La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Centro Nazionale Trapianti I trapianti Un trapianto consiste nel trasferimento di un organo o di un tessuto prelevato da un soggetto donatore in un soggetto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Centro Nazionale Trapianti I trapianti Un trapianto consiste nel trasferimento di un organo o di un tessuto prelevato da un soggetto donatore in un soggetto."— Transcript della presentazione:

1 Centro Nazionale Trapianti I trapianti Un trapianto consiste nel trasferimento di un organo o di un tessuto prelevato da un soggetto donatore in un soggetto ricevente

2 Centro Nazionale Trapianti *Dati preliminari al 31 maggio 2006 AUTOTRAPIANTO Organo o tessuto trapiantato dalla stessa persona o da parti diverse dello stesso corpo ALLOTRAPIANTO Trapianto di tessuti o organi tra due individui appartenenti alla stesse specie XENOTRAPIANTO Indica un trapianto in cui il donatore appartiene ad una specie differente da quella del ricevente

3 Centro Nazionale Trapianti

4 Cosa può essere donato? a) ORGANI Cuore Fegato Polmoni Reni Pancreas Intestino b) TESSUTI Cornee Segmenti vascolari (arteriosi e venosi) Valvole cardiache Segmenti osteo-tendinei Cute

5 Centro Nazionale Trapianti Il rene E’ reso necessario dall’insufficienza renale cronica (progressiva incapacità del rene di svolgere la propria funzione di eliminazione di sostanze di rifiuto e di controllo dell’equilibrio idrico- salino) La dialisi può permettere in questo caso la sopravvivenza del paziente ma ne compromette molto la qualità di vita

6 Centro Nazionale Trapianti Il cuore E’ un trapianto salvavita Le malattie del cuore che lo rendono necessario sono quelle che portano ad una dilatazione e ad uno sfiancamento del cuore, con la diminuzione della sua capacità di pompare sangue

7 Centro Nazionale Trapianti Il polmone E’ possibile il trapianto di singolo polmone, o dei due polmoni, o del blocco cuore/polmoni contemporaneamente E’ richiesto da pazienti con insufficienza polmonare irreversibile o con malattie combinate del cuore e del polmone

8 Centro Nazionale Trapianti Il fegato E’ un trapianto salvavita Molte malattie del fegato (epatiti croniche aggressive, cirrosi epatica, tumori del fegato,ecc..) possono produrre insufficienze epatiche gravi e non curabili.

9 Centro Nazionale Trapianti Il pancreas e l’intestino Il trapianto di pancreas è utilizzato in soggetti affetti da diabete giovanile (incapacità di produrre insulina) Il trapianto di intestino è utilizzato in pazienti che abbiano subito l’asportazione quasi totale dell’intestino tenue e che sopravvivono solo grazie a nutrizione artificiale

10 Centro Nazionale Trapianti Il trapianto di tessuti Si ricorre a un trapianto o innesto di tessuto quando il paziente ha perso la funzionalità di un organo o quando il tessuto si è danneggiato a causa di malattie degenerative o traumi Non presenta di solito la stessa emergenza necessaria per gli organi

11 Centro Nazionale Trapianti La cornea La cornea è una membrana trasparente che si trova davanti alla pupilla e lascia passare la luce Una parte della cornea, ormai opaca, viene sostituita con tessuto ancora trasparente

12 Centro Nazionale Trapianti La cute A differenza di altri trapianti di tessuti può a volte salvare la vita del paziente In caso di gravi ustioni la mancanza di rivestimento cutaneo provoca infatti perdita d’acqua e di proteine, oltre ad essere via di ingresso di numerose fonti di infezione

13 Centro Nazionale Trapianti Le valvole cardiache Può essere considerato a volte un trapianto salvavita come quello del cuore Riguarda per lo più bambini che nascono con gravi malformazioni cardiache congenite La valvola cardiaca non funzionante può essere sostituita anche con una valvola artificiale (meccanica o biologica)

