La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMPETENZE METODOLOGICHE PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA ORGANIZZATIVA “LA VALUTAZIONE DELLA FORMAZIONE: IL MODELLO 2B”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMPETENZE METODOLOGICHE PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA ORGANIZZATIVA “LA VALUTAZIONE DELLA FORMAZIONE: IL MODELLO 2B”"— Transcript della presentazione:

1 COMPETENZE METODOLOGICHE PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA ORGANIZZATIVA “LA VALUTAZIONE DELLA FORMAZIONE: IL MODELLO 2B”

2 DOMANDE A CUI OCCORRE RISPONDERE IN TEMA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI 1) PERCHE’ VALUTARE? 2) COSA VALUTARE? 4) COME VALUTARE? 3) QUANDO VALUTARE?

3 DOMANDE A CUI OCCORRE RISPONDERE IN TEMA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI 1) PERCHE’ VALUTARE? A) PROVING DIMOSTRARE L’EFFICACIA B) IMPROVING MIGLIORARE I PROGETTI C) LEARNING RINFORZARE L’APPRENDIMENTO D) KNOW-HOW PRODURRE CONOSCENZA

4 DOMANDE A CUI OCCORRE RISPONDERE IN TEMA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI 2) COSA VALUTARE? A) GRADIMENTO B) L’APPRENDIMENTO A LIVELLO DIDATTICO C) L’APPRENDIMENTO “ON THE JOB” EFFICACIA A LIVELLO DIDATTICO EFFICACIA NELLA GESTIONE DEL RUOLO EFFICACIA A LIVELLO DI REAZIONE

5 DOMANDE A CUI OCCORRE RISPONDERE IN TEMA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI 2) QUANDO VALUTARE? A) AL TERMINE DEL PROCESSO B) DURANTE IL PROCESSO IMPOSTAZIONE SVILUPPO CHIUSURA RISULTATO FINALE

6 DIVERSI APPROCCI DUE FILONI PRINCIPALI ORG PSICO LE PERSONE L’ORGANIZZAZIONE BISOGNI/DESIDERI INDIVIDUALI E DI GRUPPI PROFESSIONALI STRUTTURE SISTEMI MERCATO/CLIENTI STRATEGIE PRODOTTI/SERVIZI MODELLI DI INTERVENTO

7 PER VALUTARE L’EFFICACIA DELLA FORMAZIONE OCCORRE AVERE UN MODELLO DI “FORMAZIONE EFFICACE” (1) DOMANDE A CUI OCCORRE RISPONDERE IN TEMA DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI 4) COME VALUTARE?

8 TUTTE LE AZIONI FINALIZZATE ALLA COSTRUZIONE, ALL’ATTUAZIONE E ALLA VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO DOVRANNO ESSERE IN LINEA CON IL MODELLO (2)

9 IL MODELLO DEV’ESSERE CONDIVISO CON TUTTI I SOGGETTI CHE INTERVENGONO A VARIO TITOLO NEL PROCESSO DI FORMAZIONE (3)

10 AL DI FUORI DI QUESTA LOGICA: (WARNING) SI RISCHIA DI SCOPRIRE ALLA FINE UN’INSUCCESSO CHE ERA PREVEDIBILE GIA’ ALL’INIZIO SI RISCHIA DI SCOPRIRE CHE CIO’ CHE VIENE CONSIDERATO UN SUCCESSO DA ALCUNI E’ UN INSUCCESSO PER ALTRI

11 I SOGGETTI COINVOLTI NEL PROCESSO DI VALUTAZIONE

12 COMMITTENTE LA PERSONA O LE PERSONE DA CUI ORIGINA LA DOMANDA DI FORMAZIONE IL PROGETTISTA DELLA FORMAZIONE IL MANAGER DELLA FORMAZIONE IL DOCENTE (ESTERNO O INTERNO) IL TESTIMONE UTENTE IL DESTINATARIO FINALE DELLA FORMAZIONE IL TUTOR FORMATORE

13 IL PROCESSO FORMATIVO ACCOMPAGNATO DALLA VALUTAZIONE

14 PROGETTAZIONE REALIZZAZIONE VERIFICHE FINALI LEARNING & CUSTOMER SATISFACTION ANALISI DEI BISOGNI VERIFICHE VERRIFICHEVERRIFICHE VERRIFICHEVERRIFICHE RI -

15 I PREREQUISITI DI EFFICACIA DEL PROCESSO FORMATIVO

16 COMPRENSIONE UTILITA’ PERCEPITA POSSIBILITA’ UTILITA’ DIMOSTRATA …del significato e degli obiettivi della formazione …per se stessi per il ruolo per l’organizzazione …personale e organizzativa di raggiungere gli obiettivi …attraverso l’applicazione sul lavoro

