La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Trecento: tra crisi e conflitti Il declino dell’economia europea. Cambiamenti climatici Crescente squilibrio tra aumento della popolazione e produzioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Trecento: tra crisi e conflitti Il declino dell’economia europea. Cambiamenti climatici Crescente squilibrio tra aumento della popolazione e produzioni."— Transcript della presentazione:

1 Il Trecento: tra crisi e conflitti Il declino dell’economia europea. Cambiamenti climatici Crescente squilibrio tra aumento della popolazione e produzioni 1315: grande carestia 1342: squilibri finanziari. Edoardo III non paga i banchieri che avevano fornito prestiti

2 La Peste Nera 1346: a Caffa i Genovesi sono assediati dai Tartari. Prima forma di guerra batteriologica: vengono catapultati i cadaveri di appestati

3 La più grande paura della Storia L’Europa perde circa di uomini. “Rivincita” dell’incolto. Crisi delle società urbane …e basta?

4 Sentirsi soli, smarriti e deboli: la prepotente irruzione del male nella realtà

5 L’Europa all’alba della Guerra dei Cent’Anni

6 La guerra: premesse dinastiche

7 1337: scoppia la Guerra 1328: Filippo di Valois è incoronato re di Francia Edoardo III d’Inghilterra si dichiara suo vassallo in Aquitania 1337: Filippo invade l’Aquitania Edoardo reagisce e accampa diritti dinastici

8 Il dramma della Guerra

9 Le fasi salienti della guerra 1356: a Crepy il Principe Nero cattura Giovanni II di Francia. 1415: ad Azincourt gli inglesi sconfiggono i francesi

10 “Questo è il giorno di San Crispino…”

11 La riscossa francese 1429: Giovanna d’Arco assedia Orleans 1453: termina la Guerra a favore dei Francesi

12 La crisi del papato nell’Italia centrale 1 L’assenza del Papa alimenta tentativi di autonomia cittadina 1347: Cola di Rienzo a Roma diventa Tribuno del Popolo Romano Iniziano i conflitti con la nobiltà romana Dopo un inizio positivo iniziano anche gli scontri con il Papa

13 La crisi del papato nell’Italia centrale 2 Tentativi di autonomia anche nei territori dello Stato della Chiesa Necessità di risolvere questi tentativi di autonomia

14 La crisi del papato nell’Italia centrale 3 Nel 1353 Innocenzo VI invia come vicario generali in Italia il Card. Albornoz Nel 1354 entra a Roma e asseconda Cola di Rienzo che verrà tuttavia ucciso dal popolo. Nel 1355 sconfigge Galeotto I Malatesta e riporta Rimini e i Malatesta sotto il controllo papale. Nel 1356 assume il controllo di Marche e Romagna

15 Il papato dopo Avignone 1377: ritorna il papa a Roma Aprile 1378: viene eletto Urbano VI Settembre 1378: i cardinali francesi eleggono un antipapa. Clemente VII

16 Il grande scisma

17 Un tentativo di conciliazione: Pisa 1409 Si cerca di definire un concilio a Pisa per risolvere lo Scisma. Si decide di deporre i due pretendenti papi: Benedetto XIII e Gregorio XII Viene eletto Alessandro V…ma i due papi non se ne vanno. Risultato? Ora ci sono 3 papi.

18 Un altro tentativo: Costanza Ci sono oramai tre papi: l’imperatore Sigismondo fa proprie le teorie conciliariste e convoca un concilio. I tre papi adbicano (o vengono deposti dal concilio) Viene nominato Martino V


Scaricare ppt "Il Trecento: tra crisi e conflitti Il declino dell’economia europea. Cambiamenti climatici Crescente squilibrio tra aumento della popolazione e produzioni."

Presentazioni simili


Annunci Google