La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Aula R.Bastianelli 8 MARZO L'immagine ritrovata: La centralità della qualità di vita della paziente oncologica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Aula R.Bastianelli 8 MARZO L'immagine ritrovata: La centralità della qualità di vita della paziente oncologica."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Aula R.Bastianelli 8 MARZO L'immagine ritrovata: La centralità della qualità di vita della paziente oncologica

2 Il rapporto tra l'infermiera e la paziente: tutto quello che al medico non si chiede 8 Marzo 2011 S.Imperatori

3 Policlinico A.Gemelli Unità operativa suddivisa in: Chirurgia Ginec.Oncologica Chemioterapia Chirurgia senologica Chirurgia Ginec.Benigna Totale: 41 posti letto

4 TIPOLOGIA DI PAZIENTI Con diversi bisogni di cura e aspettative personali

5 Policlinico A.Gemelli Unità operativa di Ginecologia Il personale di assistenza è composto da infermiere ed ostetriche

6 Infermiera di Oncologia: Competenza Empatia Capacità di instaurare un rapporto leale con la paziente

7 “qualità percepita” La “qualità percepita” dell'assistenza dipende dalla relazione che si instaura tra la paziente e l'operatore sanitario (infermiera, ostetrica)

8 PERSONALIZZAZIONE Adattamento dell'azione professionale alla soggettività della persona/paziente ed ai suoi bisogni

9 operatore sanitario L'operatore sanitario è chiamato a modulare l'intervento professionale in funzione della persona umana presa in carico

10 atteggiamento L'atteggiamento dovrà essere empatico, ovvero di comprensione e partecipazione ai problemi della paziente

11 FASI DELL'ASSISTENZA Accoglienza Anamnesi infermieristica Esecuzione esami ematochimici e strumentali preoperatori Sistemazione nella camera di degenza Informazioni su regole del reparto

12 FASE PRE-OPERATORIA Ev. preparazione intestinale Ev. tricotomia Doccia pre-intervento Chiarimenti circa il tipo di intervento Sostegno psicologico

13 FASE POST-OPERATORIA Presa in carico della paziente al ritorno dalla S.O. Controllo dei parametri vitali Terapia infusionale Controllo e gestione del dolore

14 FASE SUCCESSIVA Mobilizzazione della paziente Gestione di eventuali drenaggi e stomie Controllo e gestione del dolore Sostegno psicologico

15 FASE PRE-DIMISSIONE Informazione ed educazione della paziente alla gestione di eventuali stomie o c.v.c. (ED. SANITARIA) Rinforzo dell'autostima necessaria a consentire una buona qualità di vita

16 FASE PRE-DIMISSIONE Informazione su aspetti inerenti la vita quotidiana, fornendo risposte alle domande espresse

17 TRATTAMENTO CHEMIOTERAPICO Chiarimenti inerenti il protocollo di CHT Informazioni su l'indicazione al posizionamento di un c.v.c. Infusione di farmaci CHT Gestione di ev. effetti collaterali Supporto psicologico

18 dimissione Alla dimissione mantenimento di un contatto con la paziente attraverso un servizio telefonico, ambulatoriale o diretto

19 NASCITA DI UN AMBULATORIO INFERMIERISTICO Medicazioni Gestione di stomie Gestione di c.v.c. Ed. sanitaria

20 CONCLUSIONI Offrire un'assistenza infermieristica globale significa dedicare alla paziente il massimo delle risorse personali, assistendo la persona in tutta la sua integrità psico-fisica


Scaricare ppt "Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Aula R.Bastianelli 8 MARZO L'immagine ritrovata: La centralità della qualità di vita della paziente oncologica."

Presentazioni simili


Annunci Google