La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche – Internazionalizzazione Industria chimica, innovazione e politica industriale Pavia, 10 maggio 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche – Internazionalizzazione Industria chimica, innovazione e politica industriale Pavia, 10 maggio 2011."— Transcript della presentazione:

1 Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche – Internazionalizzazione Industria chimica, innovazione e politica industriale Pavia, 10 maggio 2011

2 Chimica: scienza, industria e Società 1911, Solvay Physics Council : 11 premi Nobel 2011, la sfida dello Sviluppo Sostenibile

3 Una scienza e un’industria complesse Problema ambientale Consumo di risorse, produzione di emissioni e rifiuti gestione di impianti complessi Trasformazione della materia SCIENZA CHIMICA INDUSTRIA CHIMICA Prodotti e soluzioni per la qualità della vita

4 Sviluppo Sostenibile: equilibrio tra aspetti ambientali, sociali ed economici

5 Chimica come “solution provider” turbina eolica sistema di circolazione dell’aria pannelli solari nuovi materiali isolanti sistemi di trasformazione dell’energia (da cinetica a elettrica) sensori per accendere/spegnere luce o riscaldamento OLED bianchi per la luce celle a combustibile o altri sistemi di immagazzinamento e conversione dell’energia idrogeno o altra fonte di energia fornitura locale di calore materiali a cambiamento di fase isolamento delle finestre finestre e vernici autopulenti vernici di facciata foto-voltaiche e autopulenti finestre elettrocromiche (fotovoltaiche) Fonte: Cefic, 2007 sistema di recupero del calore La chimica per la casa del futuro

6 Un settore nel cuore del sistema industriale Materie prime organiche Industria petrolifera Energia Aria Acqua Chimica fine e specialità Chimica di base Industria estrattiva Processo chimico Processo chimico Materie prime inorganiche Chimica di base Carta Consumo Costruzioni Gomma/plastica Agricoltura Servizi Tessile/cuoioMobileAuto Alimentare MetalliMeccanica Flussi acquisti innovazione sostenibilità

7 Un settore in forte cambiamento

8 Chimica mondiale ancora dinamica, ma trainata dai Paesi emergenti Fonte: elaborazioni su Cefic, American Chemistry Council, 2010 Quota sulla produzione chimica mondiale % 39% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Produzione chimica mondiale (indici 1° trimestre 2002=100) Paesi Avanzati Paesi Emergenti Mondo Paesi Emergenti Paesi Avanzati

9 Nella chimica italiana ruolo significativo delle PMI Distribuzione della produzione in Italia Piccole e Medie Imprese Italiane 41% Medio-grandi gruppi italiani 23% Fonte: stime Federchimica, 2008 Imprese a capitale estero 36% Note: medio grandi gruppi italiani = vendite mondiali superiori a 100 milioni di euro

10 Nota: imprese con capitale a maggioranza italiano; i valori si riferiscono ai prodotti chimici (al netto dei farmaci) Quarto capitalismo nella chimica italiana Fonte: Federchimica produzione in Italia vendite mondiali (milioni di euro) produzione in Italia vendite mondiali Polimeri Europa Esseco Group169Gruppo Mapei1670 Gruppo Zobele211 Gruppo Bracco Montefibre165 Mirato Group Index Gruppo P & R 117 Intercos Gruppo C.O.I.M.420 Polynt Gruppo SIAD415 Sadepan Chimica226 Gruppo Aquafil Isagro194 Radici Group774 Gruppo Mossi & Ghisolfi V Partecipaz. Industriali Indena / IdB Holding Dobfar Holding Gruppo SOL Gruppo Colorobbia Gruppo Sipcam Oxon Gruppo Lamberti Reagens12265 Gruppo Sapio F.I.S. 159 Inver10370 Deborah101 Sinterama9550 Fluorsid91 Paglieri Profumi92 Giovanni Bozzetto9048 Syndial85 Gruppo SOL.MAR.86 Lechler85 FACI13060 Gruppo Desa199 Silvateam9075

11 La nuova politica industriale

12 “Nel mercato globale la competitività non è solo tra imprese ma anche tra nazioni” (M. Porter, 1990) La politica industriale deve promuovere la competitività dell’impresa attraverso l’efficienza delle condizioni esterne

13 Chimica Pubblica Amministrazione Territorio Ambiente Trasporti Scienza Scuola Formazione Energia Sistema normativo Nella chimica la competitività dipende dal sistema Paese

14 L’industria è al centro del nuovo modello di crescita della strategia Europa2020 Vero motore di sviluppo della società 2 posti di lavoro su 4 (industria + servizi collegati) 80% delle spese di R&S 75% delle esportazioni Commissione Europea “Una politica industriale integrata per l’era della globalizzazione” Analisi di impatto di concorrenzialità per tutte le iniziative politiche

15 “European Chemicals Industry Enabler of a Sustainable Future” High Level Group sulla Chimica europea