14 Centro Nazionale Trapianti I segmenti vascolari Da molti anni arterie e vene umane sono considerate la fonte più sicura per innesti negli interventi di ricostruzione vascolare Se una malattia porta all’occlusione dell’aorta addominale ad esempio si preferisce il trapianto Le vene varicose (safene) ogni anno tolte a centinaia di pazienti ad esempio possono essere usate a scopo di innesto

15 Centro Nazionale Trapianti Il tessuto osseo E’ quello in assoluto più usato Non è un trapianto salvavita ma cura patologie che porterebbero a mutilazioni importanti I pazienti che ne necessitano sono stati colpiti da tumori ossei o hanno subito gravi traumi che hanno distrutto parte di un osso Possono essere trapiantati anche tendini e legamenti

16 Centro Nazionale Trapianti La membrana amniotica Viene estratta dalla donatrice ma solo in casi di parti cesarei non urgenti, e quindi programmati E’ un tessuto senza rischio di rigetto, resiste alle infezioni batteriche, è antinfiammatorio Viene usata per la riduzione di cicatrici, per la formazione di nuovi tessuti e per varie forme di chirurgia ricostruttiva

17 Centro Nazionale Trapianti Donazione di sangue e midollo osseo Le donazioni di: Sangue ed emoderivati Midollo osseo si possono considerare un caso particolare di trapianto da donatore vivente. Nel midollo osseo sono presenti cellule staminali ematopoietiche

18 Centro Nazionale Trapianti Le cellule staminali Le cellule staminali sono cellule presenti in ogni organismo con la funzione di rigenerare e produrre nuovi tessuti. Sono cellule non differenziate: non si sono ancora specializzate nel compiere una funzione definita all’interno dell’organismo. Ogni cellula staminale dividendosi origina due cellule, una resta staminale e una si differenzia in cellula specializzata.

19 Centro Nazionale Trapianti Cellule staminali embrionali e adulte Le cellule staminali embrionali sono presenti solo nei primissimi stadi di sviluppo dell’embrione e il loro uso è in fase sperimentale e soggetto a numerosi problemi di carattere etico Le cellule staminali adulte sono presenti in tutti i tessuti del feto, del bambino, dell’adulto e nel cordone ombelicale. Le cellule usate per i trapianti sono staminali adulte.

20 Centro Nazionale Trapianti Cellule staminali ematopoietiche Hanno la capacità di autorinnovarsi e di proliferare ad un ritmo molto intenso differenziandosi in elementi cellulari maturi del sangue circolante: leucociti, eritrociti, piastrine Dove si trovano? Nelle cavità delle ossa. In particolare quelle “brevi” Bacino, coste, sterno, etc…

21 Centro Nazionale Trapianti

22 Le cellule staminali da donatore non consanguineo vengono prelevate dal midollo osseo mediante ripetute punture delle creste iliache (ossa del bacino). Come avviene il prelievo dal donatore Trattandosi di punture ossee, è necessario che il prelievo venga eseguito in anestesia, risultando altrimenti doloroso. Il prelievo dura, di norma, minuti e non comporta danno o menomazioni al donatore, come dimostra l’esperienza di oltre 150 mila prelievi di sangue midollare effettuati nel mondo.

23 Centro Nazionale Trapianti

24 VideoConferenza Rete della sicurezza internet Centro Nazionale Trapianti Istituto Superiore di Sanità Centri Interregionali di Riferimento Centri Regionali di Riferimento Esperti

25 Centro Nazionale Trapianti Donatore (cadavere) Diagnosi di avvenuta morte cerebrale; Commissione medico-legale per accertamento morte (anestesista, medico legale, ) 6 ore; Informazione familiari; Segnalazione disponibilità organi ai centri di riferimento per ricercare riceventi idonei; Controlli donatore per malattie e compatibilità; Certificazione morte; Espianto; Trasferimento cadavere in obitorio PER LEGGE L’EQUIPE MEDICA CHE ACCERTA LA MORTE, QUELLA CHE EFFETTUA L’ESPIANTO E QUELLA CHE EFFETTUA IL REIMPIANTO DEVONO ESSERE DIVERSE. SE L’ESPIANTO NON VIENE AUTORIZZATO, LE MACCHINE CHE TENGONO IN VITA IL DONATORE VENGONO STACCATE ED IL CADAVERE TRASFERITO IN OBITORIO.

