La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2-3. Adamo Smith: il mercato come strumento di integrazione sociale. Smith dopo Smith: dal liberoscambismo alla Sovereignless Global Governance. Il mercantilismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2-3. Adamo Smith: il mercato come strumento di integrazione sociale. Smith dopo Smith: dal liberoscambismo alla Sovereignless Global Governance. Il mercantilismo."— Transcript della presentazione:

1 2-3. Adamo Smith: il mercato come strumento di integrazione sociale. Smith dopo Smith: dal liberoscambismo alla Sovereignless Global Governance. Il mercantilismo di ieri e di oggi. Ritratti Adam Smith: Homo Oeconomicus

2 Prima di Smith: i mercantilisti L’origine delle pratiche e del pensiero M. si collocano tra la fine del Medioevo e l’Età moderna La riflessione verte sulla trasformazione delle cause all’origine della ricchezza delle nazioni e sui nuovi protagonisti: da Carlo V a Elisabetta I, passando per Guglielmo d’Orange I protagonisti della riflessione sono portatori di interessi lobbistici che peraltro si intersecano con quelli statali Alcune idee chiave sulla ricchezza, su cosa la origina e su chi deve indirizzare l’economia

3 L’economia come scienza William Petty ( ): > Bernard Mandeville (c ) The Fable of the Bees, or private Vices and Public Benefits : i vizi come motore dell’economia David Hume ( ), due libertà e il price–specie flow mechanism Richard Cantillon ( ): il padre della mano invisibile e gli accidenti del caso Prima di Smith: i mercantilisti

4

5 Il mercantilismo in salsa contemporanea: cuore tedesco -oltre 60 anni di saldo della bilancia commerciale in attivo -il Pil oltre la soglia del 6% -una macchina per esportare … che non vuole fare la locomotiva Volete saperne di più? industriale-dellunione.html

6 -Un cambio artificialmente basso e consumi compressi -E se la domanda internazionale rallenta? -Un tentativo di creare artificialmente le condizioni del Miracolo economico: -Il mercato interno: energia demografica + urbanizzazione Volete saperne di più? o/repubblica/2013/11/11/la-cina-scopre-gli- oneri-dell-urbanesimo.html Mercantilisti pentiti? Il caso cinese

7 Adam Smith ( ) Biografia 1776: An Inquiry into the Nature and Causes of the Wealth of Nations. La fine di un mondo che fu ( ) Provincie Unite verso Inghilterra Dalla sussistenza al mercato: le trasformazioni dell’economia Il focus è sui flussi commerciali non sull’industria

8 La ricchezza delle Nazioni Una teoria sempre valida Gli attori razionali e i loro obiettivi Prezzo naturale e prezzo di mercato Un ordine naturale dato dalla “mano invisibile”: la concorrenza come cooperazione L’attacco ai monopoli

9 Non è dalla benevolenza del birraio, del fornaio o del macellaio[..] che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione del loro interesse personale. Non ci rivolgiamo alla loro umanità ma al loro egoismo […] ‘individuo è condotto da una mano invisibile a promuovere un fine che non rientrava nelle sue intenzioni […] non ho mai visto che sia stato raggiunto molto [per la società] da coloro che pretendevano di trafficare per il bene comune Sulla scia di Mandeville: elogio dell’egoismo, con varianti ….

10 Ma, attenzione… La teoria dei sentimenti morali Nella corsa alla ricchezza, agli onori, all’ascesa sociale, ognuno può correre con tutte le proprie forze […] per superare gli altri concorrenti. Ma se si facesse strada a gomitate o spingesse per terra uno dei suoi avversari, l’indulgenza degli spettatori avrebbe termine del tutto […]. La società non può sussistere tra coloro che son sempre pronti a danneggiarsi e a farsi torto l’un l’altro

11 Il valore e la distribuzione Il sistema medievale “giusto prezzo, giusta paga, giusto guadagno” non spiega più la formazione del prezzo Come si distribuisce la ricchezza tra i fattori di produzione? Un mercato giusto ed equo La teoria del valore lavoro Ricardo: la legge bronzea dei salari”

