La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché."— Transcript della presentazione:

1 Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme al seminatore e pane da mangiare, così sarà della parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata. Is 55,10-11 Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme al seminatore e pane da mangiare, così sarà della parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata. Is 55,10-11

2 Il libro dei Salmi don Alfonso CapuanoParrocchia Santa Maria della Consolazione

3 Sant’Agostino  «PSALTERIUM MEUM, GAUDIUM MEUM!»  «PSALTERIUM MEUM, GAUDIUM MEUM!» Queste parole delle Enarrationes super Psalmos di Agostino (PL 37,1775) esprimono in maniera luminosa l'adesione di tutta la tradizione cristiana a questa collezione gloriosa di preghiere e di poesie bibliche. Delle citazioni bibliche fatte da Agostino, ben (su veterotestamentarie) provengono dal Salterio.

4 Gerolamo Lo stesso NT su 300 citazioni bibliche ne ha desunte un centinaio dai Salmi (= Sal). «Davide è il nostro Simonide, il nostro Pindaro, il nostro Alceo, il nostro Fiacco, il nostro Catullo e il nostro Sereno - scriveva Gerolamo -: è la lira che canta il Cristo» (Gerolamo, PL 22,547)

5 Ambrogio «Che cosa vi è di più bello del Salmo? Bene ha detto lo stesso Davide: “Lodate il Signore, poiché bello è il Salmo. Al nostro Dio sia lode gioiosa e conveniente”. Ed è vero! Il Salmo infatti è benedizione del popolo, lode a Dio, inno di lode del popolo, applauso generale, parola universale, voce della Chiesa, canora professione di fede». [Sant'Ambrogio, Enarrationes in psalmos, 1, 9: PL 14, 924].

6 San Tommaso San Tommaso d'Aquino nella sua In Psalmos Davidis Expositio scriveva che «a differenza degli altri scritti biblici, il Salterio abbraccia nella sua universalità la materia di tutta la teologia. La ragione per cui questo libro biblico è il più usato nella chiesa è che esso contiene in se tutta la Scrittura.

7 San Tommaso La sua caratteristica è quella di ridire, sotto forma di lode, tutto quello che gli altri libri espongono secondo i modi della narrazione, dell'esortazione e della discussione. Il suo scopo è quello di far pregare, di elevare l’anima fino a Dio attraverso la contemplazione della sua maestà infinita, attraverso la meditazione dell'eccellenza dell'eterna beatitudine, attraverso la comunione alla santità di Dio e l'imitazione effettiva della sua perfezione».

8 Genesi del libro   La prassi 'editoriale' del mondo semitico e l'ingenuità della tradizione giudaica e cristiana hanno posto le 'lodi' salmiche (Tehillîm, 'lodi', in ebraico; Psalmoí in greco, con allusione alla dimensione musicale dell'esecuzione) sotto il patronato di Davide.   In realtà il Salterio è il respiro poetico e orante di almeno un millennio della storia letteraria di Israele.

9 Genesi del libro   Il giudaismo ha voluto organizzare la collezione in un `pentateuco', segnato da dossologie finali (41,14; 72,19; 89,52; 106,48; 150,6):   I libro: Sal 1-41   II libro: Sal   III libro: Sal   IV libro: Sal   V libro: Sal

10 I libro   I salmi sono attribuiti a Davide.   La sua vita ricca di difficoltà e fiducia ha ispirato i poeti religiosi d’Israele.   Un tema domina fra gli altri: l’innocente è alle prese con il male che si manifesta in tutti i suoi aspetti; speranza e tormento rinascono senza sosta, “mio Dio mio Dio perché mi hai abbandonato”.   E’ la tentazione della notte oscura, ma rimane sempre una certezza: “gioia piena nella tua presenza”.

11 II libro   Il dramma del giusto di fronte alla marea del male rimane, ma ora la preghiera diventa spesso l’affermazione della aspirazione verso Dio e dello stato di esilio dell’uomo, e in parecchie occasioni il tono si farà più mistico. Altre volte i momenti più critici rappresenteranno via via un incentivo alla lode o alla supplica.

12 III libro   In questa terza parte le preghiere sono varie come l’esperienza del credente; si passa dal lamento dell’innocente alla gioia esaltante della vittoria. Con accenti diversi ogni preghiera esprime l’attesa di Dio e della sua salvezza.

13 IV libro   In questa parte del Salterio domina la lode: si acclama il Creatore che fa sorgere il mondo, il Signore che interviene nella storia; si attende il Dio che viene a rinnovare ogni cosa.

