La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le filosofie ellenistiche. L’età ellenistica Una nuova cultura La costruzione dell’Impero di Alessandro Magno e la successiva formazione dei Regni ellenistici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le filosofie ellenistiche. L’età ellenistica Una nuova cultura La costruzione dell’Impero di Alessandro Magno e la successiva formazione dei Regni ellenistici."— Transcript della presentazione:

1 Le filosofie ellenistiche

2 L’età ellenistica

3 Una nuova cultura La costruzione dell’Impero di Alessandro Magno e la successiva formazione dei Regni ellenistici determinano la fine dell’esperienza politica delle póleis nella cultura ellenistica si diffondono nuove tendenze di pensiero l’individualismo: l’uomo non si sente più cittadino (è diventato suddito di un grande regno) e sposta la sua attenzione verso i problemi individuali il cosmopolitismo: matura la consapevolezza di appartenere alla comunità umana nel suo insieme il raggiungimento della felicità diviene lo scopo fondamentale della filosofia e la sua struttura disciplinare si semplifica, dividendosi in: logicafisicaetica

4 Epicuro: il compito della filosofia Epicuro fonda il Giardino, la scuola filosofica nella quale raccoglie intorno a sé un gruppo di amici e amiche che vogliono vivere la filosofia come rimedio ai mali dell’animo secondo Epicuro, tutti gli uomini sono uguali nella comune aspirazione alla felicità la felicità è raggiungibile attraverso la filosofia, che si articola in: la logica (canonica), che deve elaborare i criteri di verità la fisica, che studia la natura l’etica, che studia il fine dell’uomo, cioè la felicità, e i mezzi per raggiungerla se la filosofia è in funzione della felicità, tutte le sue parti sono funzionali all’etica

5 Epicuro: la logica Il giudizio di verità si esprime in base all’evidenza che deriva dall’azione immediata delle cose sull’animo regolano l’agire permettendo di giudicare sui concetti di bene (affezioni piacevoli) e male (affezioni dolorose) I criteri di veritàLe sensazioni Le rappresentazioni mentali che derivano dalle sensazioni Le affezioni di piacere e dolore

6 Epicuro: la fisica In base ai criteri stabiliti dalla logica, la fisica indaga le realtà naturali la natura è costituita da corpi che si muovono in uno spazio vuoto riprendendo l’atomismo democriteo, Epicuro afferma che i corpi non sono divisibili all’infinito, ma sono costituiti da atomi Epicuro cerca però di sfuggire al rigido determinismo di Democrito: gli atomi si muovono nello spazio cadendo verso il basso a causa del loro peso, ma la loro traiettoria devia occasionalmente da quella prestabilita e dunque il loro incontro avviene casualmente anche l’anima è costituita di atomi ed è quindi mortale

7 Epicuro: l’etica edonistica La logica e la fisica trovano il loro completamento nella dottrina etica il bene dell’uomo è nel PIACERE EDONISMO l’edonismo non consiste nel godimento fisico, ma: nell’assenza del dolore corporeo nell’assenza di perturbazioni dell’animo I piaceri possono essere distinti in Naturali e necessari Vanno soddisfatti perché utili per la conservazione Naturali e non necessari Non bisogna eccedere Non naturali e non necessari Sono desideri vani e turbano l’animo

8 Epicuro: il tetrafarmaco Per raggiungere la felicità non basta calcolare bene i piaceri da perseguire, bisogna anche liberarsi dalle paure la filosofia diviene “medicina” dell’animo attraverso il non si deve temere il dolore fisico, perché o è sopportabile o finisce presto non bisogna temere di non raggiungere la felicità: il piacere è raggiungibile da tutti non bisogna temere la morte, perché se tutto è composto di atomi, la morte porta alla dissoluzione dell’anima e del corpo non bisogna temere gli dèi, perché non si interessano delle vicende umane TETRAFARMACO

9 Epicuro: l’atarassia L’applicazione di questi rimedi porta alla atarassia, l’imperturbabilità propria del saggio L’applicazione di questi rimedi porta alla atarassia, l’imperturbabilità propria del saggio per raggiungere questo stato di tranquillità dell’animo, è necessario tenersi lontani dalle preoccupazioni quotidiane, in particolare dalla vita politica l’ideale di vita del saggio epicureo è quindi orientato a un ritiro nella dimensione privata, confortato dalla vicinanza degli amici

10 Lo stoicismo Nello stesso periodo in cui nasce l’epicureismo, si sviluppa anche l’altra grande filosofia dell’età ellenistica, lo stoicismo Zenone di Cizio, il fondatore, teneva le sue lezioni in un portico, la stoà, e per questo i suoi seguaci furono denominati “stoici” Zenone condivide con Epicuro la concezione della filosofia come “arte di vivere”, ma rifiuta le soluzioni proposte dagli epicurei

11 Lo stoicismo : la teoria della conoscenza Anche per gli stoici la filosofia deve innanzitutto interrogarsi sui criteri di verità la sensazione è criterio di verità, ma la ragione deve dare il suo assenso ai dati sensibili per poter avere una vera apprensione l’assenso razionale conduce alla rappresentazione catalettica la sensibilità è come una mano aperta che riceve passivamente le sensazioni la ragione che assente è come la mano che chiude la sua presa sui dati

