La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI."— Transcript della presentazione:

1 LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI

2 CRESCITA E SVILUPPO aumento PIL reale o reddito di un’economia Dimensione quantitativa PIL 1. crescita economica 2. sviluppo umano 3. riduzione povertà Dimensione qualitativa Indicatori economici,sociali e ambientali

3 CRITICHE AL PIL non considerazione delle disuguaglianze di reddito non discriminazione tra costi e benefici delle attività economiche mancata attenzione verso il degrado ambientale non misurazione dell’ “economia sommersa” non considerazione della dimensione sociale (istruzione, salute, uguaglianza)

4 EVOLUZIONE DELLE MISURE DELLO SVILUPPO

5 A partire dagli anni 60’, si è cercato di valutare il concetto di qualità della vita e nel 1966 R.Bauer introduce la nozione di indicatore sociale: “statistiche, serie statistiche e ogni altra forma utile a valutare dove noi stiamo e dove stiamo andando, relativamente ai nostri valori e ai nostri scopi” (Bauer, 1966) Indicatori sociali

6 Ideato dal quarto re del Bhutan, il quale riteneva che lo sviluppo non doveva essere limitato ad un maggior consumo e all’accumulazione della ricchezza, ma avrebbe dovuto massimizzare la felicità. Quattro erano le variabili alla base di questo indicatore : sviluppo economico-sociale Conservazione ambientale Promozione della cultura tradizionale Buon governo Indicatori sociali 1) GROSS NATIONAL HAPPINESS (GNH)

7 Elaborato nel 1972 da due economisti statunitensi W.Nordhaus e J.Tobin con lo scopo di dare maggior rilievo al benessere sociale. Il PIL venne modificato sotto tre aspetti: Elaborato nel 1972 da due economisti statunitensi W.Nordhaus e J.Tobin con lo scopo di dare maggior rilievo al benessere sociale. Il PIL venne modificato sotto tre aspetti: riclassificazione delle spese del PIL come consumo e non produzione riclassificazione delle spese del PIL come consumo e non produzione Imputazione per i servizi del consumo capitale,per il tempo libero e per il prodotto del lavoro domestico Imputazione per i servizi del consumo capitale,per il tempo libero e per il prodotto del lavoro domestico correzione di alcune disameneties dell’urbanizzazione e dell’industrializzazione correzione di alcune disameneties dell’urbanizzazione e dell’industrializzazione Indicatori sociali 2) MEASURE OF ECONOMIC GROWTH (MEW)

8 Elaborato nel 1979 da Morris David Morris analizza tre variabili: 1. Mortalità infantile 2. Aspettativa di vita ad un anno 3. Alfabetizzazione Indicatori sociali 3) PHYSICAL QUALITY OF LIFE INDEX (PQOL)

9 4) INDEX OF SOCIAL HEALTH (ISH) Ad opera di Marc Miringoff, professore di politica sociale presso l’Università di Fordham. Esso racchiude 16 indicatori sociali, rappresentativi dei settori che incidono sul benessere come salute, occupazione, reddito, istruzione e sicurezza e che sono raggruppati per tappe d’età: Children: Infant mortality Child abuse Child poverty Children: Infant mortality Child abuse Child poverty Youth: Teenage suicide Teenage drug abuse High school dropouts All Ages: Homicides Alcohol-related traffic fatalities Food stamp coverage Access to affordable housing Income inequality All Ages: Homicides Alcohol-related traffic fatalities Food stamp coverage Access to affordable housing Income inequality Aging: Poverty among those aged 65 and over Out-of-pocket health costs among those aged 65 and over Adults: Unemployment Average weekly wages Health insurance coverage Adults: Unemployment Average weekly wages Health insurance coverage

10 Dimensione globale: indicatori economici+ Indicatori sociali+ Indicatori ambientali sviluppo sostenibile

11 QOL (Quality of Life Index) Basato su un set di valori universali, che si estendono dagli aspetti fisici a quelli sociali ed emotivi della vita degli individui. Il suo artefice, Ed Diener, psicologo dell’università dell’Illinois, ha sottoarticolato l’indice con riferimento al livello di sviluppo dei paesi da analizzare: Basic QOL Index, per i paesi in via di sviluppo Advanced QOL Index, per i paesi sviluppati. Il Basic QOL Index si basa sullo studio di 7 indicatori: potere d’acquisto, tasso d’omicidio, realizzazione dei bisogni di base, tassi di suicidio, tasso d’alfabetizzazione gravi violazioni dei diritti umani, deforestazione. Anche l’ Advanced QOL Index è costituito da 7 indicatori: tasso di risparmio, reddito pro-capite, benessere soggettivo, tasso d’iscrizione all’università, disparità di reddito, trattati ambientali, medici per persona.

