La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PROTOCOLLO ALL’ARRIVO IN ITALIA IL PROBLEMA DEGLI “SPECIAL NEEDS” Dott G. Zavarise Divisione di Pediatria Ospedale Sacro Cuore Negrar VR.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PROTOCOLLO ALL’ARRIVO IN ITALIA IL PROBLEMA DEGLI “SPECIAL NEEDS” Dott G. Zavarise Divisione di Pediatria Ospedale Sacro Cuore Negrar VR."— Transcript della presentazione:

1 IL PROTOCOLLO ALL’ARRIVO IN ITALIA IL PROBLEMA DEGLI “SPECIAL NEEDS” Dott G. Zavarise Divisione di Pediatria Ospedale Sacro Cuore Negrar VR

2 PROBLEMI REALI O ECCESSO DI MEDICALIZZAZIONE ?

3 Any child that is adopted from another country has special needs". Walsh A. Nurs Times Nov 14-20; 102(46):12.

4

5 DEFINIZIONE DI SPECIAL NEEDS AAP Global Child Health 2010 pp 395 Bambini grandi Bambini facenti parte di gruppi di fratelli Bambini con pregresse esperienze traumatiche Bambini con disabilita’ fisiche psichiche ed emozionali

6 Principali condizioni che rientrano negli Special Needs medici Epatite B e C HIV Sifilide Sindrome feto-alcoolica Sindromi genetiche ADHD Emoglobinopatie TBC Labio e/o palatoschisi Malformazioni ano-rettali Malformazioni arti Cardiopatie Spina Bifida Malformazioni genitali

7 USA

8 FRANCIA

9 REGNO UNITO

10 La Salute del Bambino Adottato In Italia L’Italia e’ l’unico paese al mondo ad avere pediatri specialisti a carico del SSN I servizi per le adozioni del SSN sono tra i piu’ avanzati al mondo Inoltre sono sorti in ambito nazionale dei centri a livello ospedaliero che si occupano direttamente di problemi peculiari inerenti al bambino adottato “adottando” un protocollo comune

11 Cosa tener presente Patologie infettive e parassitarie Patologie perinatali Sindrome Feto Alcoolica Malformazioni congenite Patologie Cardiache Patologie Respiratorie Patologie Endocrino Metaboliche

12 Dalla fine degli anni 90 sono sorti sotto l’egida del GLNBI della Societa’ Italiana di Pediatria dei Centri di Riferimento per le Adozioni Internazionali In questi anni sono stati “adottati” protocolli sanitari di accoglienza che si sono perfezionati a seconda del bagaglio esperienzale acquisito negli anni dai vari centri

13 Protocolli e Linee guida Non sono un indice ne’ di perfezione ne’ di qualita’ Sono solo indicazioni Non valgono per sempre e per tutti Mettono in pericolo il talento medico Pero’……………servono !!!! Ad uniformare le indagini A migliorare la comunicazione tra medico e paziente Ad evitare errori

14 Comunque ….mai perdere di vista il piccolo paziente

15

16

17

18 Centri Pediatrici di riferimento Novara Torino Genova Milano – ICP Milano – S.Carlo Brescia Negrar (VR) Udine Bologna Parma Firenze Ancona Terni Roma - B. Gesù Roma – Gemelli Pescara Napoli Lecce Bari R. Calabria Messina Palermo Catania Sassari

19 Servizio Pediatrico di riferimento per l’Adozione Internazionale accoglienza sanitaria al bambino follow up medico e psicologico sostegno alla famiglia adottiva Collaborazione con: genitori adottivi pediatra di famiglia scuola strutture territoriali socio-sanitarie Collegamenti con: commissione Adozioni Internazionali (CAI) altri servizi di riferimento per l’Adozione: “lavoro in rete” formazione Adami Lami MI 2005

20 Linee Guida del G.L.N.B.I esame emocromocitometrico e formula leucocitaria, glicemia, creatininemia, fosfatasi alcalina, transaminasi, protidogramma, ferritinemia, VES Markers epatite B e C, TPHA, anticorpi anti HIV, esame parassitologico feci (su 3 campioni), esame delle urine, intradermoreazione di Mantoux. Tsh reflex SIEROLOGIA TROPICALE SPECIFICA (America Latina, Africa, Asia)