12 Smith e Ricardo: il lavoro come prezzo == Ore di lavoro per produrle Ore di lavoro per produrla

13 Laissez faire, Laissez passer : il libero scambio -Il commercio internazionale pone agli economisti problemi teorici e pratici. -Come abbiamo detto nell’età moderna alcuni suoi aspetti erano studiati dai mercantilisti che coglievano nella disponibilità di metalli preziosi l’origine della ricchezza mentre la fisiocrazia la vedeva nella terra. I due approcci, tuttavia, consideravano le ricadute del commercio internazionale con riguardo a un solo Paese. -Smith riteneva che all’origine della ricchezza fossero la divisione del lavoro e la specializzazione che dovevano valere anche a livello internazionale -Questa teoria è importante perché è ripresa dagli attuali fautori della globalizzazione Come si vede: -il Portogallo è più efficiente nel produrre vino -l’Inghilterra è più efficiente nel produrre panno Ipotizzando una ragione di scambio di 1:1 a ciascun Paese converrà specializzarsi nel bene che produce impiegando minori unità di lavoro I costi unitari di produzione sono espressi in unità di lavoro e i costi di trasporto sono trascurati

14 Una unità di vino (10 ore) Una unità di panno (6 ore) PortogalloInghilterra Vantaggio assoluto

15 L’inghilterra verso il libero scambio La rivoluzione Industriale mette a nudo i limiti delle concezioni mercantiliste e dall’inizio dell’Ottocento alcuni gruppi di pressione, capitanati da David Ricardo, premono sul governo per l’adozione di provvedimenti liberisti 1832: riforma elettorale 1839: creazione della Anti – Corn Law League 1849 vengono abrogati i Navigation Acts La crescita degli scambi è tale che nonostante l’abbassamento complessivo dei dazi le entrate doganali del 1860 sono maggiori di quelle del 1842

16 La teoria del vantaggio comparato David Ricardo ( ) riprende le considerazioni di Smith: egli era un economista influenzato dai problemi del suo tempo, in particolare la sua ambizione era quella di dare una base scientifica a sostegno della battaglia per l’abolizione delle Corn Laws Era persuaso che ogni paese avrebbe potuto trarre grandi vantaggi se si fosse specializzato nella produzione di quei beni per cui godeva anche solo di un vantaggio relativo

17 VC non SFRUTTATOVC SFRUTTATO USA-: h produzione grano USA: h produzione PC J: h produzione PC J: h produzione grano Produzione PC USA Produzione PC J TOTALE Produzione grano USA Produzione grano J TOTALE Il modello -Ipotizziamo che ci siano due paesi (USA, J) che producono solo due beni (grano e PC) e ogni paese ha a disposizione ore di lavoro -Per produrre un PC negli USA servono 100 ore e in Giappone 120. Per produrre una tonnellata di grano negli USA servono 5 ore e in giappone 8 -Gli USA sono più efficienti in assoluto ma il J è più efficiente relativamente : produrre un PC in termini di grano costa 120/8=15 mentre negli USA costa 100/5=20. Vediamo cosa accade se i due si specializzano seguendo il rispettivo vantaggio comparato - -Si noti che la specializzazione trascinerà se stessa incrementando il VC

18 Rivisitare il vantaggio comparato Tra gli anni Venti e gli anni Trenta del Novecento il modello ricardiano è stato rivisitato da due economisti svedesi Ely Heckscher e Bertil Olhin che attribuirono il vantaggio comparato di ciascun paese alla sua dotazione iniziale di fattori produttivi La cosa funziona tuttavia solo fino ad un certo punto: “il Paradosso di Leontieff” Alla loro analisi furono aggiunti due corollari: il teorema dell’uguaglianza (convergenza) dei prezzi dei fattori (Mill) e il teorema di Rybczynski che sottolinea come un aumento della dotazione di un fattore di produzione porta a un aumento della produzione dei beni che lo utilizzano Il flusso dei commerci d’altra parte non è spontaneo e queste letture con l’esclusione (forse) del teorema della uguaglianza dei prezzi sono state superate : il vantaggio comparato si può infatti “creare” potenziando il capitale umano o incentivando certe industrie, si parla di politica commerciale strategica (Krugman)

