La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Studio Indri e Lombardi- Padova Le verifiche dei Crediti nei controlli del Collegio Sindacale Procedure di verifica dei crediti nei controlli di cui all'art.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Studio Indri e Lombardi- Padova Le verifiche dei Crediti nei controlli del Collegio Sindacale Procedure di verifica dei crediti nei controlli di cui all'art."— Transcript della presentazione:

1 Studio Indri e Lombardi- Padova Le verifiche dei Crediti nei controlli del Collegio Sindacale Procedure di verifica dei crediti nei controlli di cui all'art 2409-ter C.C.

2 Studio Indri e Lombardi- Padova I Crediti Nel bilancio di esercizio i Crediti sono una parte dell'attivo che può essere compresa nelle immobilizzazioni della società oppure nell'attivo circolante, a seconda della loro destinazione, della loro origine e del loro presumibile realizzo.

3 Studio Indri e Lombardi- Padova I Crediti commerciali I crediti commerciali sono quei crediti, ricompresi nell'attivo circolante, che originano dalle operazioni di scambio di beni o servizi la cui produzione costituisce l'oggetto sociale della azienda

4 Studio Indri e Lombardi- Padova Altri Crediti Crediti verso Soci Immobilizzazioni finanziarie Attività finanziarie non immobilizzate Altri crediti (erario, dipendenti, società collegate, ecc.)

5 Studio Indri e Lombardi- Padova I Crediti in Bilancio I crediti devono essere esposti in bilancio al presumibile valore di realizzo. Devono essere esposti al tasso di cambio a pronti alla data di chiusura del bilancio Nel caso di crediti nell'attivo circolante (ad esempio titoli) al minore tra il costo di acquisto ed il “valore di mercato”

6 Studio Indri e Lombardi- Padova Presumibile Valore di Realizzo I crediti vanno esposti al loro valore rettificato per tenere conto di: Sconti, resi Interessi impliciti Costi di incasso Differenze di cambio Probabili perdite

7 Studio Indri e Lombardi- Padova Adeguamento al cambio I crediti vanno esposti al tasso di cambio a pronti alla chiusura del bilancio. L'eventuale utile o perdita va accantonata in una apposita riserva non distribuibile ed assume rilevanza fiscale solo all'effettivo momento di realizzo

8 Studio Indri e Lombardi- Padova Valore di mercato Nel caso in cui si tratti di crediti classificati come attività finanziarie devono essere iscritti al minore tra il costo di acquisto ed il valore di mercato. La differenza positiva o negativa non entra nella base imponibile fino all'effettivo realizzo e va accantonata in una riserva non distribuibile

9 Studio Indri e Lombardi- Padova Le verifiche del Collegio Sindacale Verifica della esistenza e della esigibilità dei crediti esposti in bilancio Verifica della capienza del Fondo Svalutazione Crediti Verifica del contenzioso in corso

10 Studio Indri e Lombardi- Padova Il Fondo Svalutazione Crediti Generalmente i crediti vengono esposti in bilancio rettificandoli tramite un fondo di svalutazione. Deducibilità limitata dell'accantonamento al Fondo Svalutazione Crediti (art. 106 e 101 del TUIR).

11 Studio Indri e Lombardi- Padova Fondo Svalutazione Crediti Il Fondo Svalutazione crediti dovrebbe essere capiente per: Crediti al legale (dettaglio) Crediti scaduti oltre un dato numero di giorni con diversa percentuale di accantonamento

12 Studio Indri e Lombardi- Padova Fondo Svalutazione Crediti Stima prudenziale tramite percentuale di crediti che risutano incagliarsi secondo le stime del pregresso. Stima prudenziale per l'attualizzazione di crediti il cui incasso si protrae in la nel tempo al punto da lasciar supporre interessi impliciti (P.A., settori particolari).

13 Studio Indri e Lombardi- Padova Implicazioni fiscali del FSC Il Fondo Svalutazione Crediti va calcolato sull'ammontare dei crediti commerciali, non coperti da assicurazione, risultanti in bilancio. Le perdite su crediti sono deducibili solo a determinate e tassative condizioni.

