La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Tutte le attività operative collegate alla movimentazione delle merci siano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Tutte le attività operative collegate alla movimentazione delle merci siano."— Transcript della presentazione:

1 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Tutte le attività operative collegate alla movimentazione delle merci siano esse materie prime, semilavorati, componenti o prodotti finiti, effettuata al di fuori delle aziende, rientrano in quello che si definisce logistica dei trasporti. Tratteremo quindi, tutti i sistemi di trasporto delle merci, su gomma (autocarri), su rotaia (treni), per via aerea (aerei), per via mare (navi) e intermodali (diversi mezzi di trasporto). Il sistema dei trasporti coinvolge un elevato numero di operatori e i due componenti principali sono: I componenti tecnici (mezzi di trasporto e mezzi ausiliari) I componenti operativi (conducenti ed equipaggio) e amministrativi (impiegati in uffici).

2 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO TRASPORTO SU GOMMA La scelta del vettore su gomma identifica il trasporto di merci effettuato con automezzi che circolano su strade e autostrade, in alcuni casi possono essere mezzi specifici per esempio per il trasporto di liquidi, di prodotti infiammabili e di merci pericolose. In Italia il numero di trasportatori su gomma è molto elevato, molti sono i cosiddetti “padroncini” cioè vettori che dispongono di uno o due autocarri. I mezzi che solitamente circolano su strada per trasportare merci possono essere distinti in: Autocarri Rimorchi Autoarticolati

3 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO AUTOCARRI Autoveicoli destinati al trasporto merci muniti di motore proprio, di solito un grosso motore Diesel, la massa massima a pieno carico di un autocarro non può superare le 32 tonnellate, ad eccezione di quelli che trasportano materiale inerte (cemento, ghiaia, sabbia) per i quali la massa massima totale è di 40 tonnellate. Il vano di carico deve essere separato dalla cabina di guida per la sicurezza dell’autista contro il rischio di spostamento imprevisto del carico.

4 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Autocarro TELONATO Il vano di carico è ricoperto da un telone che può anche essere rimosso

5 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Autocarro FURGONATO Il vano di carico è completamente ricoperto dalla lamiera della carrozzeria

6 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO I RIMORCHI sono veicoli senza motore destinati al trasporto delle merci, che ovviamente devono essere trainati da alti autocarri (camion a rimorchio) oppure da un trattore stradale (autoarticolati o TIR). TRATTORE STRADALE È dotato di una staffa chiamata “ralla” idonea all’aggancio di differenti semirimorchi.

7 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO AUTOARTICOLATO Veicolo costituito da un trattore e da un semirimorchio, riduce notevolmente i tempi morti di carico e scarico in quanto sgancia semplicemente il semirimorchio da scaricare e riparte subito agganciando un altro carico.

8 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO TRASPORTO SU ROTAIA Il trasporto di merci su rotaia si affida al treno che nel caso specifico viene identificato nel carro ferroviario per differenziarlo dal vagone ferroviario che invece trasporta passeggeri. CARRO FERROVIARIO

9 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Una caratteristica del treno è che è l’unico mezzo di trasporto che si muove su una sede propria (le rotaie) per cui segue un percorso fisso. Le tipologie di carri ferroviari sono: Carro per merce varia chiuso o a cielo aperto: carro a quattro assi, lungo circa 20 metri, può trasportare una massa massima di kg; Carro refrigerato: è dotato di un impianto frigorifero, con pianale e tetto coibentato per mantenere la merce alla temperatura desiderata; Carro a tramoggia: può essere caricato dall’alto con prodotti sfusi ad esempio carbone; Carro bisarca: è dedicato al trasporto di automobili su due piani con possibilità di carico delle autovetture attraverso apposite rampe; Carro cisterna: trasporta prodotti liquidi, ad esempio derivati del petrolio, è fornito di apposito bocchettone per il carico dall’alto; Carro silos: è simile al precedente, ma trasporta materiali granulati o polveri; Carro porta container: è il tipico carro costituito dal solo pianale su cui si carica e si aggancia il container di dimensioni standard

10 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO TRASPORTO NAUTICO Si tratta di uno dei più antichi sistemi di trasporto utilizzato dall’uomo che sfrutta fiumi, laghi e ovviamente mari con barche e navi, in origine a remi, poi a vela ed infine a motore. Il mezzo di trasporto nautico delle merci è definito nave mercantile per differenziarla dalla nave passeggeri oggi usata soprattutto a scopo turistico.

11 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Le navi mercantili si possono classificare in base alla: Capacità di carico : espressa in tonnellate di stazza netta (volume di tutti gli spazi chiusi della nave esclusi i locali destinati alla condotta della nave). Una tonnellata di stazza netta corrisponde a 100 piedi cubici, cioè 2832 metri cubi.

12 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Le navi mercantili si possono classificare in base alla: Tipologia del percorso: Possiamo avere navi mercantili di linea cioè che percorrono sempre la stessa rotta oppure navi mercantili “volandiere” che seguono viaggi particolari su qualsiasi rotta richiesta.

13 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Le navi mercantili si possono classificare in base al : Luogo di impiego: Possiamo avere navi mercantili oceaniche che percorrono rotte sugli oceani; Navi internazionali costiere che navigano lungo le coste senza allontanarsi oltre le 20 miglia dalle coste di diversi stati; Navi nazionali costiere che navigano fra porti dello stesso stato senza allontanarsi oltre le 3 miglia dalla costa, Navi lacustri che navigano sui laghi ed infine fluviali che navigano nei fiumi.

14 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Le navi mercantili si possono classificare in base alla: Tipologia della merce trasportata: si distinguono in Navi traghetto che trasportano veicoli stradali, Navi gasiere per trasportare gas liquefatti, Navi cisterna che trasportano prodotti liquidi infiammabili, Navi porta container per il trasporto dei container di dimensioni standard, Navi da carico che possono caricare vari tipi di merce.