19 Tuttavia l’analisi dei flussi commerciali che, soprattutto nel XX secolo e nei paesi con reddito pro-capite reale analogo, vede la trade intensity intra-industriale soverchiare quella inter-industriale Rivisitare il vantaggio comparato

20 La mano visibile Quali funzioni deve svolgere lo stato? All’epoca di Smith, poche … Oggi, nonostante Ronnie Reagan, Margaret Thatcher, Paul Ryan, Mitt Romney e il Tea Party, molte di più Lo stato minimo e la gestione dei “fallimenti del mercato” In qualche caso è accettabile un protezionismo temporaneo Friedrich List

21 Q (q 2 ; p 2 ) q0q0 p0p0 p1p1 Essendo p 1 > p 0 Usa è fuori mercato Costo di produzione UK Costo di produzione USA Quantità prodotta, quantità domandata Prezzo = costo Domanda q2q2 p2p2 P (q 0 ; p 0 ) Teoria dell’Industria nascente e protezionismo: un esempio ipotetico di protezionismo che funziona

22 Può giustificarsi il protezionismo? Nella logica di Smith, Ricardo e degli epigoni in condizioni normali la politica commerciale è un elemento che perturba il commercio internazionale Wolfgang Stolper Paul Samuelson (1941) costruirono un teorema che nella sostanza segnala che nel mondo esistono interessi contrastanti. Si enuncia in pratica che i prezzi (valore) dei fattori produttori sono determinati dai prezzi relativi dei prodotti per cui il prezzo dei beni esportati tende ad aumentare (entro il paese esportatore) mentre il prezzo dei beni importati tende a diminuire, e chi viene danneggiato dal libero commercio tende ad opporvisi.

23 Smith dopo Smith: The Sovereignless Global Governance Con la fine degli anni Settanta il mercato mondiale è sempre più globalizzato e le multinazionale giocano un ruolo importante Cambia la natura della relazione tra stato e capitale Le imprese hanno meno bisogno che il lavoro nazionale sia al loro servizio ?

24 La legge del prezzo unico La globalizzazione è stata accelerata dalla liberalizzazione del movimento delle merci (specie dal 1995) e dalla liberalizzazione del movimento di capitali, le persone si muovono meno Se i mercati sono integrati vale la “legge del prezzo unico”: per cui la differenza di prezzo tra due beni identici in due mercati diversi è minore o uguale ai costi di trasporto e transazione sostenuti per il trasferimento della merce In caso contrario il riequilibrio avviene tramite il commercio e l’arbitraggio

25 Un esempio ParametriCaso 1Caso 2 Costo del bene X nel mercato A 100 Costo del bene X nel mercato B 150 Costi di trasporto e /o transazione tra A e B 3050 Differenza /arbitraggio200

26 Occupazione (lavoro) O L0L0 O1O1 W0W0 L1L1 L2L2 W1W1 D 1 (economia aperta) W2W2 D (economia chiusa) Costo del lavoro (salario) In una economia aperta l’impatto occupazionale di un aumento del costo del lavoro (L 0 -L 2 ) è maggiore che in una economia chiusa (L 0 -L 1 ) X X X

27 Il doppio movimento e il disciplinamento Ad ostacolare il perfetto funzionamento della legge del prezzo unico stanno diversi fattori: -il fatto che alcuni beni non sono stati completamente trasformati in merci -la politica Quest’ultima in un contesto fortemente concorrenziale riesce come detto a garantire equilibri sociali meno favorevoli


Scaricare ppt "2-3. Adamo Smith: il mercato come strumento di integrazione sociale. Smith dopo Smith: dal liberoscambismo alla Sovereignless Global Governance. Il mercantilismo."

Presentazioni simili


Annunci Google