La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 SPINOZA La ragione divinizzata arete-consulenzafilosofica.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 SPINOZA La ragione divinizzata arete-consulenzafilosofica.it."— Transcript della presentazione:

1 1 SPINOZA La ragione divinizzata arete-consulenzafilosofica.it

2 2 La vita e le opere Di famiglia ebraica portoghese, Baruch de Spinoza, nasce nel 1632 ad Amsterdam. Vive la sua giovinezza nella comunità ebraica della sua città, frequentando la sua scuola dove può studiare la Bibbia, il Talmud e la filosofia ebraica medioevale. Dal 1652 è alla scuola dell’umanista ex gesuita Francesco van den Enden dove acquisisce dimestichezza con il latino e la filosofia scolastica, ma soprattutto dove conosce Giordano Bruno e Cartesio. Nel 1656 viene espulso dalla comunità ebraica con l’accusa di eresia. Per tale motivo si trasferirà in un’altra cittadina olandese (Rijnsburg) dove imparerà il mestiere di ottico che gli servirà per il suo sostentamento materiale nella vita. Conosce diversi studiosi e scienziati che lo stimolano nelle sue ricerche, le quali danno origine nel 1660 ad un Breve trattato su Dio in cui il suo pensiero già appare abbozzato nelle sue linee fondamentali. Nello stesso anno elabora il testo metodologico Trattato sulla purificazione dell’intelletto. arete-consulenzafilosofica.it

3 3 La vita e le opere 2 Nel 1661 ha già iniziato la stesura della sua opera maggiore l’Ethica more geometrico demonstrata. Nel 1663 esce la sua prima e unica pubblicazione autografa in vita: “I principi della filosofia di Renato Cartesio dimostrati secondo l’ordine geometrico. Sempre del 1663 è un nuovo trasferimento a Voorsburg, cittadina olandese dove conosce e frequenta il paladino della tolleranza religiosa Jan De Witt, che gli offre una pensione per poter vivere più agiatamente continuando i suoi studi. Nel 1670 esce anonimo il Trattato teologico-politico, opera che a causa della prospettiva favorevole alla libertà religiosa e alla democrazia, e a motivo del suo razionalismo estremo, è stigmatizzata dalla Chiesa calvinista olandese. Dopo l’invasione francese dell’Olanda e l’assassinio di Jan De Witt, nella città in cui si era trasferito, l’Aja, riceve l’invito ad assumere una cattedra all’università di Heidelberg, che però rifiuta per non perdere l’autonomia di pensiero e la libertà che sempre avevano caratterizzato il suo itinerario filosofico. Ad Amsterdam tenta di promuovere la pubblicazione dell’Ethica, ma vi rinuncia a causa dell’ostracismo dei circoli filosofici e religiosi più influenti nella città. Nel 1677 muore di tubercolosi a L’Aja, a soli 44 anni. arete-consulenzafilosofica.it

4 4 Breve trattato su Dio Nella sua prima opera Spinoza determina quale sia il problema fondamentale della sua filosofia: “Come può l’uomo soddisfare la sua aspirazione alla felicità?” La risposta, sulla quale si incardina la sua intera riflessione è la seguente: “La felicità si trova in Dio” arete-consulenzafilosofica.it

5 5 Dio Dio è l’unica sostanza esistente e tutto ciò che è, è in Dio. Dunque Spinoza è un panteista, cioè identifica Dio con la totalità del reale, cioè con l’universo naturale. Nell’universo, cioè nell’unico Dio, si distingue una potenza naturante (natura naturans), cioè una potenza che genera e fa scaturire tutte le cose, e un elemento naturato (natura naturata) cioè la totalità delle cose che sono scaturite dalla potenza naturante di Dio. E’ però importante sottolineare che in Dio natura naturans e natura naturata coincidono, sono la stessa sostanza vista da due prospettive differenti: o come generante o come generata. arete-consulenzafilosofica.it

6 6 L’uomo L’uomo è uno dei tanti possibili modi di essere particolari di Dio. Realizzando al massimo la sua vocazione innata e intrinseca nel suo essere-uomo, egli giunge alla conoscenza della totalità delle cose, cioè alla conoscenza di Dio, e in tal caso diviene felice. arete-consulenzafilosofica.it

