La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Firenze, 28 marzo 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista – Revisore contabile - Pubblicista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Firenze, 28 marzo 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista – Revisore contabile - Pubblicista."— Transcript della presentazione:

1 Firenze, 28 marzo 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista – Revisore contabile - Pubblicista

2 ENTE SPORTIVO DILETTANTISTICO La natura di Ente Sportivo Dilettantistico si acquisisce: 1. l’affiliazione ad una Federazione Sportiva Nazionale, ad un Ente di Promozione Sportiva o ad una Disciplina Sportiva Associata; 2. l’iscrizione al Registro del CONI; 3. comunicazione dati rilevanti ai sensi del D.L. 185/08 (Modello EAS).

3 Legge 27 dicembre 2002, n. 289 Articolo 90, comma 17 Le società e associazioni sportive dilettantistiche (Enti sportivi) devono indicare nella denominazione sociale la finalità sportiva e possono assumere una delle seguenti forme: 1. Associazione sportiva priva di personalità giuridica ai sensi degli artt. 36 e seguenti del codice civile. 2. Associazione sportiva con personalità giuridica di diritto privato ai sensi del D.P.R. 10 febbraio 2000, n Società sportiva di capitali o cooperativa costituita secondo le disposizioni vigenti, ad eccezione di quelle che prevedono la finalità di lucro.

4 Legge 27 dicembre 2002, n. 289 Articolo 90, comma 18 Le Società e le Associazioni sportive dilettantistiche si costituiscono con atto scritto nel quale deve, tra l’altro, essere indicata la sede legale. Nello statuto devono essere previsti: a) la denominazione; b) l’oggetto sociale con riferimento all’organizzazione di attività sportive dilettantistiche, compresa l’attività didattica; c) l’attribuzione della rappresentanza legale della associazione;

5 ……… segue: d) l’assenza di fini di lucro e la previsione che i proventi delle attività non possono, in nessun caso, essere divisi fra gli associati, anche in forme indirette; e) le norme sull’ordinamento interno ispirato a principi di democrazia e di uguaglianza dei diritti di tutti gli associati con la previsione dell’elettività delle cariche sociali, fatte salve le S.S.D. a r.l. e le cooperative per le quali si applicano le norme del codice civile; f) l’obbligo di redazione di rendiconti, economico – finanziari, nonché le modalità di approvazione degli stessi da parte degli organi statutari;

6 ……… segue: g) le modalità di scioglimento della associazione; h) l’obbligo di devoluzione ai fini sportivi del patrimonio in caso di scioglimento delle società e della associazioni.

7 Legge 27 dicembre 2002, n. 289 Articolo 90, comma 18 bis E’ fatto divieto agli amministratori degli Enti Sportivi Dilettantistici di ricoprire la medesima carica in altre società o associazioni sportive dilettantistiche nell’ambito della medesima Federazione Sportiva o Disciplina Associata se riconosciuta dal CONI, ovvero nell’ambito della medesima disciplina facente capo ad un Ente di promozione sportiva.

8 La Società Sportiva e la Cooperativa Dilettantistica a responsabilità limitata Caratteristiche 1. Società di capitali di diritto speciale 2. Statuto (deve avere speciali prescrizioni) 3. Oggetto sociale (oltre all’organizzazione di attività sportive, dovrà svolgere anche attività didattiche rivolte all’avvio e al perfezionamento delle attività sportive) 4. Divieto di distribuire utili anche in forma indiretta 5. Amministratori (divieto di ricoprire la medesima carica in altre società o associazioni nell’ambito della stessa disciplina sportiva) 6. In caso di scioglimento obbligo di devolvere il patrimonio a fini sportivi

9 Legge 27 dicembre 2002, n. 289 Articolo 90 NORME FISCALI  espressa previsione della forma giuridica delle Società di capitali senza scopo di lucro;  estensione alle SSD a r.l. delle agevolazioni fiscali recate dalla legge 398/91 e dalle altre disposizioni tributarie riguardanti le associazioni sportive dilettantistiche;  elevazione del limite di proventi fissato per poter fruire dei benefici previsti dalla legge 398/91 (€ ,00);

10 ………. segue:  ampliamento del regime agevolato degli artt. 67 e 69 del TUIR, ai compensi corrisposti agli sportivi dilettanti;  esclusione dalla base imponibile IRAP dei compensi di cui all’art. 67 TUIR;  regime agevolato per le spese di pubblicità;  modifiche al regime delle erogazioni liberali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche.

