La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’adolescenza 1 PUBERTÀ passaggio dalla condizione fisiologica del bambino a quella dell’adultoADOLESCENZA passaggio dallo status sociale del bambino a.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’adolescenza 1 PUBERTÀ passaggio dalla condizione fisiologica del bambino a quella dell’adultoADOLESCENZA passaggio dallo status sociale del bambino a."— Transcript della presentazione:

1 L’adolescenza 1 PUBERTÀ passaggio dalla condizione fisiologica del bambino a quella dell’adultoADOLESCENZA passaggio dallo status sociale del bambino a quella dell’adulto vs PREADOLESCENZA problemi legati alla crescita fisica, all’identità corporea e alla definizione sessualeADOLESCENZA maturazione delle capacità di analisi, di introspezione e definizione dell’identità, dei valori e delle scelte Caratteristiche della fase adolescenziale

2 L’adolescenza 2 I limiti temporali dell’adolescenza sono relativi, determinati dalla cultura e dall’appartenenza sociale Studi antropologici Studi sociologici Gli sconvolgimenti adolescenziali sono un prodotto culturale La transizione adolescenziale risente dell’influenza del contesto familiare, sociale e culturale Caratteristiche socio culturali dell’adolescenza

3 L’adolescenza 3 Compiti di sviluppo (Havinghurst, 1952) instaurare relazioni nuove e più mature con coetanei di entrambi i sessi acquisire un ruolo sociale femminile e maschile accettare il proprio corpo e usarlo in modo efficace conseguire indipendenza emotiva dai genitori e da altri adulti raggiungere la sicurezza di indipendenza economica orientarsi verso e prepararsi per un’occupazione o professione prepararsi al matrimonio e alla vita familiare sviluppare competenze intellettuali e conoscenze necessarie per la competenza civile desiderare e acquisire un comportamento socialmente responsabile acquisire un sistema di valori e una coscienza etica come guida al proprio comportamento

4 L’adolescenza 4 Cambiamenti corporei nella pubertá Cambiamenti rapidi e disarmonici: Influenza dei fattori genetici e ambientali maturazione caratteri sessuali rapido e improvviso aumento di altezza e peso differenziazione di genere femminile e maschile scatto di crescita

5 L’adolescenza 5 Effetti psicologici dei cambiamenti corporei Mentalizzazione del corpo Mentalizzazione del corpo: fenomeno per cui al corpo viene attribuito un significato relazionale, sociale, sentimentale, erotico, generativo, etico, a cui viene riconosciuta continuità nel tempo, in termini di sviluppo ma anche di decadimento. Maturazione precoce Maturazione precoce: il confronto con i coetanei può portare: - nei maschi ad un aumento del ruolo di responsabilità, della leadership, della fiducia in sé e del senso di sicurezza - nelle femmine ad un aumento dell’indipendenza e della sicurezza di sé, ma anche a comportamenti adultizzati e di tipo antisociale Dismorfofobia Dismorfofobia: preoccupazioni immotivate circa la presenza di difetti fisici Ipocondria Ipocondria: paura di avere malattie fisiche o psicologiche

6 L’adolescenza 6 Approccio psicoanalitico freudiano forti pulsioni edipiche meccanismi di difesa Nell’adolescenza si riattivano forti pulsioni edipiche che portano al ricorso massiccio di meccanismi di difesa (rimozione, formazione reattiva, identificazioni, proiezioni, …). pulsioni genitale oggetto sessuale Questo periodo coincide con l’investimento delle pulsioni sessuali di tipo genitale. La pulsione sessuale prima autoerotica, trova ora l’oggetto sessuale. sessualità matura e genitale L’esito positivo di questa crisi è l’organizzazione di una sessualità matura e genitale, caratterizzata dalla subordinazione delle pulsioni al primato dell’affettività e dell’oblatività. Come la psicoanalisi interpreta l’adolescenza

