La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Salute a Torino - 17 gennaio 2006 Domiciliarità in lungoassistenza: il nuovo modello torinese Aziende Sanitarie 1, 2, 3, 4 Città di Torino LA CASA CURA,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Salute a Torino - 17 gennaio 2006 Domiciliarità in lungoassistenza: il nuovo modello torinese Aziende Sanitarie 1, 2, 3, 4 Città di Torino LA CASA CURA,"— Transcript della presentazione:

1 La Salute a Torino - 17 gennaio 2006 Domiciliarità in lungoassistenza: il nuovo modello torinese Aziende Sanitarie 1, 2, 3, 4 Città di Torino LA CASA CURA, CURA LA CASA

2 1 La realtà di partenza Ampia offerta di interventi settoriali e frammentati 3ADI 3ADP 3SID 3Ospedalizzazione a domicilio 3Cure palliative 3ADPO 3Pasti caldi 3Assegno di cura 3Affido famigliare 3Assistenza domiciliare 3Telesoccorso Presa in carico dell’utenza in tempi diversi

3 2 Superare la frammentarietà e settorialità degli interventi Rispondere in modo congiunto ai bisogni emergenti Garantire appropriatezza delle risposte Qualità e personalizzazione degli interventi Il Progetto Torino Domiciliarità Un’opportunità per:

4 3 L’impulso della normativa DGR 41/2002 e DGR 62/ Linee guida per le cure domiciliari Accordo regionale sui Livelli Essenziali di Assistenza (L.E.A.) – DGR 51/2003 per la compartecipazione sanitaria sulla lungoassistenza DGR 17/ ll ruolo dell’UVG

5 4 Le sperimentazioni realizzate La Valutazione Congiunta I percorsi formativi integrati Le Emergenze stagionali La Domiciliarità leggera L’Adest/Oss come garante del PAI Il Progetto Vicinato Solidale* Le assistenti familiari* (*con il contributo della Compagnia San Paolo)

6 5 Gli obiettivi del riordino –Consolidare gli strumenti di valutazione del bisogno sociale –Omogeneizzare i criteri d’accesso –Ridefinire il sistema della cura –Passare dall’intervento per prestazioni al metodo della progettazione individualizzata –Costituire un albo fornitori accreditati

7 6 I contenuti dell’Accordo di Programma Continuità delle cure tra acuzie e lungoassistenza Istruttoria integrata con i MMG per definire l’assistibilità a domicilio Valutazione multidimensionale del bisogno in sede UVG Individuazione dei criteri di priorità nell’attivazione degli interventi Definizione integrata del Piano Assistenziale Individualizzato

8 7 Il ruolo del cittadino e della sua rete Al centro del sistema dei servizi Da destinatario a protagonista del suo progetto Da oggetto a soggetto della cura Da Fruitore a Committente delle prestazioni


Scaricare ppt "La Salute a Torino - 17 gennaio 2006 Domiciliarità in lungoassistenza: il nuovo modello torinese Aziende Sanitarie 1, 2, 3, 4 Città di Torino LA CASA CURA,"

Presentazioni simili


Annunci Google