12 GPI (Genuine Progress Indicator) Introdotto da un’organizzazione no-profit, Redefinig Progress, al fine di controllare la qualità dell’ambiente e il benessere umano un aumento del GPI indica che un’economia è diretta verso il sentiero della sostenibilità, invece una diminuzione implica il contrario mentre nel PIL tutte le spese sono positive, nel calcolare il GPI, viene eseguita una differenza tra spese positive e negative. 1. aggiunge al PIL i valori stimati delle operazioni benefiche (lavoro volontario, cura dei bambini, lavoro domestico) che soddisfano i bisogni primari 2. sottrae dal PIL i costi stimati dei danni ambientali (inquinamento, esaurimento delle risorse) e i costi sociali (crimine).

13 Human Development Index (HDI) Si cerca di superare l’unidimensionalità del PIL e formulare un’idea di sviluppo basata su di una misura di benessere multidimensionale “Lo sviluppo umano è un processo di ampliamento delle scelte delle persone e del livello di benessere da loro raggiunto”(UNDP,1992), indicando: 1. la possibilità di condurre una vita lunga e sana 2. Acquisizione di conoscenze 3. Accesso alle risorse necessarie per condurre una vita dignitosa

14 HDI Indice composito calcolato sulla base di 3 dimensioni: longevità, misura l’aspettativa di vita alla nascita, livello d’istruzione o conoscenza, valuta sia il tasso d’alfabetizzazione delle persone adulte sia il tasso d’iscrizione alle scuole elementari-medie-superiori standard di vita, stimato sulla base del PIL pro-capite, espresso in termini di parità di potere d’acquisto. I valori dell’ HDI sono compresi tra 0 e 1; dove una media con valori prossimi ad 1, indica un alto livello di sviluppo umano. In base a tali valori i paesi vengono distinti in: paesi a basso, medio, alto e molto alto sviluppo umano.

15 HDI

16 Table 2: Human Development Index trends, Human Development Index (HDI)HDI rankAverage annual HDI growth HDI rank Value Change(%) a Country Very high human development 1 Norway Australia Switzerland Netherlands United States Germany New Zealand Canada Singapore Denmark Ireland Sweden Iceland United Kingdom Hong Kong, China (SAR) Korea (Republic of) Japan Liechtenstein Israel France Austria Belgium Luxembourg Finland Slovenia Italy Spain Czech Republic Greece Brunei Darussalam Qatar Cyprus

17 Low human development 145Nepal Pakistan Kenya Swaziland Angola Myanmar Rwanda Cameroon Nigeria Yemen Madagascar Zimbabwe Papua New Guinea Solomon Islands Comoros Tanzania (United Republic of) Mauritania Lesotho Senegal Uganda Benin Sudan Togo Haiti Afghanistan Djibouti Côte d'Ivoire Gambia Ethiopia Malawi Liberia Mali Guinea-Bissau Mozambique Guinea Burundi Burkina Faso Eritrea Sierra Leone Chad Central African Republic Congo (Democratic Republic of the) Niger

18 Gender Development Index (GDI) Misura le disuguaglianze tra i sessi in riferimento alle tre dimensioni dell’HDI:salute, istruzione, standard di vita UNDP,1995 Gender Empowerment Measure (GEM) misura le differenti opportunità, riflettendo le disuguaglianze in tre aree fondamentali : la partecipazione politica, ossia le percentuali di seggi in Parlamento, occupati da donne e da uomini. la partecipazione economica; le percentuali di donne e uomini che detengono posizioni amministrativi e manageriali (legislatori, alti funzionari e dirigenti) sia quelle con posizioni tecniche e professionali. il potere sulle risorse economiche; si riferisce al reddito stimato da donne e uomini.

19 HPI Viene analizzata la privazione nei tre ambiti essenziali della vita umana: longevità: si considera l’esposizione alla morte ad un’età relativamente bassa, che è misurata dalla percentuale di persone che si prevede muoiano prima dei quarant’anni. istruzione: si riferisce all’esclusione dal mondo della lettura e della comunicazione, che viene misurata dalla percentuale di adulti che sono analfabeti. standard di vita decenti: in tale ambito sono considerati la percentuale di persone con accesso all’acqua potabile, la percentuale di persone con accesso ai servizi sanitari, la percentuale di bambini malnutriti al di sotto dei cinque anni. L’HPI, ha valori compresi tra 0 e 100; un valore elevato indica un alto livello di privazione e quindi grave condizione di povertà umana. UNDP,1997

20 Human Development Index (HDI)HDI rank Average annual HDI growth HDI rankValue Chang e(%) a Country Human Development Index groups Very high human development —— High human development —— Medium human development —— Low human development ——

21 Human Poverty Index (HPI) Valutazione della povertà ( le opportunità e le scelte dello sviluppo umano di base sono negate). Tale concetto non è più legato solo alla mancanza di reddito ma anche ad altri aspetti, come la privazione dei requisiti materiali diretti a soddisfare minimamente i bisogni umani (salute, educazione) e l’assenza di alcune capacità fondamentali (mancanza di libertà politica, incapacità di partecipare al processo decisionale e alla vita della comunità (difficili da misurare). Paesi in via di sviluppo: : Probabilità di non sopravvivenza fino a 40 anni (times 100) : Analfabetismo funzionale : Media non pesata della popolazione senza acqua e bambini sottopesoAnalfabetismo funzionale Per paesi selezioanti OECD : : Probabilità di non sopravvivenza fino a 60 anni (times 100) : Analfabetismo funzionale : Populazione sotto la linea di povertà (50% of median adjusted household disposable income) : Disoccupazione a lungo termine (ultimi 12 mesi)Analfabetismo funzionaleDisoccupazione

