La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cloud SIA V anno. Wordpress L’importanza dei contenuti L’importanza dei contenuti è diventata fondamentale nel Marketing Online. Creare un blog, che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cloud SIA V anno. Wordpress L’importanza dei contenuti L’importanza dei contenuti è diventata fondamentale nel Marketing Online. Creare un blog, che."— Transcript della presentazione:

1 Cloud SIA V anno

2 Wordpress

3 L’importanza dei contenuti L’importanza dei contenuti è diventata fondamentale nel Marketing Online. Creare un blog, che sia personale o della propria azienda, è uno dei canali più potenti per farsi conoscere e pubblicizzare le proprie idee, prodotti e servizi. Il Content Marketing permette di rendere il proprio prodotto interattivo e più interessante, andando a costruire una vera e propria Brand Reputation.

4 Wordpress Wordpress è il CMS (Content Management System) open source più utilizzato per costruire il proprio blog. Lavora tramite interfaccia grafica e permette di gestire i propri contenuti (articoli, video, immagini, file, ecc.) in maniera molto intuitiva. I suoi punti di forza risiedono in: - grande interattività - facilità di installazione - elevata personalizzazione - senza dimenticare, il fatto che si tratta di un prodotto gratuito

5 La forza della semplicità La semplicità di Wordpress non esclude che si tratti di un software dalla straordinaria potenza in termini di gestione, consultazione e, aspetto fondamentale quando si parla di Marketing Online, posizionamento nei motori di ricerca del proprio blog.

6 La creazione degli articoli La creazione degli articoli ben esemplifica la semplicità di utilizzo di Wordpress. Questa operazione si rivela, infatti, praticamente identica a quella offerta da un qualunque elaboratore di testo (per esempio Microsoft Word). È possibile impostare l’editor degli articoli in: - impostazione visuale WYSIWYG - impostazione HTML che ci permette di attuare un controllo sul codice

7 Un software da personalizzare Wordpress può essere utilizzato per creare prodotti di successo e dal forte impatto grafico, anche solo sfruttando i contenuti e le opzioni, fornite dalla versione base. È possibile, però, reperire in rete numerosi contenuti aggiuntivi utili a una completa personalizzazione del pacchetto. Ricerca e installazione dei contenuti aggiuntivi sono gestibili, in maniera molto intuitiva e immediata, anche dalla sezione dedicata alle estensioni, presente direttamente tra le pagine del programma.

8 Requisiti per l’installazione Wordpress DEVE essere installato su un server che deve disporre delle seguenti caratteristiche: - PHP o più recente; - MySQL 5.0 o più recente; - Server Apache 2.x. PHP è il linguaggio con cui è costruito Wordpress MySQL è il database che ospiterà i contenuti del nostro blog. Tutto girerà all’interno della piattaforma software Apache, uno dei server più utilizzati per la gestione di qualunque tipo di sito web.

9 Struttura di un CMS/Blog In un CMS esistono due tipologie di contenuti: - le pagine, da utilizzare per descrivere l’oggetto del blog. Le pagine classiche potrebbero essere: chi siamo, i nostri prodotti, i servizi offerti, contattaci, a proposito di noi. - gli articoli, collegati ai singoli argomenti presenti sulle pagine. Gli articoli sono assegnati a Categorie che aiutano nella scelta dei post da leggere. I widget sono piccole applicazioni che, inserite nelle sidebar del nostro blog per visualizzare particolari informazioni e link.

10 Hosting o non hosting? Per creare un blog con Wordpress puoi scegliere di procedere in due modi: - registrandoti su WordPress.com per attivare il blog senza dover attivare e gestire servizi di hosting. Questa modalità di utilizzo presenta alcune limitazioni legate soprattutto all’impossibilità di scaricare plugin aggiuntivi o inserire pubblicità nel nostro blog. - scaricando Wordpress dal sito WordPress.org avrai accesso a una versione senza limitazioni ma legata alla gestione dell’hosting che comporta un costo per lo spazio e per il dominio che ospiterà la versione definitiva del blog.

