La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diario di S.Maria Faustina Kowalska: I Quaderno. L'origine dell'immagine del Cristo Misericordioso è legata ad una visione che S.Maria Faustina Kowalska.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diario di S.Maria Faustina Kowalska: I Quaderno. L'origine dell'immagine del Cristo Misericordioso è legata ad una visione che S.Maria Faustina Kowalska."— Transcript della presentazione:

1 Diario di S.Maria Faustina Kowalska: I Quaderno

2 L'origine dell'immagine del Cristo Misericordioso è legata ad una visione che S.Maria Faustina Kowalska ebbe il 22 febbraio 1931 nel convento di Plock.

3 S. Faustina Kowalska (Elena) nacque il 25 agosto 1905, a Glogowiec in Polonia. Era terza di dieci figli, in una povera famiglia contadina. Fu battezzata col nome di Elena nella chiesa parrocchiale di Swinice Warckie. La famiglia era molto religiosa ed Elena fu educata cristianamente, amava molto la preghiera e il lavoro. Era molto obbediente e sensibile alla povertà umana. La sua vocazione religiosa si manifestò fin da piccola, questo le permise di vivere con particolare intensità il momento della prima comunione a nove anni. Poté frequentare una scuola solo per poco più di due anni. A sedici anni compiuti lasciò la famiglia per lavorare come domestica a Aleksandròw e a Lòdz, provvedendo così al proprio sostentamento e aiutando la famiglia. Elena avrebbe desiderato entrare in convento, ma la famiglia necessitava di aiuto e quindi non glielo permise. Sollecitata in una visione dal Cristo Sofferente, il 1° agosto 1925, entrò nella Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia assumendo il nome di Suor Maria Faustina. Nella Congregazione visse tredici anni, soggiornando in diverse case, in particolare a Krakow (Cracovia), Plock, e Vilnius. Svolgeva mansioni di cuoca, giardiniera e portinaia, sempre con molto zelo e osservando fedelmente la regola religiosa.

4 Di carattere riservato, era sempre molto semplice e naturale, serena e piena di benevolenza e amore disinteressato per il prossimo, vivendo un'intensa vita mistica senza manifestarla: la sua vita, infatti, sembrava apparentemente senza significato, monotona e grigia, invece nascondeva una straordinaria unione con Dio. Fin dall'infanzia aspirava alla santità e in tutta la sua vita tendeva alla piena unione con Dio, sopportando ogni sacrificio nel collaborare col Cristo per la salvezza delle anime. Numerosi furono i doni con cui il Signore la arricchì: dalle visioni, alle stimmate, dalla partecipazione alla Sua Passione, all'unione mistica, dalla profezia al discernimento. Ammalatasi di tubercolosi, che lentamente la consumava, Suor Faustina, accettava le numerose sofferenze come sacrificio per i peccatori. La morte la colse nella pienezza della maturità spirituale e misticamente unita a Dio, il 5 ottobre 1938 a Cracovia, alle ore 22.45, all'età di 33 anni come Gesù, cui desiderava essere conforme. La fama della sua santità crebbe insieme alla diffusione del culto alla Divina Misericordia e per le grazie ottenute tramite la sua intercessione. Tra il 1965 e il 1967 si svolse a Cracovia il processo informativo relativo alla sua vita e alle sue virtù e nel 1968 iniziò a Roma il processo di beatificazione che si concluse nel dicembre del Fu beatificata da Giovanni Paolo II in piazza San Pietro a Roma il 18 aprile 1993 e proclamata Santa il 20 aprile Le sue reliquie si trovano nel santuario della Divina Misericordia a Cracovia.

