La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REGGIO APPROACH Antonio Claser (I.C. Castellarano – RE) « I fanciulli trovano il tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto» giacomo leopardi MACERATA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REGGIO APPROACH Antonio Claser (I.C. Castellarano – RE) « I fanciulli trovano il tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto» giacomo leopardi MACERATA."— Transcript della presentazione:

1 REGGIO APPROACH Antonio Claser (I.C. Castellarano – RE) « I fanciulli trovano il tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto» giacomo leopardi MACERATA 17 MARZO 2014

2 REGGIO APPOACH IDEA DI BAMBINO INSE- GNANTE PRO- GETTUA- LITA’ SPAZIO E CLIMA DOCU- MENTA- ZIONE COSTRU- ZIONE DEI SAPERI ATELIER FAMI- GLIA E CONTESTO

3 IDEA DI BAMBINO INSEGNANTE PROGETTUALITA’ SPAZIO E CLIMADOCUMENTAZIONE COSTRUZIONE DEI SAPERI ATELIER

4 IDEA DI BAMBINO Soggetti capaci di costruire saperi, oggetti, fantasie, immagini, pensieri, conoscenze, se solo si permette ai loro occhi, alle loro mani, ai loro linguaggi, alla loro mente di lavorare. No tabula rasa, non più scanditi da prescrizioni biologiche, no da sfavori o favori ambientali, né da rigidi assoggettamenti pulsionali

5 IDEA DI BAMBINO Il Bambino già dal nascere è avido di sentirsi cittadino del mondo, di instaurare relazioni, di elaborare idee, di inventare e creare Grande tributo all’intelligenza dei bambini, all’arte della curiosità e della scoperta. “I b sono straordinari”.

6 INSEGNANTE Indispensabile per le insegnanti : cultura generale – senso estetico – potenziamento dei talenti attraverso l’arte, la musica, forte attenzione verso i diritti e i doveri. Indispensabile una formazione in itinere. Come rendere appassionati gli insegnanti? Il problema è più semplice di quanto si creda Basta organizzare bene le cose, creare e sostenere un’atmosfera amicale e di ampia sincera collaborazione

7 INSEGNANTE Concedere loro tutto ciò che alza il livello della scuola e allontani la scuola tiritera e la scuola parcheggio. Ritrovare con loro nuovi contenuti culturali e soprattutto uno stile di lavoro e tematiche di impegno che trascendano i limiti dell’educazione del bambino dentro la scuola.

8 PROGETTUALITA’ Si procede dando spazio alle idee dei bambini Vengono elaborate tracce progettuali che partono dall’osservazione dell’agire bambino e portano a: riflessioni di ordine cognitivo, simbolico, affinamento delle capacità comunicative modificazione strategica atmosfera sollecitante – connotazione interattiva-costruttivistica – intensità relazionale degli attori – spirito di cooperare – sforzo della ricerca individuale e collettiva – attenzione per i contesti

9 SPAZIO E CLIMA L’ambiente che troviamo in molte scuole non è in sintonia con i cambiamenti della società che influenzano e interagiscono con i nostri bambini. sedie e banchi in fila…. Scuole e ambienti progettati da qualcuno non per qualcuno Lo spazio deve catturare l’interesse.. non spegnerlo Un ambiente ben organizzato, in continuo divenire, che sostenga gli interessi dei b. … è il volano dell’apprendimento e non deve essere la tomba dell’apprendimento

10 DOCUMENTAZIONE La pratica pedagogica richiede una costante analisi e riflessione e atteggiamento professionale Esposizione della pratica pedagogica Documentazione per i b. e genitori ( nodi delle tracce progettuali), finale (processo del percorso annuale), pubblicazioni …dvd-foto- video Diario o agenda di sezione

11 COSTRUZIONE DEI SAPERI B. affascinanti, divertenti, b che vale la pena di osservare e ascoltare non per dovere vocazionale e per buon cuore, ma per interesse, per curiosità, per passione, per divertimento, Perché e importante ed interessante scoprire che cosa fa un bambino davanti ad un buco nel muro o a uno specchio o a cento piccoli specchi, Perché è importante ascoltarli, fare delle spiate nel loro modo di ragionare e nei loro pensieri, registrandone le conversazioni, creando occasioni geniali o paradossali di gioco, cercando ci capire le reazioni, i pensieri, i percorsi

12 ATELIER ATELIER – in ogni scuola c’è il lab di attività espressive, la sede del bello, del fantastico, del creativo.. dove dipingere, modellare, costruire, progettare, esprimersi, inventare, fantasticare, sognare,creare.. No! Non sono scuole dell’arte, ma scuole che utilizzano i linguaggi propri dei bambini, disegnare, rappresentare, costruire, pensare, elaborare, pasticciare con le mani e con le menti…

13 FAMIGLIA E CONTESTO Partecipazione e coinvolgimento fin dall’accoglienza del mattino ! Forte relazione - si veda l’agenda di sezione - entusiasmo dei bambini, interesse dei genitori che vengono costantemente informati e che condividono i vari percorsi. Ricca base di discussione. I B si rendono conto che non solo i genitori familiarizzano con la scuola ma sono anche informati di quanto vi succede e di quanto vi accadrà

14 IDEA DI BAMBINO INSEGNANTE PROGETTUALITA’ SPAZIO E CLIMADOCUMENTAZIONE COSTRUZIONE DEI SAPERI ATELIER


Scaricare ppt "REGGIO APPROACH Antonio Claser (I.C. Castellarano – RE) « I fanciulli trovano il tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto» giacomo leopardi MACERATA."

Presentazioni simili


Annunci Google