11 …Non hosting Avendo obiettivi didattici, optiamo per l’utilizzo online. Il primo passo è quello di collegarsi all’indirizzo Per avviare la registrazione occorre selezionare il tasto Comincia qui

12 Maschera per la creazione dell’account Comparirà la schermata per la creazione del proprio account, in cui inserire indirizzo e nome utente, password e indirizzo del blog.

13 La prima scelta importante La necessità di fornire un indirizzo del blog fin dalla prima registrazione ci mette subito di fronte a una delle scelte più importanti che possano palesarsi nel momento in cui si decide di creare il proprio blog. L’indirizzo, e quindi il nome del blog, è così fondamentale perché una buona scelta consente di identificare al meglio il blog tra le miliardi di siti presenti in rete. L’obiettivo è quello di trovare un nome che suoni bene, piaccia, sia facilmente ricordabile e, soprattutto, sia ancora disponibile.

14 Un buon nome fa la differenza Per la scelta di buon nome potrebbe essere utile considerare alcuni suggerimenti: - inserire nel nome parole chiave che rimandino all’argomento del blog - il nome potrebbe rifarsi, oltre che all’argomento, anche al nome dell’azienda - scegliere un nome semplice, facile da ricordare - non utilizzare punteggiatura particolare - potrebbe essere interessante creare giochi di parole che permettano all’utente di ricordare più facilmente il nome

15 A un clic di distanza Compilato il “modulo” per la creazione dell’account occorre accedere alla casella di posta elettronica fornita nella registrazione per completare e convalidare l’intero processo. Nella nostra casella di posta troveremo una mail di Wordpress che, attraverso il link “Activate blog” ci permette di accedere al pannello di amministrazione del blog appena registrato.

16 Titoli e tag Subito dopo la ricezione della prima , Wordpress invierà un secondo messaggio di posta attraverso cui ci invita ad assegnare un titolo al nostro sito e aggiungere etichette (tagline) per meglio identificare l’argomento del nostro sito e permettere una più semplice individuazione nei motori di ricerca. Queste operazioni possono anche essere affrontate in un secondo momento o modificate direttamente dal pannello di amministrazione di Wordpress

17 wp-admin Per accedere al nostro sito occorre digitare il nome del blog secondo il seguente formato: (Ovviamente, al posto di nomedelblog occorre inserire il nome del nostro blog, fornito al momento della registrazione). Raggiunto l’indirizzo wp-admin inseriamo username e password per autenticarsi e accedere al pannello di amministrazione del nostro blog.

18 Il pannello di amministrazione

19 Impostazioni generali

20 La bacheca di Wordpress La Bacheca è la prima pagina che si apre dal momento in cui accedi al tuo pannello di amministrazione Wordpress. La bacheca è la centrale operativa, da dove modificare tutto il sito. Il suo obiettivo principale è quello di fornire una panoramica dello stato di aggiornamento del blog. La Bacheca è personalizzabile cliccando sul tasto Impostazioni schermo sito in alto a destra.

21 I widget Le informazioni ricavabili dalla bacheca sono visualizzate in alcuni box, chiamati widget. Un widget è un’applicazione che facilita alcune operazioni all’utente. Tra i widget della bacheca possiamo trovare: - Stato attuale che riporta valori statistici del blog e il nome del tema in uso - Commenti, semplifica la gestione dei commenti - Bozze recenti, riepiloga gli ultimi articoli in bozza - QuickPress, utile per pubblicare velocemente un contenuto

22 Concetti chiave dei CMS Presentiamo, ora, una utile panoramica circa alcuni concetti chiave su cui è basata l’attività di un CMS: - pagine: pagine html che nascono per essere statiche all’interno della struttura. Strutturare efficacemente le pagine significa riuscire a creare una buona organizzazione e, quindi, dei efficienti menu per il blog - categorie: indicano la categoria in cui sono assegnati gli articoli del blog - tag: etichette inserite in articoli e pagine per aiutare la navigazione del blog - articoli (post): pagine html che nascono per essere dinamiche all’interno della struttura del blog. Sono articoli che, nel loro insieme, formano il diario (blog) perché sono generati dal blogger. Sono il cuore del blog.