22 Crescita economica Aspetto quantitativo: si riferisce all’incremento del prodotto interno lordo, ossia il valore complessivo di beni e servizi prodotti all’interno di un paese in un certo intervallo di tempo. “Il benessere di una nazione non può essere facilmente desunto da un indice del reddito nazionale” (Kuznets, 1934). Sviluppo Aspetto qualitativo: Affermazione e raggiungimento di obiettivi sociali e ambientali (miglioramento di standards nutrizionali, sanitari, d’istruzione, equa distribuzione del reddito, aumento delle libertà fondamentali, sviluppo sostenibile). PIL HDI GII MPI (Bric)

23 Human Development Index,Gender Inequality Index, Multipoverty Index HDI: vita lunga e sana (misurata dall’aspettativa di vita alla nascita) conoscenza (anni medi di istruzione e anni previsti di istruzione) standarts di vita dignitosi (reddito pro-capite) MPI: L'indice mostra il numero di persone che sono povere multidimensionalmente (deprivazioni nel 33.33% degli indicatori pesati) e il numero di deprivazioni che si possono trovare nella vita domestica. salute (mortalità infantile e nutrizione) educazione (anni di scuola, bambini iscritti) tenore di vita (accesso all’acqua, al cibo, all’elettricità, ai servizi, alla terra, acqua, etc)

24 GII: salute riproduttiva, calcolata in riferimento: 1. al decesso delle madri, in un dato anno per 100 bambini nati vivi 2. al tasso di fertilità delle adolescenti tra i 15 e i 19 anni. empowernment, calcolato stimando la percentuale delle donne che siede in parlamento e con la percentuale di donne che posseggono un’istruzione secondaria e superiore mercato del lavoro, percentuale di donne che partecipano al mondo del lavoro.

25

26

27

28

29

30

31

32

33 I seguenti indicatori sono usati per il calcolo MPI: Educazione (ogni indicatore pesato per 1/6) Anni di scolarità: deprivati se ci sono in famiglia scolarità inferiori a 5 anni Bambini iscritti: deprivati se nessun componente in età scolare frequenta l'8 livello Salute (ogni indicatore pesato per 1/6) Mortalità infantileMortalità infantile: deprivati se non ci sono stati morti prematuri in famiglia NutrizioneNutrizione: deprivati se no ci sono adulti o bambini malnutriti Standard di vita (ogni indicatore pesato per 1/18) ElettricitàElettricità: deprivati se non c'è elettricità in casa Servizi igienici: deprivati se non ci sono servizi igienici (Millennium Development Goals), o presenti ma condivisi con altri nuclei familiariMillennium Development Goals Acqua potabileAcqua potabile: deprivti se non c'è acqua potabile o se l'acqua è a più di 30 minuti di cammino PavimentoPavimento: deprivati se il pavimento è sporco, con sabbia Cottura dei cibiCottura dei cibi: deprivati se cucinao con legna o assimilati CespitiCespiti: deprivati se non vi sono radio, TV, telefono, bicicletta, motocicletta o frigorifero o altri beni durevoli Una persona è povera se raggiunge il 33.33% degli indicatori pesati. L' MPI è calcolato: HxA H: Percentuale della popolazione povera MPI (incidenza di povertà) A: Media della povertà MPI nella popolazione povera (%)

34 IndicatorePesoPersona APersona BPersona C 11/60% 21/60% 31/6100% 0% 41/60%100%0% 51/180%100% 61/180%100% 71/180% 100% 81/18100% 91/18100%0%100% 101/18100%0% Punteggio pesato33.33%50.00%27.78% StatusMPI poor (≥ 33%) Non MPI poor (< 33%) Nazione X consiste di persone A, B e C. La seguente tabella mostra deprivazioni su ognuno dei dieci indicatori per le persone A, B e C. "0%" indica nessuna deprivazione, mentre "100%" indica deprivazione. Fattore H per nazione X è: (1+1+0 ) / 3 = 0,667 Fattore A per nazione X è: ( 33,3%+50%) / 2 = 0,417 L'indice MPI per la nazione X è: =0,667* 0,417 = 0,278 ESEMPIO

35 “Un tempo lo sviluppo era inteso semplicemente come aumento del pil. Oggi guardiamo ad una più ampia gamma di obiettivi comprendente lo sviluppo democratico, il perseguimento dell’uguaglianza, lo sviluppo sostenibile (compatibile con i valori ambientali) e l’innalzamento del tenore di vita” (Stiglitz, 1997).


Scaricare ppt "LE MISURE DELLO SVILUPPO: GLI INDICATORI ECONOMICI, SOCIALI E AMBIENTALI."

Presentazioni simili


Annunci Google