14 Studio Indri e Lombardi- Padova Implicazioni fiscali FSC Corretta classificazione dei crediti in bilancio Analisi del partitario crediti riclassificato per scadenza, per importi e con gli importi di banche, di crediti ceduti pro soluto o pro solvendo ecc.

15 Studio Indri e Lombardi- Padova Aspetti critici Esposizione in bilancio di crediti non più esigibili. Esposizione di crediti esigibili per importi inferiori a quelli esposti in bilancio. Corretta competenza dei crediti esposti e dei ricavi corrispondenti. Errata classificazione dei crediti (ad esempio anticipi su fatture, crediti ceduti).

16 Studio Indri e Lombardi- Padova Aspetti Critici Insufficiente o nessuna rilevazione del contenzioso in corso Mutate condizioni di mercato che rendono difficoltoso o più complesso il rientro dei crediti.

17 Studio Indri e Lombardi- Padova Le verifiche del Collegio Sindacale Verifiche di riscontro tramite terzi. Verifiche tramite indagini e riscontri interni alla azienda

18 Studio Indri e Lombardi- Padova Operazioni preventive Richiesta dettaglio dei crediti e delle loro scadenze (c.d.ageing) Analisi procedurale del ciclo dei crediti Suddivisione per clienti e per area geografica Dettaglio dei crediti in contenzioso Dettaglio dei Legali/Consulenti

19 Studio Indri e Lombardi- Padova Verifiche tramite riscontro di terzi Circolarizzazioni dei clienti Circolarizzazioni di Banche (SBF) Circolarizzazioni dei Legali e dei Consulenti

20 Studio Indri e Lombardi- Padova Circolarizzazioni Clienti : Crediti Commerciali Banche: Crediti SBF, crediti ceduti pro Solvendo ecc. Professionisti: Crediti Tributari, Contenzioso, Rimborsi Assicurativi, ecc.

21 Studio Indri e Lombardi- Padova La circolarizzazione La società predispone le lettere su sua carta intestata Il revisore (o il sindaco) le invia La sede presso cui mandarle è quella del revisore Il revisore effettua eventuali solleciti

22 Studio Indri e Lombardi- Padova Il campione da circolarizzare Tanti creditori quanti rappresentino un ammontare significativo del totale dei crediti. Altri creditori selezionati tramite campionamento statistico (vedi appendice A del Principio di Revisione N°530)

23 Studio Indri e Lombardi- Padova Riscontro tramite terzi La circolarizzazione dei clienti va verificata tramite le circolarizzazione di banche e di professionisti (legali, consulenti fiscali ecc.) Vanno raccolte informazioni e documentazione sull'andamento del mercato, delle insolvenze ecc.

24 Studio Indri e Lombardi- Padova Verifiche interne Per valutare l'esigibilità dei crediti vanno effettuate anche verifiche interne alla azienda per valutare la capacità di riscuotere i propri crediti e la loro corretta rilevazione in bilancio

25 Studio Indri e Lombardi- Padova Verifiche interne Corrette procedure di contabilizzazione del ciclo delle vendite e degli altri cicli aziendali che originano crediti. Presenza di procedure standardizzate di concessione del credito ai clienti e di riscossione del credito (ufficio legale interno, controlli dei fidi concessi ecc)

26 Studio Indri e Lombardi- Padova Verifiche interne Presenza di vendite fuori fido Presenza di assicurazione sui crediti Confronto con anni precedenti per misurare l'aumento o la diminuzione dei termini di pagamento Presenza di sofferenze da anni pregressi Verifica di competenza delle vendite

