La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

M ODULO 1 QUALITA’ DELL’INTEGRAZIONE/INCLUSIONE. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER UNA VISIONE DI INSIEME Formatore: Dott.Gaffuri Martino Sede:C.T.I. Tremezzina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "M ODULO 1 QUALITA’ DELL’INTEGRAZIONE/INCLUSIONE. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER UNA VISIONE DI INSIEME Formatore: Dott.Gaffuri Martino Sede:C.T.I. Tremezzina."— Transcript della presentazione:

1

2 M ODULO 1 QUALITA’ DELL’INTEGRAZIONE/INCLUSIONE. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER UNA VISIONE DI INSIEME Formatore: Dott.Gaffuri Martino Sede:C.T.I. Tremezzina Docente:Rausa Anna Maria 20 Gennaio 2015

3 D IMENSIONE DELL ’ INTEGRAZIONE SCOLASTICA IN I TALIA In Italia il numero degli alunni disabili è pari a (2,7% del totale degli alunni),e il 92% frequenta scuole statali. E i docenti di sostegno? (13,2% del totale dei docenti) 61,2% a T.I. 38,8% a T.D.

4 P RONTI, PARTENZA, VIA …. MENOMAZIONE/DEFICIT DISABILITA’ HANDICAP

5 I NTEGRAZIONE SCOLASTICA … Processo irreversibile che Viene da lontano e intende andar lontano Mettendo da parte tutti quei fattori sociali quali l’ignoranza, la negligenza, la superstizione e la paura che hanno determinato per anni l’isolamento delle persone con disabilità causando un ulteriore ritardo del loro processo evolutivo.

6 L INEE EVOLUTIVE 1.Esclusione/inserimento 2.Inserimento/integrazione 3.Integrazione/inclusione Tappe contrassegnate da riferimenti storici e normativi da non dimenticare…

7 L EGGE 104 DEL 5 FEBBRAIO DEL 1992 Dopo tanti anni arriva il riferimento normativo sull’integrazione scolastica e sociale degli alunni disabili. Art.12 diritto all’educazione e all’istruzione Art.13 - integrazione scolastica -inserimento docenti di sostegno (P. e S.) Art.16 valutazione rendimento e prove d’esame in riferimento al PEI

8 PEI PROGETTO PROGETTO DI RIABILITATIVO SOCIALIZZAZIONE A cura dell’ Asl A cura degli Enti Locali

9 C ONVENZIONE O NU PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ Art.24 diritto all’istruzione e all’apprendimento continuo lungo tutto l’arco di vita Perché anche il disabile deve avere la possibilità di vivere e partecipare effettivamente a una società libera.

10 N EL 2000 Autonomia scolastica- POF Le scelte delle singole Scuole e la loro offerta formativa si qualifica anche per il tipo ed il livello di capacità inclusiva nei confronti di tutti gli alunni ed in particolare di quelli diversamente abili.

11 2001 OMS ICF Passaggio da prospettiva sanitaria a prospettiva bio- psico-sociale Nuova classificazione Internazionale del Funzionamento (D.F) della Disabilità e della SaluteICD10 Modello medico e documento clinico per stabilire la corretta diagnosi della malattia e una valutazione funzionale e obiettiva della disabilità. RISCHIO mettere in primo piano il difetto,la mancanza,la parte per il tutto usando la TripartizioneMENOMAZIONE DISABILITA’,HANDICAP.

12 DUNQUE… Guarda al singolo alunno Interviene prima sul soggetto e poi sul contesto Incrementa risposta speciale Guarda a tutti gli alunni Interviene sul contesto e poi sul soggetto Trasforma la risposta speciale in normalità DA “INTEGRAZIONE”A “ INCLUSIONE”

13 INCLUSIONE Processo che risponde alla variabilità degli stili di apprendimento ; promuove le risorse e le potenzialità di ciascuno; implica cambiamenti nel contesto,nei contenuti,nelle strutture e nelle metodologie.

14 N OTA DEL 4 A GOSTO 2009 Inserisce nella dimensione inclusiva della scuola: Ruolo D.S. Corresponsabilità educativa e formativa dei docenti Personale ATA e assistenza di base Collaborazione con le famiglie

15 A CCORDO DI P ROGRAMMA DELLA P ROVINCIA DI C OMO DEL 2007 Accordo tra UST, Provincia, Comuni, ASL, Azienda Ospedaliera S.Anna del N° 4 Allegati: 1) Componente SCUOLA 2) Componente ASL, EE.LL., Az.Osp.,Enti convenzionati 3) Modulistica 4) Eliminazione barriere architettoniche 14

16 L’ INSEGNANTE SPECIALISTA PER IL SOSTEGNO Nella Legge 517/1977 non si usa la definizione “insegnante di sostegno” bensì quello di “insegnante specializzato” per le attività di sostegno e si chiarisce che la responsabilità dell’alunno con disabilità è dell’intero Team docente o Consiglio di Classe. E’ alla classe che viene assegnato “l’insegnante specializzato” per le attività di sostegno. 15 dott. Martino Gaffuri

17 L’ INSEGNANTE SPECIALISTA PER IL SOSTEGNO Sappiamo invece spesso come questi principi non vengono applicati. Invece il docente di sostegno può svolgere un ruolo fondamentale come COORDINATORE DEGLI INTERVENTI SPECIALI in carico a tutti i docenti della classe/sezione. Può sostenere la cura delle dinamiche relazionali all’interno della classe, a cominciare dai compagni di classe. No a pretese di onnipotenza, ma senza timori reverenziali. Necessità di una particolare formazione iniziale sull’integrazione/inclusione, a livello universitario, per tutti i docenti ed approfondita per quelli di sostegno. Responsabilità etica e deontologico - professionale La Programmazione didattica individualizzata 16 dott. Martino Gaffuri

18


Scaricare ppt "M ODULO 1 QUALITA’ DELL’INTEGRAZIONE/INCLUSIONE. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER UNA VISIONE DI INSIEME Formatore: Dott.Gaffuri Martino Sede:C.T.I. Tremezzina."

Presentazioni simili


Annunci Google