La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DIDATTICA SPECIALE A.A. 2010/11 II Semestre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DIDATTICA SPECIALE A.A. 2010/11 II Semestre."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DIDATTICA SPECIALE A.A. 2010/11 II Semestre

2 LISTA DEGLI STRUMENTI DIAGNOSTICI SINDROME AUTISTICA ESAME FUNZIONALE GENERALE DELLO STATO DI AUTISMO ESAME FUNZIONALE NELLE CONDOTTE LUDICHE AUTISTICHE 1 ESAME FUNZIONALE NELLE CONDOTTE LINGUISTICHE AUTISTICHE 2 INDICATORI PER LA DIAGNOSI PRECOCE DELL’AUTISMO CH.A.T. TEST PER L’INDIVIDUALIZZAZIONE DI SINTOMI AUTISTICI NELL’ETÀ PRE-SCOLARE TEST DIAGNOSTICO DELL’AUTISMO SCALA BRETONNEAU

3 ESAME FUNZIONALE DELLE CONDOTTE LUDICHE AUTISTICHE A. Basile, 1999 – USO NON FUNZIONALE DEGLI OGGETTI – ALLINEAMENTO DI OGGETTI – REITERAZIONE DI COMPORTAMENTI – POVERTA’ DEL GIOCO SIMBOLICO – MODESTA ATTIVITA’ IMITATIVA – MODESTA/ASSENTE CAPACITA’ ORGANIZZAZIONE ATTIVITA’ LUDICHE – ATRAZIONE ECCESSIVA VERSO UN GIOCATTOLO O PARTE DI ESSO – GIOCO IPERSELETTIVO – DIFFICOLTA’ NEL RISPETTO TURNAZIONE – LANCIO IMPROVVISO DI OGGETTI – APPARENTE POCA PARTECIPAZIONE EMOTIVA – GIOCHI BIZZARRI – DIFFICOLTA’ RISPETTO REGOLE

4 ESAME FUNZIONALE DELLE CONDOTTE LINGUISTICHE AUTISTICHE P. CRISPIANI, 1999 DISTURBI FONATORI RITARDO DI PAROLA (sillabe contratte, alterazione sequenza, sostituzione sillabe) RIPETITIVITA’ LESSICALE E SINTATTICA RITARDO FRASALE (parola-frase, frase contratta,ecc) DISCOMPRENSIONE DOMANDE/CONSEGNE SEMPLICI DISTURBO DI CONVERSAZIONE ( iniziarla e sostenerla) INVERSIONE PRONOMINALE REALISMO LINGUISTICO (significato letterale, concreto, decontestuale) AFFERMAZIONI IN FORMA INTERROGATIVA ( Sono io Luca? Io vado a scuola?) ESPRESSIONI INSOLITE, BIZZARRE SCARSA INTONAZIONE E PROSODIA ECOLALIA SCARSA CREATIVITA’ LINGUISTICA AUDIO-MUTISMO

5 SCALA DI LIVELLO per la rilevazione dei comportamenti del soggetto con autismo Theo Peeters – ESEGUE AUTONOMAMENTE – ESEGUE CON L’ADULTO VICINO – ESEGUE CON L’AIUTO VERBALE – ESEGUE CON IMITAZIONE – ESEGUE CON INDICAZIONI GESTUALI – ESEGUE CON GUIDA FISICA

6 TEST CH.A.T.: LISTA DI CONTROLLO Durante la visita il bambino ha realizzato un contatto oculare con voi? Ottenete l’attenzione dal bambino e indicando con la mano un oggetto interessante all’altro lato della stanza, esclamate: “Ehi, guarda!C’è un..(nome dell’oggetto). Controllate l’espressione del bambino: rivolge lo sguardo verso l’oggetto che avete indicato? N.B. Accertarsi che bambino guardi l’oggetto e non la mano

7 TEST CH.A.T.: LISTA DI CONTROLLO Date al bambino un bicchiere e una bottiglia vuota e chiedetegli: “Sai versare l’acqua?” Il bambino accenna l’azione di versare o bere? Chiedete al bambino “dov’è la luce” o fammi vedere la luce”. Il bambino punta il suo indice verso la luce? Se non conosce ancora la parola luce potete usare un altro oggetto di sua conoscenza, sempre al di fuori della sua portata N.B. Il bambino vi deve guardare in faccia quando indica Il bambino riesce a costruire una torre di tubi?

8 INDIVIDUAZIONE SINTOMI- ETA’ PRESCOLARE A.DOMANDE AI GENITOTI 1.Al bambino piace essere dondolato o fatto saltellare sulle ginocchia? 2.Si interessa agli altri bambini? 3.Gli piace arrampicarsi sui mobili o sulle scale? 4.Si diverte a fare giochi tipo nascondino? 5.Gioca a “far finta di” preparare da mangiare,ecc.? 6.Usa dito per indicare o chiedere? 7.Usa dito per indicare interesse in qualcosa? 8.Gioca in modo appropriato con i giocattoli? 9.Vi porge oggetti per farveli vedere?