23 Il menu di Wordpress Analizziamo le voci del menu di Wordpress: - Bacheca: contiene informazioni sul blog - Articoli: permette di gestire e creare gli articoli del blog - Media: permette di gestire e aggiungere immagine e video - Link: permette di gestire i collegamenti ai siti - Pagine: permette di creare e gestire le pagine del blog - Commenti: visualizza i commenti al blog, raggruppati in categorie (in sospeso, approvati, spam, cestinati) - Aspetto: permette di selezionare il tema e personalizzarlo - Utenti: permette di creare gli utenti e gestirne i permessi - Strumenti: permette di inviare articoli via mail, importare articoli e commenti da altri blog, cancellare il sito, spostare i messaggi, i commenti e i media su un altro sito - Impostazioni: apre le aree di configurazione del blog

24 Scrivere un articolo La stesura di un articolo è gestita da una schermata di editor molto simile a quella di Microsoft Word. La prima area di scrittura è dedicata al titolo dell’articolo, appena sotto è presente l’area di scrittura dedicata al testo vero e proprio del nostro articolo. In questa sezione è disponibile anche una barra strumenti che permette di formattare il testo. In qualsiasi momento è possibile controllare la resa a schermo del nostro articolo, attraverso il comodo tasto Anteprima.

25 Altre opzioni per i post Ogni post dopo essere stato redatto deve essere: - associato a una categoria - impostato con i tag alle parole chiave e all’argomento Quando l’articolo è pubblicato sulla Home Page del blog potrebbe rivelarsi troppo “ingombrante”. Per evitare di presentare una Home Page monopolizzata da articoli monstre è possibile inserire un Tag More dall’editor. Questo espediente permette di visualizzare a schermo la prima parte del post per poi accedere all’articolo completo semplicemente cliccando sulla scritta Continua a leggere… Il tutto, come detto, per rendere l’Home Page più dinamica e visualizzare, in una sola porzione della stessa, più articoli contemporaneamente.

26 Inserire un’immagine nel post In ogni caso TUTTE le immagini inserite andranno ad aggiungersi alla Libreria media che raccoglie TUTTI i contenuti multimediali che abbiamo utilizzato. Verrai rimandato alla schermata in figura. Da qui è possibile: - Caricare un’immagine dal computer - Caricare un’immagine da Internet - Caricare un’immagine tra quelle presenti nelle Libreria media di Wordpress Nei nostri articoli è possibile affiancare al testo delle immagini semplicemente selezionando il pulsante Aggiungi media dalla barra di formattazione del testo.

27 Modificare e cancellare un post Nel caso in cui si voglia modificare un articolo già salvato occorre selezionarlo dal menu principale, sezione Articoli, tutti gli articoli e poi optare per: - Modifica - Modifica velocemente - Cestina - Anteprima Per velocizzare le operazioni, in caso di modifiche da applicare “a tappeto” su tutti gli articoli, Wordpress mette a nostra disposizione delle Azioni di Gruppo, tra cui Spostare nel cestino o Modifica. Al termine dell’operazione occorre sempre salvare le modifiche cliccando sul pulsante Aggiorna.

28 Modificare un’immagine La finestra di modifica delle immagini è suddivisa in due schede: - Dalla scheda Modifica immagine puoi modificare le dimensioni dell’immagine, il suo allineamento, il titolo, la didascalia associata e il link. - Dalla scheda Impostazioni avanzate è possibile, tra le altre cose, modificare le dimensioni del file, aggiungere un bordo, inserire una spaziatura. Come sempre, dopo aver ultimato le lavorazioni sull’immagine, salva le modifiche attraverso il tasto Aggiorna.