26 Centro Nazionale Trapianti La morte cerebrale Il cervello è una struttura complessa con innumerevoli funzioni: a)La corteccia, che è la parte esterna della massa cerebrale ed è la sede delle funzioni superiori: intelligenza, creatività, pensiero, memoria… b)I nuclei centrali, posti all’interno del cervello che regolano i bisogni fondamentali e le emozioni

27 Centro Nazionale Trapianti c) il tronco, alla base del cranio, che presiede al controllo dei riflessi fondamentali, dei centri del respiro e della regolazione della temperatura. La sua distruzione è incompatibile con la vita e causa l’interruzione dell’attività anche della corteccia e dei nuclei interni; da qui il termine MORTE CEREBRALE.

28 Centro Nazionale Trapianti

29

30

31 Tempi conservazione organi Cuore, Polmone 4-6 ore Fegato, pancreas ore Rene ore

32 Centro Nazionale Trapianti

33 La compatibilità biologica La compatibilità biologica degli organi e dei tessuti da trapiantare è determinata dal sistema HLA (Human Leucocyte Antigens), composto da molecole che si trovano sulla superficie cellulare e che si comportano come antigeni: venute a contatto con il sistema immunitario di un individuo diverso, sono riconosciute come estranee e suscitano una risposta immune.

34 Centro Nazionale Trapianti Se il tessuto trapiantato in un soggetto non è HLA-compatibile (ossia le cellule che lo compongono non hanno gli stessi antigeni HLA del ricevente), il trapianto viene riconosciuto come estraneo e rigettato Prima di eseguire un trapianto, è necessario accertare che donatore e ricevente siano HLA-compatibili, mediante un procedimento detto tipizzazione tissutale

35 Centro Nazionale Trapianti Il rigetto Il ricevente deve essere sottoposto a terapia immunosoppressiva (cioè con farmaci che inibiscono il funzionamento della risposta immunitaria nei confronti dell’organo trapiantato) pre- e post- trapianto per evitare il rigetto. Il rigetto può essere: iperacuto (minuti- giorni) acuto (giorni-mesi, è il più comune) cronico (mesi-anni)

36 Centro Nazionale Trapianti

37

38

39

40

41 Come si può esprimere la volontà di donare? Attraverso una dichiarazione scritta che riporti nome e cognome, dati anagrafici, manifestazione di volontà, data e firma. Tessera AIDO (Associazione Italiana Donatori di Organi). Attraverso la registrazione della volontà positiva o negativa presso l’AUSL o il medico di famiglia (i dati vengono inseriti in un archivio collocato presso il Centro Nazionale Trapianti). I costi sono a totale carico del S.S.N.

42 Centro Nazionale Trapianti Donatore Segnalato: potenziale donatore sottoposto ad accertamento di morte encefalica, segnalato al coordinamento Donatore Procurato: donatore nel quale sia stata accertata la morte encefalica, che abbia espresso in vita volontà di donare gli organi o i cui familiari non si siano opposti al prelievo, nel quale non siano state rilevate controindicazioni al prelievo durante il periodo di accertamento Donatore Effettivo: donatore al quale sia stato prelevato almeno un organo solido

43 Centro Nazionale Trapianti Donatori segnalati PMP – Anni 2002/2008 FONTE DATI: Dati Reports CIR

44 Centro Nazionale Trapianti Confronto Donatori Segnalati PMP 2007 vs 2008 FONTE DATI: Dati Reports CIR Anno ,6 38,6 Anno 2008* 40,1 40,1

