La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

25.000 anni fa. La scoperta dell’America L’ America, abitata solo da animali, viene popolata probabilmente 25.000 anni fa quando, in due o tre ondate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "25.000 anni fa. La scoperta dell’America L’ America, abitata solo da animali, viene popolata probabilmente 25.000 anni fa quando, in due o tre ondate."— Transcript della presentazione:

1 anni fa

2

3 La scoperta dell’America L’ America, abitata solo da animali, viene popolata probabilmente anni fa quando, in due o tre ondate successive, alcuni cacciatori-raccoglitori eurasiatici (a loro volta originari dell’Africa) provenienti dalla Siberia e dalla penisola di Kamchatka, seguendo le piste dei mammuth e dei caribù attraverso lo stretto di Bering ghiacciato, giungono nel continente americano e lo colonizzano. Dall’Alaska al Canada danno origine alle popolazioni amerinde, strettamente imparentate con gli eschimesi e con le popolazioni siberiane (occhi a mandorla, zigomi rialzati, grasso sottocutaneo per proteggersi dalla luce e dal freddo). Cacciatori, arcieri, lavorano con abilità le pelli e le ossa con le quali realizzano abiti, calzature, capanne.

4 Il passaggio sui ghiacci

5 L’America isolata dal mondo Con lo scioglimento dei ghiacci lo stretto di Bering diviene impraticabile e il contatto fra Asia e America si interrompe. Alcune di queste popolazioni, in piccoli gruppi di individui, si spostano dalla regione dei grandi laghi verso sud, giungendo fino in Nuovo Messico, dopo una lunga attraversata del continente settentrionale, lungo la costa atlantica. Dalla Pennsylvania ( ani fa) alla Virginia ( anni fa) al Mississippi ( anni fa), fino al nuovo Messico ( anni fa) dove danno vita alla cultura “clovis”.

6 Il lento popolamento del continente americano anni fa

7 Il lento popolamento del sud America La presenza umana in sud America risale a anni fa (Venezuela, Amazzonia) per giungere alla Terra del Fuoco attorno agli anni fa. I Caraibi e delle Grandi Antille vengono popolati attorno a anni fa da popolazioni taìno provenienti dal bacino dell’Orinoco. Saranno questi gli “indiani” scoperti da Colombo nel 1492.

8 I Vichinghi «scoprono» per primi l’America

9 Le culture “amerindiane” Nella loro storia plurimillenaria e fino all’arrivo degli spagnoli le diverse culture amerindiane si sviluppano senza alcun contatto con l’esterno e con scarsissimi contatti fra loro. Nord, centro e sud America vedono svilupparsi civiltà quasi del tutto indipendenti fra loro. Popolazioni nomadi e semisedentarie vivono a fianco di civiltà complesse e fortemente gerarchizzate come: Mexica e Maya (centro) Chibcha e Inca (sud)

10 Il mondo conosciuto secondo Tolomeo (carta del 1482)

11 Il contesto: la concorrenza ispano-portoghese per il controllo del mercato delle spezie Il Portogallo monopolizza il traffico delle spezie (Africa, Oceano Indiano) condiviso con Venezia e l’Impero Ottomano Guarda al commercio e non alla terra La Spagna vuole rompere il monopolio portoghese raggiungendo le Indie attraverso una nuova via Cerca di controllare il traffico delle spezie

12 Una protagonista: la caravella Nuova imbarcazione a tre alberi, agile e maneggevole; più leggera della Galera; più adatta alla navigazione d’alto mare; equipaggio ridotto (trenta uomini circa).

13 Dal genocidio al ripopolamento Nel 1508 la popolazione indigena di Haiti era stimata attorno alle unità; nel 1530 era ridotta a 400 unità e dovette essere integrata con gli schiavi neri provenienti dall’Africa. Attorno al 1590 gli schiavi neri ad Haiti, impiegati nelle piantagioni, erano circa

14 Galera veneziana (XIV secolo)

15 Portolano del 1489

16 I portoghesi alla scoperta dell’Africa Bartolomeo Diaz supera il Capo di Buona Speranza (Sud Africa) Vasco da Gama circumnaviga il continente africano e approda nel 1498 in India (Calicut)

17 Cristoforo Colombo I quattro viaggi di Colombo nelle Indie:

18 La rotta di Colombo (3 agosto-12 ottobre 1492)

19 Il viaggio di Colombo ( ): un fallimento commerciale 1. Il nuovo continente non è l’Asia 2. “ “ non porta al contatto con grandi civiltà commerciali, ma un mondo di foreste, popoli selvaggi, malattie 3. “ “ non porta nuovi prodotti commerciabili 4. “ “ niente spezie 5. “ “ non si ostacolano i portoghesi unica consolazione è la presenza di oro

20 AmerigoVespucci ( ) Il cartografo e navigatore fiorentino Amerigo Vespucci, al servizio della Spagna, per primo si rende conto ( ) che il continente toccato da Colombo non è l’India, ma un Nuovo Mondo

21 1507: Il cartografo tedesco Martin Waldseemüller propone di intitolare ad Amerigo Vespucci il Nuovo Continente

22 America Carta nautica del 1510 circa

23 I trattati di Tordesillas (1494) e Saragozza (1529) e la spartizione del mondo fra Spagna e Portogallo Per porre fine al conflitto commerciale ispano- portoghese, con l’accordo del papa Alessandro VI Borgia, nel 1494 viene siglato il Trattato di Tordesillas che sancisce la spartizione del mondo conosciuto in due emisferi: il Portogallo dovrà limitarsi a sfruttare le terre a est del meridiano della rraya, mentre a ovest la Spagna ha campo libero. Il successivo Trattato di Saragozza del 1529 definisce il limite dell’espansione orientale portoghese all’arcipelago delle Molucche.