7 7 Il trattato sulla purificazione dell’intelletto o il metodo spinoziano Redatto secondo lo stile autobiografico del Discorso sul metodo, il trattato evidenzia la finalità esistenziale della ricerca filosofica spinoziana, ossia l’idea-guida della ricerca della felicità. Spinoza si rende conto che essa non può consistere nel conseguimento di beni sensibili: arete-consulenzafilosofica.it

8 8 Escludere i beni sensibili dalla ricerca umana “Dopo che l’esperienza mi ebbe insegnato che le cose che frequentemente si incontrano nella vita comune sono vane e futili, e quando vidi che tutti i beni che temevo di perdere e tutti i mali che temevo di ricevere non avevano in sé nulla né di bene né di male, se non in quanto l’animo ne era turbato, decisi infine di ricercare se si desse qualcosa che fosse un bene vero e condivisibile, e dal quale soltanto, respinti tutti gli altri, l’animo fosse affetto; anzi se esistesse qualcosa grazie al quale, una volta scoperto e acquisito, godessi in eterno una gioia continua e suprema” (Trattato, 1, in C. Esposito-P. Porro, Filosofia, vol. II, p. 172) arete-consulenzafilosofica.it

9 9 La beatitudine e Dio La beatitudine si consegue solo attraverso la congiunzione della mente umana con la realtà suprema ed eterna, poiché in tal modo l’uomo raggiunge quella perfezione massima di cui coglie in sé la possibilità e la vocazione. Tale conoscenza non sarà poi gelida e anaffettiva, ma produrrà l’amore per l’oggetto conosciuto (amor Dei intellectualis), già avvertibile ai suoi stadi iniziali. arete-consulenzafilosofica.it

10 10 Per conseguire la conoscenza… La conoscenza di Dio è il risultato di un’iniziale purificazione della nostra mente dalle idee false e pregiudiziali che ne impediscono la contemplazione. In maniera analoga al neoplatonismo, Spinoza il processo di purificazione avviene per gradi: man mano che la conoscenza si fa più profonda, la mente si libera. arete-consulenzafilosofica.it

11 11 I quattro gradi della conoscenza 1) La credenza vaga o per sentito dire (p. es. la mia data di nascita e l’identità dei miei genitori). 2) La percezione per esperienza vaga, cioè senza l’intervento delle intelletto, ma quasi per caso (tutte le esperienze che in vita ci capita di fare in modo non sistematico, come per es. l’esperienza della morte altrui). 3) La conoscenza mediata da un processo induttivo (inferire dall’effetto la causa). Tale conoscenza è tipica della scienza, che coglie un nesso tra l’essenza delle cose, ma non ancora l’essenza stessa in modo adeguato: percepire, per esempio, il nostro corpo e concludere che la nostra anima è unita al corpo, proprio in virtù della percezione interiore che ne abbiamo, ma non sapere ancora qualcosa di adeguato sull’essenza dell’anima. 4) La conoscenza adeguata della cosa nella sua essenza attraverso la conoscenza della sua causa prossima (dalla causa all’effetto): per esempio quando sapendo che cosa è l’anima (la sua essenza), deduciamo che essa è unita al corpo, o quando sappiamo che 3+3=6). arete-consulenzafilosofica.it

12 12 L’idea vera Per giungere al grado massimo di conoscenza bisogna partire dall’alto, cioè da un’ idea assolutamente vera, da cui tutte le altre possano essere dedotte. Infatti per induzione otterrò sempre delle regole di condotta, ma estrinseche e provvisorie, poiché colte nei loro rapporti senza che tali rapporti derivino da un sapere profondo delle cose di cui si tratta. Invece, considerando un’idea essenzialmente vera, e cercando la più generale di esse, io potrò dedurre da questa idea, in modo necessario e certissimo, tutto il resto. Il problema è quale sia questa idea vera e generalissima e conoscibile essenzialmente. arete-consulenzafilosofica.it

