La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dieresi e sineresi vïaggio per fuggire altro vïaggio (Gozzano) La mia venuta era testimonianza di un ordine che in viaggio mi scordai (Montale)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dieresi e sineresi vïaggio per fuggire altro vïaggio (Gozzano) La mia venuta era testimonianza di un ordine che in viaggio mi scordai (Montale)"— Transcript della presentazione:

1 dieresi e sineresi vïaggio per fuggire altro vïaggio (Gozzano) La mia venuta era testimonianza di un ordine che in viaggio mi scordai (Montale)

2 vocale tonica + vocale atona in fine di parola Ricorditi di me, che son la Pia [2 sillabe]: Siena mi fe’; disfecemi Maremma: Salsi colui [1] ch’inanellata pria [2] disposando m’avea [1] con la sua gemma. (Dante, Purg., V)

3 sinalefe vs. dialefe Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva^oscura ché la diritta via`´era smarrita

4 Quante sillabe ha un endecasillabo? [a] ‘Sperent in te’ di sopr’a noi s’udì [10] [b] a che rispuoser tutte le carole [11] [Dante, Par., XXV] [c] Già non compiè di tal consiglio rèndere [12] [Dante, Inf., XXIII]

5 Strofa di soli settenari Qual masso che dal vertice A [sdr.] Di lunga erta montana,B Abbandonato all'impetoC [sdr.] Di rumorosa frana,B Per lo scheggiato calleD Precipitando a valle,D Batte sul fondo e sta; E [tr.] [Manzoni, Il Natale]

6 Doppio senario Dagli atrii muscosi, dai fori cadenti, Dai boschi, dall'arse fucine stridenti, Dai solchi bagnati di servo sudor, Un volgo disperso repente si desta; Intende l'orecchio, solleva la testa Percosso da novo crescente romor. [Manzoni, Adelchi, coro, atto III]

7 Rima al mezzo Tra bande verdigiALLE d’innumeri ginESTRE La bella strada alpESTRE scendeva nella vALLE

8 Rima imperfetta (var. assonanza) O Re felice, tu favelli indArnO. Se Biancifior con meco non venIssE Io nonn-anderei da lei così lontAnO [cantare di Fiorio e Biancifiore]

9 Rima perfetta nella tradizione italiana Voi che ascoltate in rime sparse il suòno di quei sospiri ond’io nudriva il còre in sul mio primo giovanile erróre quand’era in parte altr’uom da quel ch’io sóno [Petrarca, RVF I]

10 Rima siciliana Veggio senza occhi, et non ò lingua et grIDO; et bramo di perir, et cheggio aITA; et ò in odio me stesso, et amo altrUI. Pascomi di dolor, piangendo rIDO; egualmente mi spiace morte e vITA: in questo stato son, donna, per vOI. [Petrarca, RVF LXXXIX]

11 Rima equivoca [RVF xviii] Quand’io son tutto vòlto in quella PARTE ove ‘l bel viso di madonna LUCE, e m’è rimasa nel pensier la LUCE che m’arde e strugge dentro a parte a PARTE, i’, che temo del cor che mi si PARTE5 e veggio presso il fin de la mia LUCE, vommene in guisa d’orbo, senza LUCE, che non sa ove si vada e pur si PARTE. Così davanti a i colpi de la MORTE fuggo; ma non sì ratto che ‘l DESIO10 meco non venga, come venir SÒLE. Tacito vo, ché le parole MORTE farian pianger la gente, et i' DESIO che le lagrime mie si spargan SÓLE.


Scaricare ppt "Dieresi e sineresi vïaggio per fuggire altro vïaggio (Gozzano) La mia venuta era testimonianza di un ordine che in viaggio mi scordai (Montale)"

Presentazioni simili


Annunci Google