La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PER UN SPDC DI “QUALITÀ”: L’ESPERIENZA DI GROSSETO G. Corlito, G. Cardamone, E. Facchi Arezzo, 16.10.08.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PER UN SPDC DI “QUALITÀ”: L’ESPERIENZA DI GROSSETO G. Corlito, G. Cardamone, E. Facchi Arezzo, 16.10.08."— Transcript della presentazione:

1 PER UN SPDC DI “QUALITÀ”: L’ESPERIENZA DI GROSSETO G. Corlito, G. Cardamone, E. Facchi Arezzo, 16.10.08

2 Corlito, Arezzo, 16.10.082 “Dal momento che l’organizzazione è collocata, in ultima analisi, nelle teste dei suoi membri, ogni cambiamento organizzativo, per essere efficace, deve prevedere anche adeguati cambiamenti culturali” Gareth Morgan, Images of Organization, 1986

3 Corlito, Arezzo, 16.10.083 Cultura e organizzazione Morgan, nel suo libro Images, Le metafore dell’organizzazione, definisce la cultura “una traslazione metaforica del concetto di coltivazione, del processo di cura e di sviluppo del terreno. Quando si parla di cultura, ci si riferisce al modello di sviluppo rispecchiato nel sistema di conoscenze di una società, nella sua ideologia, nei suoi valori, nel suo diritto, nei suoi riti quotidiani”

4 Corlito, Arezzo, 16.10.084 La cultura organizzativa Quindi, quando usiamo il termine “cultura organizzativa”, utilizziamo una metafora complessa e continuata (in senso retorico un’allegoria), che ci permette di pensare ai gruppi organizzati (anche i nostri servizi) non come a “macchine”, ma come “organismi viventi” tipicamente umani e sociali, che nascono e si sviluppano, con un sistema di valori propri, storicamente determinato e condiviso, che si adatta e modifica l’ambiente in cui si trova. In altri termini essi sono ecosistemi aperti al mondo esterno (=società) con proprie risorse e proprie dinamiche di sviluppo.

5 Corlito, Arezzo, 16.10.085 L’SPDC DEL P.O. MISERICORDIA DI GROSSETO Viene presentata l’esperienza concreta sviluppatasi negli ultimi 10 anni presso il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell’Ospedale Misericordia di Grosseto, che fa parte della Unità Funzionale Salute Mentale Adulti della zona distretto 4 (Area Grossetana), servizio che rappresenta sia per popolazione servita, che per numero di utenti e per numero di operatori addetti oltre la metà dell’intera Area Dipartimentale della Salute Mentale dell’ASL 9 di Grosseto.

6 Corlito, Arezzo, 16.10.086 L’ASL 9 DI GROSSETO L’UFSMA del Distretto 4: 120.000 ab. serviti dall’SPDC (Distretto 3 + Distretto 4) su 220.000 ab. totali della ASL 2.300 utenti/anno prevalenza trattata su 5.500 utenti/anno DSM indice di proiezione territoriale: 17.9 (138/2466 nel 2007) degenza media ca. 8 gg 72 operatori addetti all’ UFSMA del Distretto 4 su 125 operatori totali del DSM SPDC 4 pl SPDC 6 pl SPDC 4 pl

7 Corlito, Arezzo, 16.10.087 LA STRUTTURAZIONE DELL’SPDC Tale SPDC è un piccolo reparto “autonomo” (6 pl a ciclo completo e 4 a ciclo diurno, uno di questi può funzionare come “Night hospital”), radicalmente rinnovato negli spazi e negli arredi nel 2000. Esso è dotato di un organico di 13 infermieri: 11 che garantiscono la copertura dell’assistenza sulle 24 ore, e 2 con turno mattutino, che garantiscono la gestione dei letti a ciclo diurno e il coordinamento del lavoro infermieristico + 1 OSS per il progetto “porta aperta”. Vi è un servizio di guardia medica psichiatrica a ciclo continuo, garantita da tutti i medici delle due aree servite (Area Grossetana e Amiata).

8 Corlito, Arezzo, 16.10.088 I PRINCIPI BASE Sono quelli del “modello toscano”, della salute mentale di comunità ed anche dell’organizzazione per intensità di cure:  la presa in carico multidisciplinare  la continuità terapeutica ospedale- territorio da parte della stessa equipe multidisciplinare con case manager individuato Principi declinati insieme agli antichi principi del no restraint e dell’open door.