45 Centro Nazionale Trapianti Incremento percentuale donatori segnalati ultimo quadriennio + 16,6 %

46 Centro Nazionale Trapianti Donatori procurati PMP – Anni 2002/2008 FONTE DATI: Dati Reports CIR

47 Centro Nazionale Trapianti Confronto Donatori Procurati PMP 2007 vs 2008 FONTE DATI: Dati Reports CIR Anno ,6 22,6 Anno 2008* 22,6 22,6

48 Centro Nazionale Trapianti Incremento percentuale donatori procurati ultimo quadriennio + 6,0 %

49 Centro Nazionale Trapianti 880 Donatori effettivi PMP – Anni 2000/2008 FONTE DATI: Dati Reports CIR

50 Centro Nazionale Trapianti Confronto Donatori Effettivi PMP 2007 vs 2008 FONTE DATI: Dati Reports CIR Anno ,9 20,9 Anno 2008* 21,2 21,2

51 Centro Nazionale Trapianti Incremento percentuale donatori effettivi ultimo quadriennio + 0,8 %

52 Centro Nazionale Trapianti Attività donazione per regione – 2007 vs 2008 % Opposizioni alla donazione FONTE DATI: Dati Reports CIR *Dati preliminari al 31 dicembre 2008 Anno ,0 % Anno ,0 % Anno 2008* 32,7 % Anno 2008* 32,7 %

53 Centro Nazionale Trapianti Donatori % opposizione – Anni 2002/2008 FONTE DATI: Dati Reports CIR

54 Centro Nazionale Trapianti Incremento percentuale delle opposizioni ultimo triennio + 11,2 %

55 Centro Nazionale Trapianti Attività donazione per regione – Anno 2006* % Opposizioni alla donazione Italia 23,9% FONTE DATI: Dati Reports CIR *Dati preliminari al 31 maggio 2006

56 Centro Nazionale Trapianti Totale Organi procurati – Anni 2002/2008 Inclusi i trapianti combinati FONTE DATI: Dati Reports CIR

57 Centro Nazionale Trapianti Incremento percentuale organi procurati ultimo triennio - 8,0 %

58 Centro Nazionale Trapianti Totale Trapianti – Anni 1992/2008 Inclusi i trapianti combinati FONTE DATI: Dati Reports CIR

59 Centro Nazionale Trapianti Incremento percentuale trapianti eseguiti ultimo triennio - 8,2 %

60 Centro Nazionale Trapianti Trapianti per organo – Anni 1992/2008* Inclusi i trapianti combinati FONTE DATI: Dati Reports CIR *Dati preliminari al 31 Dicembre 2008

61 Centro Nazionale Trapianti Liste di Attesa al 31 dicembre 2008* ItaliaItalia FONTE DATI: Dati Sistema Informativo Trapianti *Dati SIT 8 dicembre 2008

62 Centro Nazionale Trapianti Pazienti in lista al 31 dicembre – Anni 2002/2008 Inclusi i trapianti combinati FONTE DATI: Dati Reports CIR

63 Centro Nazionale Trapianti Incremento percentuale pazienti iscritti in lista ultimo triennio + 8,9 %

64 Centro Nazionale Trapianti Lista di attesa standard Pazienti iscritti in lista FONTE DATI: Dati Sistema Informativo Trapianti

65 Centro Nazionale Trapianti Pazienti in lista di attesa per anno al 31 Dicembre

66 Centro Nazionale Trapianti Valutazione degli esiti – Confronto Registro CTS

67 Centro Nazionale Trapianti Donatori effettivi pmp


Scaricare ppt "Centro Nazionale Trapianti I trapianti Un trapianto consiste nel trasferimento di un organo o di un tessuto prelevato da un soggetto donatore in un soggetto."

Presentazioni simili


Annunci Google