27 Studio Indri e Lombardi- Padova La lettera di circolarizzazione (Luogo, data)Spettabile (destinatario) (indirizzo) Riscontro saldo al 31/12/2009 I nostri revisori stanno svolgendo presso la nostra Società il normale lavoro di verifica annuale. Vi saremo pertanto grati se vorrete confermare loro il saldo dell'allegato estratto conto alla data suindicata. A questo scopo vogliate inviare questa stessa lettera, debitamente compilata e sottoscritta in calce, al seguente indirizzo: Giangiacomo Indri Raselli (Cadoneghe (PD), via Gramsci 96,35020) (Fax n° 049/ ). Per la risposta potrete utilizzare l'unita busta già indirizzata e che non richiede affrancatura. La presente non è un sollecito di pagamento, ma solo una conferma delle nostre risultanze contabili: per questo motivo Vi preghiamo di voler rispondere in ogni caso, anche se sono intervenuti pagamenti dopo la data suesposta. Vi informiamo che i dati assunti dal Dottor Indri Raselli, titolare del trattamento saranno utilizzati esclusivamente ai fini della revisione contabile del nostro bilancio e che saranno conservati a cura della stessa in archivi cartacei ed in archivi elettronici nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalla legge 675/1996. Si rinvia all'art. 13 della citata legge per i diritti spettanti all'interessato a propria tutela. Grati per la Vostra collaborazione e certi che vorrete aderire alla nostra richiesta con cortese sollecitudine, Vi ringraziamo anticipatamente e Vi porgiamo i nostri distinti saluti. Allegato 1 (non staccare) []a.Confermiamo che alla data suindicata eravamo debitori per Lit. delle quali Lit. coperte da effetti con scadenza dal in avanti. []b.Su detto saldo sono già state pagate le seguenti somme:. []c.Non siamo d'accordo perchè. (Timbro e Firma) Data ____________________ N.B.:Si prega di mettere una X sul [] del paragrafo o dei paragrafi ai quali si vuole rispondere.

28 Studio Indri e Lombardi- Padova Richiesta ai cons. legali (Luogo, data)Spettabile (destinatario) (indirizzo) Il nostro revisore Dottor Giangiacomo Indri Raselli, (Cadoneghe (PD) via Gramsci 96,35020, fax 049/ ), sta svolgendo presso la nostra Società la verifica contabile dell'esercizio chiuso il __31/12/2008___. Le saremo pertanto grati se volesse fornire a lui un elenco delle pratiche affidateLe che indichi sia la natura che una valutazione, anche in termini economici, di ogni disputa e, inoltre, i possibili reclami da parte di terzi od ogni altra passività che possa coinvolgere la nostra Società di cui Lei fosse a conoscenza. Le informazioni richieste non dovranno coprire solo l'intero esercizio fiscale, ma anche i fatti venuti a Sua conoscenza successivamente a tale data e fino alla data della Sua risposta, in particolare: 1.un elenco che riporti la natura e la situazione di qualsiasi litigio o reclamo contro la nostra Società e le Sue previsioni relativamente all'esito finale in caso di soccombenza, oppure di recupero in caso favorevole. Nella Sua analisi la preghiamo di indicare tutti i costi connessi e, se sussiste, il possibile recupero assicurativo; 2.un elenco che indichi la natura e gli importi di ogni giudizio reso o accordo raggiunto in cui la nostra Società è parte attiva o passiva, dall'inizio dell'esercizio fino alla data della Sua risposta; 3.un elenco di tutte le altre possibili passività, laddove vi sia una ragionevole possibilità che il manifestarsi possa influire in maniera determinante e negativa sulla situazione patrimoniale della Società; 4.qualsiasi altra informazione di natura legale a Sua conoscenza e per la quale la Sua opinione dovrebbe essere portata a conoscenza degli azionisti o dei creditori o di altri terzi interessati. La informiamo che i dati assunti dal Dottor Indri Raselli, titolare del trattamento saranno utilizzati esclusivamente ai fini della revisione contabile del nostro bilancio e che saranno conservati a cura dello stesso in archivi cartacei ed in archivi elettronici nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalla legge 675/1996. Si rinvia all'art. 13 della citata legge per i diritti spettanti all'interessato a propria tutela. La preghiamo inoltre di comunicare l'importo dei Suoi onorari maturati alla data di bilancio ma da Lei non ancora fatturati. Il nostro revisore pensa di ultimare il suo esame il __31/01/2009_____ (1) e pertanto Le saremmo grati se inviasse loro la Sua risposta entro il __20/01/2009__ (2). Distinti saluti.