9 Corlito, Arezzo, 16.10.089 IL MODELLO TOSCANO: LA RETE Continuità terapeutica (rete dei presidi) Gruppo di lavoro multiprofessionale SPDC C T S R C D APP. AS. C S M COMUNITÀ Op. sanitari Op. sociali EQUIPE RETE SOC. INFORMALE RETE SOC. FORMALE PROGETTO INDIVIDUALIZZATO Modificata da Sirianni, 3.5.2005 CI VUOLE UN GRUPPO IN OGNI STRUTTURA

10 Corlito, Arezzo, 16.10.0810 UNA STORIA ANTICA Le caratteristiche principali del “trattamento morale” (XVIII sec.) sono ancora attuali: 1.Il “no restraint” (il rifiuto della contenzione fisica) 2.L’”open door” (il regime delle porte aperte: è il tema di una recente giornata mondiale della salute mentale)

11 Corlito, Arezzo, 16.10.0811 UNA DIFFERENZA Il trattamento morale muoveva dalla sensibilità umanitaria di un gruppo di tecnici “rivoluzionari” Dopo la lotta contro il lager a cominciare dal II conflitto mondiale e il processo mondiale di demanicomializzazione i principi del “no restraint” e dell’ “open door” dovrebbero essere una norma socialmente accettata

12 Corlito, Arezzo, 16.10.0812 COME CI SIAMO MOSSI Avevamo in mente l’esempio di Pinel che mentre scioglieva dalle catene “il capitano furioso”, cercava di persuaderlo ad un comportamento accettabile facendo leva sul suo senso dell’onore Abbiamo usato il buon senso, la persuasione, la negoziazione, la non violenza e le “pratiche di pace” Non sapevano che erano il fondamento delle tecniche di “descalalation”, non le abbiamo protocollate e le abbiamo affidate alla “tradizione orale” (questo è un limite); nel 2007 abbiamo organizzato un seminario con i colleghi dell’SPDC di Mantova

13 Corlito, Arezzo, 16.10.0813 CULTURA VS IDEOLOGIA Tali principi a Grosseto non sono stati perseguiti “ideologicamente”, cioè imposti come “giusti” dall’alto, ma conquistati attraverso il lavoro pratico teso a sviluppare sul campo una cultura di servizio condivisa. La cultura condivisa è considerata il “collante” tra tutte le componenti del servizio, che si costruisce nella pratica non solo con la formazione Sono stati utilizzati i sistemi accreditati di miglioramento della qualità

14 Corlito, Arezzo, 16.10.0814 AZZERAMENTO DELLA CONTENZIONE FISICA La contenzione fisica, ancora presente nel 1996 – all’epoca del cambiamento della direzione del servizio e dell’avvio di “una ricostruzione maggiore dell’equipe in senso prospettico” secondo Thornicroft e Tansella (2000) – è stata progressivamente “azzerata” (l’ultimo episodio risale a 6 anni fa e nei precedenti 4 anni gli episodi si riducono a 3 in tutto) Lo strumento principale è stato l’uso sistematico della tecnica dell’audit per il miglioramento continuo della qualità, considerando la contenzione come un evento “sentinella” (annotato sull’apposito registro) al pari della fuga, dell’atto autolesivo, dell’agito aggressivo ed altro. Nell’ultimo anno sono stati annotati 2 soli eventi sentinella (un atto di aggressività; la mancata comunicazione di una variazione di un turno)

15 Corlito, Arezzo, 16.10.0815 APERTURA DELLA PORTA Il processo di apertura della porta è giunto a compimento da circa 2 anni, nonostante una sentenza di assoluzione della magistratura locale, che, però, definisce indirettamente la “porta chiusa” come necessaria in caso di TSO. Stiamo programmando un tentativo di condividere l’open door con tutto il contesto sociale e sanitario coinvolto. Riteniamo il raggiungimento di tale obbiettivo come il completamento del processo di costituzione di un SPDC “di qualità” avviato nel 1996. Nel 2008 è stato attivato “un registro di monitoraggio della porta aperta”: l’apertura raggiunge il 76% dei giorni complessivi.

16 Corlito, Arezzo, 16.10.0816 IL “MANICOMIALISMO” Vengono presentati di seguito i dati epidemiologici, che attestano il costante perseguimento di tali obbiettivi, i quali non possono essere dati mai per scontati. Il “manicomialismo” ha una propria dinamica culturale, antropologica e sociale nel gruppo umano per cui esso tende a riprodursi spontaneamente secondo la dinamica inclusione/esclusione.

