La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lettera di Stoldo di Lorenzo a Luca del Sera Francesco diliberò mandarti di qua, in isschambio… e per le scritture in tuo aiuto un giovane [che] abiamo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lettera di Stoldo di Lorenzo a Luca del Sera Francesco diliberò mandarti di qua, in isschambio… e per le scritture in tuo aiuto un giovane [che] abiamo."— Transcript della presentazione:

1 Lettera di Stoldo di Lorenzo a Luca del Sera Francesco diliberò mandarti di qua, in isschambio… e per le scritture in tuo aiuto un giovane [che] abiamo con noi tenuto più tempo al chonto della chassa, il quale è bene carico [1] delle scritture, apresso benissimo scrittore… apresso bonissimo ragioniere [2]; e anche oltr'a ciò sa latino, che anche viene a punto molte volte. Ma quello di che siamo più contenti si è che l'abiamo trovato leale e di bonissima chondizione, chon amore alle chose della chompagnia; apresso reverente e ubidente a' suoi maggiori quanto si dee… E quando fia de poterlo lasciare, potrai andare dova fa bisognio per fatti di compagnia o d'amici e lasciare lui senza avere l'ansia; simile manda lui quando ti pare bisogni; sì che chonfortatene.[1][2] [1][1] preparato [2][2] contabile.

2 Ricordanza di Paolo Sassetti Richordanza che a dì primo di febbraio anno MCCCLXVI ponemo Bartolo di Bellozo nostro nipote con Davanzato e Manette Davanzati e compagni per loro fattore sanza alchun patto di suo salaro… a loro piacimento, sì veramente che di patto il possino mandar di fuori di Firenze ove piacierà loro. … MCCCLXX. Memoria e ricordanza che Bartolo di Bellozo nostro si puose con Michele di Giovanni di ser Lotto e compagni a dì XVIII di giennaio anno MCCCLXX per fiorini ciento d'oro, mandandolo a Vingnione [3] o in Fiandra come piaciesse loro. … Ricordanza che Bartolo di Bellozo andò a Monpuliere [4] a dì 30 di luglio anno MCCCLXXVII per la compagnia di Michele di Vanni e compangni.[3][4] [3][3] Avignone. [4] Montpellier [4]

3 Lettera di Carlo Strozzi Se non ai trovato per quale parte volevi partire, dovevi stare tanto trovassi qualche altro aviamento, che non si potessi dire fussi cacciato, nonostante non fusse vero. Che, come sai, si dice «ti fu dato licentia sanza che tu la chiedessi» e pensa che testè, quando uno arà per le mani di torti [1] dirà: «Con chi è stato e perché s'è partito?» Ma per te medesimo sa' che la brigata dice piuttosto mal che bene. E non credere ti scriva questo per altro se non perché consideri quello ai fatto e che se me n'avessi avisato, forse non l'aresti fatto. Quello mi dici: t'avisi quanto è del facto mio, sappi ch'io non mi sono anchora partito dal *** e questo benché Carlo s'adira mecho. È stato per tre mesi che non mi favella, se non minacciandomi di darmi delle busse e di cacciarmi. Sicché, pertanto, sono restato, ché non voglio avere a gridare con lui per nessun modo. E se non si muta d'opinione, come arò imparato l'abacho, cercho d'andarmene a cerchare mia ventura. [1] assumerti

4 in

5 I Ricordi di Giovanni di Pagolo Morelli in Mercanti scrittori a cura di V. Branca, Milano 1986, pp

6

7

8

9

10 Benedetto Cotrugli Raguseo, Il Libro dell’arte di mercatura, a cura di Ugo Tucci

11

12

13

14

15

16

17


Scaricare ppt "Lettera di Stoldo di Lorenzo a Luca del Sera Francesco diliberò mandarti di qua, in isschambio… e per le scritture in tuo aiuto un giovane [che] abiamo."

Presentazioni simili


Annunci Google