14 V libro   Nell’ultima parte del Salterio sono inserite due raccolte: – –i canti del pellegrinaggio o “canti delle ascensioni”; – –“ l’Hallel ” o lode.   Grida di supplica attraversano ancora la preghiera, ma già splende la gioia del pellegrino che si avvicina al Signore; la vibrante acclamazione alla presenza di Dio trasformerà il finale del Salterio in una meravigliosa sinfonia della felicità.

15 Genesi del libro   Accanto al Pentateuco storico delle azioni salvifiche di Dio - la Torah - si giustappone il 'pentateuco' orante del Salterio, risposta benedicente e benedetta dell'uomo al Dio liberatore. Tuttavia la fenomenologia del Salterio è più complessa e suppone un ampio processo genetico e redazionale.

16 Redazione del libro   Nell'attuale redazione della collezione del Salterio riconosciamo: Sal 1-41salmi-io; salmi-Jhwh; salmi-Davide Sal 42-49salterio dei figli di Core Sal 50; 73-83salterio di Asaf Sal 84-89secondo salterio Jhwh

17 Redazione del libro Sal 93; salmi del regno di Jhwh Sal Hallel pasquale Sal Grande Hallel Sal Piccolo Hallel Sal salmi delle ascensioni

18 Redazione del libro   Il Salterio potrebbe testimoniare in proprio qualche dato del culto anche perché, a livello di redazione finale, esso divenne una specie di innario liturgico del secondo tempio.   Indiscutibili sono le allusioni a feste, processioni, sacrifici, oracoli, veglie notturne, benedizioni, funzioni sacerdotali e ad altre strutture cultiche del tempio. Lo sfondo è molto spesso ‘ecclesiale’: la folla, i sacerdoti, il dialogo antifonale (15; 24; 118; 120; 122; 123; 131; 132; 134) e la gioia del canto, della danza e della musica (cfr. Sal 150).

19 Questioni di critica testuale   Meritano un cenno le questioni testuali, particolarmente impegnative per lo studioso del Salterio. La bontà del TM, di cui in un passato recente tanto si dubitava, è da sostenere senza esitazione; anche il confronto coi 27 frammenti della grotta di Qumran va in questa linea. La versione dei LXX, per quanto concerne il Salterio, è tra le peggiori dell'intera Bibbia greca, ma è pur sempre significativa a livello comparativo. Rilevante anche il Targum aramaico. Interessanti i duplicati presenti nello stesso Salterio (Sal 14 = 53; 40B = 70; 57B = 108; 18 = 2Sam 22).

20 Questioni di critica testuale   Gerolamo ha preparato almeno tre versioni latine del Salterio: la prima è una revisione della preesistente Vetus Latina sui LXX ed è nota come "Salterio romano" perché era usata quasi solo nella basilica di San Pietro; la seconda è una revisione, fatta in Palestina, della Vetus latina ed è nota come "Salterio gallicano" perché era stata adottata nelle Gallie prima di essere approvata da Pio V nel 1568 (è il Salterio della Vulgata); la terza è l'unica "de hebraica veritate" ed è nota come "Psalterium iuxta Hebraeos", ma non fu mai usata dalla chiesa.

21 Questioni di critica testuale   Poiché nella liturgia si fa uso della Vulgata (= Vg), va ricordata anche la diversa numerazione del Salterio, causata sostanzialmente dalla frattura che il TM ha operato sul Sal 9 dividendolo in Sal 9 e 10, mentre LXX-Vg lo conservano intatto e unitario. La sequenza completa delle due numerazioni è così schematizzabile:

22 Questioni di critica testuale TMLXX-Vg Sal 1-8 Sal 9-10Sal 9 Sal Sal Sal Sal 113 Sal 116Sal Sal Sal Sal 147Sal Sal

23 Generi letterari   E' ormai tradizione identificare, all'interno della grande tavola a colori della preghiera salmica, alcune aree letterarie abbastanza circoscritte, alcune famiglie di preghiere. Si tratta dei famosi generi letterari, la cui migliore codificazione è dovuta all'esegeta tedesco H. Gunkel con la sua classica opera Die Psalmen (Gottinga 1926); distinguiamo:

24 Generi letterari   l'Inno   la Supplica   la Fiducia   il Ringraziamento   la Liturgia   la Sapienza   i salmi storici e regali

25 Generi letterari   L'Inno "risponde al bisogno più profondo e più nobile di ogni religione che è quello di adorare nella polvere chi è sopra di noi". Modellato sulle due radici fondamentali, Creazione e Rivelazione, presenta contenuti specifici come avviene ad esempio negli Inni di Sion che hanno al centro la città santa luogo della presenza di Dio (Sal 46; 47; 48; 76; 84; 87; 122; etc.) o negli Inni a Jhwh, acclamazioni al Dio Re (Sal 93; 96; 97; 99; etc.).