17 Corlito, Arezzo, 16.10.0817 TASSO DI RICOVERO A 1000 AB. NELL’ASL 9

18 Corlito, Arezzo, 16.10.0818 TASSO DI TSO / RICOVERI IN SPDC ASL 9

19 PER UN REPARTO “A DIMENSIONE D’UOMO” È necessario personale in quantità sufficiente Sono necessari spazi adeguati Occorrono possibilità certe di avere supporto da tutto il servizio (dentro e fuori dell’ospedale) È necessaria una cultura di servizio condivisa da estendere a tutta la comunità Personale formato adeguatamente Un gruppo di lavoro affiatato L’organizzazione degli utenti in gruppo durante il ricovero L’alleanza con le famiglie L’apertura del reparto alle realtà organizzate del territorio

20 Corlito, Arezzo, 16.10.0820

21 Corlito, Arezzo, 16.10.0821

22 Corlito, Arezzo, 16.10.0822

23 Corlito, Arezzo, 16.10.0823

24 Corlito, Arezzo, 16.10.0824

25 Corlito, Arezzo, 16.10.0825

26 Corlito, Arezzo, 16.10.0826

27 Corlito, Arezzo, 16.10.0827 IL LAVORO DI GRUPPO Era inevitabile incontrarsi con l’introduzione del gruppo degli operatori e con quello dei ricoverati. Dopo alcune esperienze autogestite localmente, nel 2004 abbiamo fatto nostra la proposta di Piero Morosini di introdurre in SPDC i gruppi ad impostazione cognitivo-comportamentali in base al manualetto “L’intervento cognitivo- comportamentale di gruppo nel Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura” (Autori: Vendittelli,Veltro, Oricchio, Bazzoni, Rosicarelli, Polidori, Morosini; Centro Scientifico Editore, Torino, 2003),

28 Corlito, Arezzo, 16.10.0828 UN’APPLICAZIONE LOCALE Abbiamo modificato il metodo proposto da Morosini et al. in base ai seguenti presupposti: promozione del gruppo degli infermieri come conduttore dei gruppi, snellimento dell’intervento, introduzione di un’ottica sistemico relazionale con intervento al contesto (famiglia, realtà esterna al reparto); formazione sul campo (seminari, gruppi di lettura autogestiti, visita ad altre esperienze). Attualmente questa esperienza è in fase di ripensamento

29 Corlito, Arezzo, 16.10.0829

30 Corlito, Arezzo, 16.10.0830

31 Corlito, Arezzo, 16.10.0831 I risultati sono nettamente positivi; tutte le medie > 3, con l’unica eccezione dell’item 6 del “Morosini” (20 nel grafico), che chiede al paziente se sia stato sufficientemente informato sui vantaggi e sugli effetti collaterali dei farmaci che gli vengono somministrati e che prosegue ad avere una media di punteggio ai limiti della insufficienza Medie delle risposte: Settembre 2004 – gennaio 05

32 Corlito, Arezzo, 16.10.0832 SPDC “PERMANENTI” E “TEMPORANEI” Essi devono far parte della stessa rete dei servizi di salute mentale e devono avere entrambi “regole certe” e “parametri certi” di personale anche in tempi di “vacche magre” La soglia è posta a 60.000 abitanti Quelli “temporanei” nei distretti più piccoli permettono di evitare la creazione di reparti “concentrazionari” e possono fare un lavoro “dentro-fuori l’ospedale” se stanno chiusi almeno 180 gg l’anno, quindi con grosso “filtro” territoriale La Regione deve aiutarci asciogliere due altri nodi: l’uso di personale delle Coop in ospedale e l’incentivazione degli infermieri che fanno il dentro fuori l’ospedale

33 Corlito, Arezzo, 16.10.0833 IN CONCLUSIONE Il PSR 2008-10 prevede l’obbiettivo di “evitare la contenzione fisica” e della “porta aperta” Se vogliamo raggiungere realmente questi obbiettivi è necessario: 1.Sciogliere il nodo della struttura degli SPDC zonali e provinciali (anticipato nella delibera GR 596/2004): uscire dallo “sperimentalismo” e avviare l’accreditamento 2.Stabilire i parametri di dotazione del personale dedicato 3.Emettere linee guida chiare sulla gestione dei comportamenti aggressivi e sulle tecniche di descalation, condivise nell’ambito del lavoro di governo clinico, con specifici momenti formativi

34 Corlito, Arezzo, 16.10.0834 Grazie per l ’ attenzione!


Scaricare ppt "PER UN SPDC DI “QUALITÀ”: L’ESPERIENZA DI GROSSETO G. Corlito, G. Cardamone, E. Facchi Arezzo, 16.10.08."

Presentazioni simili


Annunci Google