7 L’adolescenza 7 Anna Freud Pubertà  conflitto tra forze istintuali e difese dell’Io, da cui derivano o sintomi nevrotici o una strutturazione armonica della personalità. ascetismo intellettualizzazione Difese maggiormente utilizzate: - ascetismo  rinuncia al piacere dei sensi per dedicarsi a ideali religiosi e morali - intellettualizzazione  spostamento degli affetti su discussioni intellettuali Peter Blos 5passi intermedi Interesse sulle connessioni tra i comportamenti adolescenziali e i processi psichici generali. 5 passi intermedi nell’evoluzione dell’adolescenza, dominata dalla reviviscenza dell’Edipo e dalla liberazione dagli oggetti d’amore primari

8 L’adolescenza 8 Identità adolescenziale L’identità personale coincide con due dimensioni Idea che un individuo ha di sé, ossia ciò che pensa di essere Ciò che l’individuo è realmente Nella pubertà e nell’adolescenza il senso di identità si esprime tramite Idea di sé cercata Idea di sé cercata  ricerca attiva di esperienze e situazioni in cui mettersi alla prova Idea di sé riflessa Idea di sé riflessa  ricerca di una coerenza nelle qualità personali e nelle esperienze; sforzo di riflessione e consapevolezza

9 L’adolescenza 9 Lo sviluppo dell’identità nella teoria di Erikson Erikson non spiega lo sviluppo dell’identità nell’adolescenza solo in termini di risveglio pulsionale, ma sulla base dell’interazione di diversi fattori Caratteristiche socioculturali Relazioni interpersonali Modalità di allevamento Funzioni dell’Io

10 L’adolescenza 10 Concetti principali della teoria di Erikson Sviluppo dell’identità CRISI PSICOSOCIALI Sviluppo dell’identità  8 stadi organizzati in sequenze a cui corrispondono CRISI PSICOSOCIALI, con esito adattivo o disadattivo Identità dell’io Identità dell’io  L’Io svolge diverse funzioni: - organizzare e mediare gli impulsi dell’Es e il Super Io - mantenere l’unitarietà e centralità della persona - garantire flessibilità nel rapporto con l’ambiente Identità personale Identità personale  Il sentimento cosciente che consiste nella percezione della continuità dell’esistenza propria e altrui nel tempo Identità negativa Identità negativa  costituzione di un’identità mediante identificazioni e ruoli non socialmente desiderabili

11 L’adolescenza 11 Gli 8 stadi evolutivi di Erikson CRISI NORMATIVA ETÁ CARATTERISTICHE PERSONALI 0-1 Fiducia vs Sfiducia Interazione sociale primaria con il caregiver che svolge funzioni materne; interessi orali; fiducia nelle cure di sostentamento, compresa l’alimentazione Autonomia vs Vergogna e dubbio 1-2Interazione sociale primaria con i genitori; addestramento al controllo sfinterico; evacuazione- ritenzione; origini della volontà autonoma Iniziativa vs Colpa 3-5Interazione sociale primaria con la famiglia nucleare; origine dei sentimenti edipici; sviluppo del linguaggio e della locomozione; sviluppo della coscienza come regolamentazione dell’azione Industriosità vs Inferiorità 6-pubertàInterazione sociale primaria al di fuori della famiglia, con i pari e gli insegnanti; valutazione della capacità di eseguire i compiti

12 L’adolescenza 12 CRISI NORMATIVA ETÁ CARATTERISTICHE PERSONALI Identità vs confusione di identità adolescenzaInterazione sociale con i pari, che culmina con l’amicizia eterosessuale; stato di moratoria rispetto al ruolo adulto, crisi di identità; consolidamento delle soluzioni dei precedenti 4 stadi in un senso coerente di Sè Intimità vs isolamento Età adulta- giovinezza Interazione sociale primaria con un membro del sesso opposto, nell’ambito di una relazione intima; accettazione degli impegni adulti, compreso quello nei confronti del partner di coppia Generatività vs Stagnazione Età adulta- maturità Interesse sociale primario a guidare le generazioni future; produttività e creatività. Integrità vs dispersione Età adulta- anzianità Interesse sociale primario di tipo riflessivo; accettazione del proprio ruolo del ciclo di vita (ormai quasi completo) e della propria relazione con gli altri: “Io sono ciò che sopravvive di me”

