La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 L’esperienza del Comune di Ferrara Dai progetti di mandato alla Balanced Scorecard Riflessioni su un anno di lavoro Comunicazione del Segretario Direttore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 L’esperienza del Comune di Ferrara Dai progetti di mandato alla Balanced Scorecard Riflessioni su un anno di lavoro Comunicazione del Segretario Direttore."— Transcript della presentazione:

1 1 L’esperienza del Comune di Ferrara Dai progetti di mandato alla Balanced Scorecard Riflessioni su un anno di lavoro Comunicazione del Segretario Direttore Generale Roberto Finardi

2 2

3 3

4 4 Il Comune di Ferrara: alcuni dati

5 5 Le misure del Comune ci dicono che con più di abitanti Ferrara è una città che per popolazione si colloca tra i primi trenta capoluoghi di provincia italiani Con la sua superficie territoriale di oltre 400 KMQ è: - più del doppio del territorio del comune di Milano - quasi tre volte il territorio del comune di Bologna - più di tre volte il territorio del comune di Torino - quasi quattro volte il territorio del comune di Napoli

6 6

7 7

8 8 SEGRETARIO1 DIRIGENTI DI SETTORE A TEMPO INDETERMINATO10 DIRIGENTI DI SERVIZIO A TEMPO INDETERMINATO24 DIRIGENTI TEMPO DETERMINATO7 ALTE SPECIALIZZAZIONI A T.D.12 POSIZIONI ORGANIZZATIVE15 ALTE PROFESSIONALITA'5 DIPENDENTI TEMPO INDETERMINATO CO.CO.CO IN SERVIZIO A DICEMBRE COMANDI IN USCITA4 COMANDI IN IN ENTRATA4 TOTALE1.653 PERSONALE AL STAFF A TEMPO DETERMINATO DIPENDENTI TEMPO DETERMINATO (*) (*) il dato comprende insegnanti supplenti

9 9 La dirigenza

10 10 La situazione di partenza Documenti programmatici dell’esercizio finanziario 2005: - importante incongruenza tra i diversi livelli di programmazione - al PROGRAMMA DI MANDATO DEL SINDACO non fa effettivo riscontro la R.P.P. costruita per ASSESSORATI - il PEG copre con oltre 600 progetti l’attività dell’ente ma non valorizza adeguatamente le azioni finalizzate al conseguimento di obiettivi strategici - mancano significativi indicatori di risultato nella gran parte dei casi. - completamente assente Il PDO.

11 11 Gestione del personale Necessità di una politica aziendale. Esigenza di un sistema incentivante. Programmazione Difficoltà nel definire gli obiettivi. Difficoltà di conoscere le strategie e il collegamento con gli obiettivi annuali. Tensione nel rapporto con servizi centrali. Ridondanza degli strumenti e mutevoli nel tempo. Processo decisionale Direzione operativa da valorizzare Complessità nei rapporti con gli amministratori. Modelli collegiali/partecipativi diffusi Necessità di un coordinamento Sistema informativo Autonomia ed eterogeneità tra i settori. Limitato utilizzo database disponibili. Esigenza di condivisione e di un unico “bacino” informativo. Esigenza tempestività delle informazioni. Carenze conoscenze tecniche Organizzazione Esistenza di alcune anomalie (es. Teatro, CSP). Difficoltà di coordinamento tra settori e servizi. Controllo Esigenza di strumenti più efficaci. Limitato utilizzo dei sistemi centrali di controllo. Ridondanza di autonomi processi di controllo ad utilizzo locale. Schema di analisi interviste Gestione Integrata

12 12 LINEE GUIDA PER PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PROGRAMMA DI MANDATO DEL SINDACO 2004/ PROGETTI DI MANDATO 2004/

