni agli strati più profondi della cute).

150 Rischio Biologico Rischio Biologico

151 Rischio biologico Le scuole sono annoverate tra i cosiddetti ambienti indoor (ambienti confinati di vita e di lavoro). In esse si svolgono sia attività didattiche in aula, in palestra, e/o in laboratorio, sia attività amministrative. Per il rischio biologico, unattenzione particolare meritano gli istituti che hanno indirizzi particolari quali quello microbiologico o agrario. In tali scuole, infatti, spesso vengono svolte attività in laboratorio che richiedono il contatto con colture microbiologiche o esercitazioni nel settore agricolo e zootecnico.

152 Rischio biologico FONTI DI PERICOLO BIOLOGICO Cattivo stato di manutenzione e igiene delledificio; inadeguate ventilazione degli ambienti e manutenzione di apparecchiature e impianti (ad es. impianti di condizionamento e impianti idrici); arredi e tendaggi. Per il tipo di attività svolta, in ambienti promiscui e densamente occupati, il rischio biologico è legato anche alla presenza di coloro che vi studiano o lavorano (insegnanti, studenti, operatori e collaboratori scolastici) ed è principalmente di natura infettiva (da batteri e virus). A ciò si aggiunge il rischio di contrarre parassitosi, quali pediculosi e scabbia e il rischio allergico (pollini, acari della polvere, muffe, ecc.). Fonti di pericolo specifiche per istituti ad indirizzo microbiologico o agrario possono essere le colture microbiologiche, le sostanze o i prodotti vegetali e animali.

153 Rischio biologico PREVENZIONE E PROTEZIONE Manutenzione periodica delledificio scolastico, degli impianti idrici e di condizionamento Idoneo dimensionamento delle aule in relazione al numero di studenti (evitare sovraffollamento) Benessere microclimatico (temperatura, umidità relativa, ventilazione idonee) Adeguate e corrette procedure di pulizia degli ambienti e dei servizi igienici con utilizzo di guanti e indumenti protettivi; mascherine in caso di soggetti allergici Vaccinoprofilassi per insegnanti e studenti Sorveglianza sanitaria dei soggetti esposti Controlli periodici delle condizioni igienico-sanitarie dei locali, inclusi controlli della qualità dellaria indoor e delle superfici Formazione e sensibilizzazione del personale docente e non docente, degli allievi e delle famiglie in materia di rischio biologico


Scaricare ppt "Indice generale corso di formazione lavoratori Introduzione generale Definizioni e campo di applicazione Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro."

Presentazioni simili


Annunci Google