La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proposta di Progetto per il Gruppo di lavoro “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” Bologna 3-4 Marzo 2005 Assemblea Nazionale Agende21 Marzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proposta di Progetto per il Gruppo di lavoro “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” Bologna 3-4 Marzo 2005 Assemblea Nazionale Agende21 Marzo."— Transcript della presentazione:

1 Proposta di Progetto per il Gruppo di lavoro “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” Bologna 3-4 Marzo 2005 Assemblea Nazionale Agende21 Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

2 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” IL CONTESTO In Italia si diffonde sempre più l’idea di un Consumo Critico. Biologico, Equo e Solidale, Eco Label…ma anche Gruppi di Acquisto e Distretti di Economia Solidale. Agenda21 promotore e contenitore di queste esperienze Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

3 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili”OBIETTIVI Creare un Network nazionale di Enti impegnati per la promozione di Consumi Consapevoli e Stili di Vita SostenibiliCreare un Network nazionale di Enti impegnati per la promozione di Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili Scambiare le Buone Pratiche degli Enti pubbliciScambiare le Buone Pratiche degli Enti pubblici Individuare Indicatori-Obiettivi-Target sui Consumi Consapevoli e Indicatori di efficacia delle politiche di promozioneIndividuare Indicatori-Obiettivi-Target sui Consumi Consapevoli e Indicatori di efficacia delle politiche di promozione Individuare un Piano di ComunicazioneIndividuare un Piano di Comunicazione Indurre il cambiamento negli Stili di Vita degli italiani Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

4 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili”FASI 1. Individuare un Gruppo Pilota e Censire gli Enti coinvolti attivamente in progetti sui Consumi Sostenibili con Agenda21 2. Interagire con: Lilliput (rete di associazioni italiane) e le principali reti dei Distretti di Economia Solidale 3.Coinvolgere gli altri principali soggetti (Ass. Consumatori come ACU) e le Scuole 4. Promuovere una campagna informativa nazionale sui Consumi e diffondere le buone pratiche Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

5 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” FASE 1: Il progetto dura 1 anno, 5 incontri previsti Gruppo pilota: Comune di Sesto San GiovanniComune di Sesto San Giovanni Comune di VeneziaComune di Venezia Comune di RomaComune di Roma Provincia di Bologna Provincia di Bologna Referente nazionale Rete LilliputReferente nazionale Rete Lilliput Associazioni dei ConsumatoriAssociazioni dei Consumatori Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

6 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” FASE 1 Indagine presso gli Enti Pubblici Diffusione del questionario attraverso mailing list e attraverso l’assemblea nazionale del 3/4 marzo Domande: Il tuo Ente ha in corso progetti sui consumi sostenibili?Il tuo Ente ha in corso progetti sui consumi sostenibili? Da quanto, quali soggetti coinvolge?Da quanto, quali soggetti coinvolge? Quali obiettivi si pone?Quali obiettivi si pone? Scrivi il nome del referente/responsabile del progetto e mail -telefono- sito webScrivi il nome del referente/responsabile del progetto e mail -telefono- sito web Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

7 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” FASE 2 Interazione con le principali Reti per il Network Rete dei Gas I gruppi di acquisto sono collegati fra di loro in una rete che serve ad aiutarli e a diffondere questa esperienza attraverso lo scambio di informazioni. Attualmente in Italia sono censiti un centinaio di GAS (www.retegas.org). Rete Lilliput E’ una rete composta da circa 20 soggetti (associazioni- organizzazioni no profit) diffusa capillarmente sul territorio nazionale. Ha attivo un gruppo sull’Economia Solidale (www.retelilliput.org). Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

8 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” FASE 2 Rete dei Distretti di Economia Solidale Intende sviluppare le realtà di economia solidale attraverso la creazione di circuiti economici, in cui le diverse realtà si sostengono a vicenda creando insieme spazi di mercato. Un primo passo è stata la definizione della "Carta per la Rete Italiana di Economia Solidale", presentata al salone Civitas di Padova nel 2003 (www.retecosol.org) Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

9 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” FASE 3 Coinvolgimento Associazioni … Consumatori - Ambientaliste.. AIAB, ACU, ADICONSUM, CODACONS, FederConsumatori., AIAB, ACU, ADICONSUM, CODACONS, FederConsumatori., Unione Nazionale Consumatori… Legambiente, WWF.. Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

10 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” FASE 4 Campagna di Comunicazione Nazionale Ipotesi a - Divulgazione/InformazioneIpotesi a - Divulgazione/Informazione produzione CD da distribuire a tutti gli Enti associati + una quota da stabilire per i principali eventi quali l’assemblea nazionale 2006: tot. circa 1000 copie) + attività “gratuita” di diffusione informazioni con strutture interne quali ufficio Stampa e ufficio Ag21 per comunicati-conf. Stampa-siti web degli Enti del Gruppo Pilota + mailing list e sito web del coordinamento nazionale Costo Euro (produzione CD da distribuire a tutti gli Enti associati + una quota da stabilire per i principali eventi quali l’assemblea nazionale 2006: tot. circa 1000 copie) + attività “gratuita” di diffusione informazioni con strutture interne quali ufficio Stampa e ufficio Ag21 per comunicati-conf. Stampa-siti web degli Enti del Gruppo Pilota + mailing list e sito web del coordinamento nazionale Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

11 “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” FASE 4 Campagna di Comunicazione Nazionale Ipotesi b - Dicembre 2005 (dopo 6 mesi di avvio del progetto) verificare eventuali Sponsor-Finanziamenti esterni:Ipotesi b - Dicembre 2005 (dopo 6 mesi di avvio del progetto) verificare eventuali Sponsor-Finanziamenti esterni: Convegno Nazionale (marzo/maggio 2006 individuando una data simbolo dei Consumi Consapevoli) Costo 15/ Euro circa (Organizzazione Convegno, eventuali trasferte, stampa materiale, Conf. stampa, creazione CD..) Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

12 Esempi di Buone Pratiche Provincia di BolognaProvincia di Bologna Progetto “Isola del ConsumAttore”: il consumo critico all’interno della Grande Distribuzione. Campagna per una spesa Equa nata all’interno del Forum Ag21; Comune di RomaComune di Roma “Gruppi Organizzati di domanda e Offerta”: Campagna e Sportello informativo per favorire la vendita diretta e lo sviluppo locale, organizzata con AIAB e Greenpeace; Comune di Sesto San GiovanniComune di Sesto San Giovanni Campagna informativa “Guida Pratica agli Acquisti Sostenibili” diffusa presso le famiglie del Comune e avvio del Gruppo di Acquisto Solidale; Comune di VeneziaComune di Venezia Campagna “Cambieresti?” il progetto per rivedere i consumi in città: 1000 famiglie del Comune partecipano alla sperimentazione di ag21 per ridurre e rivedere i loro consumi. Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni

13 Ufficio Agenda21 Simona Isidori Marzo 2005, Ufficio Agenda21 Comune di Sesto San Giovanni


Scaricare ppt "Proposta di Progetto per il Gruppo di lavoro “Consumi Consapevoli e Stili di Vita Sostenibili” Bologna 3-4 Marzo 2005 Assemblea Nazionale Agende21 Marzo."

Presentazioni simili


Annunci Google