La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Formazione della duna e Ambiente Dunale (Litorale di Castel Porziano)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Formazione della duna e Ambiente Dunale (Litorale di Castel Porziano)"— Transcript della presentazione:

1 Formazione della duna e Ambiente Dunale (Litorale di Castel Porziano)

2 I materiali ( sabbia, silt, argille) sono portati dal fiume Tevere al mare e alla foce formano barre di sabbia, poi il moto ondoso e le correnti litoranee che prendono origine ad es. dall’obliquità dell’onda rimuovono i materiali: quelli più fini (silt e argille), sono abbandonati al largo, quelli più pesanti (sabbia) sono abbandonati sulla battigia, o in prossimità della riva sotto forma di cordoni subacquei, dove l’onda diretta verso la costa e l’onda di ritorno o risacca, s’incontrano e si annullano ai lati della foce. Formazione della duna

3 I cordoni possono emergere e dare origine ad una laguna. Formazione della duna

4 Quando la comunicazione con il mare si chiude, si forma un lago costiero che con gli apporti detritici della terraferma si forma prima uno stagno, poi una palude….. Formazione della duna

5 e se non intervengono fattori di disturbo (variazioni del livello marino, tettonici) la terraferma aumenta di spazio verso mare: il vento solleva la sabbia dai cordoni emersi e dalla spiaggia, e quando diminuisce di velocità la rilascia, creando accumuli di sabbia “duna embrionale soggetta a rimaneggiamento”. l’unione delle diverse particelle di quest’accumulo fungerà da trappola per l’accumulo di altra sabbia. Questo processo da origine piano piano ai cordoni dunali costieri. Lungo la nostra costa le dune sono più o meno parallele alla riva e perpendicolari alla direzione del vento dominante. Il vento spinge i granelli di sabbia sul fianco esposto alla sua direzione, li riversa oltre la sommità da dove cadono per gravità. Il risultato è l’avanzamento della duna. La duna può essere fissata dalla vegetazione.

6 Lo sviluppo della vegetazione regola la crescita della duna: le piante, in particolare l’Ammophila, per evitare di essere coperte dalla sabbia crescono in verticale (fusto) e contemporaneamente rinnovano l’apparato radicale e consolidano altri strati di sabbia, insieme all’Ammopfila crescono altre piante che formano una copertura rada. La duna con la vegetazione erbacea potrà cedere il posto alla vegetazione legnosa. Formazione della duna

7 Un ambiente può essere terrestre acquatico foresta prateria deserto ambiente litoraneo marino salmastro acqua dolce

8 Ambiente terrestre come il litorale è caratterizzato da fattori abiotici sono temperatura acqua vento pH fattori antropici fattori biotici sono vegetali animali che hanno il loro formano un ecosistema habitat

9 Un ambiente può essere…. Nell’ambiente litoraneo (C. Porziano) l’escursione termica in superficie durante l’estate è elevata, il suolo sabbioso è povero di sostanze fertili, la falda acquatica è salmastra, la sabbia è permeabile e di conseguenza le acque meteoriche scendono subito in profondità.litoraneo Il vento solleva la sabbia ed esercita un’azione abrasiva sulle foglie, inoltre trasporta un aerosol salmastro sulle piante. Il mare può arrivare a bagnare le piante esposte. Queste situazioni difficili si attenuano fino a scomparire via via che ci si allontana dalla costa. Tuttavia in queste condizioni estreme le piante hanno sviluppato adattamenti che consentono loro di vivere: hanno gli apparati radicali estesi o ramificati e che arrivano in profondità, le foglie rigide, coriacee, o di dimensioni ridotte, o spinose, o ricche di succhi concentrati, oppure le piante passano il periodo estivo sotto forma di semi o di bulbo. Le condizioni ambientali cambiano andando verso l’interno e allo stesso modo cambiano le associazioni vegetali (insieme di piante di specie diverse adatte a vivere in un determinato ambiente).

