La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Jump to first page Giacomo Pirelli La mia esperienza di studente audioleso presso il MultiDams dell'Università di Torino Presentazione alla Conferenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Jump to first page Giacomo Pirelli La mia esperienza di studente audioleso presso il MultiDams dell'Università di Torino Presentazione alla Conferenza."— Transcript della presentazione:

1 Jump to first page Giacomo Pirelli La mia esperienza di studente audioleso presso il MultiDams dell'Università di Torino Presentazione alla Conferenza Sottotitolaggio per Audiolesi all’Università Forlì, 25 febbraio 2005

2 Jump to first page I miei studi n Ho frequentato il Liceo Artistico di Varese e poi un corso annuale di Grafica Web. n Attualmente frequento il terzo anno del corso di Multimedialità e Cinema (MULTIDAMS) all'Università di Torino. n Ho scelto questo corso perchè vorrei studiare il cinema d'animazione e le nuove tecnologie, gli effetti speciali e la grafica a 3D.

3 Jump to first page Una scelta oralista n La mia educazione oralista, basata sul linguaggio parlato, mi consente di vivere integrato nella società e di comunicare con tutti. n Ho avuto un'insegnante di sostegno fin dalla scuola elementare: mi ha aiutato a studiare e ha favorito l’integrazione scolastica e i rapporti con gli altri.

4 Jump to first page Seguire le lezioni n Faccio fatica a seguire le lezioni perchè devo fissare lo sguardo sulle labbra dei docenti e non riesco a prendere gli appunti contemporaneamente. n E’ quasi impossibile seguire le spiegazioni dei professori e i consigli pratici degli assistenti mentre svolgo un esercizio o guardo un foglio o il pc.

5 Jump to first page Il supporto degli studenti “150 ore” n Gli studenti "150 ore” dell'ufficio Disabili mi hanno aiutato e sono stati disponibili a fare un'esperienza utile con me, anche se non conoscevano bene i miei problemi di sordità. n Mi è di grande aiuto sedermi in prima fila a fianco dello studente che prende gli appunti, così da poterli leggere quando perdo il filo del discorso.

6 Jump to first page I supporti tecnici n Ho potuto seguire meglio le lezioni con supporti multimediali (per es. Power Point). n Quando guardo i filmati proiettati in aula, cerco di capire anche la musica e i dialoghi: in ciò incontro molte difficoltà, anche se capisco qualcosa grazie all'impianto cocleare ed agli appunti degli studenti "150 ore”.

7 Jump to first page Il lavoro in gruppo n Avrei desiderato avere rapporti migliori e più frequenti con i compagni. n Discutere con gli altri è molto importante per approfondire lo studio ed essere informato di tante cose che altrimenti non riesco a sapere.

8 Jump to first page Un handicap invisibile n La sordità è un handicap invisibile: le sue difficoltà sfuggono a molti docenti e compagni. n La sordità non significa solo non sentire, ma comporta importanti difficoltà nello sviluppo del linguaggio e nelle relazioni con il prossimo.

9 Jump to first page Un handicap invisibile n E’ più facile intuire gli ostacoli incontrati da un non vedente o da un disabile motore, mentre le difficoltà di comunicazione degli studenti audiolesi sono spesso ignorate. n Per esempio quando sostengo un esame orale ho bisogno che uno studente 150 ore mi aiuti a capire le domande del professore e che mi aiuti a far capire al professore le mie risposte.

10 Jump to first page n In Italia alcune Università (come “la Sapienza” di Roma o quella di Padova) hanno introdotto il Servizio di stenotipia per permettere agli studenti audiolesi di seguire le lezioni sottotitolate da una stenotipista. n Altre Università hanno istituito all’interno del servizio disabili un tutor specializzato per offrire un supporto adeguato agli studenti diversamente abili. Bisogno di ausili specifici n L’utilizzo dei sottotitoli prodotti dalla stenotipia o dal riconoscimento vocale potrebbe essere molto utile per aiutarmi a seguire meglio le lezioni.

11 Jump to first page n L’utilizzo dei sottotitoli è fondamentale per la comprensione di: La sottotitolazione n lezioni universitarie, rappresentazioni teatrali, trasmissioni televisive, film, n per una migliore partecipazione alla vita sociale; n è utile anche per gli studenti stranieri che frequentano l’università in Italia.

12 Jump to first page n In Italia ci sono pochi cinema che proiettano film sottotitolati. La sottotitolazione cinematografica n Il Future Film Festival di Bologna nel gennaio 2005 ha proiettato una decina di film più interessanti in versione originale coi sottotitoli in italiano. n Un cinema di Torino nel giugno 2004 ha presentato il sistema DTS-CCS di sottotitolazione. n Sul sito voice.jrc.it c’è il Decalogo delle esigenze dei non udenti per la sottotitolazione dei film nei cinemaDecalogo

13 Jump to first page n In Italia ci sono pochi teatri che sottotitolano gli spettacoli, difficili da capire anche per udenti e stranieri. La sottotitolazione teatrale n Il Teatro alla Scala di Milano fa i sottotitoli in 4 lingue tramite il libretto elettronico. n In un teatro di Lecce ho assistito ad un’opera in versione francese coi sottotitoli in italiano e mi è stato molto utile per capirla. n Il mio collegio universitario di Torino e l’Afa di Cantù (CO) faranno due spettacoli sottotitolati a giugno.

14 Jump to first page Giacomo Pirelli grazie per l’attenzione arrivederci!


Scaricare ppt "Jump to first page Giacomo Pirelli La mia esperienza di studente audioleso presso il MultiDams dell'Università di Torino Presentazione alla Conferenza."

Presentazioni simili


Annunci Google