29 Studio Indri e Lombardi- Padova Lettera alle banche Spettabile (destinatario) (indirizzo) Vi preghiamo di confermare direttamente al nostro revisore Dottor Giangiacomo Indri Raselli (sede Caoneghe, via Gramsci 96, 35020, fax 049/ ) le operazioni che avevamo in corso alle ore 24 del giorno 31/12/2008 con Voi. Pertanto Vi autorizziamo, anche in deroga alle norme ed alla prassi relativa al segreto delle operazioni bancarie od a qualsiasi eventuale intesa scritta o verbale esistente, a fornire ai predetti revisori contabili tutte le informazioni previste dal modulo normalizzato ABI in uso presso le Aziende di credito ed a tale riguardo Vi precisiamo che: -il limite di importo da indicare al punto 11.1 è Euro 1; -le date da indicare al punto 11.3 sono le seguenti: tra il 01/01/08 e il 31/12/2008. Vogliate anche confermare sul modulo ABI o in altra forma, le operazioni “fuori bilancio (così come definite al punto 5.10 del capitolo 1 del provvedimento Banca d’Italia 15/7/92) in corso con Voi alla data del _31/12/2008_, precisando, secondo i casi, capitali di riferimento, titolo sottostante, margini in essere, premi incassati e/o pagati, modalità di determinazione e scadenza dei flussi futuri, scadenza del contratto.” Vi informiamo che i dati assunti dal Dottor Indri Raselli, titolare del trattamento saranno utilizzati esclusivamente ai fini della revisione contabile del nostro bilancio e che saranno conservati a cura della stessa in archivi cartacei ed in archivi elettronici nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalla legge 675/1996. Si rinvia all'art. 13 della citata legge per i diritti spettanti all'interessato a propria tutela. Vogliate considerare questa nostra richiesta alla stregua di istruzioni irrevocabili da noi impartite. RingraziandoVi per la fattiva collaborazione, distintamente Vi salutiamo.

30 Studio Indri e Lombardi- Padova Verifiche circolarizzazioni E' opportuno raccogliere il modello 770 di alcuni anni recenti per verificare di quali consulenti si sia servita l'azienda per la gestione delle proprie pratiche e verificare di aver circolarizzato tutti i consulenti.

31 Studio Indri e Lombardi- Padova Controllo delle circolarizzazioni Le circolarizzazioni possono dare 3 esiti Esito positivo (risposta e saldo che combacia) Esito non positivo (risposta ma saldo che squadra) Non risposta

32 Studio Indri e Lombardi- Padova Controllo delle circolarizzazioni Nel caso di non risposta vanno effettuate le cosiddette procedure alternative, ossia delle verifiche documentali che provino l'esistenza del credito, ad esempio un successivo pagamento, oppure altra documentazione comprovante il credito.

33 Studio Indri e Lombardi- Padova Controllo delle Circolarizzazioni Al termine delle verifiche è opportuno redigere un memorandum con gli esiti della procedura di controllo, verificando la copertura, sul totale dei crediti, delle risposte positive, delle risposte negative, delle non risposte cui si è potuti comunque risalire ad un importo e quelle che hanno dato esito negativo

34 Studio Indri e Lombardi- Padova Esempio Clienti risposta Ok100,000 45% Clienti risposta 90,000 40% Clienti non risposta Ok 25,000 11% Clienti non risposta7,000 4% Totale circolarizzato 222,000 Totale Crediti350,000

35 Studio Indri e Lombardi- Padova Altre informazioni Al termine delle verifiche è opportuno redigere anche un breve memorandum sull'area dei crediti che possa essere utile nel rilevare problematiche relative ad altre aree, ad esempio i Ricavi, il Magazzino, le Immobilizzazioni, eccetera.

36 Studio Indri e Lombardi- Padova Riferimenti Codice Civile art ter e 2426 comma 8 e ss. Art. 101 e 106 T.u.i.r. Principi di Revisione Contabile N° 400, 500, 501 e 505.


Scaricare ppt "Studio Indri e Lombardi- Padova Le verifiche dei Crediti nei controlli del Collegio Sindacale Procedure di verifica dei crediti nei controlli di cui all'art."

Presentazioni simili


Annunci Google