La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Osserviamo l’acqua che gocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Osserviamo l’acqua che gocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla."— Transcript della presentazione:

1 Osserviamo l’acqua che gocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in forma di sfera, ben delimitata dalla superficie esterna che la racchiude. Un altro modo per vedere la tensione superficiale in azione è quello di osservare i vani sforzi che fa' un insetto per uscire dall'acqua: una volta forata la pellicola superficiale dell'acqua, questa, per minimizzare la sua superficie, si avviluppa attorno al corpo dell'insetto, intrappolandolo.

2

3 Questi fenomeni, e tanti altri ancora, sono gli effetti della tensione superficiale.

4 Spiegazione: una molecola di un liquido attira le molecole che la circondano ed a sua volta è attratta da esse. Per le molecole che si trovano all'interno del liquido, la risultante di queste forze è nulla ed ognuna di esse si trova in equilibrio rispetto alle altre. Quando invece queste molecole si trovano alla superficie, esse vengono attratte dalle molecole sottostanti e da quelle laterali, ma non verso l'esterno. La risultante delle forze che agiscono sulle molecole di superficie è una forza diretta verso l'interno del liquido. A sua volta, la forza di coesione fra le molecole fornisce una forza tangenziale alla superficie. La superficie di un liquido si comporta dunque come una membrana elastica che avvolge e comprime il liquido sottostante. La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

5 Definizione di tensione superficiale Le molecole che si trovano sulla superficie di un liquido sono in uno stato di maggiore energia rispetto a quelle che si trovano all’interno della massa, e pertanto, volendo aumentare l’area della superficie libera di una sostanza liquida, cioè per aumentare il numero di molecole superficiali, è necessario compiere un lavoro. Questo lavoro serve appunto per fornire alle molecole che si trovano all’interno, l’energia che esse posseggono in superficie. Le molecole che si trovano sulla superficie di un liquido sono in uno stato di maggiore energia rispetto a quelle che si trovano all’interno della massa, e pertanto, volendo aumentare l’area della superficie libera di una sostanza liquida, cioè per aumentare il numero di molecole superficiali, è necessario compiere un lavoro. Questo lavoro serve appunto per fornire alle molecole che si trovano all’interno, l’energia che esse posseggono in superficie. Quindi la tensione superficiale di un liquido è l’energia necessaria per far aumentare di un’unità la sua area superficiale Quindi la tensione superficiale di un liquido è l’energia necessaria per far aumentare di un’unità la sua area superficiale ( Nel S.I. si esprime in J/m 2 ). La tensione superficiale diminuisce all’aumentare della temperatura perché l’agitazione termica delle molecole attenua i legami intermolecolari. La tensione superficiale diminuisce all’aumentare della temperatura perché l’agitazione termica delle molecole attenua i legami intermolecolari. La presenza di tensioattivi diminuisce la tensione superficiale. La presenza di tensioattivi diminuisce la tensione superficiale.

6 Procurandosi una vaschetta piena d’acqua, possibilmente colorata, e dei tubi trasparenti di diametro diverso, di cui uno inferiore ai 2mm (capillare) è possibile effettuare un’esperimento su questo fenomeno. Sistemate i tubi dentro la vaschetta e osservate cosa succede. In base al principio dei vasi comunicanti dovremmo aspettarci che l’acqua entri in tutti i tubi portandosi allo stesso livello che ha l’acqua nella vaschetta. Se osserviamo bene ciò avviene solo in alcuni tubi, infatti via via che i tubi si fanno più stretti il livello raggiunto è maggiore di quello della vaschetta, nel capillare poi, è decisamente più elevato.

7 Le molecole di un liquido sono soggette ad una forza di coesione che le mantiene unite le une alle altre, ma esiste anche una forza di adesione che rappresenta la forza con cui le molecole del liquido aderiscono alla superficie di un materiale con cui vengono in contatto. Quando le forze di adesione sono più grandi rispetto alle forze di coesione, il liquido tende a bagnare la superficie. L'acqua infatti tende a salire le pareti di un bicchiere di vetro perchè le molecole di questo liquido hanno una forte tendenza ad aderire al vetro. I liquidi che bagnano le pareti formano superfici concave (es: acqua/vetro), quelli che non le bagnano formano superfici convesse (es: mercurio/vetro). Nei tubi di diametro interno inferiore a 2 mm, le forze di coesione e di adesione, determinano la risalita o la discesa dei liquidi chiamata capillarità.

8 Per lo stesso motivo l’acqua riesce a diffondere fra due lastrine asciutte di vetro accostate, o in un foglio di carta assorbente e in una spugna. Questo fenomeno è di fondamentale importanza per i vegetali: essa diffonde attraverso i pori del terreno e sale fino alle foglie attraverso i vasi conduttori delle piante vincendo la forza di gravità.


Scaricare ppt "Osserviamo l’acqua che gocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla."

Presentazioni simili


Annunci Google