La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Terapia non farmacologica. Terapia NON farmacologica Cosa? Come? Quando?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Terapia non farmacologica. Terapia NON farmacologica Cosa? Come? Quando?"— Transcript della presentazione:

1 Terapia non farmacologica

2 Terapia NON farmacologica Cosa? Come? Quando?

3 Cosa? Tecniche che tendono a modificare quei fattori che aumentano o a rendono più angosciante e drammatica la sensazione dolorosa, e che interferiscono con la percezione del dolore, per lo più, attraverso la modulazione Terapia NON farmacologica

4 Distraction modulates Connectivity of the Cingulo- frontal cortex and the midbrein during pain – an fMRI analysis Valet M et al – Pain 109 (2004) Terapia NON farmacologica Cosa?

5 il bambino è maggiormente predisposto ad apprendere ed usare le TNF nel bambino, maggiore è l’efficacia rispetto alle età successive (maggior plasticità del SN) non sono costose e molte, facilmente attuabili. Terapia NON farmacologica - Vantaggi

6 di supporto e relazione (sostengono e danno forza al bambino ed alla famiglia) cognitivi (influenzano i pensieri dei bambini) comportamentali (modificano i comportamenti) fisici (interessano il sistema sensoriale). Come? Terapia NON farmacologica

7 La scelta della tecnica in base a: 1.età 2.situazione clinica 3.tipologia del dolore 4.capacità e volontà di collaborazione 5.risorse e competenze disponibili Spesso si utilizza un approccio multi-modale Come? Terapia NON farmacologica

8 1.informazione/comunicazione/responsabilizzazione 2.coinvolgimento nei processi decisionali e nella valutazione e gestione del dolore 3.organizzazione del lavoro dell’equipe medico- infermieristica a partenza dalle esigenze di bambino e famiglia 4.ambiente/contesto consono ad età del bambino/neonato e situazione clinica e familiare Come? Terapia NON farmacologica TECNICHE DI SUPPORTO E RELAZIONE

9 METODI COGNITIVI OBIETTIVO PRINCIPALE dei METODI COGNITIVI è quello di deviare l’attenzione dal dolore, focalizzandola selettivamente su stimoli diversi o incompatibili con esso: questo rallenta / inibisce il processamento delle componenti sensoriale ed affettiva del dolore. Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

10 I METODI COMPORTAMENTALI hanno invece l’obiettivo di modificare alcuni fattori emozionali, comportamentali, familiari e situazionali che interferiscono con la risposta del bambino alla sintomatologia dolorosa Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

11 VANTAGGI facile applicabilità e non interferenza con il trattamento medico coinvolgimento del bambino: che diventa il centro dell'attenzione ed impara ad avere un pieno senso di controllo e di partecipazione attiva coinvolgimento dei genitori e dell'operatore: che diventano parte integrante dell'intero processo Come ? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

12 DISTRAZIONE Potente tecnica non farmacologica di applicazione semplice ed immediata che non richiede un precedente insegnamento. Il bambino focalizza l’attenzione su uno stimolo alternativo e ciò permette un’alterazione della sua percezione sensoriale (allontana l'ansia e la paura) La distrazione deve essere appropriata all'età del bambino Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

13 BOLLE DI SAPONE Costituiscono un connubio tra distrazione e rilassamento. Distrazione: si riferisce alla formazione delle bolle da cui il bambino può rimanere affascinato Rilassamento consiste nell’espirazione necessaria a soffiare. Funzionano in tutte le età Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

14 RESPIRAZIONE Aiuta il bambino a ridurre l’ansia già dall’età di 3-4 anni Utile per il dolore da procedura, ma è efficace anche per il dolore cronico, in combinazione con il trattamento farmacologico Diverse possibilità applicative Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

15 RILASSAMENTO Si invitano i bambini a rilasciare la muscolatura così da avere il corpo morbido e rilassato come un “budino”, partendo dal collo, passando alle spalle, alla pancia fino alle braccia e alle gambe Indicata nel dolore cronico e nel dolore da procedura per ridurre la rigidità muscolare Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

16 VISUALIZZAZIONE Viaggio mentale nel luogo preferito: è una tecnica cognitivo-comportamentale complessa, a carattere ipnotico, che consiste nell’utilizzo dell’immaginazione in modo che il bambino si concentri su un’immagine mentale di un’esperienza piacevole anziché sul dolore Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

17 DESENSIBILIZZAZIONE il bambino, attraverso la concentrazione mentale, riesce ad abbassare la sensibilità di una precisa zona corporea (ad esempio la mano per l’incannulamento o la schiena per la puntura lombare). Esempi di desensibilizzazione sono la tecnica del guanto magico e la tecnica dell’interruttore. Come? Terapia NON farmacologica METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI

18 VALUTARE La scelta della tecnica · Desiderio/ Parere del bambino · Caratteristiche di personalità del bambino · Parere dei genitori Setting · Ambiente confortevole Genitori presenti, partecipanti · Parlare a voce basse e tranquilla · Poche persone · Tempi adeguati METODI COGNITIVI/COMPORTAMENTALI Come?

19 Modificano ed alterano la dimensione sensoriale del dolore, bloccando la trasmissione degli input nocicettivi lungo le vie nervose periferiche e centrali Come? Terapia NON farmacologica TECNICHE FISICHE

20 1. Posizionamento corporeo 2. Contatto corporeo (tocco, carezze, massaggio) Come? Terapia NON farmacologica TECNICHE FISICHE

21 ambiente tranquillo e confortevole usare le mani calde procedere con gentilezza parlare dolcemente valutare la reazione del bambino e comportarsi di conseguenza se non gradisce, non insistere rispettare i tempi TECNICHE FISICHE Come?

22 Sempre in integrazione alla terapia farmacologica TECNICHE NON FARMACOLOGICHE Quando?

23

24  TNF parte integrante del programma antalgico Esistono TNF adeguate ad ogni età Importante è l’approccio individualizzato Essenziale è l’alleanza terapeutica con i genitori Terapia NON farmacologica MEMENTO


Scaricare ppt "Terapia non farmacologica. Terapia NON farmacologica Cosa? Come? Quando?"

Presentazioni simili


Annunci Google