21 Linee Guida del GLNBI Eventuali indagini di approfondimento: Rx-torace se Mantoux positiva Hb Elettroforesi, G6PDH in base ai risultati dell’esame emocromocitometrico

22 Visite specialistiche eventuali: NPI Oculistica Ortopedica Dermatologica ORL Endocrino-auxologica Programma vaccinale : valutazione del titolo anticorpale per vaccini notificati o rivaccinazione dalla prima dose secondo il protocollo di vaccinazioni previsto in Italia.

23 Occorre considerare Quando eseguire gli esami La provenienza dei pazienti La tipologia delle possibili (non sicure !) patologie

24 ALL’ARRIVO : Non iniziare immediatamente ad eseguire check up medici eccetto “urgenze” Intervalli tra 15 gg e 2 mesi Evitare di “frammentare” il bambino Il prelievo e il medico sono un trauma notevole per tutti i bambini “Ritorno all’Istituto”

25 SI !!! NO !!!

26 N.C.N.D.S

27 PROVENIENZA DEI BAMBINI ADOTTATI AFFERENTI AL CENTRO DI NEGRAR

28 PROVENIENZA DEI BAMBINI ADOTTATI AFFERENTI AL CENTRO DI NEGRAR

29 PRINCIPALI PATOLOGIE RISCONTRATE

30 PRINCIPALI PATOLOGIE RISCONTRATE

31

32

33

34

35

36 Children placed for adoption are in need of a comprehensive health evaluation to fully address all of their health and developmental needs. This is best accomplished with the establishment of a medical home for these children. The comprehensive evaluation should include a review of the child’s medical history, complete physical examination, and results of necessary diagnostic testing. (…) Pediatricians play an important role in working with families in identification of children’s needs and providing emotional support to help families through the adoption process. Ongoing awareness of the adopted child’s history through routine follow-up visits will enable the pediatrician to identify other health issues that may develop and assist families in accessing resources that will help them in the long term. (Veronnie Jones et al. AAP 2012)

37 Il contatto preadottivo Per la famiglia e’ di importanza fondamentale Il pediatra svolge un ruolo significativo ma non deve essere assolutamente determinante inoltre e’ necessaria una preparazione adeguata sull’epidemiologia e l’organizzazione sanitaria del paese di origine del bambino Importantissima l’equipe multidisciplinare

38 Il contatto preadottivo Per la famiglia e’ di importanza fondamentale Il pediatra svolge un ruolo significativo ma non deve essere assolutamente determinante inoltre e’ necessaria una preparazione adeguata sull’epidemiologia e l’organizzazione sanitaria del paese di origine del bambino Importantissima l’equipe multidisciplinare

39

40

41 Servizio Pediatrico di riferimento per l’Adozione Internazionale accoglienza sanitaria al bambino follow up medico e psicologico sostegno alla famiglia adottiva Collaborazione con: genitori adottivi pediatra di famiglia scuola strutture territoriali socio-sanitarie Collegamenti con: commissione Adozioni Internazionali (CAI) altri servizi di riferimento per l’Adozione: “lavoro in rete” formazione Adami Lami MI 2005

42

43

44 IN CASI PARTICOLARI

45

46

47 - Necessità di cure - Pianificazione di cure

48

49

50 psicologa

51

52

53 CONCLUDENDO Collaborazione ad uniformare le metodiche di indagine fra i vari centri Collaborazione con le scuole, i servizi territoriali e i pdf Team Multidisciplinare Sensibilizzare gli educatori Alcuni problemi di salute c’erano, ci sono, o ci saranno, sta a noi tutti individuare nel massimo rispetto del bambino le soluzioni individuali piu’ opportune

54 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "IL PROTOCOLLO ALL’ARRIVO IN ITALIA IL PROBLEMA DEGLI “SPECIAL NEEDS” Dott G. Zavarise Divisione di Pediatria Ospedale Sacro Cuore Negrar VR."

Presentazioni simili


Annunci Google