La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ornella Robutti Brusasco 1 Metodologie didattiche: dall'insegnamento all'apprendimento Ornella Robutti Dipartimento di Matematica Brusasco 14 settembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ornella Robutti Brusasco 1 Metodologie didattiche: dall'insegnamento all'apprendimento Ornella Robutti Dipartimento di Matematica Brusasco 14 settembre."— Transcript della presentazione:

1 Ornella Robutti Brusasco 1 Metodologie didattiche: dall'insegnamento all'apprendimento Ornella Robutti Dipartimento di Matematica Brusasco 14 settembre 2009

2 Ornella Robutti Brusasco 2 “The hardest thing you can ever ask a teacher to do is to teach in a way they were not taught themselves” Ken Jensen Instructional Math Coach  Perché è così difficile cambiare metodologia didattica?

3 Ornella Robutti Brusasco 3 Il sapere generale ha cambiato natura: meno articolato, meno sottile, talvolta può fare a meno di basarsi su formulazioni verbali. I linguaggi stanno passando da forme strutturate e precise a forme generiche e destrutturate. La parola leggere ha oggi un significato molto più ampio: non si leggono solo le cose scritte, anzi la lettura nel senso usuale non è né l’unico né il principale dei canali di conoscenza. LA TERZA FASE Simone, 2000

4 Ornella Robutti Brusasco 4  Attività didattiche che rendono gli studenti più attivi durante il corso: il laboratorio Ciò che un giovane deve domandare alla scuola è di essere messo in grado che la scienza la cerchi e la trovi lui. Perciò la scuola è un laboratorio, dove tutti siano compagni di lavoro, maestro e discepoli, e il maestro non esponga solo e dimostri, ma cerchi ed osservi insieme con loro, sì che attori siano tutti … Una scuola così fatta non vale solo a educare l’intelligenza, ma, ciò che è più, ti forma la volontà. Vi si apprende la serietà dello scopo, la tenacità dei mezzi, la risolutezza accompagnata con la disciplina e con la pazienza, vi si apprende innanzi tutto ad essere un uomo. Francesco De Sanctis, 1872

5 Ornella Robutti Brusasco 5 The physics department has replaced the traditional large introductory lecture with smaller classes that emphasize hands- on, interactive, collaborative learning. Already, attendance is up and the failure rate has dropped by more than 50 percent. M.I.T. is not alone. Other universities are changing their ways, among them Rensselaer Polytechnic Institute, North Carolina State University, the University of Maryland, the University of Colorado at Boulder and Harvard. Physicists have been pioneering teaching methods drawn from research showing that most students learn fundamental concepts more successfully, and are better able to apply them, through interactive, collaborative, student-centered learning. New York Times, January 13, 2009  Il ruolo del docente? Essere presente ma non preponderante

6 Ornella Robutti Brusasco 6 Antinucci, 2001 SIMBOLICO-RICOSTRUTTIVOPERCETTIVO-MOTORIO  Apprendimento simbolico-ricostruttivo e percettivo- motorio

7 Ornella Robutti Brusasco 7 COGNIZIONE E METACOGNIZIONE L’apprendimento non è solo un problema cognitivo Dimensione cognitiva legata a quella affettiva e metacognitiva: convinzioni, emozioni, atteggiamenti Ferrari, 2006Zan, 2007

8 Ornella Robutti Brusasco 8 Le capacità richieste dal mondo del lavoro: 1.routinarie-manuali 2.non routinarie-manuali 3.routinarie-cognitive 4.non routinarie-analitiche 5.non routinarie-interattive Andreas Schleicher responsabile della Divisione per gli Indicatori e l’Analisi dei test OCSE-PISA I° Forum mondiale sull’apprendimento e le tecnologie, Londra, gennaio 2009  Insegnamento e apprendimento: nuove sfide nel 21° secolo

9 Ornella Robutti Brusasco 9 Wenger, 1998 Apprendere è parte della natura umana, fenomeno sociale e frutto dell’esperienza situata. L’apprendimento è il risultato di una partecipazione attiva alle pratiche e del processo di identificazione e appartenenza a tali comunità. Produzione sociale di significato. Presenza di un repertorio condiviso  Le comunità di pratica, di apprendimento, di crescita professionale

10 Ornella Robutti Brusasco 10 In Piemonte per le scuole: PROGETTO DI.FI.MA. IN RETE

11 Ornella Robutti Brusasco 11 Moodle: i motivi di una scelta La scelta è stata suggerita dalla nostra esperienza di questi anni nei: –Corsi abilitanti riservati indirizzo FIM –Corsi SIS indirizzo FIM –Precorsi matricole matematica

12 Ornella Robutti Brusasco 12 Il valore aggiunto di una piattaforma sito web caratterizzatoUna piattaforma Moodle può apparire come un sito web caratterizzato da –documenti depositati ed aggiornabili in tempo reale –Strumenti di ricerca per argomento o altre chiavi –Spazio di pubblicazione molto grande –Consultabilità del materiale quando, dove, quante volte, per tutto il tempo che si vuole

13 Ornella Robutti Brusasco 13 Caratteristiche queste Che non sono invece proprie –Di libri –Di riviste –O comunque di altri supporti cartacei

14 Ornella Robutti Brusasco 14 Ma in un sito web la comunicazione è per lo più unidirezionale A volte vi è interazione invisibile con l’utente, imposta e subita

15 Ornella Robutti Brusasco 15 Mentre in Moodle l’utente diventa soggetto attivo in una comunicazione bidirezionale e/o multidirezionale

16 Ornella Robutti Brusasco 16 ambiente virtualecollaborativo iscritti RETE Si crea un ambiente virtuale collaborativo, a cui partecipano solo gli iscritti: una RETE


Scaricare ppt "Ornella Robutti Brusasco 1 Metodologie didattiche: dall'insegnamento all'apprendimento Ornella Robutti Dipartimento di Matematica Brusasco 14 settembre."

Presentazioni simili


Annunci Google