La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS Distretto 108L Anno Sociale 2010-2011 D.G. Naldo ANSELMI Pomezia,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS Distretto 108L Anno Sociale 2010-2011 D.G. Naldo ANSELMI Pomezia,"— Transcript della presentazione:

1

2 THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS Distretto 108L Anno Sociale D.G. Naldo ANSELMI Pomezia, 18 luglio 2010 Seminario Programmatico “AFFILIAZIONE E CONSERVAZIONE SOCI” 1° V.D.G. Franco Fuduli 1

3 SITUAZIONE SOCI DISTRETTO AL 30 GIUGNO 2010: il Distretto 108L conta 3976 Soci. Ciò, nella considerazione che da gennaio sono entrati 334 Soci, ma ne sono usciti 428, con un saldo negativo di – 94 unità. 2

4 Situazione Soci per Area 1.UMBRIA: = LAZIO: = ROMA: = SARDEGNA: = - 6 ____ TOTALE = =

5 Comportamento dei Club UMBRIA (27), LAZIO (39), ROMA (33), SARDEGNA (29) x un totale di 128 Club: n. 6 “statici”: U./1, L./2, R./0, S./3; n. 121 “dinamici”, di cui: –16 “stabili”: U./2, L./6, R./4, S./4, –64 “in perdita”: U./15, L./21, R./14, S./14, –41 “in crescita”: U./9, L./13, R./11, S./8; n. 1 “cancellato”: Roma Olgiata. 4

6 Club “STATICI” –UMBRIA: 1 (Città della Pieve), –LAZIO: 2 (Frosinone Nova Civitas, RM Parco Nomentum), –ROMA: 0 –SARDEGNA: 3 (Olbia, Sassari Host, Iglesias). 5

7 Club DINAMICI: “Stabili” UMBRIA: 2 (Città di Castello e Marsciano); LAZIO: 6 (Bracciano, Fondi, Rieti Host, Rieti Varrone, Sora, Viterbo); ROMA: 4 (RM Villa Pamphili, RM Amicitia, RM Nomentanum, RM Parioli N.C.); SARDEGNA: 4 (Alghero, Ozieri, Quartucciu, Villacidro). 6

8 Club DINAMICI: “in Perdita” (n. 18, con saldo negativo > 4) UMBRIA : 6(Corciano, Gubbio Host, PG Augusta Perusia, PG Fonti Veggio -5, PG Volumnia -8, Trasimeno - 6); LAZIO: 6 (Civitavecchia Host, Formia -5 Rieti Flavia Gens -6, Sabaudia -6, Tivoli Host, Val di Comino -7); ROMA: 3 (Anzio, RM Capitolium, RM Parioli -7); SARDEGNA: 3 (Cagliari Villanova, Nuoro Host -6, Porto Torres -6). Totale = -94 7

9 Club DINAMICI: “in crescita” (n. 12, con saldo positivo > 4) UMBRIA: 4 (Foligno +5, PG Host +7, Spoleto +7, TR Interamna); LAZIO: 1 (Fiumicino Portus +6); ROMA: 4 (RM Augustus, RM Castel S.Angelo +7, RM Mare +8, RM Sistina); SARDEGNA: 3 (Cagliari Host +6, Cagliari Karel +5, Sassari Monte Oro +8). Totale = +71 8

10 Club con < 20 Soci A.Club da 10 a 15 Soci (9): –Cerveteri-Ladispoli 10 (-3 +4 = +1), –Campagnano Nepi 10 (-7 +0 = -7), –Gaeta 13 (-5 +6 = +1), –Guidonia Montecelio 10 (-2 +3 = +1), –Montone Aries 15 ( = -6), –RM Capitolium N.C. 13 (-1 +0 = -1), –RM EUR 15 (-2 +0 = -2), –Sacrofano 10 (-7 +1 = -6), –Velletri Terra Volsci 14 (-6 +0 = -6). TOTALE A ( = -25) 9

11 Club con < 20 Soci B.Club da 16 a 19 Soci (11): –Castelsardo 16 (-1 +0 = -1), –Colleferro Fiuggi H. 19 (-1 +2 = +1), –Deruta 18 (-6 +5 = -1), –Fiuggi Anticolanum 17 (-8 +5 = -3), –Frosinone Host 15 (-2 +1 = -1), –Link Campus Un.RM 18 (-9 +0 = -9), –Porto Torres 16 (-6 +0 = -6), –Quartucciu 19 (-1 +1 = 0), –RM Sistina 19 (-2 +6 = +4), –Ronciglione 17 (-4 +5 = +1), –San Teodoro 17 (-4 +1 = -3). TOTALE B ( = - 18) TOTALE A+B = =

12 OBIETTIVI PRIORITARI per il CLUB Conoscere subito “la situazione Soci”, per programmare, ove occorra, una equilibrata “CRESCITA ASSOCIATIVA”; “IL SOCIO”, quale risorsa insostituibile e vitale per la nostra potenzialità operativa, diventa così il “Service per eccellenza”; “Razionalizzare” le procedure” di affiliazione per avere, in ingresso, Soci “Motivati”. 11