16 Principali conclusioni “The European chemical industry is key for economic development and wealth, providing modern products and materials and enabling technical solutions in virtually all sectors of the economy”

17 Principali conclusioni “The top challenges for humanity require new solutions, many of which can only be implemented through new materials and substances” Alimentazione sostenibile Invecchiamento della popolazione Climate change “A sustainable chemical industry is indispensable to address some of these pressing global issues”

18 Regulation Proper consultation of stakeholders Improuved communication by authorities More harmonised and correct application of rules are key elements of a good regulatory framework

19 Aree di intervento Inq. Idrico (5%) Rifiuti (14%) Inq. atmosferico (14%) Sostanze pericolose (50%) Sicurezza (17%) Impatto cumulativo della regolamentazione Fonte: Federchimica Numero cumulato di provvedimenti legislativi comunitari in materia ambientale

20 Normative e burocrazia “intelligenti” a tutti i livelli Livello comunitario : normative “competitive” Livello nazionale : recepimento senza aggravi Livello locale : applicazione con tempi brevi e certi e senza veti incrociati

21 “Think small first”: il faro della semplificazione Valutazione dell’utilità delle misure a favore delle PMI semplificazione e/o coordinamento informazione e guida esenzioni trattamento differenziato riferimento solo a PMI esenzione temporanea (% giudizio di massima utilità) Peso delle PMI nella chimica italiana ed europea (% addetti) 85% 65% 50% 42% 35% 10% 63% 42% Italia Europa Fonte: Commissione Europea, GHK, Eurostat

22 Riconoscimento dell’impegno volontario delle imprese Infortuni sul lavoro (numero per milioni di ore lavorate) Emissioni della chimica (anno 2009, indice 1989=100) In acqua -16% -94% -91% -52% In aria -94% -64% Metalli Ind. trasformazione Legno Gomma Mezzi di trasporto Alimentare Meccanica Carta Elettrotecnica Tessile Chimica Cuoio e pelle - Imprese Responsible Care ® Petrolifera 44,0 25,9 25,8 24,1 20,2 20,5 18,5 13,7 10,8 10,3 9,1 10,6 8,5 6,3 Note: media triennio Fonte: Federchimica - XVI Rapporto Responsible Care® 2010

23 REACH (Registration, Evaluation, Authorization of CHemicals) Nuovo sistema di regolamentazione europeo delle sostanze chimiche (2007) È il pi ù grande intervento legislativo europeo Sostituisce ben oltre 40 interventi normativi Regolamento in continua evoluzione... gi à nel 2012 è prevista la prima revisione

24 Finalit à del REACH Mappatura di tutte le sostanze chimiche presenti sul mercato europeo (sostanze, preparati, articoli) Accrescere la conoscenza degli effetti delle sostanze sull ’ uomo e sull ’ ambiente Correlazione tra sostanza, pericolosit à e campo d ’ impiego (Uso Identificato) Sostituire le sostanze pi ù problematiche con sostanze o tecnologie meno pericolose Armonizzare e semplificare a livello europeo la legislazione sui prodotti chimici

25 15 Titoli (141 Articoli) e 17 Allegati: circa 800 pagine! Sistema unico di gestione del rischio delle sostanze chimiche attraverso:  Registrazione di tutte le sostanze che superano la produzione di 1 ton/anno  Valutazione delle sostanze: permetter à alle autorit à di esaminare eventuali ulteriori test, di evitare i test non necessari  Autorizzazione di sostanze ad alto rischio  Istituzione di un ’ Agenzia Europea delle sostanze chimiche

26 Campo di applicazione Il Regolamento REACH si applica alle sostanze in quanto tali o in quanto componenti di preparati o di articoli prodotte o importate in UE Coinvolge produttori e importatori di sostanze chimiche, di formulati chimici e di articoli, nonch é ogni utilizzatore industriale di sostanze chimiche

27 More innovation and research are key to securing the future of the European chemicals industry More innovation is key for a sustainable and healthy European chemicals industry Education and attracting talent: foundations of innovation and competitiveness Research: pillar of chemical innovation Innovation needs trust: improving communication with stakeholders Knowledge is key: protection of Intellectual Property Rights (IPR)

28 Responsible use of natural resources and level playing eld for sourcing energy & feedstock are success factors for competitiveness and Sustainability Energy and feedstock as decisive elements of competitiveness Raw material change: towards higher contribution of renewable raw materials Action on climate change as a business opportunity for the European chemicals industry In a globalised chemicals industry, global action including an adequate engagement of emerging economies is essential to combat climate change Europe’s chemicals industry has made much progress in reducing energy intensity and emissions but further efforts are necessary

29 Competitive chemicals industry needs open markets with fair competition European chemicals industry: strong global player facing mounting pressure Priorities of a European trade policy: promoting and safeguarding competitiveness of its chemicals industry Securing access to raw materials in non discriminatory conditions


Scaricare ppt "Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche – Internazionalizzazione Industria chimica, innovazione e politica industriale Pavia, 10 maggio 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google