13 13 Dio come idea vera conosciuta per intuizione Tale idea vera, certissima e generalissima è l’idea di Dio, la quale si conosce per intuizione intellettuale, poiché è originariamente data all’intelletto umano. L’idea di Dio è l’idea della totalità unitaria della realtà. L’idea di Dio è cioè quella di quell’ente generale che contiene tutto ciò che è e che rappresenta la totalità all’interno della quale è possibile pensare ogni altra idea. Allora l’idea di Dio è la totalità che rende possibile e istituisce i rapporti tra le altre idee più particolari al suo interno. Quindi tutto ciò che distinguiamo in Dio lo possiamo fare poiché abbiamo l’idea di Dio, che è lo sfondo entro cui avviene ogni distinzione. Ma siccome la distinzione è matrice della chiarezza delle idee, noi possediamo idee chiare e distinte, cioè vere, grazie al possesso dell’idea di Dio, fondamento di tutte le altre idee, della loro certezza, verità e conoscibilità. arete-consulenzafilosofica.it

14 14 Verità di Dio Se il criterio di verità delle idee è la possibilità di dedurre da esse tutto quanto corrisponde alle cose a cui le idee stesse si riferiscono, l’idea di Dio, cioè della totalità del reale, è fondamento di ogni verità, in quanto da essa si ricavano deduttivamente tutte le proprietà della realtà. arete-consulenzafilosofica.it

15 15 La procedura espositiva di Spinoza nell’Ethica Coerentemente con il suo metodo deduttivo, Spinoza cerca di evincere da un gruppo di idee generali, a sua volta dedotte da quella di Dio, una descrizione coerente e necessaria della realtà. Ciò facendo accoglie in pieno l’eredità della geometria euclidea che, movendo da principi primi, procede derivando in modo esatto e logicamente ineccepibile le conseguenze delle premesse poste. arete-consulenzafilosofica.it

16 16 Gli elementi del metodo: le definizioni I teoremi, cioè le spiegazioni causali del mondo, si deducono dalle definizioni e dagli assiomi. Le definizioni sono idee chiare e distinte con cui noi concepiamo la natura i una cosa. Vi sono due tipi di definizione: 1)La definizione di una cosa realmente esistente, la cui verità consiste nell’esatta rappresentazione dell’essenza della cosa definita (per es. la definizione del Tempio di Salomone a Gerusalemme); 2)La definizione di qualcosa che non esiste fuori di noi in modo determinato, la cui verità consiste soltanto nella non-contraddizione logica della definizione stessa (es. la definizione di un tempio che si voglia costruire) (B. Spinoza, Epistola 9 a De Vries, in F. Mignini, s.v. Spinoza, in Enciclopedia filosofica, Bompiani, Milano, 2006, p ). Le definizioni filosofiche sono quest’ultime, poiché sono quelle veramente necessarie, al di là del nostro contingente contatto con una cosa. arete-consulenzafilosofica.it

17 Una definizione filosofica Esempio di definizione filosofica è proprio la prima frase dell’Ethica, che riguarda il senso della locuzione «causa di sé» (che evidentemente si applica a Dio): «Intendo per Causa di sé ciò la cui essenza implica l’esistenza, o ciò la cui natura non può essere concepita se non come esistenza» (Spinoza, Etica, tr. it. di E. Troilo, Libritalia, Città di Castello, 1997). arete-consulenzafilosofica.it17

18 18 Gli assiomi e i postulati Sia gli assiomi sia i postulati sono enunciati contenenti idee. Le idee sono nell’enunciato collegate come soggetto e predicato. La connessione tra soggetto e predicato negli assiomi e nei postulati risulta immediatamente evidente, sulla base della definizione di ciascuna delle idee collegate. Di conseguenza assiomi e postulati “sono così chiari ed evidenti che tutti coloro che semplicemente ne abbiano capito bene i termini, non possono affatto negare loro l’assenso” (L. Meyer, Prefazione a B. Spinoza, Principi di filosofia cartesiana, in G. D’Anna, Uno intuitu videre. Sull’ultimo genere di conoscenza in Spinoza, Ghibli, Milano, 2002, p. 186) arete-consulenzafilosofica.it

