La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

8C 1C 12T 5L 5S Solco mediano posteriore Rigonfiamento cervicale Rigonfiamento lombare filum terminale Midollo spinale rivestito di pia madre Ganglio spinale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "8C 1C 12T 5L 5S Solco mediano posteriore Rigonfiamento cervicale Rigonfiamento lombare filum terminale Midollo spinale rivestito di pia madre Ganglio spinale."— Transcript della presentazione:

1 8C 1C 12T 5L 5S Solco mediano posteriore Rigonfiamento cervicale Rigonfiamento lombare filum terminale Midollo spinale rivestito di pia madre Ganglio spinale radice anteriore Fessura anteriore canale centrale Col. grigia posteriore pia madre dura madre colonna bianca anteriore legamento denticolato colonna bianca laterale colonna bianca posteriore solco mediano posteriore aracnoide Col. grigia laterale Col. grigiaanteriore radice posteriore aracnoide dura madre Nervo spinale

2 Sostanza grigia Sostanza bianca Legamento dentato Pia madre aracnoide Dura madre Nervo spinale Ganglio spinale Radice anteriore Dura madre e aracnoide Cono midollare Primo nervo spinale lombare Cauda equina Radici dei nervi spinali Ganglio spinale sacro Nervo spinale coccigeo coccige Limite inferiore dello Spazio subaracnoidale Filum terminale Radice posteriore Ramo anteriore Processo trasverso Legamento dentato Ganglio spinale Radice posteriore Radice anteriore Midollo spinale Ramo bianco Ramo grigio Tronco simpatico Ganglio simpatico Dura madre Corpo vertebrale Plesso venoso intravertebrale Vena basivertebrale Osso parietale Strato endostale della dura madre Strato meningeo della dura madre aracnoide Pia madre Lobo frontale Pia madre aracnoide Strato meningeo della dura madre che forma la falce encefalica Nervo spinale Ramo posteriore

3 DISTRIBUZIONE NEURONI I TIPO GOLGI: I loro prolungamenti abbandonano la sostanza grigia 1. -FUNICOLARI (localizzati nelle corna grigie posteriori) a. di ASSOCIAZIONE: interconnettono diversi neuromeri e questi con il tronco encefalico (lungo tutto il midollo) b. di PROIEZIONE: diretti a formazioni sovrassiali (lungo tutto il midollo spinale) 2. -RADICOLARI (localizzati nelle corna grigie anteriori): a. VISCEROEFFETTORI: localizzati alla base delle corna anteriori in alcuni tratti del midollo (toracico-sacrale) b. SOMATOEFFETTORI: localizzati nelle corna anteriori lungo tutto il midollo spinale II TIPO GOLGI: I loro prolungamenti non abbandonano la sostanza grigia collegano le corna posteriori con le anteriori (lungo tutto il midollo spinale); SOSTANZA GELATINOSA di ROLANDO

4 Nuclei della sostanza grigia del midollo spinale

5

6

7 Talamo recettore Corteccia cerebrale

8 Fascicoli gracile E cuneato Nuclei gracile E cuneato Fibre arquate interne Lemnisco mediale Talamo Capsula interna Corona radiata Corteccia cerebrale Midollo spinale Bulbo Ponte Mesencefalo Bulbo

9 Corteccia cerebrale Tratto cortico- spinale anteriore Decussazione nelle piramidi Tratto cortico- spinale Capsula interna Corona radiata Corteccia cerebrale -omunculus Bulbo Ponte Mesencefalo Bulbo Midollo spinale

10 Talamo Motoneurone inferiore Cervelletto Nuclei cerebellare profondi Corteccia cerebrale Nucleo rosso Mesencefalo Ponte Formazione reticolare Bulbo Tratto reticolo- spinale bulbare Tratto reticolo- spinale pontino

