La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RICONOSCERE E VALORIZZARE IL PATRIMONIO RURALE: IL CASO DELL’AGRICOLTURA IRRIGUA LOMBARDA Massimo Lazzari Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RICONOSCERE E VALORIZZARE IL PATRIMONIO RURALE: IL CASO DELL’AGRICOLTURA IRRIGUA LOMBARDA Massimo Lazzari Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute,"— Transcript della presentazione:

1 RICONOSCERE E VALORIZZARE IL PATRIMONIO RURALE: IL CASO DELL’AGRICOLTURA IRRIGUA LOMBARDA Massimo Lazzari Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute, la Produzione Animale e la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano Geografia dell'ambiente e del paesaggio

2 Paesaggio come risultato dell’interazione tra avvenimenti fisici, biologici, ed umani che intervengono entro un’area geograficamente limitata. Risultato del rapporto uomo-natura ed è strettamente legato alla società che l’ha prodotto della quale riflette i valori, il progresso tecnologico, lo sviluppo economico, la memoria storica e così via 1 – EVOLUZIONE STORICA

3 Nell’antichità peraltro, a parte in aree limitate e per brevi periodi nell’epoca dell’impero romano (ville romane), non si può parlare di una concezione estetica del paesaggio, ma solo di organizzazione territoriale che ha dato luogo a ciò che oggi definiamo come paesaggio 1.1 – IL PAESAGGIO STORICO ANTICO

4 L’area del milanese, e lombarda in generale, si è sempre caratterizzata dalla necessità di spostare acqua da dove ve ne era troppa a dove era scarsa 1.1 – IL PAESAGGIO STORICO ANTICO

5 1.1 – LA STRUTTURA GEOLOGICA DEL TERRITORIO

6 Centuriazione: 1 iugero = 0,25 ha; 1 centuria = 200 iugeri – I SEGNI DELL’IMPERO ROMANO Una seconda Natura che opera a fini civili (Goethe, Viaggio in Italia)

7 1.1.2 – I SEGNI DELL’IMPERO ROMANO Inizialmente il sistema repubblicano romano si basava sulla figura dell’agricoltore soldato. Al termine delle campagne si bonificava e si distribuiva la terra ai veterani. Successivamente, con l’evoluzione verso l’era imperiale, la ricchezza si concentrò in poche mani e le strutture agricole si evolsero verso le ville.

8 Centuriazione nelle immediate vicinanze di Mediolanum nella zona poi nota come “Brera guasta”, estesa tra via Orti, via Lamarmora, via Commenda e nella zona di via Brera. “Brera” o “braida” in latino medievale risulta da una forma corrotta di “praedia”, poderi, e potrebbe riferirsi agli appezzamenti della centuriazione, come dimostrerebbe la maglia delle vie – I SEGNI DELL’IMPERO ROMANO

9

10 I tre "grandi" fiumi (Lambro, Seveso e Olona) scorrevano nei loro alvei naturali, il Lambro e l'Olona più lontani dalla città di Milano, mentre il Seveso più vicino. Non vi erano canali, ma essendo Milano al centro della fascia delle risorgive tra Adda e Ticino, il territorio era ricchissimo d'acqua e, per praticare l'agricoltura e per muoversi in un terreno altrimenti soltanto paludoso, gli abitanti hanno forzatamente dovuto regolarizzare il flusso delle acque ricorrendo a canalizzazioni e drenaggi, cui si sono sovrapposte opere successive che ne hanno fatto perdere la traccia e la memoria.fascia delle risorgiveAddaTicino – I SEGNI DELL’IMPERO ROMANO

11 Nel 222 a.C. i Romani conquistano Milano e la città si allarga accrescendo il proprio fabbisogno idrico. Il Seveso è il fiume che transita più vicino alle mura e ancora in epoca repubblicana viene in parte deviato verso la città. [8] Per scaricare le sue acque esauste viene costruito il primo canale artificiale milanese, la Vettabbia che, utilizzato prima per irrigare i campi, sfocia infine nel Lambro a Melegnano.222 a.C. Seveso [8] Vettabbia Lambro

12 Durante le invasioni barbariche il complesso intrico di bonifica e irrigazione attorno alla città decade, i campi coltivati, tra Milano e Pavia, lasciano il posto alla boscaglia e alla palude. Sono i monaci di Chiaravalle e di Morimondo nell'XII secolo a reinventare nella Bassa milanese i coltivi, i prati irrigui, l'allevamento e la lavorazione della lana – IL MEDIOEVO ERA DEI GRANDI DISSODAMENTI

13 1.1.3 – CANALI A SCOPO DIFENSIVO Nel 1151 è costruito un canale che devia le acque del Ticino alla bassa pianura: nasce per scopi militari, e da Abbiategrasso a Landriano ha il precipuo scopo di scoraggiare le incursioni dei pavesi, alleati del Barbarossa: è il Ticinello, che in quel tratto esiste ancora oggi. Quattro anni più tardi, sempre per difendersi dal Barbarossa, Milano si dota di nuove mura circondate da un'ampia fossa e per renderla più larga vi si devia l'Olona.Ticinello

14 1.1.4 – CANALI A SCOPO DI IRRIGAZIONE Nel 1177 (1179?) a Tornavento sul Ticino iniziano i lavori per la derivazione di un canale verso Milano: non più un'opera difensiva, ma una grande infrastruttura civile. Forse pensata per irrigare vaste estensioni di terra o forse già concepita come canale navigabile o per entrambe le cose: gli storici non hanno, su questo, un'opinione univoca. All'inizio del XIII secolo vennero derivate anche le acque dell'Adda nel canale della Muzza per scopi irrigui. L'opera lunga e complessa, che non toccava minimamente gli interessi milanesi, risultò di grande importanza per Lodi e il Lodigiano. In questa epoca si diffuse fra i proprietari residenti in pianura la consuetudine di lasciar scorrere nei propri terreni le "altrui acque" Tornaventocanale della Muzza