24 Gli imperi coloniali portoghese e spagnolo

25 Il sistema coloniale portoghese Secondo la dottrina elaborata nel 1505 da Francisco de Almeida, primo vicerè portoghese delle Indie “Qualunque occupazione territoriale diretta delle aree interne è un’impresa inutile e costosa, mentre si deve sempre privilegiare l’installazione di basi fortificate sulle coste e in corrispondenza delle città portuali di maggiore interesse commerciale per il Portogallo”.

26 Delusione ( ) Dopo l’impresa di Colombo, finanziata dalla Spagna, sugli Oceani prevalgono ancora a lungo i portoghesi: 1513 – Nuñez de Balboã “scopre” l’Oceano Pacifico 1521 – Magalhães supera il Capo Horn e passa dall’Atlantico a Pacifico, compiendo la prima vera circumnavigazione del globo

27 Carta nautica dell’Oceano Pacifico (Ortelius 1589)

28 Meccanismi del dominio Le popolazioni più gerarchizzate (come quelle degi imperi mexica e inca) sono le più facili da dominare per gli spagnoli. Basta sostituire l’autorità centrale e la catena del comando resta intatta. I territori più frammentati (come le comunità maya dello Yucatan) sono assai più difficili da sottomettere.

29 La Spagna decise di sfruttare il continente americano Delusi dall’insuccesso commerciale, gli spagnoli decidono di sfruttare al massimo le nuove terre, puntando su tre settori: MINIERE (utilizzo di mano d’opera locale) ALLEVAMENTO (sconosciuto) AGRICOLTURA (nuovi prodotti: mais, pomodoro, patata, fagioli, peperoni, cacao, tabacco, gomma, canna da zucchero)

30 I nuovi prodotti americani: pomodori, patate, canna da zucchero, tabacco

31 I nuovi prodotti americani: mais, gomma

32 Il mondo americano, però, non è solo costituito da prodotti, ma anche da antiche e raffinate civiltà

33 La città inca di Macchu Picchu e le piramidi azteche Testimonianze di una civiltà superiore, Completamente distrutta dagli europei

34 L’Impero Inca La città imperiale di Cuzco (Perù) principale centro urbano del grande Impero andino, conquistato e distrutto dal generale spagnolo Francisco Pizarro

35 L’Impero Azteco Nel 1519 l’imperatore Azteco Montezuma regna sul Messico. L’impero Azteco conta circa venti milioni di sudditi e la sola valle del Messico (fra Tenochtitlan e Tlaxcala) è popolata da cinque milioni di abitanti: la più grande concentrazione urbana del mondo. Di questo impero si impadronirà in pochi mesi Hernan Cortés con soli 600 soldati spagnoli, 16 cavalli, 10 cannoni e 13 arcibugi.

36 Montezuma e Cortez: un incontro impossibile

37 Le “civiltà pre-colombiane”: un concetto eurocentrico e razzista

38 Paradossalmente il mondo americano NON conosce: La scrittura La ruota L’aratro Le armi da fuoco Il cavallo L’allevamento bovino

39 La nuova civiltà agricola americana coloniale: mais + allevamento MAIS Rendimento unitario maggiore del frumento Minori cure necessarie Minori qualità nutritive ALLEVAMENTO A Nord era conosciuto il bisonte (caccia) A sud era conosciuto il lama (trasporto) L’allevamento bovino era del tutto sconosciuto in America

40 Un ecosistema al collasso Gli spagnoli importano in America dall’Europa: i cavalli i bovini da allevamento L’istituto giuridico (ed economico) di matrice feudale dell’encomienda (=latifondo schiavistico) Provocando in pochi decenni la distruzione dell’ecosistema e del tessuto connettivo della società americana

41 Rapido tracollo demografico La popolazione locale viene rapidamente decimata grazie a: Stragi degli indigeni Lavoro forzato nelle miniere Malattie (influenza)

42 Le cifre del genocidio americano In milioni di abitanti

43 Carta di Munster del Mondo conosciuto nel 1540

44 Il porto di Siviglia: principale scalo commerciale spagnolo

45 L’afflusso di oro e argento americano al porto di Siviglia ( )

46 Conseguenze delle scoperte americane Per il continente americano: la distruzione Per il continente europeo: La crisi d’identità (geografia, storia, cronologia, teologia, morale) La crisi economica (aumento dei prezzi) L’inizio della globalizzazione

47 Una lenta assimilazione Fra la scoperta dell’America (1492) e la sua piena assimilazione da parte della cultura europea trascorrono almeno tre secoli. Questo scarto temporale testimonia una vera e propria crisi della coscienza europea che coincide con la modernità.