9 INDIVIDUAZIONE SINTOMI- ETA’ PRESCOLARE B. OSSERVAZIONI DURANTE LA VISITA 10.Vi fissa negli occhi? 11. Guarda ciò che indicate? 12. Quanti cubi sovrappone? 13. Indica un oggetto che gli mostrate e mentre indica guarda l’interlocutore? APPROFONDIMENTO DIAGNOSTICO: 7 RISPOSTE NO SU 13

10 SCALA BRETONNEAU A.SINTOMI CARATTERISTICI DELL’AUTISMO 1.CHIUSURA AUTISTICA a.Cerca l’isolamento b.Ignora gli altri c.Interazione sociale insufficiente d.Sguardo inadeguato alla situazione

11 SCALA BRETONNEAU A.SINTOMI CARATTERISTICI DELL’AUTISMO 2. TURBE DELLA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE a.Non fa nessun tentativo di comunicare mediante la parola b.Difficoltà a comunicare mediante la parola c.Emissioni vocali o verbali stereotipate

12 SCALA BRETONNEAU A.SINTOMI CARATTERISTICI DELL’AUTISMO 3. REAZIONI BIZZARRE ALL’AMBIENTE a.Mancanza di iniziativa b.Ridotta attività spontanea c.Strani comportamenti con gli oggetti (bambole) d.Intolleranza nei confronti dei cambiamenti e delle frustrazioni

13 SCALA BRETONNEAU B. SINTOMI ASSOCIATI 1.TURBE DELLA MOTRICITA’ a. attività sensoriale e motoria stereotipata. b. Agitazione e turbolenza. c. Mimica, postura, marce bizzarre 2. REAZIONI AFFETTIVE INADEGUATE a.Autoagressività b.Eteroaggressività c.Piccoli segni di angoscia d.Alterazione dell’umore

14 SCALA BRETONNEAU B. SINTOMI ASSOCIATI 3. TURBE DELLE GRANDI FUNZIONI ISTINTIVE a.Turbe dei comportamenti alimentari b.Disturbi dell’attenzione, della percezione e delle funzioni intellettuali c.Difficoltà a fissare l’attenzione su qualcosa, facile distraibilità d.Bizzarrie nelle reazioni ai suoni

15 DIFFERENZE TRA BAMBINI NORMALI E AUTISTICI COMUNICAZIONE RELAZIONE SOCIALE ESPLORAZIONE DELL’AMBIENTE

16 DIFFERENZE TRA BAMBINI NORMALI E AUTISTICI. COMUNICAZIONE EVITA CONTATTO VISIVO SEMBRANO SORDI INIZIANO A SVILUPPARE IL LINGUAGGIO, POI IMPROVVISAMENTE SMETTONO COMPLETAMENTE DI PARLARE STUDIANO IL VISO DELLA MADRE SONO FACILMENTE STIMOLATI DAI SUONI. AMPLIAMENTO CONTINUO DEL VOCABOLARIO E DELL’USO DELLA GRAMMATICA.

17 DIFFERENZE TRA BAMBINI NORMALI E AUTISTICI. RELAZIONI SOCIALI AGISCONO COME INCONSAPEVOLI DELL’ANDARE E VENIRE DEGLI ALTRI ATTACCANO FISICAMENTE E FANNO DEL MALE AGLI ALTRI SENZA ESSERE STATI PROVOCATI INACCESSIBILI COME UN GUSCIO PIANTO QUANDO LA MADRE SE NE VA O ANSIA CON ESTRANEI TURBAMENTO SE ARRABBIATI O FRUSTRATI RICONOSCONO VISI FAMILIARI E SORRIDONO

18 DIFFERENZE TRA BAMBINI NORMALI E AUTISTICI. ESPLORAZIONE DELL’AMBIENTE FISSAZIONE SU UN SINGOLO OGGETTO O ATTIVITA’ AZIONI BIZZARRE. ES. DONDOLAMENTO O SBATTERE LE MANI ODORANO O LECCANO I GIOCATTOLI NON SENSIBILITA’ ALLE SCOTTATURE O ALLE FERITE, E SI FANNO MALE METTENDOSI OGGETTI NEGLI OCCHI,ECC. MOVIMENTO TRA OGGETTI O ATTIVITA’ VARIE USANO CORPO PER RAGGIUNGERE O PRENDERE UN OGGETTO ESPLORANO E GIOCANO CON I GIOCATTOLI CERCANO PIACEREED EVITANO IL DOLORE

19 DIAGNOSI DIFFERENZIALE SINDROME DI ASPERGER SINDROMIN BORDER LINE DISTURBO DI RETT DISTURBO DISINTEGRATIVO DELLA FANCIULLEZZA SCHIZOFRENIA MUTISMO SELETTIVO DISTURBI DA MOVIMENTI STEREOTIPATI DISTURBO DELL’ESPRESSIONE DEL LINGUGGIO DISTURBO MISTO DELLA ESPRESSIONE E DELLA RICEZIONE DEL LINGUAGGIO


Scaricare ppt "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DIDATTICA SPECIALE A.A. 2010/11 II Semestre."

Presentazioni simili


Annunci Google