13 L’adolescenza 13 Stati di identità esperienze impegno Le nuove esperienze di tipo affettivo, relazionale, lavorativo e valoriale possono essere affrontate dall’adolescente con maggiore o minore impegno, che si concretizza in uno: STATO DI IDENTITÀ Identità realizzata  esperienza esplorativa e valido impegno Blocco d’identità  precoce pressione verso impegni seri non consente la libera sperimentazione Diffusione di identità  esplorazione incerta e impegno poco soddisfacente o confusione per assenza di scelta Moratoria d’identità  dubbio tra alternative diverse, tra cui non si riesce a scegliere

14 L’adolescenza 14 PENSIERO OPERATORIO FORMALE raggiungimento delle capacità di astrazione nascita della capacità di formulare ipotesi e di trarre conclusioni capacità di valutare diverse combinazioni tra variabili capacità di utilizzare il pensiero proposizionale scoperta del piacere dell’utilizzo del pensiero sviluppo del pensiero narrativo Sviluppo intellettivo in adolescenza

15 L’adolescenza 15 Critica al modello di Piaget Infatti è stata rilevata l’importanza : variabili contestuali dell’influenza delle variabili contestuali (conoscenze pregresse, modalità di presentazione del compito, aspettative) confrontodiscussione del confronto e della discussione nello svolgimento di compiti logici schemi inferenziali dell’utilizzo di schemi inferenziali diversi da quelli logici Il pensiero formale non è slegato dai contenuti su cui si applica o dall’esperienza che deriva dal contesto di riferimento

16 L’adolescenza 16 RAGIONAMENTO MORALE Si avvale degli strumenti del pensiero formale ed è sostenuto dai progressi conseguiti nel processo di formazione dell’identità Le teorizzazioni e i valori che l’adolescente sviluppa e segue sono legati: alle vicende affettive interne ai conflitti determinati dalle pressioni istintuali alla ribellione contro la coscienza infantile necessaria per svincolarsi dai genitori Sviluppo morale dell’adolescente

17 L’adolescenza 17 Lo sviluppo morale nella teoria di Kohlberg PREADOLESCENZA livello convenzionale Raggiungimento del livello convenzionale in cui conta il rispetto delle norme socialmente approvate e non più le conseguenze immediate delle azioni individuali ADOLESCENZA livello postconvenzionale Raggiungimento del livello postconvenzionale in cui le leggi morali vanno rispettate, in modo da garantire sia i diritti individuali sia i valori universali pensiero operatorio formale Per Kohlberg gli stadi morali più elevati possono essere raggiunti solo da coloro che hanno pienamente conseguito il pensiero operatorio formale

18 L’adolescenza 18 Influenza dei fattori socio-culturali sullo sviluppo delle norme Nell’adesione alle norme morali giocano un ruolo determinante: Status socioeconomico Valori della cultura di appartenenza Stile familiare

19 L’adolescenza 19 Giudizio morale e comportamento secondo Kohlberg Stimolare lo sviluppo cognitivo rappresenta un compito educativo importante per favorire il comportamento morale, dato che non si possono seguire principi morali se questi non vengono capiti o se non si crede in essi. (Kolhberg, 1976) I giovani impegnati in attività politiche e/o sociali raggiungono in percentuali maggiori livelli di giudizio morale postconvenzionale Gli adolescenti con una storia di condotta deviante utilizzano criteri di giudizio morale preconvenzionali

20 L’adolescenza 20 Interazionismo cognitivo-sociale di Bandura Esistono meccanismi di controllo interno che, indipendentemente dal livello morale raggiunto, possono attivare o disattivare il comportamento morale, allentando o riducendo le forme di autosanzione che hanno la funzione di mantenere alto il livello morale. In adolescenza : la pressione del gruppo dei pari la pressione dei mass media la rappresentazione del sociale indotta dalla TV Possono portare al DISIMPEGNO MORALE

21 L’adolescenza 21 Influenza familiare e acquisizione delle norme morali La famiglia, attraverso uno stile educativo fondato sia su tecniche induttive che implicano attenzione alle conseguenze delle azioni negative sugli altri, sia sulla tendenza a fornire spiegazioni più che punizioni, svolge un ruolo diretto: sullo sviluppo della morale sulla interiorizzazione delle norme sulla assunzione di responsabilità comprensionesalvaguardia del benessere In particolare, il genitore dello stesso sesso, se portatore di valori centrati sulla comprensione e sulla salvaguardia del benessere altrui, ha una forte incidenza socializzante in senso prosociale e morale