13 13 VALORI  Coesione, integrazione, accoglienza  Rinnovamento e partecipazione  Sostenibilità ambientale  Cura del patrimonio cittadino  Qualità VISIONE Una citt à europea, pi ù aperta e partecipe del mondo, che fa della qualit à delle relazioni, del vivere, del produrre e del pensare il suo tratto principale. Una citt à rivolta al rinnovamento di s é e delle sue prospettive, unita nell'obiettivo di costruire una classe dirigente nuova e giovane, in grado di governare il futuro. Il Comune: un protagonista nelle reti e nelle relazioni del territorio provinciale, regionale e oltre RISORSE  La politica di bilancio: riequilibrio, cessione patrimonio, cofinanziamento.  Le politiche del personale, il piano occupazionale dell'Ente, la riorganizzazione  Consenso, sostegno e partecipazione STRUMENTI della STRATEGIA  Piano Strutturale Comunale  Piano Triennale delle Opere Pubbliche  I grandi dipartimenti, il RUP  Governance partecipativa  Le società per i servizi pubblici locali  Controllo qualità indoor e outdoor  Piano Sociale di Zona, Piano della Salute  Ferrara Musica, Ferrara Arte, Teatro,  SIPRO, Fiera, Ferrara Ricerca Sintesi Programma  Palazzo degli Specchi  Museo della Shoah  Ospedale di Cona  Nuovo piano strutturale della città (PSC)  Metropolitana (stazione, Cona, Quartesana)  Sicurezza stradale  Mobilità: infrastrutture, ztl, TPL, biciclette  Parcheggi in project financing  Bonifica e industrializzazione area petrolchimica, marketing territoriale  Riequilibrio strutturale del bilancio  Riqualificazione centro storico (programma d’area)  Manutenzione città (verde, arredo, illuminazione, strade)  Riorganizzazione macchina: 3 dipartimenti: territorio/risorse/servizi alla persona  Riqualificazione frazioni  FERAMA: Ferrara 2007: la città degli Estensi  I PPQ  Espansione offerta scolastica per l’infanzia  Certificazione EMAS Comune  Riorganizzazione aziende servizi pubblici locali  Giardino delle Duchesse (ed ex Bazzi)  Politica della casa e dell’accoglienza  Riorganizzazione dei servizi sociali (associazione dei comuni) e socio- sanitari (agenzia distrettuale)  Poli Museali e S. Cristoforo  Riqualificazione Darsena  Polo bibliotecario e archivistico  Città universitaria: ricerca e tecnologia  Le istituzioni culturali della città PROGRAMMI strategici rispetto alla visione

14 14 STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE - GESTIONE - CONTROLLO RELAZIONE PROGRAMMATICA PREVISIONALE (R.P.P.) Piano triennale OO.PP. - Bilancio Pluriennale AGENDA DEL SINDACO 2006 Dettaglio dei progetti in obiettivi PIANO ESECUTIVO GESTIONE (P.E.G.) Dettaglio degli obiettivi in azioni BILANCIO SOCIALE Rendicontazione della ricaduta delle azioni svolte in termini di efficienza – efficacia - economicità

15 15 TERRITORIOWELFARERISORSE infrastrutture e reti cultura umane- organizzative sviluppo urbanoeducativo sociale finanziarie, societarie istituzionali 3 raggruppamenti programmatici 7 programmi 27 progetti di mandato + 1 n° 67 obiettivi PROCESSO PIANIFICAZIONE 10) La manutenzione della città Pocaterra 12) Vivere nelle frazioni Tumiati 13) Il sistema dei parcheggi Rossi 14) La metropolitana di superficie Rossi 4) Il nuovo ospedale di Ferrara Rossi 6) Il nuovo piano urbanistico comunale Barillari 7) Un centro storico vivo e vivibile Fedozzi 8) Il giardino delle duchesse e l’ex Bazzi Fedozzi 9) La riqualificazione della Darsena Rossi 11) La mobilità Croce 15) Nuove attività nelle aree dismesse Tumiati 17) Ferrara 2007: la città degli Estensi Lenzerini 18) I Poli Museali e il Tempio di San Cristoforo Buzzoni 19) Il polo bibliotecario e archivistico Buzzoni 21) Il Museo della Shoah Lenzerini 1) Ampliare e migliorare l’offerta scolastica Bondi 5) Un piano per la sicurezza stradale Guidetti 20) Città universi- taria: ricerca e tecnologia Guidetti 2) Abitare a Ferrara. La casa e l’accoglienza Guidetti 3)L’assisten za e la cura Cassoli 22) Palazzo degli specchi. Sportello unico per i cittadini Finardi 23) Un’amministrazio- ne rinnovata ed efficiente Finardi 24) Registrazione EMAS del Comune di Ferrara Bassi 27) I Programmi Partecipati di Quartiere (P.P.Q.) Angelini 16) Le istituzioni culturali della città Buzzoni 25) Le aziende di servizi pubblici locali Tortora 26) Riequilibrare il bilancio per realizzare il programma Pellegrini 28) Un piano strategico per la città Tumiati n° 234 piani esecutivi gestionali AGENDA SINDACO 2006 P.E.G.