29 Pubblicare un articolo Ogni articolo può essere: - visibile a tutti - protetto da password - privato Una volta impostati questi aspetti, è possibile: - salvare l’articolo in bozza con il tasto Salva bozza - pubblicarlo direttamente con il pulsante Pubblica È possibile anche impostare una data e un ora in cui rendere disponibile l’articolo che, quindi, si pubblicherà in automatico al momento selezionato.

30 Aggiungere un post a una categoria Tutti gli articoli realizzati devono appartenere a una Categoria così che possano essere ordinati per argomento. Le categorie rappresentano gli argomenti trattati dal blog. Per creare una categoria occorre selezionare la voce Categorie all’interno del sottomenu della sezione Articoli e digitare il nome della categoria direttamente nella casella di testo dedicata. Per associare un post a una categoria, ci si rifà al box delle categorie inserito nella schermata Aggiungi articolo, da cui spuntare la categoria desiderata.

31 Gestire i commenti I commenti ricoprono un ruolo molto importante in un blog, lo rendono vivo e ampliano la discussione, creando interazione fra utente e blogger. Ogni commento è un aggiornamento del blog e, un blog aggiornato di frequente è ben visto da utenti e motori di ricerca. La gestione dei commenti spetta all’amministratore del blog, tramite la voce Commenti, da cui è possibile vedere: - tutti i commenti - commenti in sospeso, in attesa di “moderazione” - commenti approvati - commenti considerati spam - commenti cestinati

32 Le pagine Una pagina è differente da un articolo. Gli articoli sono visualizzati sulla Home Page le pagine costituiscono la struttura del blog e contengono informazioni sul blog stesso. Le pagine sono statiche! NON hanno data di pubblicazione e sono gestite in modo differente dagli articoli.

33 Creare una nuova pagina Le operazioni per creare una nuova pagina sono, comunque, molto simili a quanto già visto per la creazione di un articolo. Dalla Bacheca selezioniamo la voce Pagine, quindi Aggiungi nuova. La schermata che ci appare è praticamente la medesima che ci si presenta quando vogliamo creare un nuovo post. A differenza degli articoli, le pagine NON hanno una categoria a cui essere assegnate ma si rifanno alla struttura del blog. Avremo quindi, pagine di primo livello e pagine collegate a queste e, quindi di secondo o terzo livello… e così via, in una vera e propria struttura gerarchica.

34 Gestire i link in un articolo Per arricchire il blog di contenuti è importante saper inserire, all’interno di un articolo o di una pagina, un link a un altro sito o a una pagina interna. I link sono risorse destinate a fornire informazioni esattamente come con post e pagine. Nel momento in cui si crea un post o una pagina, basta selezionare il testo che deve diventare likabile e fare clic sul pulsante Inserisci/modifica link. Si aprirà una finestra da cui inserire un URL. Ultimata la selezione del link Selezioniamo Aggiungi link per conferma.

35 Amministratore del blog In uno stesso blog è possibile trovare diverse tipologie di utenti, con ruoli e facoltà ben diversificate: L’amministratore è il gestore del sito. Ha libero accesso a ogni aspetto del sito. Oltre al creatore del sito, è possibile assegnare il ruoli di amministratore a altri utenti, ma si consiglia di farlo solo quando si ha piena fiducia nel collaboratore.

36 L’editore In uno stesso blog è possibile trovare diverse tipologie di utenti, con ruoli e facoltà ben diversificate: L’editore è un utente che può visualizzare tutte le sezioni del pannello, eccetto la sezione Aspetto, e una versione limitata delle sezioni Strumenti e Impostazioni. Può modificare il proprio profilo, scrivere un articolo e pubblicarlo SENZA l’approvazione dell’amministratore, può modificare un articolo dopo la pubblicazione, può scrivere pagine, visualizzare gli articoli e i commenti del blog pubblicati dagli altri utenti. Ha la facoltà di modificare e cancellare articoli e pagine scritti da altri utenti e dall’amministratore. Può, infine, creare nuove categorie.