19 Esempio di assiomi o postulati Ecco alcune affermazioni in cui il legame tra soggetto e predicato è immediatamente evidente: «Tutto ciò che è, o è in sé o in altro», «Ciò che non si può concepire per mezzo di altro, va concepito per se stesso», «Da una causa determinata segue di necessità l’effetto; e invece, se non è data alcuna causa determinata, è impossibile che segua l’effetto». Gli enti che debbono il loro essere o a sé stessi o ad altro, il nesso necessario di causa effetto, sono alcuni principi che ogni ragionamento deve dare per scontati, se vuole essere razionale. Infatti queste idee si connettono alla mente ragionante con assoluta evidenza. arete-consulenzafilosofica.it19

20 20 Definizioni assiomi postulati “I postulati e gli assiomi non enunciano mai verità particolari, ma universali, non indotte dall’esperienza, bensì dotate intrinsecamente di certezza ed evidenza. L’Ethica è dimostrata more geometrico e Spinoza sicuramente conosceva gli Elementi di Euclide che si sviluppano secondo un metodo deduttivo: postulare che per due punti passa una e una sola retta non richiede un riscontro empirico, ma è principio evidente e certo in sé, ed è valido per tutte le rette. Il metodo deduttivo funziona in questo modo: posti dei principi universalmente validi, postulati assiomi e definizioni, su questi si fonda poi tutta la catena di ragionamenti che si esplicano mediante teoremi e dimostrazioni”(D’anna, ivi). arete-consulenzafilosofica.it

21 21 Le proposizioni, le dimostrazioni, i teoremi, i corollari e gli scolii Le proposizioni sono “enunciazioni formate da un soggetto e da un predicato, dove però la connessione non è immediata, ma ricavata per passaggi intermedi dalle definizioni e dagli assiomi” (F. Occhipinti, Uomini ed idee, Einaudi, Torino, 2010, vol. II, p. 328). Tale è il procedimento della dimostrazione, cioè la deduzione mediata, da principi definiti, delle loro conseguenze. Il procedimento dimostrativo conclude con l’elaborazione di un teorema, cioè di una dottrina rigorosa sul mondo arricchita da alcune ulteriori deduzioni di secondo grado (corollari) e da commenti e delucidazioni (scolii). arete-consulenzafilosofica.it

22 Esempio di proposizione… Dato l’assioma: «Non si dà nella Natura alcuna cosa singolare, di cui non si dia un’altra più potente e più forte. Ma, data una qualsiasi, se ne dà un’altra più potente, da cui quella data può essere distrutta» (Ethica IV, cit., p. 264) si può dimostrare la seguente proposizione: «La forza per la quale l’uomo permane nell’esistenza è limitata ed è infinitamente superata dal potere delle cause esterne»… arete-consulenzafilosofica.it22

23 …Esempio dimostrazione… …infatti la sua dimostrazione dice che: «Ciò è evidente per l’Assioma di questa parte (quello suindicato, n.d.r.). Poiché, dato un uomo, si dà alcunché, poni A, di più potente, e dato A, si dà un’altra cosa più potente dello stesso A, poni B, e ciò all’infinito. E così la potenza dell’uomo è limitata dalla potenza di un’altra cosa, ed è infinitamente superata dalla potenza delle cause esterne» (ivi, 266). arete-consulenzafilosofica.it23

24 Esempio di scolio e corollario Scolio e corollario rispettivamente commentano una proposizione e vi aggiungono qualche ulteriore deduzione. La proposizione è ovviamente già stata dimostrata. Prendiamo ad es. la proposizione IV, XLV: «L’odio non può mai essere buono». arete-consulenzafilosofica.it24

25 Esempio di scolio e corollario (2) Tale proposizione viene così dimostrata: «Noi tendiamo a distruggere l’uomo che odiamo (per la proposizione III, XXXVII: «La cupidità, che nasce dalla tristezza o dalla gioia, dall’odio o dall’amore, tanto è maggiore quanto è maggiore è la passione da cui deriva), ossia (per la prop. IV, XXXVII: «Il bene, che ognuno il quale segua la virtù, desidera per sé, desidera anche per gli altri uomini, e tanto più quanta maggiore conoscenza abbia di Dio») tendiamo a qualche cosa che è cattiva, dunque…etc.» arete-consulenzafilosofica.it25