5 DIARIO “La Misericordia divina nella mia anima “ I Quaderno (paragrafi ) II Quaderno III Quaderno IV Quaderno V Quaderno VI Quaderno La mia preparazione alla Santa Comunione

6 Anche dopo i voti però l’oscurità continuò a regnare nella mia anima fino a circa metà dell’anno. Durante la preghiera Gesù penetrò tutta l’anima mia. L’oscurità scomparve. Udii nell’intimo queste parole: “Tu sei la mia gioia, tu sei delizia del Mio cuore”. Da quel momento percepii nel cuore, cioè nel mio intimo, la Santissima Trinità. In maniera sensibile mi sentii inondata di luce divina. Da allora la mia anima vive in intimità con Dio, come un bimbo col proprio padre affezionato. n. 27

7 Quando uscimmo dagli inginocchiatoi e cominciammo a pronunciare la formula dei voti, improvvisamente Gesù si mise accanto a me. Aveva una veste bianca ed una cintura d’oro e mi disse: “Ti concedo eterno amore, affinché la tua purezza sia intatta ed a conferma che non andrai mai soggetta a tentazioni impure”. Gesù si slacciò la cintura d’oro che aveva e con quella cinse i miei fianchi. Da quel momento non ho più provato alcun turbamento contrario alla virtù né nel cuore, né nella mente. n. 40

8 La sera, stando nella mia cella, vidi il Signore Gesù vestito di una vesta bianca: una mano alzata per benedire, mentre l’altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l’uno e l’altro pallido. Muta tenevo gli occhi fissi sul Signore; l’anima mia era presa da timore, ma anche da gioia grande. Dopo un istante, Gesù mi disse: “Dipingi un’immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù confido in Te! Desidero che questa immagine venga venerata prima nella vostra cappella, e poi nel mondo intero. Prometto che l’anima, che venererà quest’immagine, non perirà. Prometto pure già su questa terra, ma in particolare nell’ora della morte, la vittoria sui nemici. Io stesso la difenderò come Mia propria gloria”. nn

9 n. 50 “Le fiamme della Misericordia Mi divorano; voglio riversarle sulle anime degli uomini”. Poi Gesù si lamentò con me dicendomi: “La sfiducia delle anime Mi strazia le viscere. Ancora di più Mi addolora la sfiducia delle anime elette. Nonostante il mio amore inesauribile non hanno fiducia in Me. Nemmeno la Mia morte è stata sufficiente per loro. Guai alle anime che ne abusano!”.

10 n. 65 Durante l’esame di coscienza di mezzogiorno, mi lamentai col Signore per la diminuzione delle forze. Fu allora che udii dentro di me queste parole: “Da oggi in poi, ti riuscirà assai facile; accrescerò le tue forze”. La sera, venuto il momento di scolare le patate, m’affrettai per prima, fiduciosa nelle parole del Signore. Afferrai la marmitta con disinvoltura e scolai le patate con facilità. Ma quando sollevai il coperchio per farne uscire il vapore, invece delle patate notai nella marmitta interi fasci di rose rosse, così belle che non riuscirei a descriverle. Mai prima d’allora ne avevo vedute di simili.

11 In un momento in cui ero tremendamente schiacciata da queste sofferenze, andai in cappella e dissi dal profondo dell’anima queste parole: “Fa’ di me, o Gesù, quello che Ti piace. Io Ti adorerò ovunque. E avvenga in me tutta la Tua volontà, o Signore e Dio mio, e io glorificherò la Tua infinita Misericordia”. In seguito a quest’atto di sottomissione cessarono quei terribili tormenti. All’improvviso vidi Gesù che mi disse: “Io sono sempre nel tuo cuore”. Una gioia indicibile inondò la mia anima e la riempì di tanto amor di Dio, che infiammò il mio povero cuore. Vedo che Dio non permette mai prove al di sopra di quello che possiamo sopportare. n. 78

12 “Scrivi questo: prima di venire come Giudice giusto, vengo come Re di Misericordia. Prima che giunga il giorno della giustizia, sarà dato agli uomini questo segno del cielo: si spegnerà ogni luce in cielo e ci sarà una grande oscurità su tutta la terra. Allora apparirà in cielo il segno della Croce e dai fori, dove furono inchiodati i piedi e le mani del Salvatore, usciranno grandi luci che per qualche tempo illumineranno la terra. Ciò avverrà poco tempo prima dell’ultimo giorno”. n. 83

