La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PROGETTAZIONE MODULARE. La progettazione modulare Differisce dalla programmazione didattica perché prevede un’organizzazione della disciplina basata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PROGETTAZIONE MODULARE. La progettazione modulare Differisce dalla programmazione didattica perché prevede un’organizzazione della disciplina basata."— Transcript della presentazione:

1 LA PROGETTAZIONE MODULARE

2 La progettazione modulare Differisce dalla programmazione didattica perché prevede un’organizzazione della disciplina basata anziché su azioni sequenziali su segmenti autoconsistenti e definiti di un processo costruiti attraverso unità didattiche

3 La progettazione modulare La necessità del programmare La necessità del programmare Le fasi della progettazione modulare Le fasi della progettazione modulare Moduli e unità didattiche Moduli e unità didattiche

4 Le fasi della progettazione modulare: Fase 1  Progettazione del curricolo  dell’intero ciclo  di un anno  Coinvolti: i dipartimenti

5 Fase 2 – identificazione e durata dei moduli Individuazione delle sezioni del “programma” ad alta omogeneità interna rispetto ai contenuti e in rapporto alle abilità, alle conoscenze e alle competenze che gli alunni devono padroneggiare Individuazione delle sezioni del “programma” ad alta omogeneità interna rispetto ai contenuti e in rapporto alle abilità, alle conoscenze e alle competenze che gli alunni devono padroneggiare Durata 8/10 settimane (indipendentemente dal carico orario settimanale delle discipline) Durata 8/10 settimane (indipendentemente dal carico orario settimanale delle discipline) Coinvolti: i dipartimenti Coinvolti: i dipartimenti

6 Fase 3 Prerequisiti e obiettivi Determinare per ciascun modulo in termini operativi i prerequisiti e gli obiettivi Determinare per ciascun modulo in termini operativi i prerequisiti e gli obiettivi Individuare la tipologia delle connessioni Individuare la tipologia delle connessioni

7 Prerequisiti e livelli di partenza I livelli i partenza sono posti dagli alunni (modulo 0) I livelli i partenza sono posti dagli alunni (modulo 0) I prerequisiti sono posti dal docente (modulo 1,2….) I prerequisiti sono posti dal docente (modulo 1,2….)

8 Fase 3a Connessioni –In serie: sequenza lineare (propedeuticità) –In parallelo: interconnessioni trasversali tra due o più moduli

9 Fase 3b Prerequisiti e obiettivi Individuazione obiettivi in termini di conoscenze, capacità competenze

10 Fase 3c Conoscenze Contenuti disciplinari fondamentali riferiti a specifici percorsi formativi. Costituiscono la componente cognitiva che sottostà alla competenza. Includono linguaggi, fatti, teorie, principi, sistemi concettuali. Sono individuabili in conoscenze generali e conoscenze specifiche. In relazione alla loro ampiezza possono essere articolate in livelli. Contenuti disciplinari fondamentali riferiti a specifici percorsi formativi. Costituiscono la componente cognitiva che sottostà alla competenza. Includono linguaggi, fatti, teorie, principi, sistemi concettuali. Sono individuabili in conoscenze generali e conoscenze specifiche. In relazione alla loro ampiezza possono essere articolate in livelli.

11 Fase 3d Capacità Dimensioni soggettive che sono espressione anche di particolari caratteristiche di personalità. Possono essere cognitive, operative o combinazione di entrambe. A differenza delle competenze, che sono specifiche di un determinato ambito professionale, le capacità possono essere comuni ad aree ed ambiti diversi. Possono essere distinte in: Dimensioni soggettive che sono espressione anche di particolari caratteristiche di personalità. Possono essere cognitive, operative o combinazione di entrambe. A differenza delle competenze, che sono specifiche di un determinato ambito professionale, le capacità possono essere comuni ad aree ed ambiti diversi. Possono essere distinte in: Capacità di base Capacità di base Capacità proprie di uno specifico ambito Capacità proprie di uno specifico ambito Capacità trasversali Capacità trasversali

12 Fase 3e Competenze Abilità e comportamenti funzionali all’espletamento di specifici compiti e attività che permettono al soggetto di conseguire standard riconosciuti di prestazioni Abilità e comportamenti funzionali all’espletamento di specifici compiti e attività che permettono al soggetto di conseguire standard riconosciuti di prestazioni

13 Fase 4: strutturazione del modulo Individuazione e strutturazione delle unità didattiche Individuazione e strutturazione delle unità didattiche Durata: per un modulo di due mesi si prevedono unità didattiche di 2 settimane Durata: per un modulo di due mesi si prevedono unità didattiche di 2 settimane Coinvolti: il dipartimento disciplinare articolato in sottogruppi Coinvolti: il dipartimento disciplinare articolato in sottogruppi

14 Fase 5: Produzione U.D. Elaborazione delle singole U.D. Elaborazione delle singole U.D. Coinvolti: singolo docenti o gruppi di 2/3 docenti Coinvolti: singolo docenti o gruppi di 2/3 docenti

15 Definizione di modulo Segmento di un programma di istruzione fortemente strutturato al alta omogeneità interna relativo ad aspetti epistemologicamente portanti della proposta di istruzione Segmento di un programma di istruzione fortemente strutturato al alta omogeneità interna relativo ad aspetti epistemologicamente portanti della proposta di istruzione

16 Il modulo è la sezione di un curricolo ad alta omogeneità interna rispetto: Ai contenuti, agli argomenti, alle attività di esperienza Ai contenuti, agli argomenti, alle attività di esperienza alle abilità, alle conoscenze, alle competenze alle abilità, alle conoscenze, alle competenze


Scaricare ppt "LA PROGETTAZIONE MODULARE. La progettazione modulare Differisce dalla programmazione didattica perché prevede un’organizzazione della disciplina basata."

Presentazioni simili


Annunci Google