La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Emostasi Nei meccanismi emostatici si distinguono tre componenti: 1) Componente vascolare: resistenza meccanica----> fragilità vascolare integrità endoteliale:la.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Emostasi Nei meccanismi emostatici si distinguono tre componenti: 1) Componente vascolare: resistenza meccanica----> fragilità vascolare integrità endoteliale:la."— Transcript della presentazione:

1 Emostasi Nei meccanismi emostatici si distinguono tre componenti: 1) Componente vascolare: resistenza meccanica----> fragilità vascolare integrità endoteliale:la superficie endoteliale normale è idrorepellente; in caso di alterazione ==> adesione piastrinica; attivazione sistema coagulazione contrazione arteriolare: riduce l’emorragia attività antiaggregante piastrinica (prostaciclina, PGI2); anticoagulante (glicosaminoglicani); fibrinolitica (attivatori plasminogeno) 2) Componente piastrinica: formazione del trombo (adesione ed aggregazione delle piastrine); coagulazione del sangue (rilascio di fattori piastrinici); retrazione del coagulo (trombostenina) 3) Componente plasmatica: sistema della coagulazione: formazione del coagulo di fibrina sistema della fibrinolisi: rimozione della fibrina

2 PIASTRINE

3 Piastrine: caratteristiche generali derivano dai megacariociti: sono elementi corpuscolati del sangue, che prendono parte, grazie alle loro capacità emostatiche, alla coagulazione del sangue. Hanno inoltre capacità miste di trasporto, immagazzinamento e fagocitosi intervengono a livello vasale con la liberazione di sostanze vasoattive, aderiscono alle strutture connettivali e si aggregano formando trombi; attivano il fattore XII e i fosfolipidi di membrana; catalizzano le reazioni del fattore IX e VIII la loro vita media è di giorni (importante per l’azione dei FANS) sono corpicciuoli di 7  m 3, privi di nucleo, incolori, con molti organuli intracitoplasmatici Nell’adulto sono comprese tra per mm 3 (o µL) con la colorazione vitale si nota una parte centrale, cromomero, e una parte periferica, jalomero - prive di nucleo, con granuli azzurrofili rosso- violaceo

4 Introduzione

5 Multifunzionalità piastrinica

6 alterazioni si hanno per variazioni numeriche - trombocitopenia (si parla di trombocitopenia o piastrinopenia quando si ha una diminuzione inferiore a mm 3 ) e trombocitosi - o per compromissione della funzione piastrinica - trombocitopatie trombocitosi si verifica dopo crisi emolitiche, emorragie, splenectomia, atrofia della milza, per aumentata produzione midollare (trombocitemia) ai fini clinici vengono considerate alcune funzioni piastriniche come: –aggregabilità »curve di aggregazione di Born »dosaggio dei nucleotidi adeninici (per Storage Pool Disease e Aspirin-like syndrome) –adesività »ritenzione piastrinica a microsfere di vetro (poco usata) Alterazioni piastriniche

7 TRASMISSIONE DELLA LUCE Curva di aggregazione piastrinica Test di aggregazione piastrinica su Platelet Rich Plasma (PRP):aggregazione completa in risposta all’aggiunta di ADP, collagene, epinefrina, trombina, ristocetina e acido arachidonico. Alterazioni nella risposta si hanno per: piastrinopatie, deficienza di proteine plasmatiche (fibrinogeno, fibronectina, ecc.), malattie mieloproliferative, CID, disordini metabolici (uremia), collagenopatie DENSITA’ OTTICA

8 Curva di aggregazione piastrinica e curva di rilascio di ATP

9

10


Scaricare ppt "Emostasi Nei meccanismi emostatici si distinguono tre componenti: 1) Componente vascolare: resistenza meccanica----> fragilità vascolare integrità endoteliale:la."

Presentazioni simili


Annunci Google