13 Nonostante Iddio mi attirasse a Sé con tale veemenza che spesso non ero in grado di oppormi alla Sua grazia, sprecavo molte grazie di Dio perché avevo sempre paura delle illusioni. Quando all’improvviso venivo immersa in Lui, in quei momenti Gesù mi riempiva della Sua pace in maniera che, in seguito, anche se avessi voluto allarmarmi, non avrei potuto. Ad un tratto sentii nel mio intimo queste parole: “Perché tu sia tranquilla, che sono Io l’autore di tutte le richieste fatte a te, ti darò una tranquillità così profonda che, se anche volessi inquietarti ed allarmarti, ciò oggi non sarà in tuo potere, ma l’amore inonderà la tua anima fino a farti dimenticare te stessa”. n. 143

14 Ed il Signore mi disse che sarebbe venuto Lui ogni sera e mi avrebbe dato i punti per la meditazione dell’indomani. I punti si riferivano sempre alla Sua dolorosa Passione. Mi disse: “Medita la Mia Passione davanti a Pilato”. E così, punto per punto, per un’intera settimana meditai la Sua dolorosa Passione. Da quel momento una grande gioia entrò nella mia anima e non desiderai più né visite, né luce; mi bastava Gesù per ogni cosa. n. 149

15 Una volta avevo un grande desiderio di accostarmi alla S.Comunione, ma avevo un certo dubbio e non mi accostai. Per questo motivo soffrii tremendamente. Mi sembrava che il cuore mi si spezzasse dal dolore. Quando mi dedicai ai miei impegni col cuore pieno d’amarezza, Gesù apparve improvvisamente accanto a me e mi disse: “Figlia Mia, non tralasciare la S.Comunione, se non quando sei ben consapevole di essere caduta gravemente. All’infuori di ciò non ti trattenga alcun dubbio dall’unirti a Me nel Mio mistero d’amore. I tuoi piccoli difetti spariranno nel Mio amore, come una pagliuzza gettata in un grande incendio. Sappi questo, che Mi rattristi molto quando ometti di riceverMi nella S.Comunione”. n. 156

16 Mentre tenevo l’Ostia nelle mani, sentii un tale impeto d’amore, che per tutto il giorno non potei né mangiare, né riprendere conoscenza. Dall’Ostia sentii queste parole: “Desideravo riposare nelle tue mani, non solo nel tuo cuore” e all’improvviso in quel momento vidi Gesù Bambino. Ma quando si avvicinò il sacerdote, vidi di nuovo l’Ostia. n. 160

17 Il mio colloquio col Signore prima dell’inizio degli esercizi. Gesù mi disse che quegli esercizi sarebbero stati un po’ diversi dagli altri. “Nel trattare con Me cerca di mantenere una calma profonda. Eliminerò tutte le incertezze a questo riguardo.… rafforzerò talmente la tua anima che, sebbene volessi metterti in agitazione, non sarà in tuo potere. n. 169

18 Oggi Gesù mi ha detto: “Desidero che tu conosca più a fondo l’amore di cui arde il Mio Cuore verso le anime e lo comprenderai quando mediterai la Mia Passione. Invoca la Mia Misericordia per i peccatori: desidero la loro salvezza. Quando reciterai questa preghiera con cuore pentito e con fede per qualche peccatore, gli concederò la grazia della conversione”. La breve preghiera è la seguente: “O Sangue e Acqua, che scaturisti dal Cuore di Gesù come sorgente di Misericordia per noi, confido in te”. n. 186

19 Una volta il Signore mi disse: “Figlia Mia, la tua fiducia ed il tuo amore intralciano la Mia giustizia e non posso punire, perché me lo impedisci”. Oh! Quanta forza ha un’anima piena di fiducia! n. 198

20 Fin dall’inizio degli esercizi spirituali Gesù mi aveva detto: “In questi esercizi spirituali sarò Io Stesso a dirigere la tua anima. Voglio confermarti nella tranquillità e nell’amore …. Figlia Mia, immaginati di essere la regina di tutta la terra e di avere la possibilità di disporre di tutto come ti pare, di avere ogni possibilità di fare del bene come ti piace ed ecco che bussa alla tua porta un bambino molto piccolo, tutto tremante, con le lacrime agli occhi, ma con tanta fiducia nella tua bontà e ti chiede un pezzo di pane per non morire di fame. Come ti comporteresti con questo bambino? Rispondi a me figlia Mia”. E dissi: “Gesù, gli darei tutto quello che chiede, ma anche mille volte di più!”. Ed il Signore mi disse: “Così Io Mi comporto nei confronti della Tua anima”. n. 229

