La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il problema dei rifiuti solidi urbani. (II parte).

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il problema dei rifiuti solidi urbani. (II parte)."— Transcript della presentazione:

1 Il problema dei rifiuti solidi urbani. (II parte)

2 Le discariche controllate In Puglia in funzione chiuse

3 In dettaglio per la discarica controllata Vantaggi 1.rapidità d’installazione (può essere operativa in 2-3 mesi) 2.basso investimento economico iniziale 3.è un sistema di smaltimento definitivo 4.facilità di conduzione, dal momento che non e soggetto ad interruzione di servizio per guasti e manutenzione 5.permette il recupero dell’area a scopi agricoli o a servizi sociali con opportuni interventi di bonifica a fine esercizio 6.recupero e riciclo del biogas a scopi energetici Svantaggi 1.scarsità di terreni disponibili nelle vicinanze dei centri urbani 2.possibili rischi ambientali per le falde, la popolazione, la flora e la fauna 3.ostilità delle popolazioni circostanti, anche quando vi sono le condizioni ambientali idonee alla sua realizzazione 4.l’attività può essere ostacolata dalle condizioni meteorologiche 5.richiede maggiori superfici di terreno rispetto ad altri sistemi di trattamento 6.potrebbe provocare fenomeni di subsidenza del terreno adibito a discarica controllata, anche a distanza di molti anni dal completamento dello scarico, per effetto della compattazione a lungo termine dei rifiuti 7.perdita definitiva di materiali ed energie altrimenti recuperabili, attraverso varie modalità

4 Rifiuti per categoria di discarica - 1 Categoria 1 Tipo di rifiuti rifiuti solidi urbani ed assimilabili : con composizione merceologica analoga (erba, ecc.) con smaltimento senza emissioni o affluenti pericolosi non contaminati da sostanze pericolose rifiuti ospedalieri da incenerire fanghi non tossici né nocivi derivati da impianti di depurazione di reflui civili

5 Rifiuti per categoria di discarica - 2 CategoriaTipo di rifiuti 2A rifiuti speciali inerti: da demolizioni, costruzioni e scavi materiali ceramici cotti vetri di vari tipi rocce e materiali litoidi da costruzione 2 B rifiuti sia speciali sia tossici e nocivi, tal quali o trattati, purché: le sostanze di cui all’all. del DPR siano in concentrazioni inferiori a 1/100 delle classi della tab. 2.2 sottoposti a prova di cessione producano un eluato conforme ai limiti della tabella A della legge 319/76, limitatamente ai metalli compresi nell’allegato al DPR 915 rifiuti contenenti polveri o fibre di amianto in concentrazioni fino a mg/kg 2 C rifiuti speciali: da lavorazioni industriali, artigianali, agricole, commerciali e di servizi che non siano chiaramente assimilabili a RSU dall’attività di trattamento dei rifiuti e da depurazione degli effluenti r. tossici di cui all’all.al DPR 915 in concentrazioni inferiori 10 volte le rispettive classi di cui alla tab. 2.2.

6 Rifiuti per categoria di discarica - 3 CategoriaTipo di rifiuti 3 rifiuti speciali: ospedalieri e simili, liquidi, comburenti, infiammabili con punto di infiammabilità

7 Come è fatta una discarica ? membrana di tessuto non tessuto vecchi pneumatici di protezione inerti rsu biogas compattatore

8 Tipi di discariche in rilevato prima dopo prima dopo prima dopo in cava dismessa in pendio

9 I problemi di una discarica controllata Percolato Biogas Cattivi odori Inquinamento termico ecc. Ambientali Localizzazione Ottimizzazione geometrica Costi di gestione ecc. Tecnici

10 Due suggerimenti bibliografici Gervasoni S. – Discariche controllate – Hoepli Milano Tutone G. – Nuove discariche controllate di rifiuti solidi. Progetto di massima assistito al computer con software in ambiente Windows – Flaccovio Ed. Palermo


Scaricare ppt "Il problema dei rifiuti solidi urbani. (II parte)."

Presentazioni simili


Annunci Google