22 L’adolescenza 22 competenza socialesviluppo dell’identità Lo stile personale con cui i genitori entrano in relazione con il figlio adolescente svolge un ruolo importante nel favorire la competenza sociale e lo sviluppo dell’identità degli adolescenti. In particolare si differenziano tre stili: GENITORE RELAZIONATO Capisce i punti di vista o le richieste del figlio, prende in considerazione le sue proposte, fornisce consigli senza imporsi favorendone lo sviluppo dell’autonomia Resta fermo nelle sue convinzioni credendo di possedere migliori strumenti per comprendere il bene del figlio e per stabilire le regole a cui obbedire Appare spesso arrabbiato o deluso ed è psicologicamente assente Famiglia e adolescenti GENITORE AUTOCENTRATO GENITORE EVASIVO

23 L’adolescenza 23 Funzione protettiva dei genitori ruolo protettivo I genitori svolgono un ruolo protettivo nei confronti dei figli adolescenti, riducendo l’effetto negativo di eventi di vita delicati o difficili e configurandosi come un fattore decisivo nello sviluppo nella capacità di far fronte agli eventi stressanti Tale funzione protettiva si esprime attraverso: il potenziamento dell’autostima soprattutto nelle condizioni in cui il figlio deve far fronte ad un fallimento l’appoggio diretto e la vicinanza in situazioni stressanti la stabilità del rapporto affettivo al variare delle circostanze

24 L’adolescenza 24 Relazione con il gruppo dei pari Le relazioni con i coetanei hanno il ruolo di rafforzare i processi di: Appartenenza al gruppo Nasc eda Nasc e da Bisogno di affiliazione: Bisogno di affiliazione: esigenza di trovare supporto, condivisione e approvazione diventa Bisogno di appartenenza: Bisogno di appartenenza: scelta selettiva di attività e di riferimenti valoriali congrui con l’immagine di sé che l’adolescente si sta costruendo identificazione differenziazione - individuazione integrazione relazionale

25 L’adolescenza 25 Caratteristiche dei diversi gruppi di pari GRUPPI FORMALI stretta integrazione con le istituzioni e sostanziale adesione ai valori che li ispirano minore sviluppo dei livelli di autonomia e di indipendenza sviluppo di un forte senso di appartenenza religioso o valoriale più legati alla famiglia contano più sull’aiuto dell’adulto perseguono valori fondati sull’auto disciplina, sulla cultura, sullo studio e sulla formazione personale GRUPPI INFORMALI slegati dalle istituzioni e luogo di espressione delle tendenze personali maggiore sviluppo dei livelli di autonomia e di indipendenza promozione della discussione dell’espressione di spirito critico più indipendenti dalla famiglia si confrontano e cercano sostegno dai coetanei più propensi ad abbracciare valori nuovi e più orientati verso posizioni più originali

26 L’adolescenza 26 Sviluppo delle relazioni affettive tra i pari RELAZIONI ETEROSESSUALI Il gruppo svolge un importante ruolo nello sviluppo delle RELAZIONI ETEROSESSUALI Sviluppo dell’orientamento preferenziale verso le prime relazioni intime e sentimentali Contatto rassicurante con l’altro sesso mediato dalla presenza dei coetanei

27 L’adolescenza 27 Le relazioni amicali in adolescenza La capacità di instaurare relazioni di amicizia è generalmente: PREADOLESCENTI piacere di stare insieme condivisione del tempo e delle attività creazione di rapporti di cooperazione e di reciprocitàADOLESCENTI riconoscimento delle caratteristiche personali mutuo rispetto e accettazione dell’altro relazione da cui esigere maggiore vicinanza e intimità (importanza delle confidenze) indice del benessere psicologico indice della sua capacità di cooperare e di negoziare fattore protettivo del rischio di disagio sociale L’amicizia ha un diverso valore per:


Scaricare ppt "L’adolescenza 1 PUBERTÀ passaggio dalla condizione fisiologica del bambino a quella dell’adultoADOLESCENZA passaggio dallo status sociale del bambino a."

Presentazioni simili


Annunci Google