21 Una volta che avevo fatto una novena allo Spirito Santo riguardo al confessore, il Signore mi rispose: “Te l’ho fatto riconoscere prima che i Superiori ti inviassero qui. Come ti comporterai tu col confessore, così Mi comporterò Io con te. Se gli terrai nascosta anche la più piccola delle Mie grazie, anch’io mi nasconderò davanti a te e rimarrai sola”. Ed io mi comportai secondo il desiderio di Dio ed una profonda pace regnò nella mia anima. Ora comprendo quanto Dio difenda i confessori, e quanto stia dalla loro parte. n. 269

22 Una volta il Signore mi disse: “Comportati come un mendicante che, quando riceve un’elemosina maggiore, non la rifiuta, ma anzi ringrazia con più cordialità. Anche tu, se ti concedo delle grazie più grandi, non rifiutarle perché ne sei indegna. Io questo lo so; ma tu piuttosto rallegrati e gioisci e prendi tanti tesori dal Mio Cuore, quanti riesci a portarne, poiché proprio facendo così Mi piaci di più. E ti dirò ancora una cosa: non prendere queste grazie solo per te, ma anche per il prossimo, cioè incoraggia le anime, con le quali sei a contatto, alla fiducia nella Mia Misericordia infinita. Oh, quanto amo le anime che si sono affidate a me completamente! Farò tutto per loro”. n. 294

23 Mentre pregavo udii interiormente queste parole: “I due raggi rappresentano il Sangue e l’Acqua. Il raggio pallido rappresenta l’Acqua che giustifica le anime; il raggio rosso rappresenta il Sangue che è la vita delle anime …. Entrambi i raggi uscirono dall’intimo della Mia Misericordia, quando sulla croce il Mio Cuore, già in agonia, venne squarciato con la lancia. Tali raggi riparano le anime dallo sdegno del Padre Mio. Beato colui che vivrà alla loro ombra, poiché non lo colpirà la giusta mano di Dio. Desidero che la prima domenica dopo la Pasqua sia la Festa della Misericordia”. n. 299

24 “Porgo agli uomini il recipiente col quale debbono venire ad attingere le grazie alla sorgente della Misericordia. Il recipiente è quest’immagine con la scritta: Gesù confido in te”. n. 327

25 Quando ho cominciato l’ora santa, avrei voluto immergermi nell’agonia di Gesù nell’Orto degli Ulivi. Ad un tratto sentii nel mio intimo una voce: “Medita i misteri dell’Incarnazione ”. Ed all’improvviso mi apparve il Bambino Gesù di una splendente bellezza. Mi disse quanto era gradita a Dio la semplicità dell’anima. “Sebbene la mia grandezza sia inconcepibile, ho rapporti di intimità soltanto con i piccoli. Voglio da te l’infanzia dello spirito”. n. 332

26 La mattina durante la S.Messa ho sentito la vicinanza di Dio; il mio spirito inavvertitamente si è immerso in Lui. Improvvisamente udii queste parole: “Tu sei una gradevole dimora per Me; in te il Mio Spirito riposa”. Dopo queste parole sentii lo sguardo del Signore nel profondo del mio cuore e vedendo la mia miseria, mi umiliai in spirito ed ammirai la grande Misericordia di Dio, considerando che l’altissimo Signore si accosta ad una tale miseria. Durante la santa Comunione la gioia inondò la mia anima; sentii che ero strettamente unita alla Divinità; la Sua onnipotenza assorbì tutto il mio essere. n. 346

27 “Il Mio Cuore è stracolmo di tanta Misericordia” per le anime e soprattutto per i poveri peccatori. Oh! Se riuscissero a capire che Io sono per loro il migliore dei Padri; che per loro è scaturito dal Mio Cuore Sangue ed Acqua, come una sorgente strapiena di Misericordia; che per loro dimoro nel tabernacolo e come Re di Misericordia desidero colmare le anime di grazie, ma non vogliono accettarle. Vieni almeno tu il più spesso possibile a prendere le grazie che essi non vogliono accettare e con ciò consolerai il Mio Cuore …. Il Mio Cuore è ripagato solo con ingratitudine e trascuratezza …. Hanno tempo per ogni cosa; per venire da Me e prendere le grazie non hanno tempo …..” n. 367