26 Esempio di scolio e corollario (3) Lo scolio della dimostrazione è il seguente: «Nota che qui e nelle seguenti pagine, intendo per odio soltanto quello che si volge contro gli uomini». Mentre il corollario così recita: «L’invidia, la derisione, il disprezzo, l’ira, la vendetta e le altre passioni che si riferiscono all’odio, o che nascono da esso, sono cattive; il che appare evidente anche dalla prop. III, XXXIX e dalla prop. IV, XXXVII» (ivi, p. 304). arete-consulenzafilosofica.it26

27 27 La metafisica spinoziana: la sostanza Il principio supremo di tutta la filosofia spinoziana, e al tempo stesso di tutta la realtà, è la sostanza. La sostanza è ciò che è in sé e non dipende da altro. Essa è concepita per sé e non ha bisogno di altro per essere concepita. La sostanza è causa di se stessa, va pensata come esistente (la sua essenza implica l’esistenza) ed è infinita. In una parola coincide con ciò che noi chiamiamo DIO. arete-consulenzafilosofica.it

28 28 Il Dio-sostanza ONTOLOGICAMENTE Dio è all’origine di ogni essere. GNOSEOLOGICAMENTE il suo concetto è presupposto di ogni altro concetto nel senso che tutto ciò che penso o è sostanza o un certo aspetto della sostanza (un suo attributo). arete-consulenzafilosofica.it

29 29 Il Dio-sostanza infinita Dio è infinito nel senso che consta di infiniti attributi (l’attributo esprime l’essere di Dio sotto un certo aspetto) eterni come è eterno Dio. Gli attributi di Dio sono infiniti, ma noi ne conosciamo solo due: IL PENSIERO e L’ESTENSIONE arete-consulenzafilosofica.it

30 30 Pensiero ed estensione Gli attributi, in particolare quelli che noi conosciamo, cioè pensiero ed estensione, si specificano nelle loro DETERMINAZIONI O MODIFICAZIONI NECESSARIE che Spinoza chiama MODI. I modi del pensiero e dell’estensione possono essere finiti o infiniti (questi ultimi sono i caratteri invarianti ed eterni dell’attributo corrispondente, mentre i primi sono limitati e in divenire). Modi finiti del pensiero – le idee (ciò che noi pensiamo) Modi infiniti del pensiero – l’intelletto infinito di Dio Modi finiti dell’estensione – i corpi che noi vediamo Modi infiniti dell’estensione – il movimento e la quiete arete-consulenzafilosofica.it

31 31 Il rapporto pensiero-estensione Questa relazione, il cui problema aveva messo in crisi il cartesianesimo, e che era stata determinata in senso occasionalistico da Malebranche, viene descritta nei termini di un PARALLELISMO PSICO-FISICO da Spinoza. Il parallelismo psicofisico stabilisce che “l’ordine della connessione delle idee è parallelo e identico all’ordine della connessione delle cose”. arete-consulenzafilosofica.it

32 32 Parallelismo psicofisico Secondo l’idea del parallelismo psicofisico pensiero ed estensione propriamente non si influenzano, ma sono già da sempre posti in una relazione biunivoca in cui ad ogni elemento dell’insieme “pensiero” corrisponde un elemento dell’insieme “estensione”, oppure ad ogni punto sulla retta “pensiero” corrisponde un punto sulla retta “estensione”. Per esempio il cerchio in natura e il cerchio pensato sono la stessa cosa in due attributi diversi, ossia sono un punto che nella retta pensiero corrisponde esattamente ad un punto nella retta estensione. arete-consulenzafilosofica.it

33 33 Deduzione Grazie all’idea del parallelismo psicofisico è possibile pensare il rapporto tra il principio supremo del Dio-sostanza, i suoi attributi e i suoi modi come una DEDUZIONE MATEMATICA (cioè le qualità degli attributi e dei modi si deducono dal principio supremo come si deduce un teorema dagli assiomi). arete-consulenzafilosofica.it

34 34 DETERMINISMO Tutto deriva da Dio – natura naturans e natura naturata – tutto è Dio, tutto si deduce da Dio e tale deduzione ha un carattere matematico- geometrico. Se è così la visione del mondo di Spinoza appare radicalmente deterministica. Infatti se dalle cause naturali deriva un effetto così come dalle premesse logico matematica derivano le conclusioni, tutto nell’universo è necessario. arete-consulenzafilosofica.it