37 L’autore In uno stesso blog è possibile trovare diverse tipologie di utenti, con ruoli e facoltà ben diversificate: L’autore è un utente che può visualizzare tutte le sezioni del pannello eccetto Aspetto e Impostazioni. NON vedrà le sezioni Link e Pagine e avrà una versione limitata della sezioni Strumenti. Può modificare il proprio profilo, scrivere articoli e pubblicarli senza l’approvazione dell’amministratore, può modificarlo dopo la pubblicazione, NON può scrivere pagine, può visualizzare articoli e commenti degli altri utenti.

38 Il collaboratore In uno stesso blog è possibile trovare diverse tipologie di utenti, con ruoli e facoltà ben diversificate: Il collaboratore può visualizzare le sezioni del pannello Bacheca, Articoli, Commenti, Profilo e una versione limitata della sezione Strumenti. Può modificare il proprio profilo, può scrivere un articolo che DEVE essere approvato dall’amministratore prima della pubblicazione, NON può scrivere pagine, può visualizzare gli articoli e i commenti degli altri utenti.

39 Il sottoscrittore In uno stesso blog è possibile trovare diverse tipologie di utenti, con ruoli e facoltà ben diversificate: Il sottoscrittore può modificare il proprio profilo. Le uniche sezioni del pannello di controllo che può visualizzare sono la Bacheca e il Profilo e una versione ANCORA PIÙ limitata della sezione Strumenti. Può scrivere un articolo che DEVE essere approvato dall’amministratore prima della pubblicazione, NON può caricare file e immagini.

40 Il follower In uno stesso blog è possibile trovare diverse tipologie di utenti, con ruoli e facoltà ben diversificate: I followers sono utenti che riceveranno notifiche ogni qualvolta che pubblicheremo nuovi contenuti. NON possono modificare NULLA!

41 Aggiungere nuovi utenti Per aggiungere nuovi utenti con un ruolo specifico, occorre scegliere la voce Utenti del menu principale e, dal sottomenu corrispondente, selezionare Invita nuovo. Viene così visualizzata una schermata in cui inserire il nome del nuovo utente, l’indirizzo della persona, il ruolo e un messaggio. Completati i campi del “modulo” occorre cliccare sul pulsante Manda invito per inviare alla casella di posta del nuovo utente una mail contenente l’invito che permetterà all’utente di ultimare la procedura di creazione dell’account, attraverso il link Accetta l’invito.

42 Impostare i temi I temi di Wordpress (template) sono soluzioni grafiche che comprendono strutture a colonne con immagini, menu, e varie possibilità di personalizzazione dei plugin. Possono essere scaricati in modalità diverse, caricati facilmente in Wordpress, essere gratuiti o a pagamento. È possibile modificare template selezionandone uno dalla sottovoce Temi della sezione Aspetto. Attraverso il pulsante Personalizza si possono apportare modifiche al tema attivo: - cambiando colore dei vari aspetti - impostando nuove immagini per testata e sfondo - modificando il layout iniziale - aggiornando titolo e sottotitolo del blog Considerato che alcuni temi modificano radicalmente la struttura del blog è buona norma consultare l’Anteprima per valutare la resa a video.

43 Gestire il menu Wordpress permette di creare menu personalizzati dalla sottovoce Menu della sezione Aspetto. Per creare un menu personalizzato occorre assegnare un nome al menu e cliccare sul tasto Crea menu. Successivamente vengono scelti i vari elementi (pagine, categorie, link) dalla colonna preposta alla selezione. Aggiunti gli oggetti desiderati occorre dare loro un ordine. Per completare la creazione del nuovo menu basta cliccare il pulsante Salva menu.