16 16 RPP Progetti di mandato Monitoraggio Trimestrale AGENDA SINDACOn. 67 obiettivi Monitoraggio Mensile/Bimestrale PIANI ESECUTIVIn. 247 piani Monitoraggio Quindicinale/Mensile Amministratori Giunta e Direzione Operativa Legenda: ! ! PROGETTO………. OBIETTIVO………. PIANO…………….. sono stati rispettati i tempi stabiliti sono stati sforati i tempi previsti solo alcune fasi sono state rispettate non è partito deve ancora iniziare come da previsione

17 17 ESEMPIO PROGETTO DI MANDATO/AGENDA DEL SINDACO

18 18

19 19 Verso la BSC le azioni 1.Analisi dei programmi di mandato e individuazione delle strategie sottese. 2.Riflessione a livello di settore sulle strategie emerse. 3.Individuazione del modello di scheda bilanciata più adeguata. 4.Condivisione del modello di scheda bilanciata. 5.Applicazione graduale all’interno del Comune.

20 20 I progetti di mandato: quali sono i legami? Vivere nelle frazioni Centro storico vivibile Ampliamento e miglioramento offerta scolastica P.P.Q. Manutenzione città Riqualificazione Darsena Palazzo degli Specchi. Sportello unico per cittadini Polo bibliotecario e archivistico Nuove attività aree dismesse Città universitaria: ricerca e tecnologia Abitare a Ferrara. La casa, l’accoglienza, l’assistenza e la cura Amministrazione rinnovata ed efficiente Riequilibrio bilancio Aziende e servizi pubblici locali. Giardino delle duchesse - Ex Bazzi Sistema dei parcheggi Ospedale “Cona” Metropolitana di superficie Nuovo Piano Urbanistico Comunale Migliorare la mobilità Consolidamento qualità offerta culturale Ferrara 2007: la città degli Estensi Il Museo della Shoah I Poli Museali il Tempio S.Cristoforo Piano sicurezza stradale Registrazione EMAS Istituzioni culturali Della città Piano strategico 29

21 21 Mappa strategica complessiva Vivere nelle frazioni Centro storico vivibile Ampliamento e miglioramento offerta scolastica P.P.Q. Manutenzione città Riqualificazione Darsena Palazzo degli Specchi. Sportello unico per cittadini Polo bibliotecario e archivistico Nuove attività aree dismesse Città universitaria: ricerca e tecnologia Abitare a Ferrara. La casa, l’accoglienza, l’assistenza e la cura Amministrazione rinnovata ed efficiente Riequilibrio bilancio Aziende e servizi pubblici locali. Giardino delle duchesse - Ex Bazzi Sistema dei parcheggi Ospedale “Cona” Metropolitana di superficie Nuovo Piano Urbanistico Comunale Migliorare la mobilità Consolidamento qualità offerta culturale Ferrara 2007: la città degli Estensi Il Museo della Shoah I Poli Museali il Tempio S.Cristoforo Piano sicurezza stradale Registrazione EMAS Istituzioni culturali Della città Piano strategico 30

22 22 La mappa strategica globale PS 1 Manutenzione della città PS 2 Migliorare la mobilità PS 3 Vivere a Ferrara PS 4 Consolidare qualità offerta culturale PS 5 Amm.ne rinnovata e efficiente Priorità strategiche OS 1. Porre l’utente/cittadino al centro dei servizi OS 2. Perseguire piena accessibilità ai servizi OS 4. Migliorare gli Standard dei servizi Prospettiva Comunità Prospettiva Processi Prospettiva apprendimento OS 9. Ripensare ai processi a favore degli utenti/cittadini OS 10. Aumentare la partecipazione nei processi decisionali degli stakeholder OS 11. Accrescere la capacità di governo dei servizi OS 15. Misurazione dei risultati e accountability Os 16. Accrescere le competenze del personale OS 17. Promuovere ed incentivare autonomia e responsabilità OS 18. Sviluppare sistemi informativi integrati OS 19. Accrescere la leadership OS 5. Riequilibrio di bilancio OS 6. Incrementare il ricorso a fonti esterne OS 7. Aumentare efficienza tributaria OS 8. Migliorare efficienza approvvigionamenti Prospettiva Ec-Fin. PS 6 Sviluppo sostenibile OS 3. Migliorare la sicurezza OS 4.1 Migliorare la qualità degli spazi e del territorio OS 12. Valutazione EMAS dei processi Os 14. Aumentare trasversalità e integrazione tra settori/servizi OS 13. Migliorare la comunicazione interna ed esterna OS 20. Favorire il lavoro di gruppo


Scaricare ppt "1 L’esperienza del Comune di Ferrara Dai progetti di mandato alla Balanced Scorecard Riflessioni su un anno di lavoro Comunicazione del Segretario Direttore."

Presentazioni simili


Annunci Google