17 LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B (Doppio Bilanciamento)

18 LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B 3 LIVELLI 4 INTERLOCUTORI 2 MODALITA’ 1 FINALITA’

19 LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B 4 INTERLOCUTORI IL COMMITTENTE IL PROGETTISTA 2B IL DOCENTE L’UTENTE FINALE

20 LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B 3 LIVELLI 2) APPRENDIMENTO A LIVELLO DIDATTICO 3) APPRENDIMENTO ON THE JOB 1) GRADIMENTO

21 LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B 2 MODALITA’ VALUTAZIONIAUTOVALUTAZIONI

22 LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B 1 FINALITA’ INTEGRARE IL “LEARNING” CON LA “CUSTOMER SATISFACTION”

23 INTEGRARE IL “LEARNING” CON LA CUSTOMER SATISFACTION PRESUPPONE: IL COINVOLGIMENTO ATTIVO DI TUTTI GLI ATTORI DEL PROCESSO (COMAKERSHIP) UNA VALUTAZIONE CHE ACCOMPAGNA TUTTO IL PROCESSO FORMATIVO LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B

24 IL BILANCIAMENTO FRA AUTO E ETERO VALUTAZIONI INTEGRARE IL “LEARNING” CON LA CUSTOMER SATISFACTION RICHIEDE: IL BILANCIAMENTO FRA INDICATORI DI MISURA LEARNING e CUSTOMER ORIENTED LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B

25 GLI INDICATORI DI MISURA CUSTOMER ORIENTED RIGUARDANO LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B LA CONDIVISIONE DEL PROBLEMA DEGLI OBIETTIVI DEI RISULTATI RAGGIUNTI LA RELAZIONE FORMATORE COMMITTENTE UTENTE

26 GLI INDICATORI DI MISURA LEARNING ORIENTED RIGUARDANO LA VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA FORMATIVA Secondo il Modello 2B IL GRADIMENTOL’APPRENDIMENTO A LIVELLO DIDATTICO E ON THE JOB

27 VALUTAZIONE DEI RISULTATI A.B. 1) VERIFICARE IL LIVELLO DI COMPRENSIONE DEL PROBLEMA A LIVELLO DELLA COMMITTENZA A LIVELLO DEGLI UTENTI FINALI 2) VERIFICARE IL LIVELLO DI CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI ATTRAVERSO INTERVISTE OSSERVAZIONE QUESTIONARI

28 VALUTAZIONE DEI RISULTATI PROGETTAZIONE 1) VERIFICARE IL LIVELLO DI COMPRENSIONE DEL PROGETTO A LIVELLO DELLA COMMITTENZA A LIVELLO DEGLI UTENTI FINALI 2) VERIFICARE IL LIVELLO DI CONDIVISIONE DEL PROGETTO ATTRAVERSO INCONTRI REPORTS

29 VALUTAZIONE DEI RISULTATI ATTUAZIONE 1) VERIFICARE IL GRADIMENTO E L’APPRENDIMENTO A LIVELLO DIDATTICO A LIVELLO DEI DOCENTI A LIVELLO DEGLI UTENTI FINALI ATTRAVERSO ESERCITAZIONI/TEST OSSERVAZIONE DIRETTA AUTOVALUTAZIONI A LIVELLO DEI PROGETTISTI /TUTORS A LIVELLO DEL COMMITTENTE

30 VALUTAZIONE DEI RISULTATI PRESTAZIONE ON THE JOB 1) VERIFICARE L’APPRENDIMENTO A LIVELLO DI RUOLO AGITO A LIVELLO DEGLI UTENTI FINALI ATTRAVERSO OSSERVAZIONE DIRETTA AUTOVALUTAZIONI A LIVELLO DEI PROGETTISTI /TUTORS A LIVELLO DEL COMMITTENTE A LIVELLO DI CAPI E INTERFACCE ORGANIZZATIVE INDICATORI DI PERFORMANCE INTERVISTE

31 VALUTAZIONE DELL'EFFICACIA FORMATIVA (learning + customer satisfaction) ANALISI BISOGNI E MACROPROGETTAZIONE MICROPROGETTAZIONEATTUAZIONE PRESTAZIONE ON THE JOB SE OK LIVELLO DI CONDIVISIONE DEL COMMITTENTE (PROGETTISTA +COMMITT.) LIVELLO DI CONDIVISIONE DEGLI UTENTI (PROGETTISTA +UTENTI) ALTO MEDIO BASSO TOTALE RISULTATI DIDATTICI: GRADIMENTO (PROGETTISTA DOCENTI UTENTI) ALTO MEDIO BASSO Massimiliano Caccamo 1999 OK! RISULTATI DIDATTICI: APPRENDIM. (PROGETTISTA COMMITTENTE DOCENTI/UTENTI)


Scaricare ppt "COMPETENZE METODOLOGICHE PER LO SVILUPPO DELLA CULTURA ORGANIZZATIVA “LA VALUTAZIONE DELLA FORMAZIONE: IL MODELLO 2B”"

Presentazioni simili


Annunci Google