11 Decreto Legge 185/08 MODELLO EAS Entro sessanta giorni dall’inizio dell’attività gli enti associativi devono trasmettere per via telematica alla Agenzia delle Entrate il Modello EAS, contenente informazioni e notizie rilevanti.

12 LA LEGGE 398/91 ANALISI E APPROFONDIMENTI

13 Regime forfettario ex L. 398/1991- Condizioni Regime fiscale agevolato al quale possono accedere le associazioni e le società sportive dilettantistiche che abbiano conseguito nel precedente periodo d’imposta (o che prevedono di realizzare, in caso di inizio attività) proventi commerciali non superiori a € all’anno: regime speciale al quale si accede per opzione che dura almeno 5 anni salvo il superamento del limite di ricavi commerciali nel corso del quinquennio; l’opzione deve essere comunicata all’Ufficio Siae competente in base al domicilio fiscale dell’associazione, prima dell’inizio dell’anno solare per il quale ha effetto l’opzione. L’opzione viene inoltre comunicata all’Agenzia delle Entrate in sede di prima dichiarazione annuale redditi con la compilazione del quadro VO della dichiarazione iva. in assenza di opzione il regime contabile si desume dal comportamento concludente ; comportamento dedotto dagli adempimenti concretamente posti in essere da contribuente, che presuppongono la scelta di un regime opzionale. Le disposizioni tributarie lo ammettono sempre che vi siano i presupposti oggettivi e soggettivi)

14 Agevolazioni e obblighi contabili Esonero dall’obbligo della tenuta dei registri contabili (fatture emesse e fatture di acquisto) Esonero dalla certificazione dei corrispettivi ( non vi è obbligo di emissione di scontrini e/o ricevute fiscali) Obbligo di emettere le fatture solo per le prestazioni di sponsorizzazione, per le cessioni e o concessioni di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica e per le prestazioni pubblicitarie

15 ….. segue: Annotazione, anche con un’unica registrazione, entro il giorno 15 del mese successivo, dell’ammontare dei corrispettivi e di qualsiasi provento conseguiti nell’esercizio di attività commerciali, con riferimento al mese precedente, nel registro di cui al D.M. 11 Febbraio 1997, opportunamente integrato (vanno inseriti anche i proventi con non costituiscono reddito imponibile, le plusvalenze patrimoniali, nonché le operazioni intracomunitarie di beni e di servizi) Le fatture emesse e le fatture di acquisto devono essere numerate progressivamente per anno solare e conservate

16 Adempimenti fiscali Per i proventi soggetti ad Iva l’imposta è dovuta applicando una detrazione forfettaria del 50% sia che si tratti di prestazioni pubblicitarie sia che si tratti di sponsorizzazioni). Versamento trimestrale dell’iva (senza maggiorazione dell’1%) entro il giorno 16 del secondo mese successivo al trimestre di riferimento 1 trimestre entro il 16/5 codice tributo trimestre entro il 16/8 codice tributo trimestre entro il 16/11 codice tributo trimestre entro il 16/02 codice tributo 6034 Esonero dalla presentazione della dichiarazione annuale IVA e della comunicazione dati IVA Obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi (Unico Enc) ed Irap

17 ….. segue: Ai fini IRES il reddito è determinato applicando il coefficiente di redditività del 3% ai ricavi commerciali ai quali si devono sommare le plusvalenze. Reddito imponibile Ires = proventi commerciali X 3% + plusvalenze patrimoniali. Es. proventi commerciali annui € IVA 22% = € iva incassata) IVA   – Iva sugli acquisti forfetizzata € x 50%=   – Iva da versare per l’anno = € IRES   Reddito imponibile € X 3% = €   Imposta IRES 1.500X 27,5%= € 412,50