11 Organizzazione somatotopica

12 1. FASCICOLO GRACILE E CUNEATO: PROPIOCEZIONE COSCIENTE, VIBRAZIONE, TATTO DISCRIMINATIVO, QUOTA PROPIOCETTIVA NON COSCIENTE.  prolungamenti centripeto non decussato del I neurone della via sensitiva (dai livelli sacrali il primo e dai livelli toracici il secondo) che raggiunge il II neurone nei nuclei gracile e cuneato del bulbo.  Il II neurone dà origine al lemnisco mediale che si decussa e termina nel talamo. Un aliquota di fibre costituisce il fascicolo cuneato cerebellare. 2. TRATTO SPINOCEREBELLARE POSTERIORE: PROPIOCEZIONE, TATTO, PRESSIONE NON COSCENTE II neurone non decussato dal NUCLEO PROPRIO delle corna grigie posteriori all`emisfero omolaterale del CERVELLETTO attraverso i peduncoli inferiori. 3. TRATTO SPINOCEREBELLARE ANTERIORE: PROPIOCEZIONE, TATTO, PRESSIONE NON COSCIENTE II neurone DECUSSATO dal NUCLEO PROPRIO dai livelli lombari  Entra nel cervelletto mediante i PEDUNCOLI CEREBELLARI SUPERIORI e si decussa nuovemente nel nel CERVELLETTO (innervazione omolaterale) 4. TRATTO SPINO TALAMICO LATERALE: SENSIBILITA’ TERMICA E DOLORIFICA  II neurone alla base delle corna posteriori, decussato e diretto al talamo 5. TRATTO SPINO TALAMICO ANTERIORE: - TATTO E PRESSIONE NON DISCRIMINATIVI  II neurone alla base delle corna grigie posteriori che si decussa dopo essere asceso per alcuni neuromeri nella commessura bianca anteriore 6. TRATTO SPINO TETTALE: dai livelli cervicali – RIFLESSI COLLO-OCCHI II neurone dalla base delle corna grigie posteriori controlaterali ai tubercoli quadrigemelli superiori. 7. TRATTO SPINO OLIVARE: dai livelli lombari-SENSIBILITA’ CUTANEA E PROPIOCETTIVA- II neurone da corna grige posteriori omolaterali fino alle olive bulbari. Il III al cervelletto mediante i peduncoli inferiori. 8. TRATTO POSTEROLATERALE: E’ costituito da tratti ascendenti e discendenti intersegmentari di neuroni afferenti sensitivi. FASCI ASCENDENTI Fascicolo gracileFascicolo cuneato Tratto posterolaterale Tratto intersegmentale Tratto spinocerebellare anteriore Tratto olivospinale Tratto spinotalamico laterale Tratto spinoolivare Tratto spinocrebellare posteriore Tratto spinotettale Tratto spinotalamico anteriore Tratto corticospinale ant. Tratto tettospinale Tratto vestibolospinale Tratto rubrospinale Tratto corticospinale laterale

13 FASCI DISCENDENTI 1. TRATTO CORTICO SPINALE LATERALE: PIRAMIDALE  Dalla corteccia telencefalica; monosinaptico con motoneuroni α e γ, si decussa a livello delle PIRAMIDI BULBARI 3. TRATTO OLIVO-SPINALE: EXTRAPIRAMIDALE  Dalle OLIVE BULBARI; presente fino alla regione cervicale 2. TRATTO RUBRO SPINALE: EXTRAPIRAMIDALE Dal NUCLEO ROSSO mesencefalico; fascio multisinaptico,decussato a vari livelli 4. TRATTO VESTIBOLO-SPINALE: EXTRAPIRAMIDALE - TONO MUSCOLARE  Dai NUCLEI VESTIBOLARI pontini omolaterali 5. TRATTO TETTO-SPINALE: RIFLESSI OCCHIO-COLLO  Origina dai TUBERCOLI QUADRIGEMELLI SUPERIORI controlaterali;  Arriva fino alla regione cervicale 6. TRATTO CORTICO-SPINALE ANTERIORE: (PIRAMIDALE) Monosinaptico, non decussato; si decussa al neuromero di destinazione per stabilire sinapsi con motoneuroni α e β; presente fino a T6 7. RETICOLO-SPINALE: EXTRAPIRAMIDALE I neurone da livello pontino e bulbare (dirette e non); II neurone va al motoneurone e\o al sistema nervoso simpatico e parasimpatico a cui trasmette segnali inibitori o facilitatori. Fascicolo gracileFascicolo cuneato Tratto posterolaterale Tratto intersegmentale Tratto spinocerebellare anteriore Tratto olivospinale Tratto spinotalamico laterale Tratto spinoolivare Tratto spinocrebellare posteriore Tratto spinotettale Tratto spinotalamico anteriore Tratto corticospinale ant. Tratto tettospinale Tratto vestibolospinale Tratto rubrospinale Tratto corticospinale laterale

14 Sindrome da resezione completa del midollo spinale Sindrome midollare anteriore Sindrome midollare centraleSindrome di Brown-Sequard SiringomieliaPoliomielite Sclerosi laterale amiotrofica

15 Sindrome di Brown-Sequard, T10 Lesione da questo lato Perdita totale di tutta le sensibilità -paralisi ipotonica Sindrome di Brown-Sequard Perdita della sensibilità tattile discriminativa, vibratoria e propiocettiva. Paralisi spastica. Perdita della sensibilità dolorifica e termica; alterata sensibilità tattile.

16 Siringomielia Area in cui è perduta La sensibilità termica e dolorifica


Scaricare ppt "8C 1C 12T 5L 5S Solco mediano posteriore Rigonfiamento cervicale Rigonfiamento lombare filum terminale Midollo spinale rivestito di pia madre Ganglio spinale."

Presentazioni simili


Annunci Google