La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fil Ling 12-13 Lezioni 22-26. Lezione 22 (28 Nov. 2012)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fil Ling 12-13 Lezioni 22-26. Lezione 22 (28 Nov. 2012)"— Transcript della presentazione:

1 Fil Ling Lezioni 22-26

2 Lezione 22 (28 Nov. 2012)

3 avvisi Dobbiamo saltare la lezione di venerdì 30 novembre La recupereremo appena possibile Ho messo in rete le diapositive delle ultime lezioni

4 determinismo fisico le leggi di natura e lo stato del mondo in un qualsiasi momento determinano fisicamente lo stato del mondo in qualsiasi altro momento, passato o futuro che sia. Ossia: Sia t* un momento che precede (o segue) t, L la proposizione che descrive le leggi di natura ed S una proposizione che descrive l’intero stato dell’universo. Allora, data una qualsiasi proposizione datata e D), la proposizione (L S)) implica D), oppure la sua negazione ~D)

5 determinismo≠fatalismo Il determinismo fisico sembra implicare il fatalismo logico, però si può essere fatalisti logici senza essere deterministi fisici. Si può, per esempio, ritenere M) abbia immutabilmente il valore di verità V, senza per questo credere che tale valore sia determinato causalmente dalle leggi di natura e dallo stato attuale del mondo E si può essere deterministi fisici senza essere fatalisti logici, accettando il tensionalismo. Si può ritenere cioè che qualsiasi proposizione datata D), pur non avendo un valore di verità atensionalmente, ha t ora il valore V o il valore F, a seconda dei casi, per il fatto che lo stato del mondo in questo momento e le leggi di natura D), a seconda dei casi (e non per il fatto che, come vuole l’eternalismo, esiste già l’evento descritto D) Si noti però che nel secondo caso le proposizioni datate neutre, anche se tensionali e quindi in linea di principio soggette al cambiamento aletico, DI FATTO non cambiamo valore di verità nel tempo

6 Passato chiuso e Futuro aperto il passato è CHIUSO: se t è passato, ogni prop. Datata D) ha un valore di verità immutabile Il futuro è aperto: almeno qualche proposizione datata D) è indeterminata in un certo momento precedente a t, ma, essendo soggetta a cambiamento aletico, diventa non indeterminata e vera o falsa ( a seconda dei casi) nel momento t.

7 Opzione 1 una proposizione datata D) è indeterminata nel momento t* (precedente a t) perché non ha in t né il valore V, né il valore F, bensì un terzo valore di verità, ossia l’indeterminato (I) Assumendo il cambiamento aletico, una proposizione da I può passare a V prospettiva difesa da Jan Łukasiewicz ( ) Comporta il sacrificio della bivalenza e ANCHE del terzo escluso (le due cose sono difficilmente separabili).

8 Opzione 2 con cui salviamo bivalenza e terzo D) è indeterminata nel momento t*, perché D), ~D) hanno il valore F nel momento t* (non essendovi né un fatto che rende vera l’una, né un fatto che rende vera l’altra) NB: la falsità D) implica la verità di D), che è quindi non equivalente ~D) Si tollera D) & ~D) e quindi D) ~D) ). Ma questo non è negare il terzo escluso Si D) v D) Si può anche D v ~D) Assumendo il cambiamento aletico, una proposizione D) può diventare determinata. Per es., D) diventa vera, oppure ~D) diventa vera

9 ESEMPIO (T)Garibaldi e Vittorio Emanuele II si incontrano a Teano; (~T)Garibaldi e Vittorio Emanuele II non si incontrano a Teano; (2T)Garibaldi e Vittorio Emanuele II si incontrano a Teano il 26 Ottobre 1860 alle ore 8,30; (2~T)il 26 Ottobre 1860 alle ore 8,30 accade che Garibaldi e Vittorio Emanuele II non si incontrano a Teano. (~2T)non si dà il caso che Garibaldi e Vittorio Emanuele II si incontrano a Teano il 26 Ottobre 1860 alle ore 8,30. APRIRE FILE WORD E GUARDARE INSIEME TABELLA DI P. 85

10 Fil Ling Lezione 23

11 Tiriamo le somme La teoria A, PURCHE’ NON ETERNALISTA E NON DETERMINISTA, può accettare la tesi del futuro aperto, in sintonia con il senso comune E può farlo senza sacrificare terzo escluso e bivalenza

12 La teoria B non esiste una presentezza oggettiva di cui certi elementi temporali, un momento e gli eventi in esso collocati, godono a discapito di altri accetta l’atensionalismo ontologico, motivo per il quale è spesso chiamata teoria atensionale del tempo La vecchia teoria B accetta l'atensionalismo semantico ammette fatti B-relazionali atensionali “spazializza” il tempo nega il cambiamento tensionale, ed è perciò spesso chiamata teoria statica del tempo implica l’eternalismo

13 Fil Ling lezione 24

14 Sostenitori della teoria B Molti altri illustri filosofi l’hanno sostenuta nel secolo scorso, per esempio Bergmann (1960, pp. pp ), Broad (1921), Goodman (1951, CAP. 11), Quine (1960, PAR. 36), Reichenbach (1947, PAR ). Tra i moltissimi i filosofi attualmente schierati a favore della teoria B, troviamo, per esempio, Dorato (1997), Le Poidevin (1991),Oaklander (2004) and Mellor (1981, 1998)....