18 Superamento del limite dei ricavi In caso di superamento del limite di ricavi commerciali di € in corso d’anno, si applicano con effetto dal mese successivo, le disposizioni “ordinarie in materia di contabilità. L’Ente pertanto, a partire da mese successivo dovrà attivare i registri contabili, emettere i documenti contabili e registrarli nei registri). In virtù del cambiamento di regime in corso d’anno, il periodo d’imposta sarà interessato da due diversi regimi contabili e tributari sia ai fini Iva che ai fini delle imposte dirette (Ires e Irap) Ai fini IVA per le liquidazioni periodiche e per il controllo del limite si fa riferimento alle fatture emesse anche se non incassate. Ai fini delle IIDD, per il pagamento delle imposte e per il controllo del limite si fa riferimento alle fatture incassate

19 ….. segue: Per le associazioni sportive che si avvalgono dell’opzione di cui alla L. 398/91 non concorrono a formare reddito imponibile per un numero di eventi non superiore a due e nel limite annuo di € ,69: - i proventi realizzati dalle associazioni nello svolgimento di attività commerciali connesse agli scopi istituzionali - i proventi realizzati per il tramite di raccolta pubblica di fondi in conformità dell’art. 143, ex art 108 c. 2- bis lettera a) TUIR. Obbligo di specifico rendiconto da parte dell’Ente che ha posto in essere queste attività entro 4 mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale La connessione con gli scopi istituzionali comporta che le attività commerciali debbano essere strutturalmente funzionali alla manifestazione sportiva e rese in concomitanza con la medesima (C.M. n. 43/E/00) Esempio: somministrazione di alimenti e bevande, vendita materiali sportivi, gadgets pubblicitari ….. n.b. sempre comunque nel rispetto dei limiti della occasionalità determinata da un numero di eventi non superiore a due e nel limite annuo di € ,69

20 Applicabilità alle S.S.D. a r.l. Le S.S.D. costituite in forma di società di capitali, ancorché non perseguano fine di lucro, mantengono dal punto di vista fiscale, la natura di ente commerciale. L’assenza di fine di lucro non incide sulla qualificazione tributaria dell’ente in questione.(Circolare A.E. n. 21/E del 22 aprile 2003). Affinché il regime agevolato sia applicabile alle S.S.D. l’attività commerciale non deve superare € annui

21 Problemi interpretativi Nella ratio della agevolazione introdotta dall’art. 90 per le S.S.D. vi è l’intenzione del legislatore italiano di introdurre una agevolazione valida sia ai fini delle II.DD. sia ai fini Iva (confermato nel paragrafo della Circolare A.E. n. 21/E del 22 aprile2003). Problemi interpretativi sono stati posti in merito alla applicabilità della agevolazione di cui 148 co. 3 Tuir (defiscalizzazione proventi specifici da soci, associati, tesserati..) anche ai fini Iva ai sensi del’ art. 4.) per i seguenti motivi: l’art. 4 comma 4) DPR 633/1972 fa riferimento solo agli enti associativi; incompatibilità con la normativa Comunitaria (l’Iva è un tributo “europeo”) che non consentirebbe “ deroghe” per le società commerciali.

22 Risoluzione n. 38/E del 17 maggio 2010 L’A.E. ricorda che in base all’art. 90 della L. n. 289 del 2002 il regime agevolato sopra citato può essere applicato anche alle società sportive dilettantistiche. Con riferimento alle attività effettuate dalle società sportive dilettantistiche nei confronti dei “frequentatori e/o praticanti” che non rivestono la qualifica di soci, la Risoluzione evidenzia che la disposizione agevolativa in argomento si applichi a condizione che i destinatari delle attività risultino “tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali” (CONI, Federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva). Occorre naturalmente che si tratti di attività direttamente collegate agli scopi istituzionali ed inoltre affinché le società sportive dilettantistiche possano godere della detassazione in oggetto occorre che le società abbiano statuti contenenti le clausole previste dal comma 8 dell’art. 148 del Tuir (ivi comprese la intrasmissibilità delle quote societarie, il principio del voto singolo ecc.)

