La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo schema di questa relazione 1.Antefatto: la crisi e i suoi sviluppi 2.Gli scenari di breve periodo 3.I problemi dell’Italia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo schema di questa relazione 1.Antefatto: la crisi e i suoi sviluppi 2.Gli scenari di breve periodo 3.I problemi dell’Italia."— Transcript della presentazione:

1 Lo schema di questa relazione 1.Antefatto: la crisi e i suoi sviluppi 2.Gli scenari di breve periodo 3.I problemi dell’Italia

2 Rinnovamento dell’economia cinese con aiuto occidentale Forte attivo della bil. cinese dei pagamenti L’attivo è investito nel debito pubblico US Denaro a buon mercato finanzia le “bolle” americane Boom dei consumi e dell’edilizia americani Aumento del deficit commerciale degli US con la Cina Caduta dei tassi di interesse US Il circolo virtuoso-vizioso dell’economia globale Una rappresentazione stilizzata Punto di inizio

3 “…[Il nostro] sistema di crescita economica ha richiesto la costruzione di un numero sempre maggiore di supermercati per vendere sempre più prodotti fabbricati in Cina… … il che ha fatto guadagnare alla Cina sempre più dollari, con cui comprare sempre più Buoni del Tesoro americani. Così l’America ha avuto sempre più soldi per costruire sempre più supermercati per vendere sempre più prodotti fabbricati in Cina e occupare sempre più cinesi…” Thomas L. Friedman New York Times 17 marzo 2009 Alla base della crisi: gli squilibri macroeconomici

4

5 Acquisto di “titoli tossici” “Stabilizzazione” delle banche Nuova istituzione finanziata in deficit Ritorno della fiducia sull’interbancario Stabilizzazione delle aspettative “Nuova partenza” dei mercati finanziari, nuova espansione dell’economia reale Vendita dei “titoli tossici” e liquidazione dell’istituzione La cura “Bush – Obama” $ 700 – 1000 miliardi di finanziamento in deficit

6 Il virus e le sue mutazioni Virus originario Mutui subprime agosto 2007 Crisi finanziaria mondiale - da autunno 2007 Forti cadute produttive, aumento disoccupazione settembre 2008 – marzo 2009 Difficoltà finanze pubbliche a partire dal gennaio 2009 Crisi greca gennaio 2010 Disagio sociale e mutamento politico da primavera 2009 Riprese stentate primavera- estate 2010 Fenomeni finanziari Economia reale Sfera politico-sociale Verso una nuova crisi finanziaria?

7 Paesi grandi – cambiamenti di governo Stati Uniti, novembre 2008, Giappone, settembre 2009 Germania, ottobre 2009, Regno Unito, aprile 2010, Giappone maggio 2010, Australia, giugno- settembre 2010, Paesi piccoli – cambiamenti di governo Islanda, da ottobre 2008, Paesi baltici da nov Rep. Ceca, marzo 2009, Ungheria, aprile 2009, aprile 2010, Bulgaria, luglio 2009, Grecia, ottobre 2009 Belgio e Paesi Bassi, senza governo dalla primavera Difficoltà a governare Stati Uniti – riforma bancaria inconcludente, riforma sanitaria osteggiata; dimissioni di consiglieri economici Francia - Sarkozy perde le elezioni locali – resistenza a riforma pensioni Germania – Merkel perde controllo Bundesrat – dimissioni di governatori Italia – sfaldamento maggioranza; Grecia: scontento e scioperi Spagna; scioperi Russia – crisi raccolto grano Il malessere politico-sociale

8 Pil complessivo Pil per abitante Il pil cade del 5% in 5 trimestri Il pil per abitante ha smesso di crescere! Stati Uniti: recupero o ripresa?

9 L’”elastico di Friedman”: rapido recupero del trend anticrisi La cicatrice permanente: si recupera la velocità di crescita ma non il tempo perduto Il modello Giappone: calo permanente della velocità di crescita Trend precedente Come sarà il dopo-crisi Recupero dei massimi precedenti di pil: 3-5 anni per la maggior parte dei paesi Y tempo

10 Lo scenario catastrofico (da leggere e da dimenticare)  1. L’economia non riparte, la disoccupazione aumenta  2. Dilemma dei governi:  a) disoccupazione al 25%,  b) inflazione al 25%  3. Si sceglie l’alternativa b)  4. In 2-3 anni si ridimensionano fortemente debiti pubblici e patrimoni finanziari  5. Stop all’inflazione con dure politiche finanziarie  6. Si riparte

11 Lo scenario “costruttivo”  Gli Stati Uniti aumentano ancora il deficit pubblico  Il dollaro scende fortemente, riduzione del deficit estero americano  L’”Asia dinamica” traina la ripresa mondiale  Europa al traino dell’Asia; riduzioni spesa pubblica; crescita inizialmente bassa  – Stabilizzazione dei tassi di crescita – ripresa dell’occupazione  intorno al 2020 – riforma monetaria – nuovo paniere di monete sostituisce parzialmente il dollaro

12 Il ritardo italiano ha radici lontane Migliaia di dollari per abitante/anno La crisi riporta indietro il pil per abitante…. ….di circa 4 anni nel Regno Unito ….di circa 3 anni in Francia e Germania … di circa 9 anni in Italia

13 Aumento della produttività del lavorodel capitale  riforme  tassazione  pensioni?  istruzione  ricerca  nuovi settori (politica industriale)  esportazioni  infrastrutture  investimenti Come può fare l’Italia per crescere

14


Scaricare ppt "Lo schema di questa relazione 1.Antefatto: la crisi e i suoi sviluppi 2.Gli scenari di breve periodo 3.I problemi dell’Italia."

Presentazioni simili


Annunci Google