48 Il vecchio e il nuovo mondo Oltre che studiare l’impatto della civiltà europea sul resto del mondo (sguardo eurocentrico) è utile studiare anche l’impatto del Nuovo mondo sulla civiltà europea, ammettendone la crisi. L’America viene così riscoperta solo quando si cessa di considerarla qualcosa di già noto (è la tesi dello studioso messicano Edmundo O’Gorman, L’invenzione dell’America, 1961).

49 Come gli europei interpretano il Nuovo Mondo Gli europei del XVI secolo vedono nel Nuovo Mondo ciò che si aspettano di vedere in base alla loro cultura ed esperienza (= pensare per luoghi comuni) e respingono ciò che non si adatta ai loro schemi. Interpretano le civiltà americane sulla base delle categorie mentali fornite dalla: 1. tradizione cristiana (cristiani/pagani; peccato/redenzione) 2. cultura classica (civiltà/barbarie)

50 Una lettura falsata dalle letture Esempi: La lettura “asiatica” dell’America (le Indie occidentali e gli indiani) L’inservibile coppia civiltà/barbarie: l’indio è selvaggio; l’Azteco è civile La nudità che non prova vergogna (gli indios come preadamiti) Il difficile rapporto con la cronologia biblica: che rapporto ha l’America con il Diluvio?

51 Una lettura falsata dalle letture e (sacre) scritture pone drammatici interrogativi Perché gli Amerindi non si possono inserire nei racconti storici della Bibbia? A quale delle tre razze bibliche appartengono? Sem (Ebrei), Cam (Africani), Japhet (asiatici)? Come è possibile che non abbiano né accettato (come i cristiani), né respinto (come gli infedeli) la Rivelazione? E questo è un vantaggio o uno svantaggio rispetto agli infedeli (ebrei e musulmani)? Come si giustificano i “vizi nefandi” degli Amerindi, da loro vissuti in assoluta innocenza (poligamia, promiscuità sessuale, idolatria, sacrifici umani, antropofagia)?

52 Una tradizione quasi inservibile L’auctoritas degli Antichi è messa in crisi irrimediabilmente La superiorità dell’osservazione diretta rispetto al richiamo all’auctoritas viene dimostrata poco a poco Il metodo cumulativo del collezionismo antiquario serve a conoscere, ma non a comprendere I missionari per primi (Las Casas) cercano di comprendere e spiegarsi la natura degli Amerindi

53 Francisco Pizarro: “el Conquistador” Bartolomé de Las Casas: il missionario Due sguardi divergenti

54 Le tappe della riflessione europea: Francesco Guicciardini (1540) “Né solo ha questa navigazione confuso molte cose affermate dagli scrittori delle cose terrene, ma dato oltre a ciò, qualche ansietà agli interpreti della scrittura sacra”.

55 Le tappe della riflessione europea: Jean Bodin (1568) Per primo lo storico e giurista francese Jean Bodin, nel 1568, pubblica un breve trattato di finanza in cui affronta il problema dell'aumento generalizzato dei prezzi in Europa (inflazione), che attribuisce all'arrivo dell'oro e dell'argento americano ("tesi metallista”).

56 Le tappe della riflessione europea: François Raynal (1776) A due secoli di distanza da Bodin, nel 1776, l’enciclopedista francese François Raynal propone all’Accademia di Parigi un premio: “La scoperta dell’America è risultata utile o dannosa per l’umanità? Se utile, come se ne può accrescere l’utilità? Se dannosa, come se ne possono ridurre gli svantaggi?”

57 Le tappe della riflessione europea: Adam Smith (1776) Nello stesso anno 1776 l’economista scozzese Adam Smith pubblica il trattato La ricchezza delle nazioni nel quale si afferma che: “La scoperta dell’America e quella di un passaggio alle Indie orientali attraverso il Capo di Buona Speranza sono i due avvenimenti più grandi e più importanti nella storia dell’umanità”.

58 Le tappe della riflessione europea: il concorso accademico del 1792 Nel 1792, tre anni dopo lo scoppio della rivoluzione francese, l’Académie Nationale de France propone un premio: “Sull’influsso dell’America sulla politica, il commercio ed i costumi europei”.

59 Le tappe della riflessione europea: Alexander von Humboldt (1845) Nel 1845 il naturalista e geografo tedesco Alexander von Homboldt pubblica Kosmos, la più matura riflessione ottocentesca sul processo di mondializzazione della civiltà umana, frutto anche di cinque anni di viaggi ed esplorazioni nel continente americano.


Scaricare ppt "25.000 anni fa. La scoperta dell’America L’ America, abitata solo da animali, viene popolata probabilmente 25.000 anni fa quando, in due o tre ondate."

Presentazioni simili


Annunci Google