La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Principio di necessità nel trattamento dei dati (art.3 codice privacy) I sistemi informativi e i programmi informatici sono configurati riducendo al minimo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Principio di necessità nel trattamento dei dati (art.3 codice privacy) I sistemi informativi e i programmi informatici sono configurati riducendo al minimo."— Transcript della presentazione:

1 Principio di necessità nel trattamento dei dati (art.3 codice privacy) I sistemi informativi e i programmi informatici sono configurati riducendo al minimo l’utilizzazione di dati personali e di dati identificativi, in modo da escluderne il trattamento quando le finalità perseguite nei singoli casi possono essere realizzate mediante, dati anonimi od opportune modalità che permettano di identificare l’interessato solo in caso di necessità.

2 Campo di applicazione art.5 cod. privacy il trattamento dei dati, anche detenuti all’estero, effettuato da chiunque è stabilito nel territorio dello Stato o in un luogo comunque soggetto alla sovranità dello Stato

3 Trattamento Art.4 cod. privacy qualunque operazione o complesso di operazioni anche senza l’ausilio di strumenti elettronici, concernenti: la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la conservazione, la consultazione, l’elaborazione, la modificazione, la selezione, l’estrazione, il raffronto, l’utilizzo, l’interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca dati.

4 Dati personali art.4 cod.privacy Qualunque informazione relativa a persona fisica, giuridica, ente o associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale.

5 Dati identificativi art.4 cod.privacy I dati personali che permettono l’identificazione diretta dell’interessato

6 Dati sensibili art.4 cod.privacy I dati personali idonei a rivelare l’origine razziale o etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.

7 Titolare art.4 cod.privacy La persona fisica, giuridica, pubblica amministrazione o altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine: alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza.

8 Responsabile art.4 cod.privacy La persona fisica, giuridica, pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento di dati personali

9 Incaricati art.4 cod.privacy Le persone fisiche autorizzate a compiere operazioni di trattamento dal titolare o dal responsabile

10 Interessato art.4 cod.privacy La persona fisica, la persona giuridica, l’ente o l’associazione cui si riferiscono i dati personali

11 Comunicazione art.4 cod.privacy Il dare conoscenza dei dati personali a uno o più soggetti determinati diversi: dall’interessato, dal rappresentante del titolare nel territorio dello Stato, dal responsabile e dagli incaricati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione.

12 Diffusione art.4 cod.privacy Il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione

13 Dato anonimo art.4 cod.privacy Il dato che in origine, o a seguito di trattamento, non può essere associato ad un interessato identificato o identificabile

14 Blocco art.4 cod.privacy La conservazione dei dati personali con sospensione temporanea di ogni altra operazione del trattamento

15 Banca dati art.4 cod.privacy Qualsiasi complesso organizzato di dati personali, ripartito in una o più unità dislocate in uno o più siti

16 Comunicazione elettronica art.4 cod.privacy Ogni informazione scambiata o trasmessa tra un numero finito di soggetti tramite un servizio di comunicazione elettronica accessibile al pubblico.

17 Diritti dell’interessato art.7 cod.privacy Diritto di accesso ai dati personali conferma dell’esistenza di dati che lo riguardano origine dei dati finalità e modalità del trattamento logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici

18 Diritti dell’interessato art.7 cod.privacy Gli estremi identificativi del titolare, del responsabile e del rappresentante designato dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati

19 Diritti dell’interessato art.7 cod.privacy L’aggiornamento, la rettificazione o l’integrazione quando vi ha interesse la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione alla legge

20 Diritti dell’interessato art.7 cod.privacy Diritto di opporsi, in tutto o in parte: per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale

21 Regole generali per il trattamento dei dati art.11 cod.privacy Trattati in modo lecito e secondo correttezza raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi esatti e se necessario aggiornati pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati. Conservati per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi

22 Informativa art.13 cod.privacy L’interessato previamente informato oralmente o per iscritto le finalità e le modalità del trattamento la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati le conseguenze di un eventuale rifiuto i soggetti cui i dati possono essere comunicati

23 Danni cagionati per effetto del trattamento art.13 cod.privacy Chiunque cagiona danni ad altri per effetto del trattamento dei dati personali è tenuto al risarcimento ai sensi dell’art.2050 c.c. il danno non patrimoniale è risarcibile anche in caso di violazione dell’art.11 (modalità di trattamento e requisiti dei dati)

24 Internet e reti telematiche art.133 cod.privacy Il Garante promuove la sottoscrizione di un codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuato dai fornitori di servizi di comunicazione e informazione offerti mediante reti di comunicazione elettronica, per favorire una più ampia trasparenza e correttezza nei confronti dei medesimi utenti e il rispetto dei principi del codice

25 Reclamo segnalazione, se non è possibile un reclamo circostanziato ricorso (se si intende far valere un specifico diritto) Tutela dinanzi al Garante art.13 cod.privacy

26 Tutela art.145 cod.privacy I diritti di cui all’art.7 del codice privacy possono essere fatti valere dinanzi all’Autorità giudiziaria o al Garante il precedente ricorso al Garante o all’autorità giudiziaria rende improponibile un’ulteriore domanda

27 Tutela art.145 cod.privacy Ricorso contro un provvedimento del garante entro 30 gg. Provvedimento ricorribile in Corte di Cassazione


Scaricare ppt "Principio di necessità nel trattamento dei dati (art.3 codice privacy) I sistemi informativi e i programmi informatici sono configurati riducendo al minimo."

Presentazioni simili


Annunci Google