La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione al Metodo Strutturale Dinamico

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione al Metodo Strutturale Dinamico"— Transcript della presentazione:

1 Introduzione al Metodo Strutturale Dinamico
1 Introduzione al Metodo Strutturale Dinamico I diversi metodi utilizzati in filosofia e nelle scienze ; il contributo del MSD Diapositive realizzate e concesse dal Centro di Studi Umanisti di Parigi Traduzione a cura del Centro di Studi Umanista “Salvatore Puledda” di Roma

2 2 Indice Introduzione……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..…..…..1 I Metodi nella storia………………………………………………………………………………………………………………………………………………………… I Metodi della scienza………………………………………………………………………………………………………………………………….………….…18 Fondamenti del Metodo del Nuovo Umanesimo……………………….….….22 Contributi del Nuovo Umanesimo……………………………………………….…………………….……………..…….26 Presentazione del MSD……………………………………………………………………….……………..……………………………………………….….31 Fonti……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..…………………………………………………..…………38 38

3 Eraclito d’Efeso -544 / -482 Filosofo greco “L’Essere
Eraclito d’Efeso / -482 Filosofo greco “L’Essere* è eternamente in divenire e tutto si muove senza sosta” “Ciò che vive muore, ciò che è morto diventa vivente; niente è questo o quello, ma tutto lo diventa” * Essere : in filosofia, esprime o postula l’esistenza, la realtà. 3

4 Parmenide d’Elea Παρμενίδης Parmenídês -520 / -450 Filosofo greco presocratico “L’Essere è atemporale e continuo” “Niente può diventare un’altra cosa da quella che è”         4

5 Socrate Σωκράτης -469 / -399 Filosofo greco - Atene La Maieutica
Socrate Σωκράτης -469 / -399 Filosofo greco - Atene La Maieutica... o l’arte di far partorire gli spiriti. Domande, domande, ancora domande... L' ironia... o l'arte di spingere l'altro nei suoi retranchements (intellettuali), come stile. 5

6 Riferimenti cronologici
6 Riferimenti cronologici Eraclito -450 / -480 Parmenide –520 / -450 S. Tommaso d’Aquino 1225 / 1274 Cartesio 1596 / 1650 Kant 1724 / 1804 Hegel 1770 / 1831 Husserl 1859 / 1938 Ortega 1883 / 1955 Silo 1938 Sant’Agostino 354 / 430 Socrate –469 / –399 Platone –427 / –348 Aristotele –384 / –322 ANTICHITA’ MEDIO EVO EPOCA MODERNA FILOSOFIA CONTEMPORANEA

7 Platone Πλάτων -427 / -348 Filosofo greco La dialettica
Platone Πλάτων / -348 Filosofo greco La dialettica... o la critica costruttiva Proposizioni, argomenti, per avvicinarsi progressivamente all’Idea pura 7

8 Aristotele aριστοτέλης / -322 Filosofo greco dell’Antichità La Logica* = la dialettica + il movimento della ragione Legge del corretto ragionamento : deduzione, dimostrazione, risultato *Logica : scienza il cui oggetto è di determinare le regole del pensiero grazie alle quali si può raggiungere la verità 8

9 Agostino d’Ippona S. Agostino 354 / 430 Filosofo cristiano - Cartagine         Dio detiene la Conoscenza ultima, cui si arriva non per logica, ma per rivelazione. Solo la città di Dio è perfetta ; là si trovano la conoscenza e la verità. 9

10 San Tommaso d’Aquino / Filosofo cristiano - Napoli La scolastica... o metodo fondato sullo studio e il commento dei testi religiosi e profani, che mira a riconciliare la logica di Aristotele con la teologia cristiana, vuole dimostrare logicamente l’esistenza di Dio. Influenzato da Aristotele e Agostino d’Ippona 10

11 René Descartes Cartesio / Filosofo francese Epoca Moderna Il dubbio sistematico, fino alla comparsa di una intuizione evidente. “Penso, dunque sono!” 11

12 del Metodo di Cartesio : La sintesi e il ragionamento
12 Le 4 leggi del discorso del Metodo di Cartesio : L’evidenza L’analisi La sintesi e il ragionamento Lo svelamento

13 Georg Wilhelm Friedrich Hegel / Filosofo tedesco    La verità assoluta è costituita da una cosa e dal suo contrario. Tesi… Antitesi… Sintesi 13

14 Edmund Hüsserl / Filosofo tedesco La riduzione fenomenologica… o la descrizione dei fenomeni… Fenomeno = Oggetto + Sguardo dell’osservatore La vera conoscenza è quella dell’Essenza. 14

15 José Ortega y Gasset / Filosofo spagnolo    Arrivare alla conoscenza attraverso lo studio di... L’oggetto L’Io, che guarda l’oggetto, Le circostanze in cui si trovano l’oggetto e l’io (la storia, la società). 15

16 Mario Luis Rodriguez Cobos, detto Silo Filosofo argentino “Tutto è in struttura, in relazione e in processo” “Il metodo è l’espressione della dinamica strutturale della realtà” 16