35 35 Libertà, necessità, Dio Se pensiamo la libertà esclusivamente come un non essere causato e/o necessitato da altro, solo Dio è autenticamente libero. Tuttavia la libertà di Dio non è la libertà di una persona. Dio per Spinoza non è persona, non è intelletto o volontà, non ama, non crea dal nulla. Intelletto, volontà, amore sono modi del pensiero, sono solo determinazioni di un suo attributo, sono ancora delle proprietà di Dio che non esprimono l’essenza in sé di Dio. Se vogliamo esprimere che cosa è Dio dobbiamo dire che esso è IMPERSONALE NECESSITA’ ASSOLUTA. arete-consulenzafilosofica.it

36 36 Negazione del finalismo dell’universo Se Dio è impersonale necessità assoluta, nel mondo non vi è nessun fine voluto da Dio. Se Dio VOLESSE qualcosa, mancherebbe di quel qualcosa, che egli desidererebbe, dunque verrebbe meno il suo primato ontologico: non sarebbe la totalità dell’essere che secondo Spinoza è la sostanza suprema. In realtà non esistono fini, l’idea teleologica è solamente un pregiudizio umano, un modo umano erroneo di guardare alla connessione delle cose. Tale errore è dissolto dalla conoscenza matematica che conosce connessioni logiche e risultati, ma non scopi. In base ad un simile assunto si può interpretare il finalismo come un capovolgimento del rapporto causa effetto (l’unica vera chiave esplicativa del mondo) tale per cui l’effetto diviene causa finale, cioè la causa che sin dall’inizio ha messo in moto il meccanismo. Ma ogni causa è efficiente, non agisce cioè intenzionalmente, altrimenti il rapporto tra causa ed effetto sarebbe contingente (dipenderebbe da un’intenzione o una volontà che può esservi o no) e il mondo diverrebbe inspiegabile. Dunque vera causa è solo quella efficiente, e il fine non è altro che l’effetto prodotto necessariamente dalla causa. arete-consulenzafilosofica.it

37 37 Nuove precisazioni sulla conoscenza L’uomo non è una sostanza pensante, poiché sostanza è solo Dio. L’essenza dell’uomo consiste in certi modi degli attributi di Dio cioè l’idea (pensiero) e il corpo (estensione). L’idea fondamentale dell’uomo è quella del proprio corpo, essa fonda l’unione di corpo e anima Tutto ciò che avviene nel corpo è percepito dall’anima, che conosce le affezioni e le modificazioni del corpo e per mezzo di queste gli altri corpi. Ma tale conoscenza è inadeguata, oscure e confusa, poiché è stata acquisita attraverso l’esperienza. Quest’ultima ha un ruolo non nel fornire conoscenza delle cose ma nell’orientare l’attenzione verso le cose e nello stimolare il processo conoscitivo. arete-consulenzafilosofica.it

38 38 Idee Ogni conoscenza accade attraverso idee. Esse sono rappresentazioni che hanno un oggetto rappresentato e possono essere 1) inadeguate, come quelle ottenute attraverso l’esperienza. Le idee inadeguate in generale sono false perché colgono solo una parte della totalità del reale e la pensano a prescindere dalla sua connessione necessaria con le altre parti. 2) Adeguate, cioè perfette e vere. arete-consulenzafilosofica.it

39 39 Il passaggio dalle idee inadeguate a quelle adeguate Tale passaggio identifica i tre gradi della conoscenza per Spinoza: 1) la doxa (opinione) o immaginazione che comporta l’assunzione di nozioni vaghe, ottenute dai sensi, fuori dalle loro connessioni necessarie, 2) la ragione, ossia la conoscenza delle cause e delle leggi di connessione, che perviene alle idee di quantità, figura e moto, cioè ai fondamenti delle scienze esatte. Essa in particolare giunge a cogliere gli aspetti geometrico matematici comuni ai vari corpi (compreso il proprio) e dunque le loro caratteristiche più generali, che permettono di comprenderli scientificamente; 3) la scienza intuitiva cioè la conoscenza del procedere necessario delle cose dal primo principio intuito nella sua chiarezza e distinzione. In questa fase ci si pone dal punto di vista di Dio, si disloca la propria anima in Dio ricevendone gioia profonda e intima soddisfazione. Tale conoscenza genera l’amore intellettuale di Dio che è felicità. arete-consulenzafilosofica.it