15 1.1.4 – CANALI A SCOPO DI NAVIGAZIONE Nel 1457Nel 1457 Francesco Sforza. ordina la costruzione del Naviglio della Martesana completa il naviglio di Bereguardo (iniziato nel 1420). Il disegno era ambizioso, collegare l'Adda a Milano e, tramite la cerchia dei Navigli della città, l'Adda al Ticino.Francesco Sforza Naviglio della Martesana 1420

16 1.1.4 – CANALI A SCOPO DI NAVIGAZIONE Il Naviglio di Paderno sarà reso navigabile soltanto nel 1777 e quello Pavese nel Entrambi, per un capriccio della sorte, saranno inaugurati da viceré austriaci

17 1.1.4 – CANALI A SCOPO DI IRRIGAZIONE Mappe settecentesche di bonifica.

18 1.1.4 – CANALI A SCOPO DI IRRIGAZIONE Il canale Villoresi, ultimo nato tra i corsi d'acqua di cui ci occupiamo, realizzato tra il 1877 e il 1890, ha cambiato e resa redditiva l'intera agricoltura dell'Alto Milanese e, da solo, irriga una superficie superiore a quella dei tre navigli milanesi messi assieme. Il suo incile alla diga del Panperduto a Somma Lombardo, sul Ticino, ha cambiato quello del Naviglio Grande che ora nasce praticamente dal canale industriale che esce con il Villoresi dal Panperduto e alimenta tre centrali idroelettriche e raffredda la centrale termoelettrica di Turbigo Somma Lombardo

19 1.1.4 – CANALI A SCOPO DI IRRIGAZIONE

20 1.1.5 – FONTANILI

21

22

23

24 Da “Libro dei prati del monastero di chiaravalle” – FONTANILI

25 prati marcitori e campi nei pressi della cascina San Gregorio vecchio – fine Settecento – FONTANILI

26 Aziende di elevata superficie di proprietà nobile, ecclesistica o borghese, affittate a un capitalista che assumeva salariati – LA CASCINA LOMBARDA

27

28

29 1.1.7 – TIPOLOGIA DI INSEDIAMENTI

30 1.1.8 – TIPOLOGIA DI DIMORE RURALI

31 km di rete irrigua

32 1.1.9 – Irrigazione a scorrimento

33

34 1.1.9 – Irrigazione a sommersione

35 km di rete irrigua

36 1.3 – I PROBLEMI Stalla di bovine da latte di fattura industriale

37 1.3 – I PROBLEMI Stalla di bovine da latte di fattura industriale

38 1.3 – I PROBLEMI Stalla di suini di fattura industriale

39 Impianto fotovoltaico di 20 kWp integrato nel tetto di un edificio strumentale della cascina Menozzi di Landriano 1.3 – I PROBLEMI Fotovoltaico a terra e integrato nella cascina Menozzi

40 1.3 – I PROBLEMI Impianti di biogas

41 1.3 – I PROBLEMI Il problema della biodiversità

42 Classe A « storica»: -Conservano la struttura della cascina nella sua interezza -Restauro effettuato in modo da mantenere e rivalutare al meglio tutte le strutture originariamente presenti -Si incontrano, nelle opere di ristrutturazione, i concetti di estetica e funzionalità in un binomio che riscontra dei ottimi risultati sia nel settori agricolo, sia turistico ( Cascina Pietrasanta, Cascina Forestina) Classe B « tradizionale, valorizzazione»: -Aziende che sono sorte all’interno di uno o pochi lotti appartenenti alla cascina originale -Agriturismi a conduzione famigliare e proprietari di piccole porzioni di terreno -Ristrutturazione in base a criteri funzionali che mirano a facilitare la vita dell’agricoltore -Espressione a pieno del concetto di agriturismo: da una parte l’attività complementare migliora qualità di vita dell’agricoltore e dall’altra soddisfa il consumatore (Cascina Cascinetta, Cascina Carla, Cascina Volpi, Cascina Rosio, Agriturismo Locatelli) Classe C « tradizionale, ristrutturazione»: -Composto da uno o pochi lotti -Attività svolta in costruzioni ex-novo -Solitamente la costruzione rurale è stata riammodernata ma è rimasta di uso esclusivo dei proprietari -È quindi più appropriato parlare di strutture deputate al turismo rurale e non di agriturismo (Cascina Campo, Agriturismo S. Gemolo, Cascina Nuova, Agriturismo Le Betulle) Classe D « ristrutturazione urbanistica» -Le strutture non possiedono nessun tipo di costruzione rurale. -Le costruzioni sono in stile post-moderno e mirano ha compiacere il turista con la varietà di servizi offerti -Non vi è nulla di funzionale all’agricoltura, in questo caso non si può proprio parlare di agriturismo ( Agriturismo La Camilla, Agriturismo Bau-house) 1.4 – OPPORTUNITA’

43 Da agri-coltori ad agri-cultori


Scaricare ppt "RICONOSCERE E VALORIZZARE IL PATRIMONIO RURALE: IL CASO DELL’AGRICOLTURA IRRIGUA LOMBARDA Massimo Lazzari Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute,"

Presentazioni simili


Annunci Google