15 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Nave traghetto : trasporta veicoli stradali

16 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Nave gasiera : trasporta gas liquefatti

17 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Nave cisterna : trasporta prodotti liquidi infiammabili

18 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Nave porta container : trasporta container di dimensioni standard

19 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Nave da carico : può caricare vari tipi di merce.

20 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Nave passeggeri : oggi usata soprattutto a scopo turistico.

21 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Il trasporto aereo, consiste nel trasferire persone e merci da un punto all’altro utilizzando un mezzo volante, e viene attuato mediante velivoli specializzati in tale ruolo, sia ad ala fissa (aerei da trasporto) che ad ala rotante (elicotteri da trasporto). Oggi i moderni jet trasportano centinaia di persone di qualunque stato sociale o capacità economica. Anche il trasporto delle merci via aerea ha subito negli anni un notevole incremento sia per ragioni di necessità di velocità di approvvigionamento, che per ragioni di economicità del servizio reso.

22 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Per quanto riguarda il trasporto aereo passeggeri, si utilizza quello che comunemente viene definito aereo di linea, in pratica un aeroplano appositamente progettato e utilizzato dalle compagnie aeree che lo acquistano oppure lo affittano da altre compagnie Dato l’elevato costo d’acquisto spesso l'aereo di linea viene utilizzato in leasing con scadenza a lungo termine (dai 20 ai 40 anni). Tuttavia quasi nessuno torna in servizio perché nel frattempo, grazie al progresso tecnologico, i nuovi aerei prodotti risultano più economici nelle ordinarie operazioni di manutenzione rispetto a quelli più vecchi

23 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Aereo di linea : AIRBUS A 380

24 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO La configurazione interna di un aereo di linea prevede oltre alla cabina di pilotaggio, dove operano il comandante e il secondo pilota, la cabina passeggeri che ospita anche gli assistenti di volo. In quest’ultima sono disponibili tre tipologia di posti a sedere: First class (prima classe) Business class (classe operatori commerciali) Economy class (classe economica) o ad alta densità

25 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO La configurazione a due classi viene usata solitamente sui voli a medio raggio, mentre quella a tre classi solitamente sui voli a lungo raggio. Per i voli nazionali di solito si utilizzano aerei con due sole classi, di solito business ed economica, mentre per quelli internazionali si usano aerei con due o tre classi. Configurazione interna AIRBUS A 320

26 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Gli aerei regionali che operano sul medio o corto raggio, vengono configurati in classe unica economy Aereo Regionale ATR 72

27 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Se il numero massimo di passeggeri risulta inferiore a 20, l’aereo viene definito aerotaxi. I modelli utilizzati sono diversi a seconda della tratta da percorrere, ma in genere si tratta di piccoli aerei bireattori: esempio il LEARJET

28 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Il trasporto aereo delle merci viene operato da quelli che vengono definiti aerei cargo. È una componente essenziale di molte reti logistiche internazionali, essenziale per gestire e controllare il flusso di risorse, come prodotti, servizi e persone, dalla fonte di produzione al mercato.

29 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Per il trasporto di merci eccezionali, che non possono essere trasportate con i normali aerei cargo, alcune compagnie aeree hanno ordinato alle ditte costruttrici modelli particolari come l’Airbus A ST “Beluga”, l’Antonov An-225, il Boeing 747 LCF. Questi aerei cargo speciali, possono essere definiti come i “nipoti” dello storico Aero Spacelines “Super Guppy”.

30 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO TRASPORTO INTERMODALE Questo tipo di trasporto utilizza diversi mezzi che si integrano perfettamente tra di loro, ma la caratteristica fondamentale è che la merce viene sistemata in uno specifico contenitore (container) o meglio Unità di Trasporto Intermodale (UTI), da dove non viene mossa fino al raggiungimento della destinazione finale

31 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Dopo che l’aumento del traffico internazionale di merci aveva creato la necessità di una soluzione di questo tipo, si è cercato di trovare un modo per standardizzare il più possibile questo metodo di trasporto, arrivando, negli anni cinquanta, a dei primi accordi internazionali. Proprio da questi primi accordi si è iniziato ad usare abitualmente il pallet (scaffale in legno) di misure standard per proseguire poi con l’invenzione del container che ha rivoluzionato le tecniche di trasporto sulle lunghissime distanze, specialmente di quelle che prevedevano, oltre ad una parte di trasporto terrestre una parte di trasporto via nave.

32 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Oggi il trasporto intermodale che utilizza ad esempio strada, rotaia e nave, si svolge principalmente in 3 modi: Primo caso (lunghe distanze), utilizzando il container che viene posizionato su un autoarticolato, poi caricato su un vagone ferroviario ed infine posto sul ponte di una nave. Secondo caso (medie distanze), prevede il carico della merce su un autocarro, il trasferimento dello stesso ad una vicina stazione ferroviaria, il successivo trasferimento a mezzo treno sino ad una stazione prossima alla località di destinazione ed infine l’ultimo tratto, per effettuare la consegna delle merci, nuovamente effettuato su strada con un autocarro. Terzo caso è il cosiddetto “traffico accompagnato”, in questo caso, non viaggia solamente il container, ma l’intero automezzo, con autista ospitato in vagone letto.

33 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Sintesi del trasporto combinato

34 Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Sintesi del trasporto intermodale


Scaricare ppt "Ing. Maurizio Bassani LOGISTICA - Capitolo 1 - Modulo 2 SISTEMA DI TRASPORTO Tutte le attività operative collegate alla movimentazione delle merci siano."

Presentazioni simili


Annunci Google