28 Ma Dio ha promesso una grande grazia specialmente a te e a tutti “quelli che proclameranno la Mia grande Misericordia. Io stesso li difenderò nell’ora della morte, come Mia gloria ed anche se i peccati delle anime fossero neri come la notte, quando un peccatore si rivolge alla Mia Misericordia. Mi rende la gloria più grande ed è un vanto della Mia Passione. Quando un’anima esalta la Mia bontà, allora satana ne trema e fugge nel profondo dell’inferno”. n. 378

29 Durante una meditazione sull’obbedienza udii queste parole: “In questa meditazione il sacerdote in via eccezionale parla per te. Sappi che Io prendo in prestito la sua bocca”. Cercai di ascoltare con la massima attenzione ed applicai tutto al mio cuore, come faccio per ogni meditazione. Quando il sacerdote pronunciò queste parole, che un’anima obbediente si riempie della forza di Dio, udii quanto segue: “Sì, quando sei obbediente, mi prendo la tua debolezza ed al suo posto ti do la Mia forza. Sono molto stupito che le anime non vogliano fare questo scambio con Me”. Io dissi al Signore: “Gesù, illumina Tu la mia anima, poiché diversamente capirò ben poco di queste parole”. n. 381

30 La mattina, quando arrivai in cappella, sentii nell’anima questa voce: “Sei unita a Me e non aver paura di nulla. Ma sappi questo, figlia Mia, che satana ti odia. Benché odi ogni anima, egli arde di un odio particolare contro di te, perché hai sottratto molte anime al suo dominio”. n. 412

31 “Preparerai il mondo alla Mia ultima venuta”. Queste parole mi colpirono profondamente e benché facessi finta di non averle udite, le avevo capite bene e non avevo alcun dubbio in merito. Una volta che, stanca per questa lotta d’amore con Dio e del continuo rifiutarmi col dire che non ero adatta a compiere quell’opera, volevo uscire dalla cappella, una forza misteriosa mi trattenne; mi sentii come paralizzata ed all’improvviso udii queste parole: “Hai intenzione di uscire dalla cappella, ma non uscirai da Me, poiché sono ovunque. Tu da sola con le tue forze non riesci a far nulla, ma con Me puoi tutto”. n. 429

32 Il giorno dopo durante la S.Messa, subito all’inizio, vidi Gesù che era di una bellezza indescrivibile. Mi disse che esige che tale congregazione venga fondata al più presto e “Tu vivrai in essa con le tue compagne. Il Mio spirito sarà la regola della vostra vita. La vostra vita deve essere modellata su di Me, dalla mangiatoia alla morte in croce. Penetra nei Miei segreti e conoscerai l’abisso della Mia Misericordia verso le creature e la Mia bontà insondabile e questa farai conoscere al mondo. Per mezzo della preghiera farai da intermediaria fra la terra e il cielo”. n. 438

33 Una volta il Signore mi disse: “Perché hai paura e tremi, quando sei unita a Me? Non Mi piace un’anima soggetta ad inutili paure. Chi oserebbe toccarti quando sei con Me? L’anima che Mi è più cara è quella che crede fermamente nella mia bontà ed ha piena fiducia in Me: le ricambio la Mia fiducia e le do tutto quello che chiede”. n. 453

34 Una volta il Signore mi disse: “Figlia Mia, prendi le grazie che gli uomini disprezzano; prendine quante riesci a portarne”. In quell’istante la mia anima venne inondata dall’amore di Dio. Sento che sono unita al Signore così strettamente che non riesco a trovare un termine col quale poter definire bene quest’unione; inoltre sento che tutto ciò che Dio ha, tutti i beni ed i tesori, sono miei, sebbene non mi occupi molto di essi, poiché mi basta Lui solo. In Lui vedo tutto: all’infuori di lui: nulla. n. 454

