La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

22° incontro. Impariamo i corretti nomi delle cose che troviamo :

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "22° incontro. Impariamo i corretti nomi delle cose che troviamo :"— Transcript della presentazione:

1 22° incontro

2

3 Impariamo i corretti nomi delle cose che troviamo :

4 Ambone Altare Tabernacolo Cero Pasquale

5 Fonte battesimale acquasantiera bacheca

6 confessionale navata sagrestia crocefisso

7 Quando si entra in chiesa si saluta Gesù con il segno di croce fatto molto bene e lentamente : è il segno di riconoscimento di ogni cristiano

8 questi sono i nomi corretti del vestiario del sacerdote che celebra la S.Messa

9 e questi sono gli “strumenti “ che utilizza

10 Abbiamo visto che sin dai tempi di Abramo, Isacco, Giacobbe, sino ad arrivare a l tempo di Gesù, gli Ebrei dedicano un giorno alla settimana “il sabato” per ringraziare e lodare il Signore.

11 Noi cristiani abbiamo spostato questo giorno alla domenica : nome che deriva appunto dalla lingua latina e vuol dire “ dies domini” cioè “giorno del Signore” e in questo giorno celebriamo la risurrezione di Gesù, avvenuta proprio “il primo giorno dopo il sabato” come dice il vangelo Questa celebrazione è proprio la S.Messa

12 Ma alla S.Messa bisogna partecipare attivamente : in che modo ? usando tutti i nostri 5 sensi andiamo a leggere come usarli e quando!!

13 Ma ovviamente bisogna usare anche il cervello e soprattutto il cuore, cioè tutto noi stessi. Poi per seguirla bene bisogna conoscere bene cosa succede…….

14 Quindi inizia la S.Messa con il suono della campanella che ci indica l’ingresso del sacerdote insieme ai chirichetti ( o ministranti)

15 Tutta la S.Messa è composta da diversi RITI o parti : il RITO di Introduzione il RITO della Parola si dice anche LITURGIA della Parola Il RITO Eucaristico si dice anche LITURGIA Eucaristica Il RITO di Comunione Il RITO di congedo

16 Cominciamo con il RITO di Introduzione: è il momento in cui il Signore ci invita alla sua mensa, nella sua casa, tutti insieme per fare festa, cantare, pregare, rendergli lode

17 Per prima cosa il sacerdote ci invita a salutare il Signore con il segno distintivo del cristiano: il segno di croce ! va eseguito molto bene, lentamente, pensando a cosa si sta facendo, pensando chi stiamo salutando e perché siamo lì, in chiesa

18 Portiamo la mano destra alla fronte e diciamo : Nel nome del Padre = e pensiamo : che il Signore sia nella mia mente poi portiamo la mano destra al petto e diciamo E del figlio = e pensiamo : che il Signore sia nel mio cuore poi portiamo la mano destra dalla spalla sinistra alla destra e diciamo E dello Spirito Santo = e pensiamo : che il Signore sia sempre con tutto me stesso !

19 Quindi il sacerdote dice una breve preghiera di introduzione e inizia l’ ATTO PENITENZIALE : prima di sederci a mensa con il Signore dobbiamo chiedere scusa dei nostri peccati

20 Questo ATTO PENITENZIALE si può fare in due modi : o il sacerdote recita le frasi penitenziali e noi tutti rispondiamo : KIRIE ELEISON che vuol dire SIGNORE PIETA’ oppure si recita tutti la formula: Confesso a Dio onnipotente, e a voi, fratelli, che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni:(battendosi il petto per tre volte) per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa. E supplico la beata sempre vergine Maria, gli angeli, i santi e voi, fratelli di pregare per me il Signore Dio nostro. e il sacerdote continuerà: Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna

21 Il significato dell'atto penitenziale è quello di ricordarci la nostra natura di peccatori sempre bisognosi di perdono e redenzione. Nel momento in cui iniziamo un incontro con il Signore la liturgia ci ricorda subito chi veramente siamo e ci spinge a toglierci ogni maschera di presunzione. Non possiamo avere un giusto rapporto con Dio se dimentichiamo l’abissale differenza tra noi, creature limitate e bisognose di salvezza e lui, il Creatore, che ci ama e ci salva

22 A questo punto si conclude il RITO di Introduzione con il canto del GLORIA. Con questo inno vogliamo lodare il Signore, la frase è l'acclamazione degli angeli festanti, per annunziare ai pastori la nascita di Gesù. Questo canto non si fa nel periodo di Avvento e di Quaresima, cioè nei periodi “penitenziali”

23 Gloria a Dio nell'alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa. Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente, Signore, Figlio Unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del padre: tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l'Altissimo: Gesù Cristo con lo Spirito Santo, nella gloria di Dio Padre. Amen.


Scaricare ppt "22° incontro. Impariamo i corretti nomi delle cose che troviamo :"

Presentazioni simili


Annunci Google