13 “RAZIONALIZZIAMO”: “RAZIONALIZZIAMO”: Ipotesi temporale x affiliazione ed orientamento dei Nuovi Soci Luglio/Settembre: programma di “affiliazione”,* Settembre: nominativi al Consiglio direttivo e successiva comunicazione a tutti i Soci per un parere di ammissibilità, Ottobre:Consiglio direttivo per Valutazione ammissibilità e continuazione iter di affiliazione, Novembre/Marzo: Programma di “inserimento” nel Club e sessioni di “orientamento” dei candidati Soci, Aprile: cerimonia di Investitura, di particolare solennità, previo parere finale del Consiglio direttivo, Maggio/Giugno: programma di “mantenimento” e di “valorizzazione” dei Nuovi Soci. * Il programma di affiliazione potrebbe avere inizio nel mese di aprile, subito dopo le elezioni del nuovo CD, da parte del Comitato Soci. 12

14 PRESIDENTE COMITATO SOCI (1) Ricopre un incarico importantissimo per il bene e la vitalità stessa del Club; Deve essere informato sui programmi e sulle normative del LCI; Dovrebbe essere un Formatore capace, un Motivatore e, soprattutto, un Leader (PP); Si avvale degli altri Componenti del Comitato per sviluppare, in maniera ottimale, le iniziative connesse con l’estensione, la crescita, la conservazione dei Soci, nonché la Leadership in ambito Club (MERL). In particolare: 13

15 PRESIDENTE COMITATO SOCI (2) –Il Componente del comitato neo-eletto (che servirà per tre anni) sarà responsabile dei Soci (Membership), –Quello al secondo anno di incarico si interesserà della Leadership e della conservazione Soci (Retention) e funge da Vice Presidente del Comitato, –Quello al terzo anno di incarico si concentra sulla estensione (Extension), funge da Presidente e fa parte del Consiglio direttivo del Club; Le sue responsabilità si incentrano su due Aree principali: Invito/Reclutamento e Sviluppo, per le quali dovrà determinare i punti forti e quelli deboli del Club; 14

16 PRESIDENTE COMITATO SOCI (3) Per l’Invito/Reclutamento, dovrà: –Stabilire mete realistiche e misurabili (approvate dal CD del Club) e sviluppare di conseguenza un piano di azione, –Incontrarsi con regolarità con i Membri del comitato Soci per effettuare insieme il cosidetto “brainstorm” (valanga di idee), –Motivare i Membri del Comitato ed i Soci del Club a ricercare Nuovi Soci; Per lo Sviluppo Soci, dovrà: –Programmare e svolgere “sessioni di Orientamento” dei Nuovi Soci o fornire assistenza, –Accertarsi che i Nuovi Soci siano immediatamente coinvolti nelle attività del Club; Coordinare la propria azione con quella del Referente MERL di Club. 15

17 CENSORE È un Socio esperto (PP), “amabile”, che gode di simpatia e rispetto fra i Soci; Deve entrare “con discrezione” in contatto con tutti i Soci del Club, specie con “gli Assenteisti”, per motivarli ed invogliarli a dare il loro contributo; Deve attutire eventuali contrasti fra Soci e creare una atmosfera di armonia e di cameratismo, evitando la formazione di gruppi ristretti; Deve prevenire, con sagacia, eventuali situazioni di disagio per allontanare il rischio di probabili dimissioni di Soci; Durante le Riunioni, con particolare riguardo per quelle istituzionali (Charter, Visita Governatore, Ingresso Nuovi Soci, Passaggio Campana), deve vigilare sull’aspetto formale e sul comportamento dei Soci. 16

18 REFERENTE MERL di CLUB (1) Funge da collegamento fra il Club ed il Merl distrettuale; Raccorda la sua azione con quella del Presidente del Comitato Soci e del Censore; Collabora attivamente con il Comitato Soci nella ricerca di nuovi potenziali Soci di qualità, tenendo presente eventuali carenze professionali nel Club; Cura, in particolare, l’informazione e l’orientamento dei Nuovi Soci nonché l’aggiornamento degli altri; È attento al coinvolgimento operativo e responsabile dei Nuovi Soci; 17

19 REFERENTE MERL di CLUB (2) Organizza, d’intesa con il Presidente di Club ed in collaborazione con il Coordinatore Regionale di riferimento, almeno un incontro assembleare annuo del Club con il Merl distrettuale, su argomenti scelti dal Club stesso; Partecipa alle riunioni del Consiglio direttivo, senza diritto di voto, a meno che non ne faccia già parte quale Officers di Club. In sintesi, non è un “doppione”, né un “elemento di rottura”, bensì di “raccordo” tra Censore e Comitato Soci, un Lions “amico” (PP) in grado di suggerire adeguati interventi al fine di prevenire “momenti di crisi”, dimissioni comprese. 18

20 CONCLUSIONI Il Club, dunque, per essere un organismo pulsante ed attivo, deve: avere un numero adeguato di Soci, rinnovarsi “qualitativamente”, crescendo di numero, vivere in armonia nel proprio interno e con gli altri Club della Zona, coinvolgere ed informare i propri Soci, per stimolare il senso di appartenenza all’Associazione, curare la Informazione/Formazione dei Nuovi Associati per “costruire” Nuovi Leaders degni di tale qualifica. 19

21 Continuiamo Tutti INSIEME ad impegnarci PER ESSERE UTILI al nostro Prossimo! Grazie per l’attenzione 20


Scaricare ppt "THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS Distretto 108L Anno Sociale 2010-2011 D.G. Naldo ANSELMI Pomezia,"

Presentazioni simili


Annunci Google