35 “Questa preghiera serve a placare la Mia ira. La reciterai per nove giorni con la comune corona del rosario nel modo seguente: prima reciterai il Padre Nostro, l’Ave Maria ed il Credo; poi sui grani del Padre Nostro, dirai le parole seguenti: Eterno Padre, io Ti offro il Corpo e il Sangue, l’Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Nostro Signore Gesù Cristo in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero. Sui grani delle Ave Maria reciterai le parole seguenti: per la Sua dolorosa Passione abbi Misericordia di noi e del mondo intero. Infine reciterai tre volte queste parole: Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale: abbi pietà di noi e del mondo intero”. n. 476

36 “Desidero che di fronte al Mio sostituto tu sia sincera e semplice come una bambina, così come sei con Me altrimenti ti abbandonerò e non tratterò più intimamente con te”. n. 494

37 Ho visto Gesù come al solito che mi ha detto queste parole: “Appoggia il tuo capo sulla Mia spalla e riposati e prendi forza. Io sono sempre con te. Parla all’amico del Mio cuore; digli che mi servo di creature così deboli per compiere le Mie opere”. Subito dopo il mio spirito venne rinvigorito da una forza singolare. “Digli, che gli ho fatto conoscere la tua debolezza in confessione, in modo che sapesse chi sei per te stessa”. Ogni lotta sostenuta valorosamente mi procura gioia, tranquillità, luce, esperienza e coraggio per l’avvenire, onore e gloria a Dio ed a me la ricompensa finale. n

38 PREGHIERA PER ESSERE MISERICORDIOSI

39 O Trinità Santissima, desidero ardentemente che ogni mio respiro, ogni battito del mio cuore e ogni fremito dell'essere mio lodino la tua misericordia.

40 Vorrei che mi tramutassi in misericordia per diventare un tuo riflesso vivente, o mio Signore, e che la tua misericordia, che è infinita e di tutti i divini attributi il più sublime, si riversasse dal mio cuore e dal mio spirito sul prossimo.

41 O Gesù, so che la tua misericordia supera la nostra intelligenza. T'imploro, perciò, di rendere il mio cuore tanto grande da contenere le necessità di tutte le anime viventi.

42 So che ti comporti con noi come noi ci comportiamo con gli altri. Gesù, il mio amore mi spinge, oltre i confini di questo mondo, fino alle anime che soffrono nel purgatorio e intendo fare opera di misericordia anche per esse, servendomi delle indulgenze.

43 Gesù mio, rendi il mio cuore simile al tuo cuore misericordioso. Fammi sensibile ad ogni sofferenza del corpo o dell'anima del mio prossimo e aiutami a trascorrere la vita facendo del bene a ogni persona.

44 Signore, aiutami perché i miei occhi siano pieni di misericordia, in modo che io non sospetti mai né giudichi nessuno dalle apparenze esterne, ma scorga la bellezza interiore degli altri e possa favorirla.

45 Fa' che il mio udito sia pieno di misericordia, così ch'io mi possa chinare sulle necessità dei miei fratelli e non mi permetta di restare indifferente davanti ai loro dolori e ai loro pianti.

46 Soccorrimi, o Dio, affinché dalle mie labbra trabocchi la misericordia e, senza mai fare torto al prossimo quando parlo di lui, io abbia per ciascuno una parola di conforto e di perdono.

47 Signore, fa' che le mie mani siano caritatevoli e ripiene sempre di qualche buona azione, né mai si stanchino di fare del bene agli altri, mentre da parte mia, invece, accetterò per me i compiti più difficili e penosi.

48 Fa' che siano misericordiosi anche i miei piedi e portino senza sosta l'aiuto ai miei fratelli, dominando la fatica e la stanchezza: il mio riposo stia nel servire tutti.

49 Ti chiedo infine, o Dio, di riempire di misericordia questo cuore e di renderlo sensibile alle sofferenze degli altri: nessuno abbia un rifiuto dal mio cuore, né io prenda mai la fuga di fronte a quelli che abusano della mia condiscendenza.

50 Quanto a me, mi rinchiudo nel misericordiosissimo tuo cuore, tacendo agli altri quanto ho da soffrire.

51 FINE O Gesù, che sei l'Onnipotente, trasforma in te l'anima mia! Amen


Scaricare ppt "Diario di S.Maria Faustina Kowalska: I Quaderno. L'origine dell'immagine del Cristo Misericordioso è legata ad una visione che S.Maria Faustina Kowalska."

Presentazioni simili


Annunci Google