23 Verifica documentale SIAE Nell’ambito dei poteri attribuiti alla SIAE vi è quello di procedere ad una verifica documentale. Sulla base delle liste selettive trasmesse dalla Agenzia delle Entrate il mandatario della SIAE territorialmente competente invita la A.S.D. ad esibire la seguente documentazione:

24 ….. segue: 1. Atto costitutivo e statuto. 2. Verbale di nomina del Presidente. 3. Dichiarazione di inizio attività e codice ATECO. 4. Comunicazione alla SIAE dell’opzione ex legge 398/ Modello EAS e ricevuta di presentazione. 6. Registri IVA minori di cui al DM 11/02/ Fatture emesse.

25 …… segue: 8. Eventuali contratti di pubblicità e/o sponsorizzazione. 9. Riepiloghi dei titoli di accesso emessi (Modd. SD1/SD2/C1/C2) 10. Certificato di iscrizione al CONI. 11. Ogni documento di tracciabilità delle entrate. 12. Deleghe dei versamenti IVA con la quietanza telematica.

26 Certificazione Unica C.U. Dal 2015 (in riferimento ai redditi erogati nel 2014) i sostituti d’imposta debbono utilizzare un solo modello per attestare sia i redditi di lavoro dipendente e assimilati (che fino al 2014 riportati nel CUD), sia altri redditi (per esempio di lavoro autonomo e "redditi diversi"), ad oggi certificati in forma libera: il modello di "Certificazione Unica" (CU). Il modello va poi trasmesso all'Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo, in via telematica (direttamente o tramite un intermediario abilitato). Questo adempimento si è reso necessario anche al fine di acquisire i dati che confluiranno della dichiarazione precompilata.

27 SPESOMETRO 2015 La scadenza Spesometro 2015 è fissata al 10, 20 e 30 aprile: 1. Scadenza 10 aprile per i contribuenti che liquidano l’IVA mensilmente. 2. Scadenza 22 aprile per chi liquida trimestralmente l'IVA. 3. Scadenza 30 aprile per gli operatori finanziari che devono comunicare gli acquisti superiori a euro pagati con bancomat o carte di credito.

28 SPESOMETRO 2015 Le Associazioni sportive dilettantistiche che pur avvalendosi del regime agevolato forfetario previsto dalla Legge 398/91, sono tenute alla comunicazione limitatamente alle operazioni effettuate nell’esercizio di attività commerciali. Le Associazioni sportive dilettantistiche che pur avvalendosi del regime agevolato forfetario previsto dalla Legge 398/91, sono tenute alla comunicazione limitatamente alle operazioni effettuate nell’esercizio di attività commerciali. Le ASD con opzione per la 398/91 pertanto inviano solo i dati delle fatture emesse per pubblicità e sponsorizzazioni come chiarito dall'Agenzia delle Entrate, tali associazioni anche se non sono obbligate alla registrazione analitica delle fatture passive ricevute, devono comunicare gli importi relativi agli acquisti di beni e servizi direttamente riferibili all’attività commerciale eventualmente svolta. Le ASD con opzione per la 398/91 pertanto inviano solo i dati delle fatture emesse per pubblicità e sponsorizzazioni come chiarito dall'Agenzia delle Entrate, tali associazioni anche se non sono obbligate alla registrazione analitica delle fatture passive ricevute, devono comunicare gli importi relativi agli acquisti di beni e servizi direttamente riferibili all’attività commerciale eventualmente svolta.

29 Grazie per la Vostra disponibilità e attenzione Dott. ROBERTO BRESCI


Scaricare ppt "Firenze, 28 marzo 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista – Revisore contabile - Pubblicista."

Presentazioni simili


Annunci Google