15 SUDDENLY LAST SUMMER (as Dr Cukrowicz)

16 Argomenti per la teoria B Come sostenerla a dispetto del principio del credito iniziale? Uso dell'argomento di McTaggart: rinnegando le A-proprietà, non c'è il problema della loro incompatibilità A che velocità scorre il tempo? Teoria della relatività (ci torneremo)

17 La vecchia teoria B Atensionalismo semantico. Perché accettarlo. Sembra presupposta l'idea che il linguaggio rispecchia la realtà in modo molto diretto (1)Elisabetta II è seduta sul trono; (2)Elisabetta II è stata seduta sul trono; (3)Elisabetta II sarà seduta sul trono. L’ipotetico teorico A potrebbe così argomentare per arrivare al tensionalismo ontologico a partire da quello semantico: se l’enunciato (1) è vero ora, ma sarà falso in seguito, questo è perché ha come fattore di verità non soltanto l’evento effettivo che è l’esser seduta sul trono di Elisabetta II, che chiamiamo in breve e, ma anche l’evento effettivo tensionale {e è presente}; se poi è vera (2), questo è perché vi è invece l’evento tensionale {e è passato} a fungere da fattore di verità; se infine è vera (3), questo è perché {e è futuro} funge da fattore di verità.

18 Approccio della data Frege (1918), Russell (1906), Goodman (1951) e Quine (1960) (2)Elisabetta II è stata seduta sul trono (proferito il 2 Luglio 2010 a mezzogiorno) (2a) Elisabetta II è seduta sul trono in un momento che precede a il 2 Luglio 2010 a mezzogiorno

19 Fil Ling Lezione 25

20 Approccio token-riflessivo attribuito a Russell in McTaggart (1927), Reichenbach (1947) (2)Elisabetta II è stata seduta sul trono (proferito il 2 Luglio 2010 a mezzogiorno) (2a) l’essere seduta sul trono di Elisabetta II precede il proferimento di e. (2a') l’essere seduta sul trono di Elisabetta II precede il proferimento di questo enunciato

21 Approccio psicologico Russell in vari scritti (per esempio, 1915) (2)Elisabetta II è stata seduta sul trono (proferito il 2 Luglio 2010 a mezzogiorno) (2a) l’essere seduta sul trono di Elisabetta II precede l'occorrenza del dato sensoriale d significato del parlante  significato dell'ascoltatore

22 Il problema del valore cognitivo Gale (1962) (1)il nemico è in vista. (1a) il nemico è in vista il 23 Luglio 2011 alle 23,30 la proposizione espressa da (1a) non ha lo stesso valore cognitivo di quella espressa da (1) e non si può quindi affermare che i due enunciati esprimono la stessa proposizione

23 La nuova teoria B Ci sono proposizioni tensionali (per es. [il nemico è t in vista] Ma ciò non significa che ci sono anche fatti tensionali (Amart 1980, Mellor 1981, Oakalander 2004) La sentinella ha una credenza vera se e solo se, nel momento in cui ce l'ha occorre il fatto (atensionale) che è l'essere in vista del nemico Viene ammesso il cambiamento aletico per certe proposizioni (ma non per quelle datate neutre!)

24 token-riflessività e valore cognitivo (1/tr) l'essere in vista del nemico è simultaneo con questo enunciato Ha il giusto valore cognitivo? Altri problemi con la token-riflessività? (Q. Smith) (a) Giovanni si sta sposando (per la prima volta) implica (b) Giovanni sta cessando di essere scapolo Ma se sono token-riflessive, (a) implica (b)?

25 Altri tipi di cambiamento cambiamento tensionale: non c'è (abbiamo l'impressione che ci sia perché le nostre credenze tensionali cambiano in continuazione (Mellor)) cambiamento assoluto: solo in senso relativo, ossia venire all'essere nel momento t significa essere simultanei a t senza essere simultanei a momenti precedenti a t (Dorato) cambiamento qualitativo: fasi temporali di oggetti. – La mela da acerba diventa matura nel senso che ha due "parti temporali", una acerba e l'altra matura (Quine 1960)

26 Lezione 26 (7 Dicembre 2012)

27 AVVISI Domande d preparazione: le metterò in rete nel primo pomeriggio Lezioni rimanenti: – Lunedì 10 Dicembre (2 ore) – Mercoledì 12 Dicembre (lezione di Achille Varzi) – Venerdì 14 Dicembre – Lunedì 17 Dicembre Esame finale – Mercoledì 19 Dicembre, orario da decidere

28 Teoria B, Futuro chiuso e libero arbitrio La tesi del futuro chiuso implica la negazione del liberto arbitrio? Dipende Se si accetta l'essenzialità per il libero arbitrio del "avrebbe potuto fare diversamente", la risposta sembra essere: NO. (in che senso Caino avrebbe potuto non uccidere Abele, se l'evento dell'uccisione c'era già (esiste atemporalmente) prima di avvenire?) Se si accetta il compatibilismo, la risposta è sì: Caino ha agito liberamente nel senso che l'uccisione è causata da una sua volizione, dal suo carattere, ecc. Secondo il compatibilismo, il libero arbitrio è compatibile con il determinismo e con il fatalismo

29 I vantaggi del presentismo Il risparmio ontologico cambiamento qualitativo e tridimensionalismo divenire assoluto Per fortuna è finita! L'argomento di Bourne: So di essere nel presente, ma come faccio a saperlo se non è vero il presentismo?


Scaricare ppt "Fil Ling 12-13 Lezioni 22-26. Lezione 22 (28 Nov. 2012)"

Presentazioni simili


Annunci Google