10 Ecosistema comprende per es. litorale di Castel Porziano Fattori biotici sono produttori consumatori decompositori Sono organizzati in habitat nicchia ecologica rete alimentare Fattori abiotici sono mezzo ambiente suolo acqua luce temperatura

11 Il litorale di Castel Porziano comprende BattigiaBattigia: intrisa di acqua salata SpiaggiaSpiaggia: desertica priva di vegetazione 1° cordone dunale1° cordone dunale: risente più degli altri cordoni dei venti marini carichi di umidità InterdunaInterduna: depositi palustri (argilla, silt e limo) e possibili depositi di acqua meteorica Duna stabileDuna stabile: sabbiosa con poco humus

12 Il litorale di Castel Porziano è caratterizzato da Clima mite: inverni piovosi estati secche Con foglie Suolo sabbioso Animali lucide spesse coriacee con peluria fitta a squamette Possono avere rizomi bulbi semi fiori Consistenza erbacea legnosa vermi artropodi molluschi rettili uccelli mammiferi Per fare fronte Piante

13 Successione trasversale dei biotopi sul litorale di Castel Porziano

14 Biocenosi del litorale di Castel Porziano Le diverse associazioni vegetali dal mare verso l'entroterra nel tratto del litorale di Castel Porziano sono: Battigia: umida, risente delle periodiche oscillazioni delle acque marine (marea), è assente di vegetazione, ospita organismi entro cavità circolari di pochi millimetri, tane di pulci di mare, il margine della battigia è ricco di materiali, organismi spiaggiati di cui si nutrono i gabbiani. Spiaggia: compresa tra la battigia e il primo cordone dunale, è sabbiosa, qui sarebbe presente la prima associazione vegetale Cakiletum, ma per l’antropizzazzione solo sporadicamente è possibile osservare un coleottero scuro predatore di piccoli insetti. Un’altra associazione vegetale, Agropyretum cresce sul piede del 1° cordone dunale: la specie tipica è l’Agropyron junceum, che con le sue radici, con le sue foglie e con i suoi fusti trattiene la sabbia portata dal vento, la sabbia accumulandosi da origine a collinette (l’Agropyron è difficile osservare per l’antropizzazione).

15 Biocenosi del litorale di Castel Porziano Sul 1° cordone dunale ormai sviluppato si osserva l’Ammophila littoralis, pianta dominante, da ciò il nome dell’associazione Ammophiletum, con le sue radici imprigiona in una specie di reticolo la sabbia formando un “muro” alto qualche metro. Altre piante presenti come l’Echinospora spinosa, Amthemis Martina, Medicago marina, Pancratium maritinum; tra gli animali è possibile osservare lo scarabeo, chioccioline alla base o lungo gli steli dell’Ammophila. L’Ammophiletum è una fascia di vegetazione che insieme al rilievo dunale costituisce una barriera naturale contro l’erosione e frena i venti marini che trasportano in sospensione salsedine e sostanze inquinanti. Dietro il 1° cordone dunale, depressione tra due cordoni dunali, fascia umida retrodunale, tende ad affiorare la falda acquifera, dove si sviluppa una ricca flora palustre d'acqua dolce: Iris pseudacorus, Pragmite australis, ecc.. ; tra gli animali è possibile vedere cavallette, scarabei, lucertole, uccelli, occasionalmente mammiferi. Duna fissa: sul 2° cordone dunale si trovano arbusti sempre verdi, la cui altezza va da 30 a 250 cm innalzandosi verso l’interno: Iuniperus phoenicea, Iuniperus oxycedrus, Smilax aspera, Phillyrea angustifolia, Arbutus unedo, Pistacia lentiscus, Asparagus aphyllos. Questa fascia costituisce la macchia ed è più ricca di animali. I diversi ordini di vegetazione assumono per l’azione del vento una forma a cuneo


Scaricare ppt "Formazione della duna e Ambiente Dunale (Litorale di Castel Porziano)"

Presentazioni simili


Annunci Google