17 17

18 I metodi della scienza 18 deduttivi induttivi ipotetico-deduttivo

19 I metodi della scienza 19 L’organizzazione delle scienze Scienze
Perimetro Metodo Teoria Comunicazione ?

20 I metodi della scienza Teorie, leggi, metodi Teorie, leggi, metodi
20 I fondamenti classici Teorie, leggi, metodi Teorie, leggi, metodi Principi logici

21 I metodi della scienza Principio d’identità “Tutto ciò che è, è” 21
I principi classici Principio d’identità “Tutto ciò che è, è” Principio di non contraddizione “Niente può essere e non essere allo stesso tempo” Principio del terzo escluso “Tutto deve o essere o non essere” Principio di ragione sufficiente (o causalità) “Ogni fenomeno ha una causa”

22 Fondamenti del Pensare
Fondamenti del Metodo del Nuovo Umanesimo 22 Scienze, tecniche, applicazioni Metodo Leggi universali Principi logici Fondamenti del Pensare

23 Rappresentazione del fenomeno
Fondamenti del Metodo del Nuovo Umanesimo 23 I meccanismi del pensare Il “Pensare umano” Fenomeno Rappresentazione del fenomeno

24 La differenza permette di Fissare un momento del Pensare
Fondamenti del Metodo del Nuovo Umanesimo 24 I meccanismi del pensare Il “Pensare” procede per differenza La differenza permette di Fissare un momento del Pensare Fissare un interesse Le altre operazioni

25 Fondamenti del Metodo del Nuovo Umanesimo
25 I meccanismi del pensare Il fenomeno Il Pensare Sintesi Differenziazione Complementazione

26 Contributi del Nuovo Umanesimo
26 I principi logici Principio di Esperienza Non c’è essere senza manifestazione. Principio di Graduazione Ciò che “è” e ciò che “non è” ammettono differenti gradi di probabilità e di certezza. Principio di Non-contraddizione Non è possibile che qualcosa “sia” e “non sia” nello stesso momento e nello stesso senso. Principio di Variabilità L‘essere “è” e “non è” identico a sé stesso a seconda se lo si consideri come momento o come processo.

27 Contributi del Nuovo Umanesimo
27 Legge di struttura Niente esiste in maniera isolata, tutto è in relazione dinamica con altri elementi all’interno di ambiti che li condizionano.

28 Contributi del Nuovo Umanesimo
28 Legge di concomitanza Ogni processo è determinato da relazioni di simultaneità con processi dello stesso ambito, e non da cause lineari del movimento precedente da cui procedono.

29 Contributi del Nuovo Umanesimo
29 Legge di ciclo Tutto nell’Universo è in evoluzione, tutto avanza dal più semplice al più complesso secondo tempi e ritmi ciclici.

30 Contributi del Nuovo Umanesimo
30 Legge di superamento del vecchio ad opera del nuovo L‘evoluzione continua dell’universo presenta un ritmo di differenze, di combinazioni e di sintesi sempre più complesse. Le nuove sintesi assumono le differenze precedenti ed eliminano la materia e l’energia che non sono qualitativamente accettabili per le tappe più complesse.

31 del Metodo Strutturale Dinamico
31 Presentazione del Metodo Strutturale Dinamico

32 QUAL E’ IL PROBLEMA ? Questo è il punto di partenza
32 Formulare una domanda con precisione senza ambiguità QUAL E’ IL PROBLEMA ? Questo è il punto di partenza

33 Definire un oggetto di studio Cosa ci interessa in questo studio ?
33 Definire un oggetto di studio Cosa ci interessa in questo studio ?

34 Analizzare l’oggetto di studio
34 Analizzare l’oggetto di studio in statica ambito maggiore ambito medio ambito minore

35 Analizzare l’oggetto di studio
35 Analizzare l’oggetto di studio in dinamica il processo le relazioni la composizione tappa di differenziazione tappa di complementazione tappa di sintesi

36 Elaborare una risposta Disporre di criteri per agire
36 Elaborare una risposta OBIETTIVO : Disporre di criteri per agire

37 Realizzare una relazione finale
37 Realizzare una relazione finale OBIETTIVO : formulare esplicitamente il nostro problema, la nostra analisi e la nostra risposta, in vista di diffonderli in un ambito appropriato.

38 “Seminario pratico sul Metodo” del CSU di Buenos Aires
38 Fonti     “Seminario pratico sul Metodo” del CSU di Buenos Aires Immagini : Wikipedia Elaborato da Sylvie Fornasier, Jean-Michel Baroche, Michel Darracq e Philippe Moal del Centro di Studi Umanisti di Parigi (http://www.cehp.free.fr) Presentato da Xy del Centro di Studi Umanista “Salvatore Puledda” di Roma (www.csuroma.org) Ottobre 2007


Scaricare ppt "Introduzione al Metodo Strutturale Dinamico"

Presentazioni simili


Annunci Google