La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari."— Transcript della presentazione:

1 IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari

2 Fabbricati per l’allevamento dei suini svezzamento – ingrasso e gestazione Capitolo 4 -5 – Ricoveri, attrezzature e impianti per l’allevamento dei suini Paragrafo Fabbricati per l’allevamento dei suini – Manuale di Agricoltura

3 Svezzamento Allo svezzamento suinetti e scrofa vengono spostati in ambienti specializzati oppure, possono permanere nella sala parto fino al raggiungimento dei kg di peso, o addirittura fino al superamento della prima fase di magronaggio (35-40 kg).

4 Locali post-svezzamento suinetti in batterie con pavimento in rete metallica (flat-deck). Ambiente con l0-l2 gabbie. Alimentazione con mangime asciutto a volontà. Gabbie dotate di abbeveratoio a succhiotto e di mangiatoia con sviluppo lineare di 9-l2 cm per suinetto; superficie utile: 0,16-0,2 m 2 /capo. I suinetti sostano fino al 70° giorno di età circa al peso di 22 kg (lattone). 1 sola nidiata per gabbia o 10 suinetti.

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26 Locali magronaggio prevede recinti disposti su una fila o due file. I recinti contengono capi di peso sino a 40 kg. In questa fase si dà alimentazione umida (pastone) o asciutta, in apposite mangiatoie o per spargimento diretto del mangime a terra. Puo’ essere condizionato.

27

28

29

30

31

32

33

34 Locali ingrasso si possono avere tipologie diverse per le diverse fasi di accrescimento (40-80 kg; kg; kg). I recinti contengono capi e più, anche se sconsigliabile. Alternativamente le fasi possono essere ridotte a due ( kg; kg) o a una soltanto. La sola differenza è costituita dalla superficie media coperta per capo che va da 0,88 m 2 per la prima soluzione, a 0,95 m 2 per la seconda a 1,10 m 2 per la terza.

35 ingrasso Ogni corpo, capienza di < 600 capi. Asse longitudinale nord-sud, corsia centrale, recinti su due lati, corsie di defecazione esterne, pavimenti sopraelevati dal terreno circostante, con vespaio in ciottoli. Mangiatoia parallela o perpendicolare alla corsia (non esiste nel caso di alimentazione a secco a terra).

36

37 ingrasso Ogni box della capienza di 15 capi grossi prevede: apertura di accesso a corsia di defecazione, dimensione 0,70 x 0,90 m, protetta da stuoia di gomma o in plastica; pavimento con pendenza verso l'esterno del 2%. Corridoio di servizio largo l,0 m

38

39

40

41

42 Dimensioni ingrasso La maggior limitazione nella forma del recinto è data dal truogolo che richiede cm/capo. Corsia di defecazione larga l,3 m, con pavimento con pendenza longitudinale del 2,5-4% per favorire sgrondo delle deiezioni dovuto a vasconi d'acqua che si ribaltano periodicamente (pratica da sconsigliare per l'elevato consumo di acqua). Corsia con pavimento fessurato consente direttamente la caduta di escrementi in fossa sottostante, oppure corsia con paglia e idoneo raschiatore esterno. Con pavimenti in fessurato totale si elimina la corsia di defecazione ma, nel caso di accumulo in fossa sottogrigliato, sorgono altri problemi di carattere ambientale per cui oggi è soluzione poco consigliata in Italia.

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68


Scaricare ppt "IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari."

Presentazioni simili


Annunci Google