40 Etica: il male e il bene In un universo deterministico, cioè governato dalla necessità, non esistono un bene e un male in sé, come non esistono fini: propriamente il bene e il male sono ridotti all’UTILE e al DANNOSO. Utile è tutto ciò che contribuisce a conservare il nostro essere. Dannoso è tutto ciò contrasta il nostro essere. L’utile è dunque l’unico elemento in base al quale possiamo definire un’azione «virtuosa ». 40arete-consulenzafilosofica.it

41 L’etica e le passioni Un elemento fondamentale del nostro comportamento è la passione. Essa interagisce con l’uomo rafforzando o diminuendo la sua capacità di agire. E’ quindi estremamente importante analizzarle e spiegarle. La loro spiegazione deve prendere le mosse dalla consapevolezza che le passioni sono eventi naturali e necessari, come tutto, tra ciò che esiste, è necessario. 41arete-consulenzafilosofica.it

42 Origine delle passioni Le passioni si misurano sulla tendenza umana all’autoconservazione, la quale è accompagnata nella coscienza umana dalla rispettiva idea. Riferita alla mente tale tendenza ha nome VOLONTA’ Riferita al corpo ha nome APPETITO La passione della gioia favorisce la tendenza a perseverare nel proprio essere. La passione del dolore la contrasta. 42arete-consulenzafilosofica.it

43 Amore e odio L’amore è la passione della gioia accompagnata dall’idea di una causa esterna che l’abbia determinata. L’odio è la passione del dolore accompagnata dall’idea di una causa esterna che l’abbia determinata. Gioia, dolore, amore, odio sono le passioni fondamentali. 43arete-consulenzafilosofica.it

44 Natura delle passioni Ciò che caratterizza le passioni è la loro indeterminatezza, la loro, diremmo, opacità per la nostra mente. Infatti la passione è un’idea confusa e inadeguata. Con essa «la mente afferma una forza d’esistere del suo corpo» che orienta il pensiero stesso su un oggetto piuttosto che su un altro. 44arete-consulenzafilosofica.it

45 Passività e attività Ora la passione, essendo caratterizzata dall’inadeguatezza dell’idea, può riorientare verso oggetti che sembrano utili, cioè sembrano bene, ma non lo sono. Il problema del rapporto dell’uomo con le proprie passioni è quello di riparare quell’inadeguatezza chiarendo la propria idea. Di fronte all’oscurità della passione la mente è passiva. Se la mente chiarisce l’idea connessa alla passione, diventa attiva e cessa di essere schiava delle passioni stesse. 45arete-consulenzafilosofica.it

46 Chiarire la passione Chiarire la passione significa inserire il suo oggetto nell’ordine delle connessioni logiche e necessarie che ce lo fa apparire nel suo reale rapporto con la nostra persona e identifica con esattezza l’utilità o il danno dell’oggetto stesso per la nostra esistenza. 46arete-consulenzafilosofica.it

47 Una superiore necessità Ma, al di là di ogni considerazione di utilità, ancor più pregnante per la nostra vita è la considerazione della necessità di ogni evento. Se la mia mente guarda a Dio e lo contempla come natura i cui elementi sono in ordine rigorosamente geometrico, ciò genera una suprema gioia ed ha una funzione supremamente rasserenante. Infatti nulla mi può colpire se so che tutto è inevitabile. Dunque lo sguardo che io devo gettare sul mondo per vivere bene e libero è quello che è dato sub specie aeternitatis, dal punto di vista dell’eternità. 47arete-consulenzafilosofica.it

48 La libertà possibile La liberazione delle passioni, ottenuta mediante una conoscenza adeguata è ciò che noi chiamiamo libertà. Una libertà che è tale solo in quanto CONSAPEVOLEZZA della necessità universale di tutte le cose. 48arete-consulenzafilosofica.it


Scaricare ppt "1 SPINOZA La ragione divinizzata arete-consulenzafilosofica.it."

Presentazioni simili


Annunci Google