44 Gestire i widget Un widget è un elemento, molto simile a un plugin, che aggiunge funzionalità in modo flessibile al sito, lavorando in aree “ridotte” come il footer o la sidebar. I widget possono essere gestiti tramite la sezione Widget dell’area Aspetto del menu principale. Generalmente variano da blog a blog, tra i più importanti possiamo ricordare: - gestione ultimi articoli e commenti - modulo di ricerca - calendario Per inserire un widget è sufficiente trascinarlo nelle aree presenti sulla destra della schermata dedicata ai widget e, salvare.

45 I plugin I plugin sono veri e propri pezzi di codice e programmi che interagiscono con Wordpress per ampliarne le funzionalità. Saper utilizzare i plugin si rivela un’arma spesso vincente per decretare le fortune del proprio blog. In rete sono disponibili numerosi di plugin differenti, alcuni gratuiti, altri a pagamento. Per installare un nuovo plugin occorre selezionare la voce Aggiungi nuovo dalla sezione Plugin del menu principale.

46 Indicizzare il sito L’indicizzazione di un blog indica l’efficienza del suo posizionamento nei motori di ricerca. Avere molti contenuti indicizzati nel migliore dei modi significa tanto traffico diretto al proprio sito e, di conseguenza, un blog molto popolare. Il posizionamento del sito nei motori di ricerca è, pertanto, un dettaglio fondamentale e, al contempo, un’attività particolarmente complessa che dipende da diversi fattori: - ottimizzazione del sito stesso - ottimizzazione dei contenuti (SEO) - numero di link in entrata ricevuti (influenzato grazie a un’attività di SEM) - tempo di permanenza in rete del sito, numero di visite, ecc.

47 SEO L’ottimizzazione sui motori di ricerca, indicata dal termine SEO (Search Engine Optimation) indica tutte quelle attività e procedure che aiutano un sito a essere meglio indicizzato, tramite un’ottimale e migliore lettura da parte di sistemi automatici (spider) che gestiscono le pagine dei risultati di ricerca (SERP). Queste operazioni, per restituire risultati soddisfacenti, devono essere affidate a professionalità esperte che sono in grado di capire come funzionano i sistemi di indicizzazione dei motori e come sfruttarli al meglio.

48 Self SEO È comunque possibile provare a ottimizzare autonomamente il proprio sito sui motori di ricerca seguendo alcune semplici strategie: - far conoscere il proprio sito sfruttando le pagine di segnalazione - utilizzare permalink ottimizzati - appoggiarsi ai tag - adoperare le sitemaps Un fattore fondamentale, tanto quanto estraneo alle procedure tecniche per l’ottimizzazione, è, e sarà sempre possedere CONTENUTI DI QUALITÀ! Per quanto riguarda le keywords da utilizzare, occorre tenere presente che: - siano in linea con gli argomenti del sito - non siano troppo generiche - vengano scelte dopo un’attenta analisi, per parola chiave, della concorrenza - scegliere combinazioni di parole chiave specifiche per mirare meglio il target

49 SEM Una buona attività di SEO deve essere sostenuta da una buona attività di SEM (Search Engine Marketing), cioè quel ramo del web marketing applicato ai motori di ricerca, avente lo scopo di portare al sito, tramite motori di ricerca, il maggior numero di visitatori REALMENTE interessati ai suoi contenuti. Ciò è possibile grazie a: - attività di branding per dare visibilità al marchio - promozione diretta di prodotti e servizi - lead generation, ovvero acquisizione di contatti commerciali, richieste di preventivo e di consulenza, ecc. - studio del mercato - comunicazione sulle SERP e SEO Anche in questo caso, tutto il lavoro tecnico ha poco valore senza una ottimale, mirata e attenta ORGANIZZAZIONE e CONTROLLO sul proprio lavoro!


Scaricare ppt "Cloud SIA V anno. Wordpress L’importanza dei contenuti L’importanza dei contenuti è diventata fondamentale nel Marketing Online. Creare un blog, che."

Presentazioni simili


Annunci Google