12 Lo stoicismo: la logica e la dialettica La dialettica studia i significati che le cose apprese assumono nella mente; la grammatica si occupa delle parole; la logica dei ragionamenti La dialettica studia i significati che le cose apprese assumono nella mente; la grammatica si occupa delle parole; la logica dei ragionamenti gli stoici sviluppano una logica proposizionale che si concentra sulle connessioni tra le proposizioni Congiunzioni: A e B affinché la congiunzione sia valida, A e B devono essere vere entrambe Disgiunzioni: A o B affinché la disgiunzione sia valida, basta che o A o B sia vera Implicazioni: se A allora B il rapporto tra antecedente e conseguente dipende dalla verità dell’antecedente lo sviluppo della logica proposizionale costituisce l’innovazione che gli stoici apportano rispetto alla logica aristotelica

13 Lo stoicismo: la fisica La realtà naturale è costituita dalla materia informata dal lògos divino, identificato con il fuoco (o pneuma) il lògos-fuoco agisce attraverso le ragioni seminali, come un seme che si diffonde attraverso ulteriori semi e procede così alla generazione del cosmo il cosmo è come un organismo vivente con un’anima divina PANTEISMO l’identificazione di Dio con il cosmo comporta il finalismo dell’universo e l’ammissione di un fato necessario: tutto ciò che avviene deve avvenire sotto la spinta vivificatrice del fuoco, si generano tutte le cose tutto è però destinato a ritornare al fuoco attraverso una conflagrazione finale, per poi rigenerarsi di nuovo dando luogo così al ciclo di un eterno ritorno

14 Lo stoicismo : l’etica del dovere Per raggiungere la felicità bisogna adeguare la propria vita al lògos universale la libertà può consistere solo in un’adesione volontaria all’ordine razionale, conformando la propria vita al lògos questo vuol dire vivere secondo la propria natura: l’uomo è un essere razionale e deve quindi seguire sempre la razionalità Azione condotta secondo ragione VirtuosaConforme al dovere Azione contraria alla ragione Viziosa Non conviene alla natura dell’uomo Azione che non dipende dalla razionalità Indifferente Ad esempio tutto ciò che è relativo al corpo

15 Lo stoicismo: l’apatia La vita secondo ragione deve portare alla eliminazione di tutte le passioni dell’animo le passioni portano a compiere azioni moralmente non conformi al dovere il saggio deve estirparle, fino ad arrivare a una condizione di APATIA

16 Lo scetticismo: Pirrone e la conoscenza Tra il IV e il III secolo a.C. Pirrone di Elide fonda una nuova corrente di pensiero, lo scetticismo le nostre sensazioni e i nostri giudizi razionali NON POSSONO AVERE ALCUNA PRETESA DI VERITÀ ci si deve astenere da ogni opinione la ricerca deve essere fine a se stessa e non può condurre ad alcun tipo di felicità la varietà e diversità delle opinioni e dei sistemi filosofici dimostrano che né i sensi né l’intelletto ci garantiscono una reale conoscenza

17 Lo scetticismo: Pirrone e l’atarassia Non è possibile formulare giudizi neanche sugli uomini e i loro costumi l’unica felicità possibile per il saggio è uno stato di imperturbabilità e di distacco dalle vicende del mondo ATARASSIA le diatribe degli studiosi e le dispute metafisiche finiscono per essere solo parole vuote il dubbio costante diviene l’unico atteggiamento possibile

18 Lo scetticismo: l’Accademia Anche nell’Accademia ateniese prevalgono le posizioni scettiche Arcesilao di Pitane ( a.C.) la scienza non è in grado di raggiungere la verità, quindi è necessario sospendere ogni giudizio (epoché), senza per questo smettere di cercare; tuttavia, nelle azioni pratiche non ci si può astenere e occorre attenersi al criterio della ragionevolezza Carneade ( a.C.) lo scetticismo viene attenuato: si può dare l’assenso all’opinione che appare più probabile

19 La filosofia a Roma I sempre più frequenti contatti tra Roma e il mondo greco-ellenistico portano alla diffusione della filosofia negli ambienti culturali romani la progressiva estensione dell’influenza politica romana sulla Grecia e l’attrazione esercitata dalle nuove scuole filosofiche portano a una ellenizzazione della cultura romana la filosofia si diffonde negli ambienti aristocratici, dove si discutono temi etici, politici e giuridici, prendendo aspetti diversi delle differenti teorie ellenistiche e cercando di armonizzarli ECLETTISMO

20 La filosofia a Roma: l’epicureismo e lo stoicismo Tito Lucrezio Caro (97-53 a.C.) solo a partire dalla nostra autonomia interiore è possibile guardare in maniera distaccata alle cose e resistere ai colpi della fortuna Sono però le due scuole filosofiche più importanti, epicureismo e stoicismo, a diffondersi e a trattare maggiormente i temi etici EPICUREISMO STOICISMO Lucio Anneo Seneca (4 ca-65 d.C.) Epitteto ( d.C.) Marco Aurelio ( d.C.) nel suo poema De rerum natura esalta la filosofia epicurea che è in grado di liberare gli uomini delle paure che li assillano la filosofia diviene strumento di libertà interiore, di protezione contro le minacce che provengono dalla sorte o dagli uomini la libertà interiore è il massimo bene e può essere raggiunta solo trascurando tutto ciò che non dipende da noi e controllando se stessi


Scaricare ppt "Le filosofie ellenistiche. L’età ellenistica Una nuova cultura La costruzione dell’Impero di Alessandro Magno e la successiva formazione dei Regni ellenistici."

Presentazioni simili


Annunci Google