26 Per i cristiani, Sion rappresenta la Chiesa di Gesù segno di salvezza per gli uomini, Per i cristiani, Sion rappresenta la Chiesa di Gesù segno di salvezza per gli uomini, Grande è il Signore e degno di ogni lode nella città del nostro Dio Grande è il Signore e degno di ogni lode nella città del nostro Dio

27 fino a che tutti siano riuniti nel regno di Dio, la Gerusalemme celeste. fino a che tutti siano riuniti nel regno di Dio, la Gerusalemme celeste. dal Sal 47 Il suo monte santo, altura stupenda, è la gioia di tutta la terra Il suo monte santo, altura stupenda, è la gioia di tutta la terra

28 Generi letterari   La Supplica è perlopiù strutturata in dramma a 3 personaggi (Dio, l'orante, il nemico), in 3 atti distribuiti nel tempo (la felicità perduta del passato, il tragico presente, la speranza nel futuro) (Sal 6; 13; 35; 42; 90; etc.).   La Fiducia è momento di totale abbandono nel Dio in cui si crede, è "sperare contro ogni speranza" (Rm 4,18). (Sal 23; 71; 121).

29 Fino a quando, Signore, continuerai a dimenticarmi? Fino a quando, Signore, continuerai a dimenticarmi?

30 Fino a quando mi nasconderai il tuo volto?

31 Fino a quando nell'anima mia proverò affanni, tristezza nel cuore ogni momento ? Fino a quando nell'anima mia proverò affanni, tristezza nel cuore ogni momento ? dal Sal 13

32

33 Alzo gli occhi verso i monti: da dove mi verrà l'aiuto dal Salmo 121

34 Il mio aiuto viene dal Signore, che ha fatto cielo e terra.

35 Non lascerà vacillare il tuo piede, non si addormenta il tuo custode.

36 Generi letterari   Il Ringraziamento, personale (Sal 30; 41; 116; etc.) o comunitario (Sal 124; 129; etc.), in un clima di pace, gioia, speranza, rende lode a Dio per il suo intervento liberatorio.   La Liturgia, è il contesto vitale in cui il salmo viene creato e poi ripresentato (Sal ; ; etc.).

37 Dal profondo a te grido, o Signore; Signore, ascolta la mia voce.

38 Siano i tuoi orecchi attenti alla voce della mia preghiera dal Sal 129

39

40 dal Sal 123 A te levo i miei occhi, a te che abiti nei cieli. A te levo i miei occhi, a te che abiti nei cieli.

41 Come gli occhi dei servi sono fissi alla mano dei loro padroni; Come gli occhi dei servi sono fissi alla mano dei loro padroni;

42 Generi letterari   La Sapienza, è la tematica di fondo di una serie di salmi quali 127, 133, 139, etc..   I salmi storici e regali sono rintracciabili in forma sparsa (Sal 2; 20; 114; 135; etc.).

43 Sei tu che hai creato le mie viscere e mi hai tessuto nel seno di mia madre

44 Ti lodo, perché mi hai fatto come un prodigio; sono stupende le tue opere, tu mi conosci fino in fondo. dal Sal 139

45

46 E ora, sovrani, siate saggi istruitevi, giudici della terra; servite Dio con timore e con tremore esultate dal Sal 2

47 che non si sdegni e voi perdiate la via. Improvvisa divampa la sua ira. Beato chi in lui si rifugia.

48 La teologia del libro   I salmi sono soprattutto un'implicita riflessione sull'incontro con Dio; i due poli del dialogo, l'uomo e Dio, sono presentati nella loro relazione e anche in sé; tra i due emerge spesso il male-nemico che mette in crisi il rapporto tra i due; segni teologicamente più elevati di questa crisi sono il silenzio di Dio e il peccato dell'uomo.

49 La teologia del libro   Attorno al centro costituito da Dio e dall'uomo si articola tutta la realtà in una serie di cerchi concentrici:   la città santa, che accoglie nel suo grembo la presenza di Dio nel Tempio, e del re, figlio di Davide e di Dio (Tempio = dimensione spaziale; Dinastia = dimensione temporale);   il popolo eletto, scelto da Dio per realizzare il suo progetto di salvezza;   la creazione segno della trascendente regalità di Dio.

50 Tempio Popolo Creato Dio Io

51


Scaricare ppt "Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché."

Presentazioni simili


Annunci Google